Passaporti COVID: necessità giustificata o "nuova schiavitù"?


Per molti paesi europei, il turismo è una delle più importanti fonti di manutenzione economia... Gli Stati stanno facendo del loro meglio per ripristinare questo settore il prima possibile, nonostante tutte le minacce poste dalla pandemia di coronavirus. Il desiderio, in linea di principio, è buono, ma per la sua attuazione si propone di utilizzare alcuni strumenti, che in seguito possono andare di traverso non solo per gli stessi europei, ma per tutta l'umanità.


L'introduzione dei cosiddetti "passaporti COVID", che ora viene richiesta non solo nell'UE, è carica di una serie di conseguenze negative, sia a breve che a lungo termine.

Dividi in "pulito" e "impuro"


Per quanto è noto, l'iniziativa di introdurre un nuovo tipo di documenti nell'Unione Europea, la cui disponibilità diventerà obbligatoria per tutti coloro che vi si spostano, indipendentemente dal mezzo di trasporto utilizzato per spostarsi tra gli Stati, è stata presa da Gary Capelli, Ministro del Turismo della Croazia, attualmente è il presidente di questa organizzazione. L'idea, espressa durante la conferenza virtuale dei capi dei dipartimenti competenti degli Stati dell'Ue, è stata subito sostenuta calorosamente dai rappresentanti della Repubblica Ceca, che è uno di quei Paesi che si sentono molto salati senza “cari ospiti”. La proposta non ha sollevato particolari obiezioni da parte degli altri partecipanti all'incontro. Eppure - almeno il 10% del PIL del Vecchio Mondo dipende dai flussi turistici, l'industria dà lavoro fino al 12% dei suoi lavoratori. Secondo Capelli, questo dovrebbe essere "un documento unico per l'intera Unione europea, verificato sia all'uscita di una persona dal suo luogo di residenza permanente, sia all'attraversamento del confine di un nuovo Paese ospitante". Molto probabilmente, in questo caso, si può parlare del cosiddetto "passaporto di immunità al coronavirus", della possibilità e necessità di cui si dibatte un po' in tutto il mondo. Che cos'è, in sostanza, è? La base per ottenere una carta d'identità simile, che non ha analoghi nella storia dell'umanità, i suoi sostenitori propongono di considerare un test positivo per la presenza di anticorpi contro il COVID-19 nel sangue di una persona. Presumibilmente, coloro che li possiedono non saranno più in grado di infettarsi o diventare una fonte di pericolo di infezione per gli altri. Una sorta di nuova casta di membri "puri" della società umana, per i quali tutte le strade vengono automaticamente aperte nella vita - prima di tutto, lavorano in quelle aree che implicano la comunicazione con un gran numero di persone. La stessa attività turistica, attività di ristorazione, trasporti e cose simili possono diventare una "zona chiusa" per i "paria" che non avranno "passaporti COVID". E anche - medicina, insegnamento e molto altro.

Allo stesso tempo, molti medici e, soprattutto, virologi professionisti considerano un approccio del genere, per usare un eufemismo, estremamente dubbio. L'analisi di cui sopra, in generale, non è qualcosa di nuovo e precedentemente sconosciuto. Viene eseguito sulla base di un test di immunoassorbimento enzimatico (i cosiddetti test ELISA), che rileva gli anticorpi contro il virus nel plasma sanguigno. Una tecnica simile è stata a lungo utilizzata, ad esempio, quando si valuta la necessità di rivaccinare contro lo stesso morbillo. A proposito, è anche al centro dei test rapidi per il coronavirus, che controllano se ci sono anticorpi nel sangue di una persona. Tuttavia, se in questo caso l'obiettivo è identificare il paziente, allora per ottenere un "passaporto di immunità" il sangue di una persona sana deve mostrare la presenza di anticorpi. Lui, secondo la ferma convinzione degli aderenti a questa idea, ha già una protezione assoluta contro il virus. Di conseguenza, può essere esentato da qualsiasi restrizione relativa al "distanziamento sociale" - viaggiare dove vuole, non osservare il regime delle mascherine, partecipare a eventi di massa e così via. Va notato che il numero di coloro che credono devotamente in questa teoria è in costante crescita e sono molto attivi per la sua attuazione pratica. In Cile, i "passaporti di immunità" vengono già rilasciati con forza e principale - al momento della dimissione dalle strutture mediche. In Germania i cittadini sono invitati a effettuare autonomamente e a domicilio il test degli anticorpi (è previsto l'invio a domicilio dei relativi kit in grandi quantità), e in Lombardia, che ha subito il colpo più duro della pandemia, test di massa per la presenza di immunità sono già iniziate - con il rilascio, ancora una volta, dei relativi certificati, che nel tempo potrebbero trasformarsi in passaporti. Gli inglesi si sono affrettati a creare anche una speciale applicazione CoronaPass che memorizza i dati corrispondenti su una persona, ottenuti leggendo il codice QR corrispondente. Finora, questa è un'iniziativa della società Bizagi, ma ci sono informazioni che il governo è molto interessato a questo.

