New Pearl Harbor: l'allarme di 30 navi cisterna saudite negli Stati Uniti


I media mondiali sono pieni di titoli: "Caduta senza precedenti dei prezzi del petrolio!", "L'oro nero" ha subito un crollo senza precedenti! "," Stiamo assistendo alla fine dell'era dei paesi esportatori di energia "e simili. Ebbene, allora, come al solito, entra un amichevole coro di "indovini" professionisti, facendo emergere con entusiasmo gli involtini sulla "fine imminente della Russia", il "crollo" e il "crollo" della sua economia, il sistema finanziario e tutto il resto.


Prendetevi il vostro tempo, signori! Metti da parte le pale già preparate, le corone funebri e le candele commemorative. E allo stesso tempo - mangia un limone, per non risplendere di tanta gioia dalla "inevitabile sconfitta di Mosca". È meglio provare senza emozione per capire cosa è successo ea cosa può portare.

Cosa è “caduto”, cosa “è scomparso”?


Cominciamo con la cosa principale - in effetti, nessun petrolio "è collassato" da nessuna parte. Qui, ha perfettamente ragione il signor Peskov, che ha percepito lo "sbalorditivo" notizie con calma olimpica e commentandoli con le parole che ci troviamo di fronte a un "momento puramente speculativo", che è legato in misura maggiore non al settore energetico, ma esclusivamente alla sfera del trading di borsa. Cioè, ancora una volta - la speculazione, su cui si basa, se scartiamo il sentimento e chiamiamo le cose con i loro nomi propri. Ha anche ragione che questo momento non è affatto un '"apocalisse". Non è stato l '“oro nero” in sé a deprezzarsi ed “andare in rosso”, ma solo i futures per esso, cioè strumenti di scambio legati al costo reale di una particolare risorsa energetica, ma che in nessun caso lo riflettono al 100%. E, cosa molto importante, si tratta di un tipo di petrolio: il WTI americano, il West Texas Intermediate. Il futuro di maggio per esso, come si suol dire, "scaduto", ma era fisicamente impossibile effettuare consegne in questo momento. Tutti i depositi sono pieni, semplicemente non c'è nessun posto dove mettere la risorsa. Gli operatori del mercato, che hanno tenuto questi titoli fino alla fine nella speranza di ottenere il miglior prezzo per loro, sono stati i perdenti ingannando se stessi. È per questo motivo che lunedì il WTI per la prima volta nella storia degli Stati Uniti è sceso a indicatori negativi sul New York Mercantile Exchange - le quotazioni hanno chiuso la sessione di negoziazione a meno $ 37,63 al barile. Esattamente gli stessi futures, ma nel mese di giugno, il prezzo è "affondato" molto meno, anche se il prezzo è diminuito abbastanza fortemente martedì. Il motivo è semplice: oggi nessuno può prevedere con quale intensità l'economia mondiale si riprenderà dopo lo shock senza precedenti causato dalla pandemia di coronavirus.

Tuttavia, il "Black Monday", come è già stato battezzato su tutte le borse mondiali (dopo il calo dei futures sul petrolio, i principali indici hanno subito "ceduto" su di essi: Dow Jones è sceso del 2,44%, S&P 500 - 1,79% e il Nasdaq Indice - dell'1,03%), a quanto pare, ha fatto spostare coloro che sono in grado di prevenirne il ripetersi in modo ancora più disastroso. Secondo i dati disponibili al momento della stesura di questo documento, l'OPEC stava convocando una teleconferenza dei ministri competenti dei paesi interessati per discutere la situazione critica del mercato. La questione principale discussa durante questi negoziati, abbastanza prevedibilmente, è stata l'iniziativa di avviare la prevista riduzione della produzione di "oro nero" non dal 1 ° maggio, come previsto alla conclusione dell'ultimo accordo OPEC +, ma immediatamente. Le realtà della vita dimostrano in modo più che convincente che era effettivamente necessario farlo nemmeno ieri, ma molto prima. Nessuna decisione specifica sui risultati dell'incontro è stata ancora espressa, ma il fatto che il più presto "serraggio dei rubinetti" da parte di tutti gli esportatori sia una necessità urgente, a quanto pare, è già chiaro a tutti. Comunque no ... Per quanto ne sappiamo, sempre al momento, la Texas Railroad Commission, che, tra le altre questioni, regola le attività delle compagnie petrolifere nello stato, ieri prevista per discutere le quote di produzione, non ci è riuscita impresa. In ogni caso, secondo il suo presidente Wayne Christian, "il voto finale è stato rinviato a maggio". È davvero così bello per i lavoratori petroliferi statunitensi? Vale la pena soffermarsi su questo problema separatamente.

