Media statunitensi: i prezzi bassi del petrolio minacciano il potere di Putin


Un crollo catastrofico dei prezzi dell'oro nero potrebbe essere un prologo alla fine dell'era del presidente russo Vladimir Putin, scrive la rivista Slate (USA). Questo l'esito infelice del confronto tra Mosca e Riyadh. Anche diversi altri Stati si sono trovati in una situazione difficile.


In Arabia Saudita, le entrate petrolifere rappresentano il 60 percento del PIL totale del paese, oltre a due terzi del bilancio statale e quasi tre quarti delle sue esportazioni. In altri stati del Medio Oriente, inclusi Iran, Iraq, Qatar e Kuwait, la dipendenza è ancora maggiore. In Russia il petrolio rappresenta un terzo del PIL, metà del bilancio e due terzi delle esportazioni

- informa l'edizione.

In Russia, si nota nella pubblicazione, l'ascesa e la caduta politico regimi si sono verificati insieme al movimento dei prezzi del petrolio. Il crollo dell'Unione Sovietica è stato in gran parte causato, o almeno accelerato, dall'incredibile crollo del valore dell'oro nero. Allo stesso modo, i prezzi elevati delle materie prime preziose hanno contribuito alla relativa stabilità del governo del presidente Vladimir Putin.

Il presidente russo, che conosce bene la storia del suo Paese, deve ora essere perseguitato da pensieri cupi, si legge nel testo.

Arabia Saudita e Russia, due stati dipendenti dal petrolio, fanno affidamento sui propri fondi sovrani. La Russia ha 150 miliardi di dollari, l'Arabia Saudita il doppio.

La resilienza di un paese alla perdita di reddito è spesso misurata dal suo "punto di pareggio", il prezzo di cui un paese ha bisogno per bilanciare il proprio bilancio. Il punto di pareggio della Russia è di 42 dollari al barile. Per l'Arabia Saudita, sono 84 dollari al barile.

Nell'ultimo decennio, il prezzo del greggio ha oscillato tra i 60 ei 100 dollari al barile. Ma all'inizio di questa settimana, il prezzo è sceso sotto i 16 dollari.

La Russia e l'Arabia Saudita relativamente ricche non sono nella posizione più difficile tra gli stati produttori. Il punto di pareggio della Libia è di 100 dollari al barile. Per l'Iran, è $ 195.

Nigeria, che vanta la crescita più rapida l'economia in Africa, ha un punto di pareggio di 144 dollari al barile. Il prezzo attuale significa bancarotta per questo paese.

I precedenti tagli del prezzo del petrolio, osserva Slate, hanno avuto un effetto positivo: hanno fatto scendere i prezzi al dettaglio della benzina e quindi hanno stimolato l'economia. Ciò non accade durante l'attuale recessione, poiché nessuno andrà da nessun'altra parte a causa della quarantena totale.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
19 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) Aprile 26 2020 15: 12
    +2
    Come se gli stessi Stati Uniti, senza i messicani nei campi, non fossero coperti da un sacco polveroso.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 26 2020 15: 25
    +5
    Con o senza Putin, questa non è una domanda che dovrebbe preoccupare i russi. Non è il prezzo del petrolio che minaccia la stabilità della Russia. La vera minaccia è la mancanza di aspirazioni allo sviluppo del Paese. La cosiddetta "élite" mostra una totale incapacità di difendere gli interessi del Paese. E quanto costerà il petrolio è una questione del tutto secondaria.

    https://pravo.ru/news/221023/
    1. Il commento è stato cancellato
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) Aprile 26 2020 16: 34
        +3
        Questi non sono errori. Questa è una politica mirata. Temo che il tremolio dell'aria non serva a nulla. Le autorità hanno dimenticato che la rivoluzione in Russia non è avvenuta nel novembre (ottobre) 1917. Nell'entroterra, iniziò nell'estate del 1917.
    2. Alexander Semenov Офлайн Alexander Semenov
      Alexander Semenov (Alexander Semenov) Aprile 26 2020 16: 32
      -3
      Gli interessi dell'élite e dello stato sono due cose diverse, a volte coincidono, a volte no. Inoltre alcuni saranno sempre più alti di altri..sai quali..
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) Aprile 26 2020 16: 36
        +3
        Quando non coincidono, l'"élite" può sedersi al loro posto solo fino a un certo punto. Mi dispiacerebbe vederlo, ma penso che il tempo per i commenti stia rapidamente volgendo al termine.
        1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
          Errore digitale (Eugene) Aprile 27 2020 19: 27
          +2
          Citazione: Bakht
          solo fino a un certo punto

          Puoi sederti sulle baionette, ma è scomodo e non per sempre.
    3. Errore digitale Офлайн Errore digitale
      Errore digitale (Eugene) Aprile 26 2020 22: 06
      +3
      Citazione: Bakht
      La cosiddetta "élite" mostra una totale incapacità di difendere gli interessi del Paese

      E perché, se (?) Soldi nell'offshore occidentale e bambini nel western urla.

