I progetti per il gas di Gazprom falliscono


A quanto pare, l'epidemia di coronavirus potrebbe essere l'ultima goccia che fa traboccare il vaso a un cammello cinese che ara per usura. "World Workshop", la locomotiva dei globalizzati economia, principale esportatore e principale consumatore di risorse, il Celeste Impero ha annunciato cause di forza maggiore e ha sospeso le importazioni di gas naturale.


L'evento è senza dubbio significativo e, forse, è da esso che si conterà in futuro l'inizio della fine del "miracolo economico cinese". Come influirà questo sul nostro Paese, che va sempre peggio sul mercato europeo del gas?

Bloomberg ha riferito ieri che la compagnia nazionale cinese CNPC ha annunciato la sospensione delle importazioni di gas per cause di forza maggiore causate dall'epidemia di coronavirus:

Il suddetto operatore nazionale e la sua controllata, PetroChina Co., stanno adottando misure urgenti per risolvere la situazione, tuttavia, per la durata della moratoria, è previsto un rifiuto totale di acquistare sia GNL estero che carburante attraverso gasdotti verso la Cina.


Come sapete, a causa della quarantena imposta nella RPC, intere città e persino regioni del Paese sono state bloccate, infatti si è fermata l'attività di molte imprese industriali tradizionalmente orientate all'export. La conseguenza è stata una diminuzione del consumo di gas, più la fine del calendario invernale e della stagione di riscaldamento. Le restrizioni ai viaggi hanno colpito il traffico interno e il turismo: trasporti, hotel, ristoranti e negozi lavorano meno.

Di conseguenza, l'economia cinese, che pochi mesi fa era un vero e proprio "drago asiatico", si è trasformata in un malato grave, di cui è in discussione la piena guarigione. Vale la pena ricordare che il debito della RPC rispetto al PIL ha superato il 300%. Non era fondamentale finché tutto andava bene e l'economia cresceva a un ritmo frenetico. E ora il coronavirus ha inaspettatamente fatto scattare Pechino.

Le autorità cinesi hanno annunciato un rifiuto temporaneo all'acquisto di gasdotti e GNL. Per il gas naturale liquefatto ne soffriranno gli esportatori di Stati Uniti, Australia e Qatar. Ad esempio, è in discussione un contratto con Washington per l'acquisto di GNL per 2 anni del valore di 54 miliardi di dollari. Per quanto riguarda i gasdotti, il Turkmenistan e la Russia avranno problemi.

L'anno scorso è stato aperto in pompa magna il gasdotto Power of Siberia, che dovrebbe fornire alla Cina 38 miliardi di metri cubi di carburante all'anno. Il progetto è costato al bilancio federale 1,1 trilioni di rubli, essendo aumentato di prezzo dagli 800 miliardi originali. Entro la fine del 2020, Gazprom fornirà i primi 5 miliardi di metri cubi, raggiungendo la sua capacità di progetto solo entro il 2025.

Diverse opinioni sono state espresse su questo gasdotto, anche molto critiche: il suo recupero commerciale era discutibile. Ora questi dubbi iniziano a crescere in modo esponenziale. Pechino mette già in guardia sulla sospensione delle forniture. Ma cosa succederebbe se il "miracolo economico cinese" ordinasse davvero di vivere a lungo? Sorge naturalmente la domanda sull'opportunità di costruire il gasdotto Power of Siberia-2.

Avanti veloce alla nostra attività di gas a ovest. Nella battaglia per il mercato europeo del gas, Gazprom sta cercando di completare i gasdotti Nord Stream 2 e Turkish Stream. Ora la nostra unica nave posatubi, Akademik Chersky, sta navigando verso il Baltico, manovrando in modo stravagante, che è in grado di completare l'ultimo 6% del Nord Stream 2. Le ragioni di questo strano percorso sono state spiegate dall'esperto energetico russo Igor Yushkov, spiegandolo con un tentativo di aggirare le sanzioni americane:

Il problema principale che possono fare è vietare la fornitura di servizi assicurativi a questa nave. Senza assicurazione la nave non potrà entrare in nessun porto e potrebbero esserci problemi con il passaggio dello stretto.


In questo momento, l'Akademik si sta dirigendo verso il Canale di Suez, dove può incontrare i primi ostacoli. In tal caso, è possibile che debba tornare indietro e recarsi nel Baltico attraverso la rotta del Mare del Nord, facendo una deviazione gigante, che richiederà molto tempo. La domanda è cosa succederà dopo quando la nave raggiungerà la sua destinazione. Copenaghen consentirà a un posatubi non assicurato da una società internazionale di operare nelle sue acque? E se, tuttavia, sì, quanto tempo impiegherà questo accordo, vista la lentezza danese in materia?