"Siamo solo inondati di petrolio!"


Il fatto che il prezzo di cambio per il principale grado di "oro nero" estratto lunedì negli Stati Uniti abbia raggiunto valori negativi e non si sia allontanato molto da essi oggi è già stato detto sopra. Allo stesso tempo, c'è un altro pericolo, molto più allarmante per i rappresentanti dell'industria petrolifera americana, che sta già attraversando tempi lontani dai suoi migliori. Viene, paradossalmente, dal "migliore amico" degli Stati Uniti - l'Arabia Saudita. Almeno tre dozzine di petroliere si stanno inesorabilmente avvicinando alle coste americane, avendo portato circa 40 milioni di barili di petrolio nelle loro stive a casa. I sauditi stanno letteralmente inondando gli Stati Uniti con la loro energia a basso costo, ad aprile, proprio nelle prime due settimane del mese, quadruplicando il volume delle forniture - fino a 1.46 milioni di barili al giorno, rispetto ai 366mila barili di febbraio! I petrolieri americani hanno già chiamato questo attacco senza precedenti "la nuova Pearl Harbor", e al Senato si sente più forte l'appello a Donald Trump di "impedire che questa armata si scarichi sul suolo statunitense". Forse il presidente non avrà altra scelta che dare ascolto a queste richieste, altrimenti le compagnie minerarie degli Stati Uniti dovranno affrontare le prospettive più tristi. In ogni caso, il capo della Casa Bianca ha già annunciato in una recente conferenza stampa di prendere seriamente in considerazione la questione dell'abbandono totale dell'esportazione di idrocarburi dall'Arabia Saudita. Lasciateli navigare dove vogliono ... Washington farà un passo così drastico, che rischia di portare a gravi complicazioni tra essa e il suo principale alleato in Medio Oriente? Molto probabilmente, cercheranno di evitare misure estreme, ma la situazione alla fine potrebbe semplicemente non lasciare altra via d'uscita.

Nel frattempo, alla Casa Bianca è stata trovata una "soluzione Salomone": vogliono riempire quasi gratis tutti gli impianti di stoccaggio strategico per la riserva nazionale di risorse energetiche. Così promettono di "aggiungere" 75 milioni di barili di "oro nero", utilizzando, per la prima volta nella storia degli Stati Uniti, "capacità strategiche" del 100%. Non è una cattiva soluzione, ma molto probabilmente in grado di portare un effetto estremamente temporaneo, se non altro per ridurre la produzione. Già oggi, i produttori di scisto non della prima categoria lo sostengono, in particolare aziende come Pioneer Natural Resources e Parsley Energy. Già adesso sono pronti a “sottoscrivere” la riduzione del volume di materie prime pompate dalle viscere di tutto il 20%, per non perdere tutto e per sempre. Matt Gallagher, CEO di Parsley Energy, considera la situazione del mercato "anormale" e ritiene che "oggi tutti debbano agire insieme: le aziende stesse, lo stato e il governo federale". Ma i grandi "squali" della produzione di scisto sono finora fortemente contrari a qualsiasi quota. Apparentemente, intendono utilizzare l'attuale crisi per "ripulire" l'industria dai piccoli concorrenti, rimanendovi monopolisti. Secondo gli esperti americani, dal 10% al 20% delle piccole e medie imprese minerarie fallirà e chiuderà. E il processo, come si suol dire, è già in corso, e con forza e principale - secondo la compagnia petrolifera americana Baker Hughes, solo la scorsa settimana il numero di impianti di perforazione operativi negli Stati Uniti è diminuito del 66 e ammontava a 438, che è la cifra più bassa da ottobre 2016. C'è, tuttavia, una previsione peggiore: secondo gli esperti del settore, pubblicati dalla CNN, con i prezzi del petrolio a 10 barili per dollaro o meno, il fallimento attende quasi tutte le società minerarie statunitensi.

