Una grave destabilizzazione attende la produzione di scisto statunitense


Attualmente, la domanda di petrolio nel mondo è in caduta libera. Ciò è dovuto alla diffusione dell'infezione da coronavirus COVID-19 sul pianeta ed è aggravato dall'incapacità di Mosca e Riyadh di concordare una riduzione dell'estrazione di materie prime. Ora sono attesi problemi per i produttori di scisto statunitensi e per gli esportatori di GNL. Lo ha detto al Consiglio Atlantico il 26 marzo 2020 il capo dell'Agenzia internazionale dell'energia (IEA), Fatih Birol.


Per essere chiari, l'Atlantic Council, con sede a Washington DC, è un think tank americano "non governativo" con un focus specifico. E così specifico che nel luglio 2019 questa organizzazione è stata riconosciuta come indesiderabile in Russia ed è entrata nel registro corrispondente del Ministero della giustizia. Secondo le conclusioni della Procura generale, questa struttura minaccia le basi dell'ordine costituzionale e della sicurezza della Russia.

Secondo Birol, molti esperti prevedono un surplus di petrolio sul mercato mondiale. Allo stesso tempo, le conseguenze dell'eccessiva saturazione si faranno sentire per molti anni a venire e la ripresa della domanda non sarà rapida.

Oggi 3 miliardi di persone nel mondo sono isolate. Di conseguenza, la domanda globale di petrolio è in caduta libera e possiamo vedere la domanda scendere fino a 20 milioni di barili al giorno.

- ha spiegato il capo dell'AIE.

Birol ritiene che nel secondo trimestre del 2020 potrebbe esserci un calo significativo della produzione di petrolio di scisto negli Stati Uniti. Il capo dell'AIE ha sottolineato che l'industria petrolifera statunitense dovrà affrontare "enormi sofferenze". Ma l'industria si riprenderà dopo un rimbalzo dei prezzi globali del petrolio.

Con prezzi come questo assisteremo a un calo significativo della produzione di scisti bituminosi negli Stati Uniti, senza dubbio.

- Specificato Birol.

Birol ha aggiunto che anche la domanda di gas in Europa e in Asia è stata "duramente colpita". Quindi anche gli esportatori di GNL dall'Australia, dall'Algeria, dal Qatar e dagli Stati Uniti dovranno affrontare seri problemi.

Mi aspetto che anche il GNL statunitense ne risentirà. Possiamo vedere molte chiusure in tutto il mondo

- ha detto Birol.

Successivamente, il capo dell'AIE ha consigliato di adottare misure per migliorare l'efficienza energetica come parte dei programmi di incentivazione economia... Inoltre, ha richiamato l'attenzione sul fatto che, a causa dell'attuale situazione nel mondo, si prevede che ridurrà le emissioni di gas serra entro l'autunno del 2020. Birol ha promesso di pubblicare previsioni più specifiche per la domanda di petrolio entro due settimane.
  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 27 March 2020 15: 37
    +2
    Questo dovrebbe preoccupare soprattutto la Russia e le monarchie petrolifere. Anche se tutti i produttori di scisto statunitensi fossero chiusi, non sarebbe una tragedia di bilancio per gli Stati Uniti. Non è costruito su petrolio e gas. Ma per la Russia, il crollo delle entrate del petrolio e del gas è un disastro.
    1. Ivan Ivanov_18 Офлайн Ivan Ivanov_18
      Ivan Ivanov_18 (Al troll troll) 27 March 2020 17: 27
      -2
      per la Russia crollo delle entrate del petrolio e del gas