Roulette del coronavirus per l'umanità?


Molto probabilmente, un documento di un tale piano era inteso anche da Gary Capelli. E tutto andrebbe bene, è proprio dal punto in cui si tratta di immunità alla malattia che tormenta l'umanità, iniziano momenti estremamente fragili, su cui ci sono ancora molte più domande che risposte. Prima di tutto, le questioni puramente tecniche rimangono fino ad oggi completamente oscure. Dov'è la garanzia che un test positivo testimoni specificamente la protezione del corpo di COVID-19, e non di qualsiasi altro rappresentante di una "famiglia" molto numerosa di coronavirus? Se n'è andata. Finora, nessuno è riuscito a raggiungere tale purezza e accuratezza dello studio. Inoltre, secondo le informazioni disponibili, nello stesso Regno Unito, ogni terzo test per gli anticorpi ha dato un risultato completamente sbagliato! Si è rivelato ancora più interessante con la ricerca condotta presso la Shanghai Fudan University. Lì, oggetto di studio era il sangue di circa duecento pazienti che sono stati curati con successo dal coronavirus. Per la stragrande maggioranza, tutto è andato come è stato scritto: 10-15 giorni dopo l'infezione, il loro corpo ha sviluppato la quantità prevista di anticorpi. Tuttavia, in un terzo di coloro che si sono ripresi, il loro livello era estremamente basso e in 10 pazienti non c'erano affatto anticorpi nel sangue! Dalla parola "assolutamente" ... E allo stesso tempo - non il minimo sintomo di COVID-19 o qualsiasi altro disturbo di salute! Alla domanda stupita: "Come può essere anche questo?!" medici altamente istruiti del Celeste Impero alzarono le mani e risposero qualcosa come "e solo il diavolo lo sa". Bene, o qual è l'idioma più vicino in cinese ... Con le re-infezioni - sulla stessa storia. I loro casi isolati sarebbero stati registrati nella stessa Cina, Giappone e in Corea del Sud si parla di quasi un centinaio di tali incidenti. Tuttavia, i virologi fino ad oggi non riescono a raggiungere un consenso: la malattia ha colpito di nuovo i guariti o semplicemente è tornata da loro, nascondendosi insidiosamente per un po'? Oscurità assoluta.