      Citazione: Bakht
      quanto costerà il petrolio, questo è un problema del tutto secondario

      Il fondo sovrano della SA è due volte più grande del National Welfare Fund della Federazione Russa con una popolazione quattro volte più piccola. Ciò significa, ipoteticamente, che per ogni $ 1 che può dare ai suoi cittadini della Federazione Russa, CA può dare i suoi $ 8. Quindi non sottovaluterei questo fattore con la determinazione della SA di "andare alla fine del dumping". hi
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) Aprile 26 2020 22: 45
        +5
        Tutto questo è solo parlare di debiti sovrani o "airbag". La storia mostra che i fattori esterni raramente portano alla distruzione degli stati. Il prezzo del petrolio è un fattore importante, ma non determinante. Le risorse dello stato sono molto più ampie di un prodotto.
        Chi se ne frega del prezzo di un barile di petrolio? Quando aveva $ 100, è stato brutto, quando è diventata $ 20, è peggiorato molto? O è lo stesso?
        Il problema è l'assenza di un'élite orientata a livello nazionale. Quelli al Cremlino sono la borghesia compradora. Insisto ancora su questa definizione.
        ------
        Zh. Bichevskaya ha una canzone molto nazionalista "Russian March". C'è una linea molto specifica lì:

        I russi marciano liberando la Terza Roma...

        Marcia russa, porrà fine al sabato,
        Quelli che hanno deriso il paese

        Chissà di cosa parla....

        È qui che risiede la minaccia al potere di Putin, e non una specie di barile di petrolio e il suo prezzo.
        PS

        per ogni $ 1 che può dare ai suoi cittadini della Federazione Russa

        Faccio fatica a credere che il governo possa dare qualcosa...
        1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
          Errore digitale (Eugene) Aprile 26 2020 22: 52
          +2
          Citazione: Bakht
          È qui che sta la minaccia al potere di Putin, non un barile di petrolio oil

          Con la lingua rimossa. sì
        2. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
          Oleg Ramover (Oleg Pitersky) Aprile 27 2020 14: 19
          -3
          Citazione: Bakht
          Il prezzo del petrolio è un fattore importante, ma non determinante. Le risorse dello stato sono molto più ampie di un prodotto.

          Puoi litigare. Il contratto sociale esistente in Russia implica che le élite facciano i loro affari, ma forniscano un aumento (o almeno non una diminuzione) dei redditi dei cittadini. Cioè, nel complesso, la lealtà è stata acquistata. Il calo del prezzo del petrolio potrebbe portare a un calo dei redditi dei cittadini, che potrebbe distruggere il contratto sociale, poiché la lealtà non avrà nulla da comprare.
          1. Bakht Офлайн Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) Aprile 27 2020 17: 45
            +3
            Non esiste un "contratto sociale" in Russia. Non è necessario trasferire le valutazioni occidentali nella pianura russa.
            1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
              Errore digitale (Eugene) Aprile 27 2020 19: 29
              +3
              Citazione: Bakht
              Il "contratto sociale" non esiste in Russia

              C'è stato un "consenso in Crimea" - finché non ci hanno intascato ancora una volta (riforma delle pensioni e aumento dell'IVA), senza offrire nulla in cambio. L'unica cosa che ricordavo era un giorno di ferie pagate per le visite mediche. Compenso estremamente generoso per non aver pagato per 5 anni.
              1. Bakht Офлайн Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) Aprile 27 2020 19: 47
                +3
                Il Consenso di Crimea non è un contratto sociale. Piuttosto, è vero il contrario. La gente ha accettato le sanzioni e il peggioramento della propria situazione, ma in cambio ha ricevuto orgoglio e rispetto di sé. Non tutto si misura con la salsiccia. Ma le autorità non sono state all'altezza delle aspettative della gente. Il principio della società russa (come struttura sociale) non si misura dai benefici. Le autorità (l'élite europeizzata) hanno dimenticato il principio fondamentale della costruzione della società russa. Non è un peccato ricordare.