      Un articolo sul crollo dell'industria dello scisto, non è vero?
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 28 March 2020 01: 05
        0
        Sì, ecco perché è divertente.
        1. Ivan Ivanov_18 Офлайн Ivan Ivanov_18
          Ivan Ivanov_18 (Al troll troll) 28 March 2020 07: 25
          0
          Strano, ma non tutti gli ebrei sono intelligenti.
          1. mor7d Офлайн mor7d
            mor7d (mor7d) 29 March 2020 12: 39
            -4
            È vero che tutti gli ebrei sono intelligenti, ma non è vero che tutti gli intelligenti sono ebrei.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 27 March 2020 16: 53
    +1
    Strana nozione di budget e disastro. Qualsiasi (!) Stato moderno non si basa solo su una fonte di rifornimento di bilancio. Quindi la Russia ha qualcosa di cui occuparsi, ma questo non è un disastro. Sarà difficile, ma risolvibile.
    Passiamo ai produttori di scisto d'America. Questo non è un disastro per loro fino alla fine dell'anno. È stato scritto cento volte che le loro attività sono coperte. Cioè, è assicurato contro il collasso. I problemi non saranno con le società di scisto, ma con le banche che le hanno assicurate. Tutti ricordano a cosa ha portato il crollo di una sola banca dei "fratelli Limonov". Il problema è il fallimento delle banche e il crollo dell'intera (TUTTA) struttura finanziaria. È lì che il cane armeggiava. Non dipende più dal budget. Il budget è una sciocchezza. Bene, e un po 'come centinaia di migliaia di disoccupati nel solo Texas - e addio alla Casa Bianca per Trump. Cosa succederà dopo - è scritto con un forcone sull'acqua.
    Per qualche ragione, il ministro delle Finanze (importante) gira per il mondo e chiede (o esige) di ridurre la produzione. Non sa che questi sono i problemi della Russia?
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 28 March 2020 01: 04
      +1
      Tutti corrono e si prendono cura delle proprie tasche. Compresa la Russia. Il confronto con Lemon Brothers è completamente errato. C'era qualcosa di completamente diverso: una frode su larga scala. Nel caso dei produttori di scisto, come già accennato, questo non sarà altro che un fastidio per il bilancio e il sistema bancario, e non certo un crollo della struttura bancaria. E il Texas non è detenuto esclusivamente dal petrolio. E tutti gli orrori che attendono gli Stati Uniti in relazione al crollo dei prezzi del petrolio e del gas non sono altro che i dolci sogni dei "patrioti". Ricordo come 8 anni fa durante la seconda elezione di Obama, quando iniziò il circo con il "ramo" del Texas, gli "analisti" russi si emozionarono. In tutta serietà hanno trasmesso come gli Stati Uniti si sarebbero presto disintegrati, hanno detto come sarebbero stati chiamati i nuovi paesi, ecc. :))) E la Russia, ovviamente, si basa su più di una fonte di bilancio, ma è la principale e, in base a questo, è pianificata. Con la tendenza attuale, lo attende un enorme sequestro in tutte le aree e la NWF passerà molto rapidamente. La gente è già in tensione per l'impudente "azzeramento", e poi c'è anche un inevitabile colpo potente alla tasca. Ecco perché ho scritto della catastrofe imminente.
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 28 March 2020 09: 11
        0
        Hai scritto che questo dovrebbe preoccupare principalmente la Russia e le monarchie petrolifere. Questo dovrebbe preoccupare tutti. Compresi gli Stati Uniti. Ho scritto che per qualche motivo questo preoccupa il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti e le autorità del Texas. A proposito, in Texas. Ci sono andato per lavoro. Sono state appese bandiere degli Stati Uniti e del Texas. Ho sentito spesso che il Texas non si è unito agli Stati Uniti, ma gli Stati Uniti si sono uniti al Texas. Ci sono sempre state forti tendenze all'indipendenza. E Houston è stata poi chiamata la "città morta".
        Secondo il budget. Il budget russo è espresso in rubli, non in dollari. Il prezzo del petrolio è fissato a 2790 rubli. Dividi per il tasso del dollaro e ottieni un budget privo di deficit. E la Russia può stampare rubli tanto quanto gli Stati Uniti stampano dollari. Ma questo è in teoria. In pratica, non possono essere stampati in grandi quantità a causa della convertibilità del rublo. Il denaro stampato andrà in cambio, sarà convertito in dollari e portato all'estero. Pertanto, la decisione di una tassa del 15% sull'esportazione di valuta non è nemmeno una mezza misura, ma un'apparenza. Abbiamo bisogno di un divieto totale delle transazioni in valuta in borsa, un rifiuto di conversione. Hai bisogno di disconnetterti dalla pazza macchina da stampa americana. E la Russia avrà completa felicità e indipendenza finanziaria.
        Così. Il bilancio della Russia è espresso in rubli e con un tasso di cambio fluttuante è privo di deficit. L'inflazione potrebbe aumentare e il potere d'acquisto della popolazione diminuirà. Ma cade negli Stati Uniti. Quindi questo è un problema di tutti. E prima di tutto gli States.
        1. Bakht Офлайн Bakht
          Bakht (Bakhtiyar) 28 March 2020 09: 49
          0
          Supplemento al budget. Il pessimista afferma che la bottiglia è mezza vuota. L'ottimista afferma che la stessa bottiglia è mezza piena.

          Il tasso è di 80 rubli per dollaro. Incubo. Devi pagare 80 rubli per dollaro. A chi dovrei darlo? La banca centrale. Cioè, al bilancio della Federazione Russa. Ma per le società offshore non è solo un incubo, ma un incubo-incubo-incubo. È necessario dare 80 rubli più il 15% (cioè altri 12 rubli). In totale, per coloro a cui piace scaldarsi le mani (speculatori), è necessario dare 92 rubli al bilancio della Federazione Russa.

          In realtà, ci sono già due corsi in Russia. Interno per 80 rubli ed esterno per 92 rubli. E questi 92 rubli vengono spesi per ricostituire il budget. Moltiplichiamo 25 dollari al barile per 92. Otteniamo 2300 rubli al barile. Non abbastanza. L'interesse sul ritiro del capitale deve essere almeno del 30%. Migliore del 50%.
  3. mor7d Офлайн mor7d
    mor7d (mor7d) 29 March 2020 12: 36
    -4
    Ora sauditi e americani saranno d'accordo sulla divisione del mercato, e basta, nessun altro ci andrà, gli americani ostinati schiacceranno con le sanzioni.