Russia e petrolio: perché l'attuale crisi è l'opzione migliore


Coloro che oggi, a causa del rapido crollo dei prezzi mondiali dell '"oro nero", esortano i russi a cadere nel lutto universale e, spargendosi cenere sulla testa e picchiandosi al petto, versano lacrime ardenti e gridano forte: "Tutto è perduto!" se stessi come provocatori e bugiardi.


Ciò viene fatto a causa della naturale isteria del carattere, o per intento dannoso, o, almeno, a causa di informazioni insufficienti e incapacità di guardare le cose anche un po 'più in generale. Infatti, a ragione, possiamo presumere che l'attuale crisi del mercato globale dell'energia stia procedendo esattamente secondo l'opzione ottimale per il nostro Paese.

I problemi erano inevitabili


Quelli che sostengono che la decisione di abbandonare l'accordo proposto dall'OPEC, Mosca "si è sparata ai piedi", "ha fatto cadere il l'economiaE in generale, quasi suicidatisi, tacciono sul fatto che i nostri esportatori di risorse energetiche hanno dovuto inevitabilmente affrontare problemi molto più grandi di adesso in un futuro molto prossimo. Si tratta della tesa dell'Europa alla "neutralità climatica", all'inizio dell'epidemia di coronavirus, che ha già acquisito contorni abbastanza precisi a livello legislativo. I burocrati europei non scherzano sull'imminente “rifiuto dei combustibili fossili”! Hanno in mente queste sciocchezze abbastanza seriamente ... Il 4 marzo a Bruxelles, la Commissione europea ha presentato un progetto di legge che serve l'obiettivo di raggiungere la "neutralità climatica" del Vecchio Mondo entro il 2050. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha anche rilasciato una dichiarazione speciale ai giornalisti in questa occasione cruciale, ai quali ha spiegato che la legge sul clima “è un'espressione giuridica politico la volontà dei paesi dell'UE "e" la mette finalmente sulla strada per un futuro più sostenibile ". Dopo essersi collegati alla comunicazione con i rappresentanti dei media, il suo vice Frans Timmermans ha aggiunto che l'innovazione legislativa consentirà "di lavorare per raggiungere l'obiettivo prefissato in modo metodico e concentrato, per mantenere la rotta e monitorare l'efficacia". Tutte queste, ovviamente, sono parole generali, ma le intenzioni dei sostenitori delle idee di Greta Thunberg radicate nelle strutture più influenti dell'Unione europea sono piuttosto specifiche. Ne parleremo adesso.

Il "Green Pact for Europe" (Green Deal europeo), da cui "crescono" le gambe di tutte queste idee, infatti, è un cappio per l'economia del Vecchio Mondo. O con un randello, che lo schiaccerà quasi a terra - allora a chi piace di più un'analogia. Il programma per la sua attuazione, in particolare, prevede voci "incentivanti" quali: "standard di emissione più severi per i veicoli e l'industria", "nuove regole per sovvenzionare le aziende europee" (con loro, qualsiasi attività che a Bruxelles sarà considerata " non abbastanza rispettoso dell'ambiente ”, sarà quasi impossibile ottenere sussidi e altra assistenza),“ nuove tasse più alte su carburante ed energia ”(non nascondete i giubbotti gialli nell'armadio, signora e signore!), e tante cose come sopra. In effetti, questo significherà un aumento netto e significativo del prezzo di tutto nei paesi dell'UE - non solo ogni litro di carburante o chilowatt di elettricità, ma anche ogni bicchiere di birra, bistecca, ogni viaggio in trasporto o andare al cinema. Tutto è pensato signori, tutto è ponderato e preso in considerazione! Reti da trappola, trappole e fosse per lupi sono già state predisposte per coloro che tenteranno di sgattaiolare con le loro fabbriche nelle regioni meno colpite dalla "follia ecologica". Sembreranno una "tassa ambientale sulle importazioni" o altre misure per impedire la fuga di società verso regioni con una regolamentazione ambientale più clemente. I "disertori" verranno catturati e "fucilati": con dazi all'importazione selvaggi, "fionde" doganali e altri strumenti fiscali. E qui, infatti, veniamo direttamente ai punti che in questo caso riguardano proprio il nostro Paese.

Il coronavirus salverà dalla "follia verde"?