Come puoi vedere, la situazione attuale è estremamente pericolosa per tutti i paesi produttori di petrolio. Gli Stati Uniti corrono il rischio di abbandonare la propria industria petrolifera sul nascere e di nuovo per molti anni trasformarsi in un importatore netto di "oro nero". L'Arabia Saudita, se non si calma nella sua rabbia, potrebbe rimanere con dozzine di petroliere piene di capacità, che semplicemente non avranno nessun posto dove salpare. Russia ... Beh, è ​​perfettamente chiaro che l'attuale situazione dei mercati non è di buon auspicio neanche per noi. Tuttavia, anche i più grandi "amici" del nostro Paese, seppur con grande dispiacere, sono costretti ad ammetterlo; Oggi non c'è speranza di ripetere la situazione degli anni '80, quando "il petrolio a buon mercato ha rovinato l'Unione Sovietica". La Russia non è l'URSS, la realtà economica e in generale la situazione globale nel mondo è completamente diversa. Prima o poi (e prima o poi) il mondo risorgerà dall'incubo del coronavirus, i motori degli aerei e delle auto inizieranno a funzionare, partiranno le imprese e inizieremo a tornare alla vita normale. Il nostro paese ha subito colpi molto più gravi e sopravviverà a questo. È tutt'altro che indolore, ma conteremo le perdite quando tutto sarà finito ...

Tuttavia, non vorrei concludere solo con una nota allarmante. Ci sono stati originali nel mondo che hanno deciso di trasformare i problemi dei mercati energetici a proprio vantaggio. E tu dove pensi? Nel "no-profit" ... Il direttore esecutivo della società locale NJSC "Naftogaz dell'Ucraina" Yuriy Vitrenko ha avuto un'idea veramente "brillante": incassare giacimenti di petrolio traboccanti in tutto il mondo. Secondo lui, "l'opportunità che si è presentata in relazione al surplus di idrocarburi nel mondo non dovrebbe essere persa, al contrario, dovrebbe essere monetizzata a suo favore". Di cosa stiamo parlando, infatti? Secondo Vitrenko, "l'Ucraina ha un enorme sistema di trasporto del petrolio in cui è possibile immagazzinare le materie prime in eccesso", vale a dire: "una raffineria operativa a Kremenchuk con capacità di stoccaggio significative, così come molte raffinerie che sono state chiuse da tempo, ma che almeno aveva tale capacità "! Onestamente, la citazione è data alla lettera. Pan Vitrenko, a quanto pare, è pienamente fiducioso che tutti i paesi del mondo si precipiteranno immediatamente a consegnarlo con milioni di barili del loro "oro nero", e inoltre, pagheranno un intero mucchio di soldi per questo. Allo stesso tempo, propone di immagazzinare risorse energetiche in raffinerie abbandonate da tempo, nella cui capacità nessuna persona sana di mente riempirà nemmeno i rifiuti per lo smaltimento. Tali appelli da parte di un rappresentante di un paese suonano particolarmente impressionanti, dove gli incendi che imperversano vicino alla centrale nucleare non possono essere estinti in questo momento, le esplosioni nei depositi di munizioni si verificano regolarmente e altre emergenze e incidenti causati dall'uomo sono diventati da tempo all'ordine del giorno. E le storie di ripetuti ritiri non autorizzati del gas russo dal gasdotto, che erano ampiamente conosciuti ai loro tempi, fanno pensare se l '"oro nero", che è stato inavvertitamente dato sotto la supervisione di come Vitrenko, non sarà "perso". nelle viscere del "enorme" sistema di trasporto del petrolio "nezalezhnoy"?

