Diga della discordia: la "guerra in due continenti" minaccia il Canale di Suez


Di fronte a un nuovo ciclo di una feroce crisi intorno alla Grande Diga del Rinascimento etiope (Hydase Dam), l'Egitto ha intensificato la sua retorica contro Addis Abeba (la capitale dell'Etiopia), accusandola di minare la stabilità regionale. Le tensioni tra i due Paesi stanno guadagnando slancio, e la stampa degli stati arabi menziona sempre più la parola "guerra" nel suo significato diretto.


Un conflitto aperto è pericoloso non solo perché vi entrano due paesi con quasi cento milioni di abitanti ciascuno, uno dei quali - l'Egitto - si trova in due continenti contemporaneamente, africano ed eurasiatico.

La più importante rotta marittima, il Canale di Suez, che collega l'Europa e l'Asia da più di cento anni, è in pericolo. È così che una parte significativa delle merci provenienti da Busan, Yokohama e Shanghai finisce a Rotterdam o Londra.

La costruzione della centrale idroelettrica Hydase è iniziata nell'aprile 2011 ed è ora in fase di completamento. L'Egitto è preoccupato che nel processo di riempimento del serbatoio, l'acqua dolce potrebbe non essere sufficiente per la sua popolazione e l'agricoltura. Tuttavia, in Etiopia, la crisi idrica è ancora più acuta.


Politica L'Etiopia riguardo alla diga è un'ulteriore prova della natura unilaterale del suo comportamento nella regione

- i media hanno citato la dichiarazione del ministero degli Esteri egiziano.

L'Etiopia sta infatti dichiarando guerra al Cairo per la sua assenza dai negoziati sul futuro della diga, osserva il professore di scienze politiche Moataz Abdel Fattah, aggiungendo che il governo egiziano garantirà con ogni mezzo gli interessi del Paese nell'approvvigionamento idrico. Le sue parole sono citate dal portale Misralaan.

Le forze armate egiziane sono molto più forti di quelle etiopi e sono considerate le più potenti in Africa. Tuttavia, alcuni media notano che Addis Abeba è in grado di sferrare un attacco militare o di sabotaggio contro la centrale idroelettrica di Assuan o le strutture del Canale di Suez se gli egiziani attaccano improvvisamente la diga rinascimentale.

I colloqui sono ora in una situazione di stallo e il governo etiope prevede di iniziare a riempire il serbatoio in pochi mesi. Secondo i suoi calcoli, la struttura dovrebbe raggiungere i parametri richiesti in quattro anni, mentre l'Egitto insiste su sette.

Il Cairo ha ormai ricevuto l'appoggio di una parte significativa dei Paesi arabi, mentre i suoi oppositori contano sull'aiuto dell'Africa nera. La situazione è aggravata dal profondo antagonismo storico tra le due parti dello stesso continente, nonché dal fatto che il conflitto, almeno, interesserà anche la regione chiave dell'Eurasia: il Medio Oriente.
  • Foto utilizzate: Facebook / Grand-Ethiopian-Renaissance-Dam
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 10 March 2020 10: 49
    +2
    Gheddafi avrebbe riconciliato i contendenti, ma la Nato lo ha ucciso.
  2. Don36 Офлайн Don36
    Don36 (Don36) 10 March 2020 20: 48
    +2
    L'esercito etiope ha alle spalle vittorie, mentre l'Egitto ha solo sconfitte alle spalle. I paesi arabi hanno eserciti grandi, spesso riccamente equipaggiati, ma non c'è spirito combattivo, ad alto livello, in essi.