Anno non di volo: Airbus è cattivo, Boeing è anche peggio


Uno dei presupposti più importanti per un serio aumento del consumo di prodotti petroliferi e, di conseguenza, per un aumento stabile dei prezzi dello stesso "oro nero", che tutti nel nostro Paese si aspettano tanto, è la ripresa dell'aria. traffico. Allo stesso tempo, è questo settore dei trasporti che sta vivendo i tempi più difficili a causa della pandemia globale di COVID-19. Così come tutti i segmenti ad esso associati economia e, prima di tutto, la costruzione di aeromobili.


Bene, vediamo come stanno andando le cose con i "giganti" dell'industria aeronautica e coloro che sono i principali consumatori degli aerei alati che creano: le compagnie aeree.

E Boeing è cattivo e Airbus non è buono


Nella tesa lotta per la leadership nell'industria aeronautica, che per decenni è stata condotta tra i suoi due principali "pilastri" - americano ed europeo, quando è iniziata la pandemia di coronavirus, la vittoria aveva chiaramente iniziato a pendere dalla parte del Vecchio Mondo . Preoccupazione Boeing Co. Sono entrato in una vera e propria "striscia nera", l'inizio della quale è stato posato da due incidenti aerei accaduti alle navi passeggeri da lui prodotte. La loro causa, come si è scoperto in seguito, erano errori nel software di questi velivoli, accuratamente nascosti dall'azienda ai consumatori. Essendo caduto nell'epicentro di uno scandalo mondiale e diventando oggetto di indagini normative più che distorte, questo produttore ha subito perdite colossali molto prima che il nome COVID-19 volasse intorno al pianeta. Di conseguenza, le sue condizioni di partenza all'inizio dell'attuale crisi erano molto peggiori. E questo "forte calo" continua: dall'inizio di quest'anno, la capitalizzazione dell'azienda è diminuita di quasi il 60%. Non sorprende: a causa della pandemia, la società è stata costretta a interrompere completamente la produzione nei propri stabilimenti negli Stati Uniti il ​​25 marzo. Il 6 aprile è stato necessario prolungare questa "pausa" forzata. Tuttavia, il 20 aprile presso Boeing Co. ha annunciato la riapertura degli stabilimenti americani con il "ritorno alla normale produzione" entro il 24 aprile. Innanzitutto, è previsto l'avvio di imprese localizzate nell'area di Puget Sound Bay, nello stato di Washington, dove la situazione epidemica è piuttosto difficile. Pertanto, circa 27 mila dipendenti della società potranno tornare al loro lavoro, principalmente quelli che sono impegnati nella produzione di modelli di aeromobili 747, 767, 777, 787.

Inoltre, Boeing Co. ha persino annunciato l'intenzione di "avviare i lavori preparatori volti a tornare in servizio", il 737 MAX. Tuttavia, questo è più un tentativo di mostrare buon umore in una situazione critica che una reale valutazione delle prospettive. Nientemeno che i rappresentanti della società stessa all'inizio di aprile hanno annunciato che i prossimi problemi sono stati trovati nel software del sistema di controllo di volo 737 MAX - già Dio sa cosa nell'account. Alla luce di ciò, il messaggio informativo più recente relativo alla preoccupazione sembra molto più realistico: la riduzione pianificata del 10% dei lavoratori impiegati lì, portata da Boeing Co. così tanti guai del modello che ammonterà a circa 7mila persone. In tutto, circa 160mila persone in tutto il mondo lavorano nelle imprese della società.

Va notato che oggi il principale concorrente degli americani, la preoccupazione Airbus, è costretto a prendere esattamente le stesse misure estreme. Il primo passo in questa direzione è stato l'annuncio del licenziamento di 3 dipendenti delle proprie fabbriche di aeromobili situate nelle francesi Nantes, Saint-Nazaire e Tolosa. La cifra sembra essere inferiore, ma in realtà un personale francese su cinque di questa azienda europea perderà il posto di lavoro (in totale impiega circa 130mila persone). In generale, Airbus ha già annunciato la sua intenzione di ridurre la produzione di navi passeggeri di almeno un terzo. Quindi il discorso sul licenziamento di coloro "il cui lavoro non può fornire una protezione completa contro la possibilità di contrarre il coronavirus" non è, ancora una volta, altro che una buona mina contro una brutta partita. D'altra parte, la preoccupazione cercherà di non effettuare riduzioni "secondo uno schema rigido", sostenendo che i dipendenti inviati in "congedo" forzato potranno ricevere fino al 90% della loro retribuzione attraverso compensi, il cui finanziamento, secondo Airbus, sarà in gran parte fornito dal governo francese. ... L'unica domanda è fino a che punto queste speranze saranno giustificate ...

