Nuovi record di temperatura: che tipo di tempo attende i russi in estate


E ancora sul tempo. La primavera ha superato senza problemi l'equatore ei meteorologi hanno già iniziato a modificare le loro previsioni per l'estate verso un peggioramento. Oltre a tutti i nostri problemi economici e alla difficile situazione epidemiologica, è prevista un'estate molto “calda”.


Secondo alcune stime entrerà nella top five più calda dell'intera storia delle osservazioni, secondo altre l'estate 2020 diventerà la più calda. Cosa significa questo per il nostro Paese?

Fino ad ora, l'estate più terribile in Russia era considerata l'estate del 2010. Secondo Roshydromet, un clima così anormalmente secco e caldo non si è verificato dopo la chiamata dei vichinghi di Rurik. I rappresentanti del Centro Idrometeorologico hanno affermato che non c'è stato un tale caldo negli ultimi cinquemila anni. L'anticiclone di blocco non ha permesso ad altre masse d'aria di entrare nel territorio della Russia dall'inizio di giugno alla prima metà di agosto. Il risultato sono state temperature superiori al normale di una media di 6-7 gradi, numerosi incendi boschivi e smog soffocante su molte città dalle torbiere in fiamme.

Oggi, a 10 anni di distanza, i meteorologi non parlano ancora dell'anticiclone anomalo, ma le previsioni sono già molto negative. Il capo del Centro Idrometeorologico, Roman Vilfand, ha dichiarato:

Forse l'anno non sarà quello più caldo, ma il secondo nella fascia di temperatura o il terzo. Il fatto che ci sarà una temperatura elevata è certo. Con una probabilità del 99%, entrerà nei cinque anni più caldi.

Più pessimisti sono i suoi colleghi della US National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). Stimano che la prossima estate sarà la più calda mai registrata al 75%. Cosa dà loro motivo di dirlo?

In primo luogo, la temperatura media del pianeta è in costante crescita. I nuovi record di temperatura vengono visualizzati ogni cinque anni. Adesso è diventato "di moda" criticare, ma sarebbe molto ingenuo negare il fattore antropogenico. Le emissioni di gas serra nell'atmosfera stanno gradualmente aumentando, gli Stati Uniti, il più grande economia pace, si ritirò fondamentalmente dall'Accordo di Parigi sul clima. Lo scorso gennaio è diventato il più caldo di tutta la storia delle osservazioni, febbraio e marzo, al secondo posto in questa classifica.

In secondo luogo, i ricercatori oceanici sottolineano che potrebbe verificarsi un fenomeno climatico come El Niño. L'acqua surriscaldata all'equatore dell'Oceano Pacifico trasferisce una grande quantità di energia nell'atmosfera circa una volta ogni 4-5 anni, portando gradualmente ad un aumento della temperatura alle latitudini temperate. Se questo fenomeno si verifica nel 2020, questa estate sarà la più calda mai registrata. A proposito, prima di allora, il 2016 è stato riconosciuto come l'anno più caldo.

Le conseguenze possono essere disastrose. L'inverno è stato generalmente povero di nevicate. A causa della mancanza di umidità nel suolo, il rischio di recidiva di incendi di foreste e steppe su larga scala aumenta notevolmente. Va anche tenuto presente che una parte significativa della Russia si trova nella zona del permafrost, ma a causa di record di temperatura anormali, potrebbe non essere così eterna. A causa della deformazione del suolo, aumenta il rischio di incidenti su condutture, strade e ferrovie e danni agli edifici.

Inoltre, quando il permafrost si scioglie, verrà rilasciato sempre più metano, un gas serra, ei batteri anaerobici che lo producono inizieranno a risvegliarsi più attivamente. Nel complesso, questo potrebbe amplificare l'effetto dell'aumento delle temperature sul pianeta.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) Aprile 28 2020 15: 38
    +2
    Forse in alcune zone il 2010 è stata l'estate più calda. E qui, nella regione del Volga, era molto più caldo. Probabilmente tutti ricordano l'estate in URSS, quando la Bielorussia ha fornito patate a tutte le regioni.
    1. Brancodd Офлайн Brancodd
      Brancodd Aprile 28 2020 16: 11
      +3
      A Mosca nel 2010 c'era davvero una camera a gas. Davvero non ha mollato fino a metà agosto. Era molto difficile respirare a causa del fumo. Le case si riscaldavano e di notte emanavano calore, era impossibile dormire. I dati esatti non sono stati pubblicati, ma molti core sono morti, ecc. Era più fresco della quarantena. Molti se ne sono già dimenticati, ma se fosse solo una prova della penna, ricognizione in vigore, per così dire, allora stiamo aspettando tempi "divertenti".
      1. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
        Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) Aprile 29 2020 08: 14
        0
        Bene, se conti Mosca come l'intero paese, allora ovviamente.
        1. Brancodd Офлайн Brancodd
          Brancodd 1 può 2020 17: 27
          0
          Nel 2010, un potente anticiclone bloccante ha mantenuto il calore praticamente sull'intero territorio della Russia centrale. È solo che nelle grandi città si è sentito più acutamente.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 29 2020 15: 34
    +3
    ... che quando il permafrost si scioglie, verrà rilasciato sempre più metano.

    È tempo che l'umanità proponga tecnologie per catturare il carbonio nelle strutture degli edifici al fine di ridurne la quantità nell'atmosfera, se le foreste non sono in grado di proteggerle dagli incendi. Anche se è sufficiente iniziare raddoppiando il numero di guardie forestali.
  3. OsSwa Офлайн OsSwa
    OsSwa (Svetlana) 9 può 2020 20: 42
    +1
    Il contributo dell'anidride carbonica all'effetto serra è stimato dal 9 al 26%, la quota di anidride carbonica antropica è dell'8% sul volume totale. Si scopre che il contributo massimo dell'umanità all'aumento dei gas serra è del 2,08%. Il restante 98% sono fattori non antropici.
    Inoltre, la teoria del riscaldamento delle serre è contraddetta dal fatto che nella storia della Terra ci sono stati periodi in cui la concentrazione di anidride carbonica era significativamente più alta e la temperatura era più bassa, ad es. è stato osservato l'effetto opposto.
    Pertanto, la teoria di cui sopra non spiega tutti i fatti e quindi potrebbe essere sbagliata.
    Da allora sono più propenso a credere che questo sia un conveniente pretesto per guadagni economici tutti i tipi di elettricità "dannosi" sono molto più economici e risolvono il problema dei picchi di carico.