Prima di tutto, è perfettamente comprensibile che nel tentativo di "zero emissioni di carbonio", l'Europa acquisterà sempre meno energia. Prima sbarazzati del carbone. Ma poi verrà il turno del petrolio: i motori a combustione interna avvelenano l'atmosfera, danno "trazione" elettrica a tutti i trasporti! E anche le centrali elettriche alimentate a olio combustibile - basta! In una certa misura, questo per un certo periodo aumenterà, e in modo abbastanza significativo, i volumi di gas acquistati dall'Europa, ma anche questo ha i suoi "bug". In primo luogo, non dimenticare che non siamo gli unici al mondo a venderlo. Alle “porte” europee, sia gli americani con il loro GNL che, ad esempio, il Qatar, che intendono investire almeno 50 miliardi di dollari in capacità e infrastrutture per l'esportazione di “carburante blu” liquefatto, sono già in pieno svolgimento. Il mercato del gas nel Vecchio Mondo diventerà molto angusto e completamente scomodo, soprattutto considerando lo zelo con cui gli Stati Uniti “tagliano” tutti i gasdotti provenienti dalla Russia. Inoltre, Bruxelles prevede di introdurre le suddette "tasse ambientali" (e, di fatto, dazi draconiani) sulle merci e, soprattutto, materie prime "dannose per l'ambiente" provenienti da paesi con politiche "sbagliate" nel campo. ecologia, nonché sanzioni dirette contro di loro. Cosa ne pensate, vista la situazione attuale, il cui petrolio e gas hanno maggiori probabilità di essere soggetti a restrizioni - nostre o americane ?! L'era dei super profitti per Gazprom e Rosneft dalle forniture energetiche all'Europa sarebbe comunque finita - non ora, ma tra pochi anni! Se solo fosse successo in uno "scenario" leggermente diverso - ora il mondo intero è sotto il colpo della crisi imminente, e in altre circostanze tutti i "pezzi grossi" economici cadrebbero sul nostro paese!

Ci sono tutte le ragioni per credere che l'epidemia di COVID-19, l'epicentro di cui oggi l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato non Cina, ma solo Europa, costringerà le "persone intelligenti" a spingere all'inferno i loro progetti "verdi". O anche appendere a un garofano per un uso più che prosaico. Ciò è particolarmente vero per quegli aspetti che sono categoricamente svantaggiosi per la Russia. Ad esempio, il progetto Ue, nell'ambito del quale il 50% del finanziamento è stato offerto ai sei stati del Partenariato Orientale - Ucraina, Georgia, Moldova, Bielorussia, Armenia e Azerbaigian, per stanziare progetti sullo sviluppo dell'energia "verde", prevedendo il rifiuto totale di petrolio e gas. Il nostro, ovviamente ... Tuttavia, è improbabile che anche l'Europa occidentale sia ora in grado di seguire i propri piani "napoleonici" nel campo dell'ecologia. Anche prima dell'inizio dell'epidemia, si diceva che Bruxelles avrebbe dovuto sborsare almeno 100 miliardi di euro per aiutare quelle regioni del Vecchio Mondo che "soffriranno di più a causa delle riforme ambientali". Tuttavia, altre fonti hanno citato una cifra di quasi 600 miliardi di euro che dovrebbero essere investiti nell'economia europea per un vero "carbonio zero" entro il 2050. Tali soldi nell'Unione europea, la cui economia sta ora esplodendo sotto i colpi della pandemia, quando finirà, semplicemente non ci sarà nessun posto dove andare. Soprattutto se si considera che molto probabilmente finirà in una recessione globale, durante la quale i governi europei avranno problemi molto più urgenti della lotta contro le auto "cattive" con motori a combustione interna o della misurazione delle emissioni delle centrali elettriche. È del tutto possibile che interi paesi debbano essere salvati da un crollo completo dell'economia, caos e anarchia: il primo candidato nella persona dell'Italia esiste già. Green Madness dovrà ritirarsi.

