"Full restart": l'economia mondiale non sarà distrutta dal coronavirus, ma dalla Federal Reserve Usa


Alla vigilia del segretario stampa della Casa Bianca, Kayleigh McEnany, in un'intervista a Fox News, è stata rilasciata una dichiarazione sulla disponibilità del governo degli Stati Uniti a "riavviare completamente la nazionale economico sistemi ". Queste parole indicano che, dopo aver soppesato tutte le minacce ei rischi dell'epidemia di COVID-19 in corso e le conseguenze negative della quarantena per l'economia, Washington, come al solito, ha deciso di salvare quest'ultima. Niente di personale, solo affari ...


Tuttavia, il discorso della signora McEnani suonava anche qualcos'altro. Vale a dire, un'indicazione delle intenzioni delle autorità americane di "ripristinare tutte le posizioni perse il più rapidamente possibile" al fine di "riportare di nuovo la leadership degli Stati Uniti sul pianeta". In linea di principio, è un desiderio del tutto comprensibile e naturale (se parliamo di economia, allora sicuramente), ma Washington è determinata a realizzarlo a scapito del resto del mondo.

USA - quanto è grave?


Contrariamente alla ferma convinzione di alcuni nostri concittadini (basata, tuttavia, non su una conoscenza esatta, ma sulla fede, il suo fanatismo, capace di svergognare i settari più incalliti) che "l'America è sempre più cool di tutti gli altri - lo era, è e sarà ”, le cose oltreoceano ora stanno andando molto male. L'inizio francamente "sbattuto" della diffusione di massa del coronavirus negli Stati Uniti, azioni scoordinate, contraddittorie e talvolta apertamente ridicole delle autorità per avviare la lotta contro questa malattia, alla fine hanno portato il Paese alla necessità di introdurre la quarantena più rigorosa. misure e restrizioni. Il risultato è più che deplorevole. Secondo il Federal Reserve System statunitense, la produzione industriale nel paese è diminuita del 5,4% a marzo rispetto al mese precedente, il che rappresenta un "anti-record" in termini di calo dall'inizio del 1946. Allo stesso tempo, nell'industria di trasformazione, che costituisce i due terzi di tutta la produzione industriale negli Stati Uniti, il calo è stato ancora maggiore - del 6.3%. L'utilizzo della capacità nel paese è sceso al 72.7%. Il volume del commercio al dettaglio è diminuito dell'8.7% - il dato non sembra essere spaventoso, tuttavia, ancora una volta, questo è il massimo "meno" dal momento in cui si è iniziato a conservare tali statistiche (1992). Cosa c'è esattamente dietro gli indicatori piuttosto generali può essere esaminato in modo più dettagliato usando l'esempio di uno dei rami "fiore all'occhiello" dell'industria americana: la metallurgia. Secondo i dati diffusi dall'American Iron and Steel Institute (AISI), l'utilizzo della capacità delle imprese siderurgiche del Paese è attualmente intorno al 56%. Persino "balene" come US Steel e ArcelorMittal sono costrette a chiudere le fabbriche e licenziare dipendenti, e non c'è niente da dire su quelle più piccole. Allo stesso tempo, non si tratta solo di seguire i divieti di quarantena e la riluttanza a trasformare le proprie attività in terreno fertile per COVID-19.

