Perché le più grandi esercitazioni NATO dal crollo dell'URSS non avranno luogo

Il più grande spettacolo di potere della NATO è stato fermato dal coronavirus. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha annunciato la cessazione anticipata delle esercitazioni Defender of Europe 2020.


Nel modellare un ipotetico conflitto con il nostro paese, avrebbero dovuto prendere parte 17 stati dell'Alleanza del Nord Atlantico. Nelle più grandi esercitazioni per l'intero periodo post-sovietico, era previsto di utilizzare più di 40mila soldati e 8mila unità di vari combattimenti attrezzatura.

Durante l'operazione, la NATO avrebbe dovuto dimostrare la capacità del trasferimento operativo di formazioni meccanizzate attraverso l'Atlantico ai porti di Germania e Paesi Bassi, con il successivo avanzamento nelle regioni orientali della Polonia e degli Stati baltici. A questo punto, i "valorosi soldati" avrebbero dovuto respingere con successo l'aggressione russa.

La fase base dell'esercizio è stata interrotta dal coronavirus. E, forse, per i nostri "partner occidentali" è meglio, dal momento che la fase navale precedentemente implementata ha rivelato una situazione estremamente spiacevole per la NATO.

Quindi, la modellazione ha mostrato che su 20mila soldati americani e circa 5,5mila unità di equipaggiamento, meno di un terzo è arrivato sulle coste dell'Europa. Il resto delle forze è stato intercettato o completamente distrutto dai missili da crociera.

Il fatto è che i sistemi di difesa aerea e missilistica occidentali erano assolutamente impotenti contro il nostro missile Burevestnik. Questo non è sorprendente. Un missile da crociera dotato di un motore a reazione nucleare, che fornisce una gamma di volo quasi illimitata a velocità fino a Mach 6, è in grado di eseguire un'ampia manovra per bypassare qualsiasi sistema di rilevamento.

Così, la pandemia del nuovo coronavirus ha contribuito a "salvare la faccia" all'alleanza. Tuttavia, COVID-19 prima o poi verrà sconfitto, ma i nostri missili rimarranno un duraturo mal di testa per la NATO.

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Ivan Ivanov_18 Офлайн Ivan Ivanov_18
    Ivan Ivanov_18 (Al troll troll) 23 March 2020 14: 14
    0
    Con il successivo avanzamento nelle regioni orientali della Polonia e degli stati baltici.

    Le pentole hanno riparato i ponti dopo l'ultima estensione?
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 23 March 2020 14: 27
    -6
    Qualcosa prima che il Virus su qualsiasi "più grande esercitazione della NATO" non leggesse, in qualche modo non era ...
    E improvvisamente, sia il virus che la "più grande dimostrazione di potere della NATO" ...
  3. Il commento è stato cancellato
  4. Il commento è stato cancellato
  5. Ivan Ivanov_18 Офлайн Ivan Ivanov_18
    Ivan Ivanov_18 (Al troll troll) 23 March 2020 14: 39
    +1
    Bellezza. Non tutti possono farlo.

    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 23 March 2020 22: 37
      -1
      Può succedere di tutto, non è opportuno essere modesti.


      Se in tempo di pace non ci sono state vittime, allora è normale.

      Possiamo presumere che l'avversario abbia ricevuto danni materiali significativi e che i suoi tecnici e logisti abbiano avuto mal di testa.
      1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
        Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 24 March 2020 00: 46
        -4
        Ho visto personalmente questo incidente. Molti anni fa nella città di Strelnya. È un piccolo mondo.