Tuttavia, anche questa non è la cosa più importante, ma il fatto che non un solo scienziato o medico di oggi può dare una risposta univoca alla domanda principale: da quanto tempo è attiva l'immunità al COVID-19? È necessario essere vaccinati contro la "solita" influenza ogni anno, contro lo stesso tetano - una volta ogni decennio, ci sono disturbi da cui è sufficiente una vaccinazione una tantum. Fino a quando questo mistero non sarà chiarito, c'è un tremendo pericolo che i "passaporti COVID" un giorno non si trasformino solo in pezzi di carta vuoti, ma in passaggi per gli infetti, dando loro l'opportunità, anche se inconsapevolmente, di infettare altre persone. È proprio ciò che oggi teme l'Organizzazione Mondiale della Sanità, i cui esperti si oppongono categoricamente a qualsiasi "indulgenza immunitaria", almeno fino a quando non si avranno risposte almeno alle domande principali, di fondamentale importanza, riguardanti la natura e le proprietà del COVID-19. In questa occasione, l'OMS ha persino rilasciato una dichiarazione speciale, nella quale ha sottolineato che al momento "non ci sono prove che confermino indiscutibilmente che le persone che hanno avuto il COVID-19 siano protette dalla reinfezione". Questa posizione, in particolare, è stata confermata dal Direttore Esecutivo del Programma di Emergenza Sanitaria dell'OMS Michael Ryan. Secondo gli esperti dell'organizzazione, giocando a una tale "roulette del coronavirus", l'umanità corre il rischio di ottenere una seconda ondata di pandemia, che potrebbe essere anche peggiore della prima. Inoltre, gli scienziati sono convinti che almeno tre diversi ceppi di questo virus circolino nel mondo - e se l'immunità a uno di essi dia protezione da tutti gli altri è ancora più sconosciuto. Tuttavia, molti Stati oggi stanno cominciando a muoversi sempre più fiduciosi in questa direzione estremamente sconsiderata.

Tutto quanto sopra copre principalmente il lato puramente medico del problema. Allo stesso tempo, secondo alcuni esperti, è molto più ampio e ha molti altri aspetti: da quello morale ed etico a quello sociale e criminologico. Forse inizierò con quest'ultimo. Poiché esistono molti documenti diversi nella storia dell'umanità, lo stesso numero - e le loro falsificazioni. Non c'è dubbio che l'ampia (e ancora più diffusa) introduzione dei "passaporti COVID" genererà immediatamente un'intera industria per la produzione e la vendita di falsi. E il punto qui non è nemmeno l'emergere di un nuovo business super redditizio per i sindacati criminali, ma quanti portatori di virus saranno in mezzo alla gente, usando tali pezzi di carta fatti per buoni soldi da "artigiani" criminali. Questo problema diventerà ancora più urgente se tali documenti divideranno ancora una volta tutti gli abitanti della Terra in persone di "prima" e "seconda" classe. Se senza di loro sarà impossibile ottenere un lavoro normale o entrare in un istituto di istruzione decente, diventare un dipendente pubblico, muoversi liberamente e condurre una vita normale. Nel tempo, il lavoro e la vita nelle prenotazioni più sporchi, difficili e sottopagati potrebbero diventare il destino dei "non immuni". Ahimè, è successo nella storia umana che ci sarà sempre chi sarà in grado di portare qualsiasi idea, anche inizialmente apparentemente buona e umana, a un così terribile assoluto da poter sopportare i santi.

Le conversazioni sul nuovo mondo "post-coronavirus" generato dalla pandemia sono andate avanti sempre di più ultimamente. Per quanto desideriamo qualcos'altro, la sua formazione è già, di fatto, una realtà compiuta. È difficile oggi immaginare esattamente cosa sarà questo mondo creato dalla sventura che è capitata a tutti noi. Tuttavia, con molta fiducia, si può sostenere che né più a suo agio, né più libero, e nemmeno più gentile, non sarà sicuro ...
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
    Errore digitale (Eugene) Aprile 29 2020 10: 14
    +6
    se tali documenti dividono ancora una volta tutti gli abitanti della Terra in persone di "primo" e "secondo" grado ... Ahimè, è successo nella storia umana che ci sarà sempre chi sarà in grado di portare qualsiasi, anche all'inizio apparentemente buono e umano, idea di un assoluto così terribile da far fuori almeno i santi

    Il fascismo sta rialzando la testa, ora "digitale". E, a quanto pare, anche nel nostro Paese, purtroppo.

    Una tecnica simile è stata a lungo utilizzata, ad esempio, quando si valuta la necessità di rivaccinare contro lo stesso morbillo.