Meglio prima che da nessuna parte


Questo, ovviamente, non significa che non tornerà nel tempo. Non domani, ma ancora ... E questa volta, oltre ai fondi che verranno raccolti dalle esportazioni "energetiche", il nostro paese dovrebbe essere finalmente utilizzato per prepararsi effettivamente ai tempi in cui petrolio e il gas cesserà di essere la merce n. 1 al mondo. Ora, ammettiamolo, è stato fatto molto poco per questo. Non è stato fatto praticamente nulla. E il tempo passa ... E se non ammetti che è sempre meno ogni anno, allora alla fine tutti noi, i nostri figli, nipoti affronteremo problemi davvero seri. La via dello "sviluppo", in cui il benessere del Paese è strettamente legato all'esportazione di materie prime, non importa quale - è una strada che non porta da nessuna parte, non importa come qualcuno voglia il contrario. E il fatto che la prossima crisi "petrolifera", che ha scosso fortemente la moneta nazionale, dalle quotazioni dell '"oro nero" secondo le dichiarazioni delle potenze in essere, apparentemente "slegate" da molto tempo e per sempre, sia avvenuta proprio adesso, forse, è la nostra grande fortuna. Molto probabilmente sopravviveremo all'attuale caos - le false idee che il crollo delle quotazioni petrolifere di oggi "ripeta uno a uno gli eventi degli anni '80 del secolo scorso che hanno rovinato l'URSS" stanno circolando principalmente in mezzi "patriottici" poco adeguati ". nezalezhnoy ", pronto a vedere in ogni caso" un segno sicuro dell'imminente crollo di Mosca ". A parte il fatto che la tesi che il crollo dell'Unione Sovietica sia stato causato dal calo del prezzo del petrolio è più che dubbia, anche il punto è diverso. La situazione moderna differisce da quegli eventi, come il giorno dalla notte. Allora, gli Stati Uniti erano dietro l'Arabia Saudita, inondando il mondo di petrolio super economico e aprendole il proprio mercato energetico quasi sconfinato. Oggi Washington si preoccupa di salvare la propria economia e agisce esclusivamente sulla base di questo obiettivo.

Lo stesso Washington Post scrive in modo abbastanza specifico che nello scontro petrolifero tra Mosca e Riyadh, Washington è la vittima principale. Allo stesso tempo, ai sauditi vengono mossi rimproveri estremamente duri per la "perfidia" mostrata "nonostante tutta l'assistenza militare e il sostegno pubblico" che la Casa Bianca fornisce loro. La pubblicazione suggerisce ragionevolmente che "i cambiamenti che aumenteranno il potere d'acquisto negli Stati Uniti possono anche portare instabilità al loro sistema finanziario". Ma c'è un altro aspetto! Secondo il capo dell'Agenzia Internazionale dell'Energia (IEA) Fatih Birola, un calo del prezzo del petrolio a 25 dollari al barile distruggerà semplicemente l'industria americana dello "scisto", non lasciandola bagnata. Secondo l'americano, sempre Financial Times, l'industria è già "in uno stato pre-default". Forse, tenendo conto del colossale danno che l'economia statunitense subirà inevitabilmente a causa della diffusione del coronavirus lì, questo concorrente più pericoloso per la nostra (e non solo) industria petrolifera, sarà ancora possibile, se non finire completamente, almeno frenare. non sei salito dove non chiedevano ?! Solo per il gusto di questo, vale la pena un po 'di pazienza e un po' di scuotere i soldi sotto forma di NWF - quindi tutto pagherà con gli interessi. Ciò avverrà, tuttavia, con l'indispensabile osservanza di due condizioni principali. In primo luogo, la Russia deve affrontare la pandemia con il minor numero di perdite possibile, sia umane che economiche. Ebbene, qui abbiamo qualcuno da cui imparare: cosa bisogna fare per questo, la Cina lo ha dimostrato a tutto il mondo. In secondo luogo, è necessario trarre le conclusioni corrette dall'attuale situazione di crisi. Non sotto forma di sospiro di sollievo: "Uf-f-f ... Portato via!", Ma a livello macroeconomico. Conclusioni che porteranno a una correzione veramente globale del vettore di sviluppo del Paese, necessaria per liberarsi della dipendenza dall'export e dalle materie prime. Allora sarà solo necessario ringraziare le potenze superiori per quello che sta accadendo ora è diventato per noi “l'ultima chiamata”, e non l'anello funebre. Altrimenti, l'economia del paese sarà ancora rovinata, non da questo "collasso", ma da quello successivo.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 16 March 2020 09: 16
    +2
    Finalmente trovato un articolo competente !!! Quanto puoi scrivere di petrolio e gas ??? Già IERI bisognava far rinascere dalle ceneri l'industria, in rovina da 30 anni. Ci sono ancora forze e menti che possono lavorare per il bene della Russia. Piangere per gli investimenti ... si tratta solo di loro ??? Lancia un grido e i penny vanno a lavorare per soldi ridicoli. sentire Ma per questo è necessario non creare infinite commissioni per la cattura di ladri ... ma solo lo stato FUNZIONA semplicemente !!!
  2. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 16 March 2020 09: 29
    -3
    Naturalmente, sembra che tutte le crisi siano "le migliori, le più tempestive e le più utili".
  3. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 16 March 2020 09: 39
    0
    Buongiorno, Gregory. Ma come arrivare ai governanti ??? Ci sentiamo male, ma non loro !!! Forse almeno così si sveglierà la loro coscienza ...
    1. master3 Офлайн master3
      master3 (Vitali) 17 March 2020 17: 31
      -1
      ... anche se le loro coscienze si sveglieranno

