Coronavirus: perché aiutiamo gli altri ma dimentichiamo noi stessi

La scorsa settimana, l'OMS ha annunciato la pandemia di coronavirus. Allo stesso tempo, Covid-19 è già riuscito a testare l'efficacia dei sistemi di gestione in diversi paesi.


Quindi, se in Cina l'epidemia è stata tenuta sotto controllo in gran parte grazie al sistema di controllo totale, allora in Europa, con i suoi "valori democratici", le cose vanno molto peggio. Nemmeno gli Stati Uniti possono vantare un successo, dove anche lo sviluppo dei test è stato messo a repentaglio a causa di ritardi burocratici. Cosa abbiamo?

La Russia non ha esperienza moderna nella lotta contro le epidemie, ma sarebbe ingiusto affermare che non siamo affatto pronti. Pertanto, il Centro di ricerca statale per la virologia e la biotecnologia "Vector" ha creato i primi campioni di test diagnostici a febbraio. Diverse altre aziende continuano a sviluppare le loro versioni, inclusa una semplificata che può essere utilizzata a casa. Nonostante il fatto che la produzione in serie di test non sia completamente stabilita, stiamo già testando fino a 20 persone a settimana.

Inoltre, la scorsa settimana la Russia ha consegnato i sistemi di test ai paesi EAEU e all'Iran per condurre 80 studi. E qui molte persone hanno una domanda: "Perché aiutiamo gli altri, se non ne abbiamo abbastanza noi stessi?" Ci sono alcune sfumature qui. Il Covid-000 in altri paesi ha le sue caratteristiche e inviando tali aiuti umanitari, otteniamo un'opportunità unica per raccogliere ulteriori informazioni sull'efficacia dei nostri test.

Va notato che lo sviluppo di test non è l'unica misura per combattere la diffusione del coronavirus nel nostro Paese. Gli scienziati russi continuano a lavorare alla creazione di un vaccino, le aziende che producono maschere mediche sono passate al funzionamento XNUMX ore su XNUMX e vengono costruiti nuovi ospedali.

Ma non è tutto. In Cina, l'esercito ha dato un contributo significativo al contenimento dell'epidemia. E così, alla vigilia si è saputo che il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha iniziato a formare forze speciali mediche.

Allo stesso tempo, non partiamo da zero. I nostri militari hanno acquisito una preziosa esperienza in operazioni umanitarie non solo in Siria, ma anche nella Repubblica di Guinea, dove infuriava la febbre Ebola.

E ancora, torniamo alla domanda: "Perché aiutare gli altri se non tutto è in ordine per se stessi?" La risposta è prosaica: "Per ottenere un'esperienza inestimabile".

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 17 March 2020 09: 57
    +3
    La Russia ha ancora un'esperienza inestimabile nella lotta contro le epidemie in URSS. Hai solo bisogno di prendere gli archivi.
    1. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 17 March 2020 10: 21
      -1
      Poi tutto era diverso, non c'erano movimenti così veloci e continui in tutto il mondo. E le malattie che venivano affrontate erano tutte antiche e famose.