Cos'è lo "stalinismo" e perché non esiste


La parola "stalinismo" è negativa ed è spesso usata dagli oppositori del comunismo come una sorta di etichetta o stigma. Tuttavia, nonostante il fatto che questo concetto compaia in varie discussioni, tutti lo capiscono a modo loro.


Per la prima volta questo termine è stato usato da un giornalista del New York Times W. Duranty, sottintendendo da lui la dittatura del partito e la tirannia di I. V. Stalin. Poi l'espressione "stalinismo" iniziò ad essere usata nella sua demagogia da LD Trotsky. Alla fine degli anni '30 la "parola" fu ripresa da liberali, revisionisti, anarchici e altri oppositori del comunismo.

La maggior parte dei contemporanei di Joseph Stalin comprendeva il concetto di "stalinismo" come una sorta di teoria con caratteristiche fondamentali inerenti ad essa:

- Socialismo in un paese;
- Produzione di merci e legge del valore sotto il socialismo;
- Esacerbazione della lotta di classe e rafforzamento dello Stato con il progredire della costruzione socialista;
- La necessità dello Stato sotto il socialismo.

Tuttavia, l'idea del primo postulato appartiene al socialdemocratico tedesco G. Vollmar, che l'ha delineata già nel 1879 nell'articolo "Uno stato socialista isolato". VI Lenin ha scritto nei suoi scritti sulla necessità dello Stato sotto il socialismo. L'idea della produzione di merci e della legge del valore sotto il socialismo è interamente "data" a Marx ed Engels. Tuttavia, vale la pena notare che Stalin ha apportato alcune modifiche qui.

Forse l'unica cosa che i teorici dello "stalinismo" possono attribuire personalmente a Joseph Vissarionovich sono le parole sull'esacerbazione della lotta di classe e sul rafforzamento dello stato con il progredire della costruzione socialista, che il leader pronunciò nel 1926 in risposta alle argomentazioni di N. Bukharin e L. Kamenev sul crescente kulak in socialismo, sullo svanire della lotta.

Pertanto, tutti i postulati di cui sopra si adattano bene alla teoria del marxismo-leninismo e non possono pretendere di essere una tendenza separata.

Alcuni ricercatori e teorici parlano dello "stalinismo" come di una pratica speciale, attribuendogli differenze caratteristiche come:

- Dittatura personale e culto del leader;
- Totalitarismo e polizia;
- Sistema di comando e controllo e burocrazia.

Tuttavia, questa non è altro che finzione. Quello stesso "culto del leader" proveniva principalmente dal basso ed è stato aspramente criticato dallo stesso Stalin. Il totalitarismo è un'invenzione, radicata nel primo teorico fascista Benito Mussolini. Quanto al sistema di comando amministrativo, questo non è altro che una profanazione del sociologo e demagogo borghese G. Kh. Popov.

Come puoi vedere, lo "stalinismo" è una finzione che è abilmente usata come strumento antisovietico dagli ideologi borghesi. Joseph Vissarionovich Stalin continuò l'opera di Marx-Lenin, rimanendo sempre in linea con la teoria del marxismo-leninismo.

  • Foto utilizzate: archivio RIA Novosti / Shagin / CC-BY-SA 3.0
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 21 2020 13: 04
    0
    Vedi la marmotta? No? E lui è!
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado Aprile 21 2020 13: 32
      -2
      1.


      2.https: //bestglitz.com/russia/ qual è-la-differenza-tra-gopher-e-marmotte /
  2. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado Aprile 21 2020 13: 24
    0
    T.N. I "postulati", si scopre, sono pesanti da ogni dove: Vollmar è sensibile, e i "classici" sono un po 'più sensibili, anche se ha "apportato alcuni aggiustamenti".
    Tutti gli altri sono chiaramente nemici: il demagogo Trotsky, il sociologo borghese Popov, Bukharin e Kamenev con i loro kulak.
    E il resto è "finzione", "finzione", "finzione come strumento degli scienziati politici borghesi".
    E solo il "santo leader" è rimasto sul trono con una giacca bianca.
  3. lavoratore dell'acciaio Aprile 21 2020 13: 28
    -2
    L'articolo e il film sono troppo astrusi. Coloro che non hanno studiato Marx e Lenin non capiranno nulla e verranno derisi i nemici di Stalin e dell'URSS. Pertanto, esprimerò ciò che intendo per stalinismo. Di questo si è già discusso e mi ripeterò piuttosto, ma per alcuni è come un osso in gola.
    Iniziamo. Stalin è stato il primo a stabilire uno stato per il popolo. Eliminazione dell'analfabetismo e della disoccupazione. Assistenza medica totale. Era lo stato che garantiva tutto. Responsabilità per parole e fatti. Per violazione e mancata esecuzione delle quali è seguita la pena. E ora nessuno è responsabile di nulla. Non c'è da stupirsi che dicano: "Stalin non ti basta". Stalin stava costruendo uno stato di cui le persone erano orgogliose. Ho iniziato con un piccone e una pala e sono finito con un'arma nucleare. Perché Stalin non ha speso soldi del budget per comprare dollari e non ha costruito palazzi per se stesso, ma ha investito, ogni centesimo, nell'industrializzazione del paese. Confronta dove sta investendo Putin ora? Nel 1940, l'URSS era cambiata in modo irriconoscibile. Furono costruiti più di 5000 oggetti di grandi dimensioni, quartieri di nuove "stalinkas", parchi, piazze crebbero nelle città, centinaia di migliaia di trattori e mietitrebbie lavorarono nei campi. Apparvero campi di pionieri, case di riposo e sanatori, il numero di scuole, scuole tecniche e università aumentò di un ordine di grandezza. Ed è tutto GRATIS per le persone! E ora, presto ci saranno più templi, chiese, moschee che scuole, più preti che insegnanti. È più economico andare in Turchia per riposarsi che in Crimea. Putin non ha bisogno di persone istruite: è più facile gestire gli arieti. Ha bisogno di devoti e adulatori.
    Tutto ciò che abbiamo ora è stato costruito da Stalin durante l'era sovietica. E se il centro EBN è stato costruito per 7 miliardi di rubli di budget, allora Stalin merita almeno un monumento! Le persone stesse si piegheranno, come nel film "Il 28 di Panfilov".
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) Aprile 22 2020 04: 38
      -2
      Sì, sì, i "quartieri del nuovo Stalin", solo la maggioranza assoluta viveva in appartamenti comuni, caserme e relitti privati, e cominciarono a ricevere un gran numero di appartamenti separati solo con il maledetto "mais".
    2. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
      Oleg Ramover (Oleg Pitersky) Aprile 22 2020 15: 53
      -3
      Per l'industrializzazione, Stalin ha preso soldi dal villaggio per mezzo della sua totale rapina. Ciò ha portato al più grande disastro non militare nella storia della Russia. E il più grande disastro militare cadde durante il suo regno. L'istruzione superiore è stata pagata. I quartieri stalinisti erano solo una goccia nell'oceano, Krusciov ha effettivamente cambiato la situazione. C'era una bomba atomica, ma allo stesso tempo i cittadini dell'URSS vivevano di corpo in bocca e con un totale deficit. Sotto Stalin, non c'era assolutamente nessun paradiso in terra.