Forbes: Le sanzioni contro la Russia per il crollo del petrolio sono pericolose per gli Stati Uniti


Gli Stati Uniti non dovrebbero intervenire con la coercizione nella "lite" petrolifera tra Russia e Arabia Saudita, scrive l'inglese Forbes, rilevando che ci sono una serie di importanti ragioni per questo.


Così, la pubblicazione risponde a un nuovo articolo del Wall Street Journal. Dice che le autorità statunitensi stanno valutando di imporre nuove sanzioni all'industria russa del petrolio e del gas, responsabile del crollo dei prezzi del petrolio. Queste misure dovrebbero aumentare il prezzo dell'oro nero, dal momento che il livello attuale è rovinoso per i lavoratori del petrolio negli Stati Uniti.

Uno dei motivi per il pericolo di un tale approccio "sanzionista" nell'articolo di Forbes ha chiamato il suo obiettivo. È chiaro che Washington intende utilizzare la leva principalmente per sostenere la propria industria petrolifera, e non per difendere i valori democratici oi diritti umani nel mondo.

I partner commerciali degli Stati Uniti lo vedranno e avranno molta meno fiducia nell'interesse dell'amministrazione Trump per il commercio equo. Sarebbe molto più difficile per gli Stati Uniti sostenere che altri paesi, come la Cina, stiano violando queste regole.

- osserva Forbes.

La pubblicazione richiama inoltre l'attenzione sul fatto che i settori petroliferi iraniano, venezuelano e anche parzialmente russo sono già oggetto di sanzioni, che colpiscono anche i partner commerciali di questi paesi. Un'ulteriore espansione delle restrizioni potrebbe portare al fatto che i divieti americani saranno semplicemente ignorati dalle aziende di tutto il mondo.
  • Foto utilizzate: US Navy
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 20 March 2020 13: 22
    +1
    Sì, molto pericoloso. I sauditi possono iniziare a donare petrolio alla YSA gratuitamente....
  2. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 20 March 2020 13: 38
    +2
    Quindi gli amer devono dichiarare sanzioni: perché hanno iniziato ad aumentare le esportazioni di petrolio? Dopotutto, questo porta a un calo dei prezzi del petrolio!
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 20 March 2020 17: 18
    +2
    Gli Stati Uniti non dovrebbero essere coinvolti nella disputa petrolifera tra Russia e Arabia Saudita.

    - Di nuovo... - venticinque... - Sì, non c'è "litigio" e gli Stati Uniti sono già "intervenuti", spingendo Saud. L'Arabia provoca questa crisi petrolifera ...

    La pubblicazione richiama inoltre l'attenzione sul fatto che i settori petroliferi iraniano, venezuelano e anche parzialmente russo sono già oggetto di sanzioni, che colpiscono anche i partner commerciali di questi paesi.

    - Per la Russia, solo una cosa è preziosa in questo... - che "anche il settore petrolifero iraniano è già soggetto a sanzioni" .... - E qui gli americani possono inciampare molto duramente. La Cina non ha bisogno di sanzioni imposte al settore petrolifero iraniano ... - Qui, la Cina prevede di disfarsi ... - per questo, la Cina e ha concluso accordi a lungo termine con l'Iran ...
    - Oggi, la Cina ha commesso un grosso errore nel sostenere le sanzioni statunitensi contro Rosneft con tanto zelo...
    - La Cina almeno avrebbe potuto rimandare tali "gesti" ... - E se oggi la leadership russa fosse molto più dura e audace nei rapporti con la Cina, allora la Russia potrebbe avanzare una serie di ragionevoli richieste alla Cina ... - Ma, purtroppo... - oggi la Russia guarda la Cina... come... - un coniglio su un boa constrictor... - la volontà è completamente paralizzata...
    - Ma la Cina e gli americani potrebbero anche avere un grave conflitto molto presto a causa delle sanzioni americane imposte al petrolio iraniano ... - E la Cina semplicemente non avrà nessun posto dove andare ... - e entrerà in conflitto ...
  4. Il commento è stato cancellato