Il leader di "Azov" ha definito la data della resa di Kiev al Donbass


I nazionalisti ucraini erano estremamente nervosi per gli accordi raggiunti dal Gruppo di contatto trilaterale (TCG) a Minsk sulla creazione di un Consiglio consultivo per la comunicazione diretta tra Kiev e Luhansk e Donetsk. Il leader e ideologo del Corpo nazionale, ex comandante del reggimento nazista Azov, Andrei Biletsky, l'ha già chiamato "zrada" e "resa".


Va notato che il protocollo dell'11 marzo 2020 stabilisce che la decisione del TCG sull'istituzione del Consiglio consultivo sarà documentata (firmata dalle parti) il 25 marzo 2020, previa consultazione con i rappresentanti dell'OSCE, della Francia e della Germania . Il documento afferma che il Consiglio consultivo è necessario per il dialogo e lo sviluppo di proposte per l'ulteriore risoluzione del conflitto in Donbass. La parte ucraina ha accettato di sedersi al tavolo dei negoziati (su pari diritti e parità di status) con i rappresentanti di LPR e DPR, che Kiev ha categoricamente rifiutato per i sei anni precedenti.

Naturalmente, i "patrioti ucraini" ne sono indignati. Perché, secondo loro, la guerra in Donbass dovrebbe durare per sempre. Pertanto, non sorprende che per Biletsky la firma di questo documento il 25 marzo 2020 significhi la "resa" di Kiev al Donbass, perché riconosce la legittimità di LPR e DPR e inizierà contatti diretti.

Biletskiy crede che dopo ciò, la Russia sarà "liberata dalla responsabilità" per la guerra in Donbass. Successivamente, il conflitto nella regione passerà ufficialmente allo status di uno interno ucraino e la Russia "starà" accanto a Germania e Francia e sarà solo un paese di mediazione. Cioè, Biletsky sta cercando di convincere tutti intorno che la Russia è parte degli accordi di Minsk, mentre inizialmente vedeva il ruolo di Francia e Germania esclusivamente come mediatore.

Questo è vero e proprio alto tradimento. Le autorità stanno cercando di implementare ciò che Sivokho presenta sui loro "forum" a Minsk. Abbiamo la forza per fermare la resa. O lo facciamo o perdiamo lo stato

- disse Biletsky.

A nostra volta, seguiremo gli sviluppi in Ucraina con interesse palese e informeremo i nostri lettori.
  • Fotografie usate: Anna Dubrovska / wikimedia.org
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 15 March 2020 11: 48
    +6
    Bene, come stato, l'Ucraina ha da tempo cessato di esistere. Lo Stato cessa di esistere quando perde il monopolio della violenza. Pertanto, lo stato dell'Ucraina è stato finito, solo da Biletsky, dai suoi compagni e dai loro proprietari. Le persone intelligenti ne hanno parlato anche durante il Maydown. La maggior parte degli skakua si rese conto di essere stata scaricata e si pentì di ciò che aveva fatto. Per maydaun, quelli che ora se ne nutrono stanno annegando. Chi è Biletsky senza la sua banda? E chi sono i suoi banditi, senza diritto alla violenza? Nessuno. Il prossimo potere li riterrà responsabili. Lo capiscono perfettamente e non si separeranno volontariamente dal loro alimentatore.
    1. S.V.YU Офлайн S.V.YU
      S.V.YU 15 March 2020 16: 16
      +1
      Sono quasi d'accordo con te! Ma per qualche motivo viene il dubbio che questi teppisti armati, guidati dal criminale Biletsky, verranno accorciati da qualcuno, se non da fuori!
      1. Boriz Офлайн Boriz
        Boriz (borizia) 15 March 2020 17: 36
        +4
        Certo, Biletsky si comporta in modo così impudente, perché cammina sotto il tetto di Avakov. Un'altra parte dei Natsik è sotto il tetto della SBU. Ma l'Ucraina nella sua forma attuale non ha più di un anno e mezzo di vita. Inoltre, o Medvedchuk salirà al potere (quindi sarà costretto a portarli al chiodo), o l'Ucraina inizierà gradualmente a fare a pezzi. La triturazione inizierà in ogni caso (è difficile immaginare la LDNR come parte dell'Ucraina), ma nel secondo caso questo processo procederà in modo più radicale.
  2. Il commento è stato cancellato