Tutto è molto peggio: semplicemente non c'è richiesta per i prodotti dei metallurgisti. Il mese scorso US Steel è stata costretta a chiudere le fabbriche di tubi in Ohio e Texas, riducendo la produzione di tubi del 60%. La caduta del prezzo del petrolio e il crollo della sua produzione negli Stati Uniti hanno "ucciso" la necessità di componenti per la perforazione. La stessa storia con l'industria automobilistica: ogni mese dei suoi tempi di inattività costa ai metallurgisti 18 miliardo di dollari. E questo per non parlare del fatto che i prezzi dei loro prodotti sono scesi a minimi storici - non come il petrolio, ovviamente, ma per l'acciaio laminato a caldo e un calo del 18% è già un problema enorme. Tuttavia, ovviamente, non sono solo e non tanto i proprietari di corporazioni e grandi imprese a soffrire, ma gli americani molto comuni che Donald Trump ha promesso di amare e amare in ogni modo possibile. Secondo il politologo americano Leon Weinstein, la pandemia alla fine porterà alla rovina di almeno un milione di piccole imprese per gli Stati Uniti, il che porterà inevitabilmente a un "livello catastrofico di disoccupazione". In effetti, questo sta già accadendo. In termini di numero di coloro che sono rimasti bloccati per strada senza alcun mezzo di sostentamento, gli Stati Uniti si sono avvicinati ai periodi peggiori della sempre memorabile Grande Depressione, e ci sono tutte le ragioni per credere che questa volta li supereranno. Nell'ultima settimana, per la quale oggi ci sono dati ufficiali (fino al 4.4 aprile), 26 milioni di americani hanno avuto bisogno di sussidi di disoccupazione. Dallo scoppio della malattia, che ha comportato restrizioni e quarantene, il numero totale dei suoi richiedenti ha raggiunto i 7 milioni. Va tenuto presente che a metà marzo negli Stati Uniti c'erano già più di 33 milioni di disoccupati ufficialmente registrati - per così dire, "pre-coronavirus". Utilizzando il metodo di addizione più semplice, otteniamo una cifra di oltre 20.6 milioni, ovvero più del 1934% della popolazione in età lavorativa totale degli Stati Uniti. L'ultima volta che tali numeri terrificanti furono registrati nel paese fu nel 1933. Tuttavia, secondo gli economisti americani, questi indicatori deludenti cresceranno, inoltre, non tengono conto della disoccupazione nascosta e parziale. Secondo le cupe previsioni degli esperti locali del mercato del lavoro, gli Stati Uniti hanno tutte le possibilità di superare il livello massimo del loro declino, quando nel XNUMX un quarto di tutti gli americani non era in grado di lavorare.

La medicina che è peggiore della malattia


Dopodiché, le ragioni delle proteste di massa dei cittadini degli Stati Uniti contro la quarantena, che in alcuni luoghi si stanno già trasformando in rivolte di strada, diventano abbastanza comprensibili. Quando la fame, o almeno un'esistenza mendicante, diventa un'alternativa alla morte per infezione, la maggior parte delle persone non vede molta scelta per se stessa. Ora si parla molto di varie misure "meravigliose" che Washington sta adottando per "aiutare i cittadini" e "salvare l'economia". Alcuni in Russia stanno proponendo e persino tentando di esigere che il governo segua lo stesso percorso. Non andiamo di fretta con entusiasmo, ma cerchiamo piuttosto di considerare questi programmi di "salvataggio" in modo più ponderato e, se possibile, imparziale. Bisogna ammettere che la maggior parte di essi rappresenta una massiccia e non particolarmente pensata "gettata nelle masse", oltre che in alcuni settori dell'economia nazionale, di ingenti somme di denaro. Allo stesso tempo, questo processo si verifica a volte in un modo piuttosto peculiare. Pertanto, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha ammesso di essere stato costretto a posticipare l'invio di assegni ai destinatari (e tra loro ci sono 70 milioni di americani) assegni con aiuti di Stato per 1200 dollari, dal momento che Donald Trump in una forma completamente ultimatum ha chiesto che ciascuno di questi " regalo "essere stampato con il suo nome! Il servizio fiscale ha definito una tale decisione "senza precedenti", ma disciplinata "l'ha presa sotto il cofano" - dopotutto, il presidente. Puoi capire il capo della Casa Bianca: le elezioni sono quasi sul naso, ed ecco un caso del genere per la campagna! Tuttavia, tutto ciò fa pensare: quanto buon senso e calcolo economico ci sono nelle azioni "anti-crisi" dell'amministrazione statunitense, e quanto sono le PR più comuni? Se vuoi saperlo, alcuni esperti locali hanno ridotto in frantumi la "distribuzione di denaro" avviata dal governo. A loro avviso, ciò porterà al fatto che, ad esempio, i piccoli imprenditori, invece di una dolorosa ma necessaria ottimizzazione delle proprie attività, aspetteranno nuove dispense. Ma la Casa Bianca non può nutrirli per sempre!

