Il capitalismo mondiale ha dimostrato il suo fallimento


Oggi il mondo economia è sull'orlo di un altro crollo. Molti esperti definiscono la crisi in arrivo la più distruttiva della storia, prevedendo una riduzione del PIL degli Stati Uniti al 50% e un aumento della disoccupazione al 30%, che non fu nemmeno durante la Grande Depressione.


Ma perché lo sviluppo dell'economia è ciclico e, prima o poi, il mondo sta scivolando in un altro "pozzo"? La ragione sta nel sistema capitalistico di produzione-distribuzione, che ha un grave difetto.

L'essenza del capitalismo, come sapete, è l'estrazione di profitti da parte del proprietario dallo sfruttamento del lavoro subordinato. Tutti i mezzi di produzione sono in mano a privati.

Nella ricerca del profitto, il capitalista utilizza il reddito ricevuto dalla vendita dei beni prodotti per un'ulteriore espansione della produzione. Di conseguenza, si verifica una situazione in cui l'offerta supera in modo significativo la domanda.

Il proprietario inizia a subire perdite, chiude parte degli impianti di produzione, taglia i lavoratori o taglia i loro salari. Le relazioni commerciali sono interrotte, c'è una carenza di fondi, i mercati finanziari crollano: si verifica un collasso economico, che si chiama crisi.

Il problema del capitalista è che la situazione è aggravata da una diminuzione dei redditi dei lavoratori (di cui è responsabile anche lui), poiché questi ultimi, a loro volta, consumano ancora meno beni. Il declino dell'economia continua fino a quando non viene ripristinato l'equilibrio tra offerta e domanda effettiva.

Dopo la crisi arriva un periodo di stagnazione, in cui il calo della produzione si è fermato, ma non c'è nemmeno crescita. La fase successiva, chiamata rivitalizzazione, è caratterizzata da un maggiore sfruttamento dei lavoratori e dall'introduzione di innovazioni tecnologiche nella produzione. Solo allora inizia la crescita, che alla fine finirà di nuovo con la sovrapproduzione e il collasso del sistema economico.

Ogni volta, con l'inizio di un'altra crisi, il colpo più doloroso viene preso dalla classe operaia, che si trova sull'orlo della sopravvivenza. E la situazione attuale può essere risolta solo in un modo: il passaggio dal capitalismo, che ha ripetutamente dimostrato la sua incoerenza, al socialismo.

  • Foto utilizzate: Semenov.m7 / wikimedia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 23 2020 16: 03
    +2
    Un altro crollo in 30 anni. In Internet c'è un bel video "A Brief History of the Dollar Crash".
    Dal 2008 abbiamo già avuto 2 crisi.
    Conclusione: l'elenco dei milionari in dollari - miliardari della Federazione Russa è molto gonfio.
    1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) Aprile 23 2020 17: 16
      0
      E non solo l'elenco, ma loro stessi.
  2. Errore digitale Офлайн Errore digitale
    Errore digitale (Eugene) Aprile 23 2020 16: 07
    +2
    Il declino dell'economia continua fino a quando non viene ripristinato l'equilibrio tra offerta e domanda effettiva

    Quando lo capiscono, distribuiscono denaro "per elicotteri" a sostegno dei "piccoli negozianti" - piccole imprese.
    Dopo l'epidemia, ci sarà meno concorrenza, che inevitabilmente influirà sulla qualità delle merci, sul loro costo e, di conseguenza, sulla qualità della vita.
  3. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) Aprile 23 2020 17: 13
    +2
    Dopo la pseudo-pandemia, il capitalismo fiorirà, anche se, come ha detto il cicerone di Kiev Pedalka, non solo tutti lo vedranno.
  4. lavoratore dell'acciaio Aprile 23 2020 22: 07
    -1
    Non c'è mai stata una crisi sotto i comunisti. Perché la vodka e il tabacco erano proprietà dello Stato. A scapito della sola vodka e del tabacco venivano pagati salari ai dipendenti statali e pensioni ai pensionati in URSS !! In breve, dobbiamo prendere il potere nelle nostre mani. Il nostro zucchero è di 26-30 rubli. Facciamo ancora un chiaro di luna, nel villaggio il "fratello" ha un pozzo - l'acqua è un omaggio. Mezzo litro fa 15 rubli. massimo. In generale, dobbiamo competere con la vodka kazaka, almeno organizzarla nel nostro stabilimento. È così che l '"acqua" curativa mette a dura prova il cervello e previene il coronavirus.
  5. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) Aprile 24 2020 00: 14
    -2
    E la situazione attuale può essere risolta solo in un modo: la transizione dal capitalismo, che ha ripetutamente dimostrato la sua incoerenza, al socialismo.

    Questa è un'affermazione piuttosto divertente, considerando che l'autore molto probabilmente ha personalmente osservato con quale fragore assordante l'esperimento socialista nel nostro paese. In effetti, non c'è alternativa al capitalismo e non è previsto. Per inciso, non si può dire che le crisi mondiali non abbiano colpito l'Unione Sovietica.
  6. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) Aprile 27 2020 07: 15
    -3
    A giudicare dallo stile, questo articolo è stato scritto da un insegnante di storia del PCUS in pensione.
  7. Cittadino Mashkov Офлайн Cittadino Mashkov
    Cittadino Mashkov (Sergѣi) Aprile 28 2020 23: 46
    0
    Fino a poco tempo fa, c'era una bici del genere (o forse non una bicicletta), come se i "direttori rossi" sovietici avessero deliberatamente rovinato l'economia del paese per accaparrarsene tutte le chicche. Sono passati trent'anni. Ora è il momento di riflettere sul fatto che l'attuale economia viene intenzionalmente rovinata per vendicarsi?
  8. Winnie Офлайн Winnie
    Winnie (Vinnie) 8 June 2020 22: 50
    0
    La situazione economica del Paese è aggravata dal fatto che nella Federazione Russa non c'è solo il capitalismo, ma il capitalismo neocoloniale, quando la maggior parte delle risorse va alla metropoli. Pertanto, la crisi nella Federazione Russa è più profonda.