Anno di non volo


Le azioni dei costruttori di aeromobili, che sono costretti a separarsi da una parte significativa del loro personale e ridurre i volumi di produzione, sono abbastanza comprensibili. L'anno, francamente, si è rivelato non volante ... L'International Aviation Transport Association (IATA) ha recentemente annunciato che oggi il traffico dei voli nel Vecchio Mondo è circa il 10% del loro volume nello stesso periodo dell'anno scorso. Inoltre, la situazione continua a peggiorare. Secondo le stime delle strutture dell'aviazione internazionale, il calo del fatturato dei vettori è stato di circa 315 miliardi di dollari. Nella sola Europa questa cifra è di circa 90 miliardi, mentre nell'ultimo mese la perdita è aumentata del 13% rispetto al precedente. Di quali acquisti di nuovi aeromobili possiamo parlare in una situazione del genere? Qui sarebbe possibile mantenere quelli esistenti, che neanche tutti possono permettersi. Ad esempio, Austrian Airlines ha già annunciato l'adozione di una "strategia di sviluppo aggiornata", in cui, prima di tutto, si prevede di ridurre la flotta da 82 a 60 aeromobili entro il 2022. Tuttavia, anche questa potrebbe non essere l'ultima (ovvero, non la peggiore) opzione. Inizialmente la compagnia prevedeva di "far atterrare" solo 12 velivoli, ma ora ne parliamo 22. È chiaro che, prima di tutto, verrà rimosso dalle linee però il velivolo più vecchio, la cui vita di servizio si avvicina ai 30 anni. , è improbabile neppure di acquistarne di nuovi nel prossimo futuro. Ancora una volta, anche questo è lontano dalla svolta più triste degli eventi. Norwegian Air è stata recentemente costretta a dichiarare il fallimento di quattro delle proprie filiali in Svezia e Danimarca, in cui sono stati coinvolti 4.7mila piloti e membri dell'equipaggio. Il direttore generale della compagnia, Jacob Schram, si affida esclusivamente al sostegno statale dei governi di questi paesi, pur non esprimendo fiducia che il vettore aereo lo riceverà.

Un enorme problema risiede anche nel modo in cui verrà effettuato esattamente il trasporto aereo quando le restrizioni di quarantena, o almeno una parte significativa di esse, verranno revocate. Finora su questo vi è piena incertezza e le idee avanzate oggi sul proseguimento del "distanziamento sociale" anche durante i voli aerei incontrano una reazione piuttosto ambigua tra i vettori. Ad esempio, la compagnia low cost ungherese Wizz Air (quella che ha promesso di "durare almeno un anno e mezzo anche nelle condizioni attuali"), rinvigorita fino a poco tempo fa, ha già annunciato la sua disponibilità a rifornire i suoi aerei di soli due terzi per garantire una maggiore distanza tra i passeggeri. Ad esempio, volerà una nave di linea con una capacità di 180 posti a sedere, portando a bordo solo 120 persone. A sua volta, il capo di un'altra nota compagnia aerea low cost, il Ryanair Group, Michael O'Leary, ha espresso completo disaccordo con l'idea di bloccare i posti centrali negli aerei passeggeri (vale a dire, in questo modo, viene proposto il "distanziamento" da attuare) e ha detto che la compagnia riprenderà i voli solo nel caso in cui "se le autorità si assumessero il pagamento dei posti vuoti nei nostri saloni", poiché "fare soldi con un carico del 66% è assolutamente impossibile". Alla fine, O'Leary è arrivato al punto di chiamare direttamente "idiota" l'iniziativa del capo della International Air Transport Association (IATA) Alexander de Juniac di bloccare i posti. A suo avviso, le compagnie aeree devono sviluppare misure per prevenire l'infezione dei passeggeri, non associata a una diminuzione della capacità di carico degli aeromobili, altrimenti le loro attività saranno semplicemente non redditizie. Allo stesso tempo, ricordiamo che Ryanair prevedeva di riprendere il 40% dei suoi voli a luglio, con un raddoppio di questo volume entro settembre. Non si sa come sarà effettivamente. D'altra parte, lo stesso de Juniac ammette che il lavoro delle "compagnie aeree a basso costo" o delle compagnie aeree low-cost si basa proprio sull'aumento della produttività degli aerei non solo aumentando il numero dei voli, ma anche massimizzando l'occupazione delle cabine passeggeri. Concorda sul fatto che "neutralizzare un gran numero di seggi" ucciderà un simile modello di business dell'aviazione civile in quanto tale.