    Fino a che punto sono arrivati ​​i progressi - all'interno della tangenziale di Mosca? Mi è stato iniettato di nuovo il morbillo l'anno scorso, altrimenti non potevo entrare in sanatorio. Non ho corso rischi, non ho avuto tempo per il "metodo".
  2. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) Aprile 29 2020 11: 09
    -10%
    Problema risucchiato dal dito... digitale... per talk show deficienti.
  3. Il commento è stato cancellato
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 29 2020 11: 35
    +6
    Un test positivo per la presenza di anticorpi contro il COVID-19 nel sangue di una persona. Presumibilmente, coloro che li possiedono non saranno più in grado di infettarsi da soli o diventare una fonte di pericolo di infezione per gli altri.

    Un ragionamento piuttosto noioso! I pipistrelli, a cui è attribuito il merito di avere il coronavirus, non lo capiscono, ma sono portatori. Inoltre, i roditori murini, in particolare i ratti neri, sono portatori della peste, ma loro stessi non si ammalano, ne trasportano l'agente patogeno e sono un serbatoio naturale per il bacillo della peste. Allo stesso modo, i titolari di passaporti "covid" possono diffondere l'infezione in tutto il mondo come i topi.
  5. aleksandrmakedo Офлайн aleksandrmakedo
    aleksandrmakedo (Dubovitsky Victor Kuzmich) Aprile 29 2020 14: 14
    -3
    Senza senso. L'autore deve assolutamente essere in cima all'onda. Da qui la sua fretta di introdurre questo delirio nell'epidemia.
    Sono sempre stati richiesti certificati che attestano che un candidato è vaccinato contro le malattie che imperversano in un determinato paese, o che ne hanno estremamente paura. E non c'era entusiasmo per questo. Lanciare parole meravigliose è di gran moda in questi giorni. Che c'è di male nel fatto che prima del viaggio una persona, avvisata delle restrizioni all'ingresso, farà ciò che gli viene richiesto? Questo, alla fine, è una garanzia per il turista stesso che sarà protetto. Dopotutto, l'assicurazione medica sarà in vigore. Ho dovuto vaccinare e ricevere documenti sulle vaccinazioni contro il vaiolo e la febbre tifoide.

    Faccio appello all'autore: se un lebbroso ispirato dall'abolizione della servitù della gleba irrompe e chiede di sistemarlo con te, ti ricorderai della democrazia, o del linciaggio?
  6. aleksandrmakedo Офлайн aleksandrmakedo
    aleksandrmakedo (Dubovitsky Victor Kuzmich) Aprile 29 2020 14: 40
    -2
    Citazione: DigitalError
    se tali documenti dividono ancora una volta tutti gli abitanti della Terra in persone di "primo" e "secondo" grado ... Ahimè, è successo nella storia umana che ci sarà sempre chi sarà in grado di portare qualsiasi, anche all'inizio apparentemente buono e umano, idea di un assoluto così terribile da far fuori almeno i santi

    Il fascismo sta rialzando la testa, ora "digitale". E, a quanto pare, anche nel nostro Paese, purtroppo.

    Una tecnica simile è stata a lungo utilizzata, ad esempio, quando si valuta la necessità di rivaccinare contro lo stesso morbillo.

    Fino a che punto sono arrivati ​​i progressi - all'interno della tangenziale di Mosca? Mi è stato iniettato di nuovo il morbillo l'anno scorso, altrimenti non potevo entrare in sanatorio. Non ho corso rischi, non ho avuto tempo per il "metodo".

    È dove regna l'anarchismo democratico, dove ci sono più malati e morti. Il Padre Celeste sa cosa fare. Lascia che ti dia un paio di numeri. Pensa per te.

    Morti a Mosca = 546 in Russia = 972 Percentuale dell'intero paese = 56,17
    Malato a Mosca = 50646 In Russia = 99399 Percentuale dell'intero paese = 50,95

    Confronta questi numeri. Per lo più muoiono a Mosca. Malato - 51%, morente - 56%.
  7. Cittadino Mashkov Офлайн Cittadino Mashkov
    Cittadino Mashkov (Sergѣi) Aprile 30 2020 23: 05
    +2
    Questo ausweiss non è legale! Il fascismo non funzionerà! Evviva! Evviva! Evviva!