      - non si sveglierà, semplicemente non è lì!
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 March 2020 10: 38
    +4
    Il rilancio della Commissione statale per la pianificazione è necessario per rilanciare l'economia russa. Adesso lo fanno tutti. qualunque cosa voglia, indipendentemente da altri settori. Nel concludere accordi sul petrolio e sul gas con l'Ucraina, nessuno pensava che la Crimea stesse vivendo una siccità e, di conseguenza, una mancanza d'acqua. Nel frattempo, l'industria dei tour prevede di ospitare fino a 7 milioni di persone. (+ quelli che non viaggeranno all'estero). Cos'è un normale riposo senza acqua? I turisti devono non solo bere il tè, ma anche lavare e lavare i vestiti e usare il bagno (water). Se non c'è abbastanza acqua in Crimea per il periodo estivo, la situazione sanitaria sarà minacciosa. A cosa hai pensato prima? E la Commissione statale per la pianificazione lo avrebbe previsto!
  5. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 16 March 2020 10: 48
    +1
    Buon pomeriggio, Vladimir. Hai ragione. Ma non solo la State Planning Commission, ma anche le amministrazioni centrali e gli istituti di settore. Almeno in piccole quantità, dovrebbero esserci uffici tecnici per ogni settore. Rise in URSS in un gran numero di istituti di ricerca ...
  6. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 16 March 2020 11: 15
    +4
    Nel 1581, John Hales scrisse sull'importanza della produzione industriale per la ricchezza di un paese: "Che mente ristretta ci vuole per permettere che le nostre stesse materie prime vengano inviate alla lavorazione da parte di estranei, e poi riscattarle da questi estranei".

    "Guerra di lana" del XVII secolo.

    Nel 1695, l'economista inglese John Kerry suggerì all'Inghilterra di acquistare tutta la lana spagnola per bruciarla. L'Inghilterra non avrebbe la capacità di lavorare tutta la lana spagnola, ma rimuovendo le materie prime dal mercato, aumenterebbe il suo potere di mercato.
  7. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 16 March 2020 14: 16
    -2
    In questo momento l'ho tolto:
    74,83 USD + 2,23
    EUR 83,55 + 2,82

    La migliore delle opzioni !!!
    Il migliore!
  8. papas-57 Офлайн papas-57
    papas-57 (PAPA-57) 16 March 2020 15: 57
    0
    Una vecchia canzone sulla cosa principale: sarai paziente, ma nel prossimo futuro andrà tutto bene, forse. Il futuro arriva, ma la canzone non si ferma, continua a suonare. E così è stato per più di una dozzina di anni.
  9. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 16 March 2020 16: 55
    0
    Va tutto bene. Informazioni in linea

  10. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 16 March 2020 23: 15
    +3
    Lo stesso Washington Post scrive in modo abbastanza specifico che nello scontro petrolifero tra Mosca e Riyadh, Washington è la vittima principale.

    Bene, WP ha subito iniziato a citarmi ...

    La Russia supererà i sauditi nella "guerra dei prezzi" senza il sostegno degli Stati Uniti
    Sembra che la guerra per il petrolio tra la Federazione Russa e il KSA sia una lotta dei ragazzi Nanai. La vittima principale saranno gli Stati Uniti.

    boriz (boriz) Ieri, 19:47
  11. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 18 March 2020 07: 09
    +1
    Il cibo in abbondanza è buono se non è nocivo. Il coronavirus è pericoloso per tutti. Per noi è pericoloso principalmente a causa della quantità di prodotti contraffatti. Se l'OPK è preoccupato per questo fenomeno, cosa possiamo dire dei prodotti nel negozio.
  12. Il commento è stato cancellato
  13. prato Офлайн prato
    prato (Yaroslav) 21 March 2020 21: 49
    +1
    Lo stesso Washington Post scrive in modo abbastanza specifico che nello scontro petrolifero tra Mosca e Riyadh, Washington è la vittima principale.

    Non so su cosa si basi il Washington Post, ma oserei dire che questo è un malinteso. Anche Stati Uniti e Cina beneficeranno della "guerra del petrolio". La produzione di petrolio di scisto diminuirà, ma non si fermerà completamente. Ci sono ragioni per questo. Non citerò esperti noti. Se sei interessato, guarda l'intervista di Leonid Fedun al canale RBC TV:

    https://www.rbc.ru/business/19/03/2020/5e73331e9a7947a1166fa220