Tuttavia, una minaccia molto più grande (e, prima di tutto, non per gli stessi Stati Uniti, ma solo per il resto del mondo) è l'emissione senza precedenti del dollaro intrapresa dal sistema della Federal Reserve statunitense. Questo problema deve essere affrontato nel modo più dettagliato possibile. Oltre a ridurre il tasso di interesse a zero, la Fed ha iniziato a iniettare importi colossali nell'economia del paese acquistando vari titoli. Il guaio è che, in primo luogo, invece dei 70 miliardi inizialmente previsti per questi scopi, verranno utilizzati 2.3 trilioni (!) Di dollari e, in secondo luogo, che tali operazioni verranno effettuate, appunto, indiscriminatamente. Oltre alle solite obbligazioni del proprio Ministero delle Finanze, o, nel peggiore dei casi, titoli ipotecari, la Fed intende "ripulire" le obbligazioni di debito degli stati, del settore societario e di altri titoli che i finanzieri classificano tradizionalmente come "spazzatura", problematico, non avendo valore reale. Pertanto, secondo la dichiarazione dei rappresentanti della stessa FRS, si prevede di "fornire sostegno al flusso di prestiti a famiglie e imprese". Non si può dire che gli Stati Uniti abbiano fatto ricorso a tali manipolazioni rischiose e dubbie per la prima volta nella storia - esattamente allo stesso modo, con l'aiuto di operazioni di quantitative easing o Quantitative easing (QE), hanno già pompato liquidità nel proprio mercato dopo la crisi del 2008. Poi c'erano tre fasi di QE per un importo approssimativamente equivalente a quello attuale. Ma il punto è che l'ultima volta tutto questo è stato fatto in quattro anni - e ora la folle offerta di denaro si sta riversando nell'economia americana in sole sei settimane. E, a quanto pare, questo è lontano dalla fine della storia. Come già calcolato dagli economisti, una simile "attrazione di inaudita generosità" dovrebbe portare ogni americano in una forma o nell'altra (non necessariamente in contanti) una cifra di circa 7mila dollari. A prima vista, questo aiuterà a "mantenere a galla" il potere d'acquisto della popolazione e a rilanciare la produzione e gli affari e non "spingerà" nemmeno troppo l'inflazione. Ma qui non tutto è così semplice come sembra ...

Il fatto che il massimo "attaccamento" al dollaro USA dell'economia globale, per il quale è un mezzo di pagamento universale e una valuta di riserva, prima o poi verrà fuori di sbieco a tutta l'umanità, è stato detto e scritto molte volte. Allo stesso tempo, poche persone ascoltavano economisti, anche molto venerabili, che parlavano con tali avvertimenti. E ora, finalmente, è arrivato il momento in cui gli Stati Uniti "hanno acceso la macchina da stampa" a pieno regime e persino, a quanto pare, oltre. Il mondo sta per essere travolto da una nuova ondata "verde" di pezzi di carta non supportati con ritratti presidenziali. Ricordiamo che il deficit di bilancio degli Stati Uniti quest'anno supererà i 4 trilioni di dollari. Questo è il doppio rispetto a qualsiasi periodo dal 1945. Ancora una volta, questi sono calcoli e previsioni corrispondenti al momento presente, in cui Trump insiste sul fatto che il picco dell'epidemia sta "per essere superato" ed è giunto il momento di "aprire l'America in un modo nuovo". Pensa che non ci siano scenari pessimistici al riguardo? Più che sufficiente ... Molti medici e scienziati temono molto che la revoca prematura delle restrizioni di quarantena possa portare a un nuovo focolaio di coronavirus, peggiore del precedente. Ma gli economisti fanno eco a loro, sostenendo che un ripetuto "blocco" forzato causerà danni ancora più terribili al paese e il costo di un errore sarà calcolato non in miliardi, ma in trilioni di perdite.