Bene, resta solo da essere contenti che nella situazione attuale non sia stato senza un momento puramente umoristico.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 22 2020 09: 31
    -7
    Qualcosa che ognuno ha un numero diverso di petroliere. Ieri erano 20, poi 40, qui 30. E come sempre, la colpa è degli ucraini.
    1. Il commento è stato cancellato
    2. Cittadino Mashkov Офлайн Cittadino Mashkov
      Cittadino Mashkov (Sergѣi) Aprile 25 2020 03: 52
      +1
      Sì, giacca di pelle scamosciata, tre pezzi ... È un classico.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 22 2020 09: 56
    +3
    Se il prezzo del petrolio in borsa non riflette il valore reale della merce -

    Qui ha perfettamente ragione il Sig. Peskov, che ha percepito le notizie "sbalorditive" con calma olimpica e le ha commentate con le parole che abbiamo un "momento puramente speculativo" legato in misura maggiore non al settore energetico, ma esclusivamente al sfera del commercio in borsa. Cioè, ancora una volta, la speculazione, su cui si basa, se scartiamo il sentimentalismo e chiamiamo le cose con i loro nomi propri. Ha anche ragione che questo momento non è affatto un '"apocalisse". Non è stato l '“oro nero” in sé a deprezzarsi ed “andare in rosso”, ma solo i futures per esso, cioè strumenti di scambio legati al costo reale di una particolare risorsa energetica, ma che non lo riflettono in alcun modo al 100%.

    - perché il mondo intero guarda a questi prezzi come al valore reale delle merci?
    Ebbene, i futures sono andati a zero o meno. Prova a vendere petrolio vero ora per $ 50. Qualcuno comprerà?
    Qualcuno può spiegare questo punto?
    1. Caro esperto di divani. Aprile 23 2020 14: 11
      +2
      "Qualcuno" comprerà. Il prezzo è una cosa controversa. Non è sufficiente estrarre l'olio, è necessario consegnarlo all'acquirente. Ad esempio, coloro ai quali questo olio è stato consegnato "alla porta di casa" per questo denaro senza un ampio margine (ad esempio, tramite un oleodotto), e coloro che hanno dove immagazzinare questo olio, potrebbero comprarlo da soli. Oggi il prezzo è di 50, domani potrebbe diventare di 250.
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 22 2020 10: 08
    +4
    La questione principale discussa durante questi negoziati, abbastanza prevedibilmente, è stata l'iniziativa di avviare la prevista riduzione della produzione di "oro nero" non dal 1 ° maggio, come previsto alla conclusione dell'ultimo accordo OPEC +, ma immediatamente. Le realtà della vita dimostrano in modo più che convincente che era effettivamente necessario farlo nemmeno ieri, ma molto prima. Nessuna decisione specifica sui risultati dell'incontro è stata ancora espressa, ma il fatto che il più presto "serraggio dei rubinetti" da parte di tutti gli esportatori sia un'urgenza, sembra, è già chiaro a tutti.

    Soluzione assolutamente non ovvia. Quanto a me, è assolutamente inutile. L'unica soluzione corretta sarebbe separare l'olio di carta dal petrolio reale. Ieri ho citato un link che solo sulla piattaforma NYMEX si vendono 1,2 miliardi di barili di petrolio al giorno. Cosa può cambiare 10 o 30, o anche 50 milioni di barili di petrolio reale, che viene scambiato sugli stessi siti? Con la semplice pressione di un pulsante sul computer, qualsiasi taglio di 30 milioni di barili sarà compensato da 50 milioni di barili di scarico di futures.
    L'unica decisione giusta sarebbe quella di interrompere il trading di futures sul petrolio. A proposito, Obama lo ha suggerito nel 2008. Ma gli fu subito spiegato che era impossibile. Non balbettava mai più al riguardo. Il presidente era arguto.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) Aprile 23 2020 16: 52
      +2
      L'unica decisione giusta sarebbe quella di interrompere il trading di futures sul petrolio. A proposito, Obama lo ha suggerito nel 2008. Ma gli fu subito spiegato che era impossibile. Non balbettava mai più al riguardo. Il presidente era arguto.

      Nemmeno Trump sembra un suicidio. no

      Vengono venduti 1,2 miliardi di barili di petrolio al giorno.

      Il PIL è composto da tali frammenti virtuali. Basta iniziare, sarà necessario mettersi al passo con l'India in termini di economia.
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) Aprile 23 2020 16: 42
    +2
    Erano i 40 ieri? I ranghi si stanno assottigliando?
    Bene, va bene, i fan si stanno già preparando per un'accoglienza calorosa e solenne del resto. risata