Ricerca: i veicoli elettrici sono infatti meno dannosi per l'ambiente


La BBC riporta un nuovo studio condotto da scienziati britannici e olandesi che confrontano le emissioni totali dei veicoli con motori a combustione e quelli con motori elettrici. Il "mito" sul danno significativo dei veicoli elettrici è stato smentito in relazione alla maggior parte dei paesi.


Si teme che l'uso diffuso di veicoli elettrici influenzi la generazione di elettricità e che le centrali elettriche emettano nell'atmosfera sostanze più nocive. Per questo motivo, i veicoli elettrici possono essere più pericolosi per l'ambiente rispetto ai veicoli ICE.

Le università di Exeter, Cambridge (Regno Unito) e Nijmegen (Paesi Bassi) hanno condotto uno studio congiunto e determinato il danno reale in termini di ciascun veicolo elettrico. Si è scoperto che nel 95% dei paesi del mondo studiati, tale trasporto è meno dannoso per la natura. Le eccezioni sono alcuni stati con una situazione speciale nel settore energetico.

Lo studio ha stimato le emissioni derivanti dalla produzione, dal funzionamento e dallo smaltimento di un veicolo. Quindi gli indicatori sono stati confrontati per auto di diversi modelli con diversi tipi di motori. Studiato tecnica in quasi 60 paesi.

I migliori risultati in termini di sicurezza ambientale sono stati mostrati da Svezia e Francia. In questi paesi, la maggior parte dell'energia è generata da fonti rinnovabili e centrali nucleari. Di conseguenza, le emissioni totali del ciclo di vita di un veicolo elettrico sono inferiori del 70% rispetto a quelle di un'auto con motore a benzina. Nel Regno Unito con una struttura di generazione diversa, questa cifra è del 30%.

La Polonia si distingue sullo sfondo dei paesi europei. La maggior parte delle sue centrali elettriche funziona a carbone, il che si traduce in elevate emissioni di sostanze nocive. Per questo motivo, un motore a combustione interna "sporco" è più sicuro di un motore elettrico "pulito".

Tendenze positive sono state osservate in 53 paesi studiati. I veicoli elettrici hanno dimostrato le loro qualità positive in tutta Europa, negli Stati Uniti e in Cina.

Gli scienziati hanno anche considerato una serie di scenari per l'ulteriore sviluppo di eventi e cambiamenti nella situazione ambientale, a seconda dello stato della flotta globale di veicoli. Anche in scenari negativi, c'è stata una piccola ma riduzione delle emissioni nocive.

I ricercatori dei due paesi hanno calcolato che entro il 2050 la quota di veicoli elettrici nella flotta globale di veicoli raggiungerà il 50%. A causa di ciò, le emissioni globali globali di anidride carbonica saranno in grado di ridurre 1,5 miliardi di tonnellate all'anno. Per fare un confronto, al momento solo la Russia produce così tanta CO2, senza contare gli altri paesi.

Gli autori dello studio ritengono che risultati simili possano essere ottenuti prima. Per fare ciò, i paesi devono assumersi impegni più rigorosi per modernizzare il settore automobilistico. Pertanto, il Regno Unito ha già deciso di passare completamente alle auto a "zero emissioni" entro il 2035.

La BBC osserva che in futuro i paesi dovranno affrontare nuove sfide e difficoltà. La prima sarà la difficoltà generale di ammodernare il parco veicoli con l'abbandono del motore endotermico. Il secondo è un aumento del carico sul settore energetico. In terzo luogo, rimarrà il problema dell'abrasione dei pneumatici, dei lubrificanti e di altri fattori non correlati al tipo di motore.

Curiosamente, il nuovo studio britannico-olandese non riguarda solo le auto. Le pompe di calore elettriche domestiche utilizzate nel riscaldamento sono state valutate utilizzando una metodologia simile. Nel 95% dei paesi in cui è stata effettuata la ricerca, questa tecnica ha mostrato vantaggi rispetto ad altri sistemi di riscaldamento basati su fonti energetiche fossili.

Tuttavia, la lotta per l'ambiente non riguarderà solo il passaggio ai veicoli elettrici. La BBC cita il professor Greg Marsden del Transport Research Institute, Università di Leeds:

Il passaggio a veicoli elettrici è necessario ma non sufficiente. È necessario ridurre la domanda di viaggi del 20% e ridurre il numero di auto. Abbiamo bisogno di cambiamenti sociali drammatici. Questo non è un problema climatico, ma un disastro climatico.
  • Foto utilizzate: https://flickr.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Ivan Ivanov_18 Офлайн Ivan Ivanov_18
    Ivan Ivanov_18 (Al troll troll) 25 March 2020 16: 15
    +1
    Ma che dire di questo?

    Sfatato il mito della sostenibilità dei veicoli elettrici

    https://zen.yandex.ru/media/suv/mif-ob-ekologichnosti-elektromobilei-razvenchan-5ce3c19d12af1f00b343b3b4

    Oppure contiamo qui, non contiamo qui, hanno avvolto il pesce qui?
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 25 March 2020 17: 39
      +1
      Ha senso utilizzare veicoli elettrici solo se l'elettricità non viene generata bruciando idrocarburi. Centrali nucleari, centrali idroelettriche e tutte queste fonti rinnovabili sono una goccia nell'oceano.
      1. Ivan Ivanov_18 Офлайн Ivan Ivanov_18
        Ivan Ivanov_18 (Al troll troll) 25 March 2020 17: 51
        +2
        C'è una guerra contro le centrali nucleari in Europa.