                Essendosi ampiamente stabiliti in un enorme continente, i russi si sono nutriti organicamente e stanno nutrendo un atteggiamento speciale, quasi religioso nei confronti della loro aspra terra. È un sentimento di assoluto amore e devozione, insito nei geni, per gli spazi aperti, il suolo, per le ceneri autoctone, per i precetti degli antenati, per il calore della famiglia. Nelle città di mattoni costruite frettolosamente e nei vuoti villaggi di legno, nelle gabbie degli appartamenti comunali e degli oggetti avari, viveva un sentimento non calcolato di amore senza fondo per il proprio paese, un sentimento grande e santo. Questo sentimento neutralizzava l'insoddisfazione per il regime, questo sentimento toglieva il fattore della fatica umana, questo sentimento svalutava la vita stessa di fronte al santo amore per la propria terra. Questo sentimento non può essere ucciso. Costituisce la base della nostra percezione del mondo.

                Questo non è facile da capire per l'individualismo occidentale. Si tratta di un sentimento non aggressivo e sacrificale. Per i nostri compatrioti era, è e sarà sempre più facile morire per il nostro mondo che vederne la profanazione. La santità della vita è inferiore in una tale anima alla santità del sacrificio di sé - questa è quasi una religione nazionale. Morti in tempi difficili, cacciati in una terra straniera, i russi non si sono mai lamentati, proprio come non si lamentano adesso. Ma nessuno potrà mai scuotere la loro elementare e assoluta disponibilità a dare la vita per la loro patria mai affettuosa, ma infinitamente bella ed eternamente amata. Come superando la crudeltà dell'esistenza, come agendo nonostante tutte le difficoltà della vita, come dimenticando il gelo e il freddo, la vita instabile, l'orrore del fuoristrada, la rabbia degli elementi, gli abitanti del nostro paese stanno morendo per ciò che è loro caro. Guarda, nel ventesimo secolo più crudele per noi, dal 1904, abbiamo perso quasi la metà della nostra popolazione. Ma chi dubita della determinazione della restante metà?

                Qui sta il pericolo per Putin. Può appoggiarsi alle persone e eguagliare i titani della storia russa. Oppure può diventare il successore di Gorbaciov e Eltsin. Sta a lui...
                1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
                  Errore digitale (Eugene) Aprile 27 2020 21: 04
                  +2
                  Citazione: Bakht
                  Sta a lui...

                  Il Centro Eltsin è stato costruito sotto di lui.
                  Con lui

                  al fine di garantire la sicurezza statale e pubblica, proteggere i diritti e le libertà dell'uomo e dei cittadini è stato creato un nuovo organo di potere esecutivo federale: il Servizio federale delle truppe della Guardia nazionale della Federazione Russa

                  Sotto di lui, la sua amministrazione ha accettato un milione di firme viventi (nome completo, dettagli del passaporto, numeri di contatto - questo non è change.org per te) contro la "manovra" della pensione, che non ha influito su nulla.
                  Sotto di lui, i più brillanti oppositori sono stati rimossi dall'HRC: la democrazia ha bisogno di critiche, non di dittatura.
                  Credo che abbia fatto la sua scelta molto tempo fa, da qui la "non resistenza" all'"emendamento Tereshkova".
            2. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
              Oleg Ramover (Oleg Pitersky) Aprile 28 2020 14: 44
              -3
              Citazione: Bakht
              Non esiste un "contratto sociale" in Russia. Non è necessario trasferire le valutazioni occidentali nella pianura russa.

              Se la Guardia Nazionale non deve pacificare le rivolte a giorni alterni, allora c'è un contratto sociale.
              1. Bakht Офлайн Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) Aprile 28 2020 15: 57
                +1
                Solo tutti i giorni?
    4. michael.dadeko Офлайн michael.dadeko
      michael.dadeko (Mikhail Dadeko) Aprile 27 2020 09: 43
      -2
      buono Con due mani per!
  3. lavoratore dell'acciaio Aprile 26 2020 18: 27
    -1
    ... i bassi prezzi del petrolio minacciano il potere di Putin.

    Finché ci sono sciocchi nel mondo,
    Viviamo di inganno, quindi, dalle nostre mani!
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 26 2020 18: 58
    0
    Non capiscono niente. Putin solo una volta, e preoccupato per l'aumento del prezzo della benzina.
    E continuerà a presiedere.