Mentre accese controversie e dibattiti sono in corso in organizzazioni internazionali specializzate, ogni vettore, come si suol dire, sta uscendo come meglio può. Ad esempio, Air Canada ha deciso di andare per la sua strada: ha già iniziato a convertire i suoi tre più grandi aerei passeggeri Boeing 777-300ER ... in cargo! Lo stesso è avvenuto in Uzbekistan Airways, dove due Boeing 767-300ER, che sono inattività forzata, vengono “trasferiti” a quelli cargo. Qualsiasi cosa è meglio che mantenerli semplici sulla terra. Per inciso, questa è un'attività molto laboriosa e costosa. Non so che dire del suddetto velivolo, ma, ad esempio, le procedure volte a mantenere in ordine il abbastanza comune Airbus A330 sono stimate in circa 400 ore uomo. Solo le ruote delle fodere devono essere girate quotidianamente, altrimenti si piegheranno in modo tale che sotto il peso di una macchina multi-tonnellata la fodera non sarà più in grado di decollare o atterrare. Ma c'è anche la manutenzione di motori, elettronica e altre cose ...

L'unico modo per salvare le compagnie aeree nelle condizioni attuali è probabilmente solo il più potente sostegno del governo. Quindi, Lufthansa ha già dichiarato direttamente che semplicemente non sopravviverà con nessun'altra opzione. Ora la società sta conducendo intense trattative con i governi di Austria, Svizzera, Belgio e, prima di tutto, la nativa Germania, chiedendo loro aiuto, che dovrebbe consistere non solo in prestiti, ma anche in investimenti diretti da parte degli Stati menzionati. La prima, a quanto pare, l'inevitabilità di un simile approccio è arrivata negli Stati Uniti. Il Dipartimento del Tesoro ha annunciato il pagamento di quasi 3 miliardi di dollari alle due maggiori compagnie aeree del paese e 54 a quelle più piccole. Allegiant Air, American Airlines, Delta Air Lines, Southwest Airlines, Spirit Airlines, United Airlines e altri sono stati inclusi nella lista dei "fortunati". Nel complesso, gli Stati Uniti prevedono di fornire alle proprie compagnie aeree un'assistenza finanziaria per un importo di $ 25 miliardi. Bene, sarà possibile salvare i vettori e molto probabilmente anche i produttori di aeromobili sopravviveranno. Altrimenti, affrontiamo tutti un futuro piuttosto cupo, privo di paradiso.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 24 2020 11: 06
    +1
    Che schifo per i lontani Boeing e Airbus, e come, suppongo, tutto va bene con il resto ...
    Aeroflot, Pobeda, Ural lines, S-7 .....
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) Aprile 24 2020 18: 22
      +1
      Produttori di "Boeing e Airbus", società operative di "Aeroflot, Pobeda, Ural Lines, S-7 ....." hi
      1. Il commento è stato cancellato
  3. KLV Офлайн KLV
    KLV (Costantino) Aprile 24 2020 11: 07
    0
    ... né sedersi né atterrare.

    Si spegne, poi si spegne.
  4. Alexander Semenov Офлайн Alexander Semenov
    Alexander Semenov (Alexander Semenov) Aprile 24 2020 14: 12
    -2
    Mentre il grasso si asciuga, quello magro muore.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) Aprile 24 2020 18: 23
      0
      Mentre il grasso si asciuga, quello magro muore.

      Non siamo magri, ispidi. strizzò l'occhio
  5. AlexPAN Офлайн AlexPAN
    AlexPAN Aprile 25 2020 13: 04
    +1
    E mi sembra che il punto dell'articolo non fosse tanto quello di raccontarci le difficoltà delle compagnie aeree straniere, ma di attirare la nostra attenzione sul fatto che le quotazioni del petrolio non cominceranno a crescere presto.
  6. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) Aprile 26 2020 06: 10
    -4
    I produttori di Superjet, ILov, trionfano. La borghesia dovrà inchinarsi ai russi.