Nel caso migliore e più favorevole per gli Stati Uniti, il mondo intero è invitato a prendere parte alla loro salvezza assorbendo docilmente la colossale offerta di moneta che ora viene prodotta lì "dal nulla". Tuttavia, c'è un'opzione peggiore ... In nessun modo affermare che gli Stati Uniti diventeranno inevitabilmente uno stato in bancarotta a seguito di una pandemia, tuttavia noterò che nella sua intera storia, forse, non si sono mai avvicinati così tanto a questa linea. Cosa attende il mondo se, oltre alla "crisi del coronavirus" che lo ha già attanagliato, le riserve di valuta estera di molti paesi, nonché il patrimonio di milioni di aziende e il risparmio di miliardi di persone, si trasformano improvvisamente in mucchi di carta tagliata, non voglio nemmeno immaginare.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
    Errore digitale (Eugene) Aprile 27 2020 09: 33
    0
    Cosa attende il mondo ... non lo voglio nemmeno immaginare

    Aha, raduniamoci attorno al Segretario Generale e al ruolo "saggio e guida" del partito! I nemici sono ovunque. soldato I principali detentori del debito nazionale degli Stati Uniti non lo "scaricheranno" bruscamente - altrimenti la guerra, che i "detentori" rischiano di perdere. Il lento ripristino (verso cui si sta dirigendo) non è certo un pericolo per il mondo.
  2. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) Aprile 27 2020 10: 14
    -1
    Kapets America! Disoccupazione, produzione in calo, confusione e vacillamento. Che sia in Russia: un forte aumento della produzione e l'assenza di disoccupazione. Sullo sfondo del coronavirus e del calo dei prezzi del petrolio, la Russia si aspetta un aumento della prosperità e una diminuzione dei prezzi dei beni di consumo! Il tenore di vita aumenterà notevolmente, mentre il rublo spingerà finalmente fuori i pezzi di carta tagliati dal mercato.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 27 2020 10: 45
    -2
    E l'autore deve sempre incolpare YUSA per tutto e il dollaro è quasi .......
    E qui si discute di liberare / espellere persone per lavoro, sono già rilasciate, perché il denaro non puzza, i test per il virus non sono ancora per tutti, la chiarezza della quarantena cinese è irraggiungibile ...
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) Aprile 27 2020 19: 13
    +3
    Oltre alle solite obbligazioni del proprio Ministero delle Finanze, o, nel peggiore dei casi, titoli ipotecari, la Fed intende "ripulire" le obbligazioni di debito degli stati, del settore societario e di altri titoli che i finanzieri classificano tradizionalmente come "spazzatura", problematico, non avendo valore reale.

    L'autore non ha compreso l'essenza del processo. Contrariamente al dogma incrollabile dei liberali, Trump ha costretto la Fed ad acquistare titoli di imprese del settore reale. Questo è un supporto diretto per il settore reale dell'economia.
    Trump sta utilizzando appieno la Fed a vantaggio dell'economia statunitense, cercando il più rapidamente e il più possibile di appendere il debito degli Stati Uniti (esterno e interno) all'FRS prima che la Fed fallisca.
  5. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) Aprile 28 2020 08: 02
    -1
    Trump sta cercando di ripetere lo stesso trucco che Darkest ha fatto nel 2008. Ora, in modo silenzioso, il suo ostinato compagno C si sta voltando. L'unico trucco è che sia VVP che Xi lo hanno fatto per gli involucri di caramelle, avendo ricevuto un vero furto. Trump, ripetendo questa manovra, sta alzando la già alta inflazione interna.