E infine, il Turkish Stream. Sembra che il giorno prima che Mosca raggiungesse una sorta di accordo temporaneo per risolvere la situazione a Idlib con Ankara. Il funzionamento del gasdotto avrebbe potuto essere vittima del conflitto con la Turchia, ma finora non è successo nulla. La domanda è: quanto dura questa tregua? E non solo i turchi sono il problema del progetto.

Il primo ministro serbo ha recentemente lamentato che la costruzione di un gasdotto più lontano in Europa sta subendo una seria opposizione. La Bulgaria, dai cui servizi di transito dipende direttamente il funzionamento del Turkish Stream, ha dimezzato in modo dimostrativo il consumo di gas russo e ha eliminato uno sconto del 40%, che può anche essere considerato un segnale poco positivo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 7 March 2020 14: 35
    -3
    Vedo che tutto è stabile, nessun cambiamento sui fronti? Europei ingrati con l'ultima bombola in mano cercano di spingere Miller nelle acque baltiche, il gasdotto cinese è ricoperto di erbacce, perché il "motore dell'economia mondiale" è stanco, il sultano ha capito che il "Turkish Stream" deve diventare veramente turco, visto che si chiama così. sì In generale, tutto è come al solito, cosa posso dire? È così - la bara è il miglior rimedio per la scoliosi sorriso
    Sì, è ancora troppo presto per cancellare la Cina, non stava attraversando tempi simili. Anche 100 anni fa non era noioso vivere lì. Consiglio la visualizzazione. buono

    1. pischak Офлайн pischak
      pischak 7 March 2020 15: 12
      -1
      hi Ben fatto, alias "123"! buono Sergey Shumakov su YouTube racconta e mostra in modo molto interessante la storia (comprese le attrezzature militari) e la linguistica. Anche iscritto ad esso! sì
  2. Vkd dvk Офлайн Vkd dvk
    Vkd dvk (Victor) 8 March 2020 00: 35
    0
    Dopo una crisi di malattia, c'è sempre un appetito brutale.
    1. pischak Офлайн pischak
      pischak 8 March 2020 01: 07
      +3
      Citazione: wkd dvk
      Dopo una crisi di malattia, c'è sempre un appetito brutale.

      hi Questo, caro Vkd Dvk, se una malattia umana non è troppo grave - curabile, e se dopo una crisi della malattia il corpo si è ripreso, allora sì! Ma non sempre, ahimè!
      Bene, se non su una clinica medica, ma sulla demenza organizzativa di "manager efficaci", allora con super profitti come quello di Gazprom e concorrenti così potenti (solo che oggi non ha schierato un'opposizione prolungata a livello interstatale, globale!), Sì non spendere soldi per acquistare le proprie navi posatubi - questo è troppo miope, in un redneck e molto spericolato, non importa quanto "la semplicità sia peggio del furto" ??! strizzò l'occhio
  3. Il commento è stato cancellato
  4. Il commento è stato cancellato
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 8 March 2020 08: 52
    +2
    L'impressione è che Gazprom non si sia occupata di accordi anticipati sulla costruzione da nessuna parte.
    Nord, sud, est: ovunque è un casino. L'Ucraina sta perdendo la maggior parte dei tribunali.

    L'ex patrimonio di Medvedev, Usmanov e altri attuali "effettivi".
  6. astronauta Офлайн astronauta
    astronauta (San Sanych) 8 March 2020 18: 42
    -1
    L'autore non capisce una virgola né nelle forniture di gas né nell'economia della costruzione; inoltre non conosce le condizioni per costruire il Potere della Siberia. L'articolo ricorda un ripieno di panico sul tema dei 20 casi di coronavirus nella Federazione Russa. Non voglio commentare ulteriormente questa assurdità ...
  7. Regis Офлайн Regis
    Regis (Sergey Kopan) 13 March 2020 08: 50
    +2
    Dirò subito che non sono un esperto nel campo del gas e neppure in economia. Ma l'intera politica di Gazprom, agli occhi del profano, sembra in qualche modo strana. Il denaro viene speso "a destra ea manca", e senza chiare prospettive di recupero. I progetti iniziano, non finiscono, si bloccano, si fermano. Sembra che il cittadino medio vinca un milione alla lotteria e spenda, pensando che "questo importo" non finirà mai. Prendiamo la stessa Bulgaria, in realtà il nemico, hanno già scelto una parte nella terza guerra mondiale, preparando psicologicamente la popolazione alla guerra con noi (leggi i forum bulgari). La Bulgaria ha causato danni a Gazprom nella storia di South Stream, non ha fretta con Turkish Stream, e ha uno sconto per "begli occhi" e tutto nello stesso spirito e direzione. O analisti e strateghi di Gazprom sono stati reclutati non per intelligence e qualifiche, ma per legami familiari e diplomi occidentali, oppure la leadership è chiaramente fuori luogo.