La Polonia potrebbe diventare comproprietaria di Nord Stream 2


I beni della russa Gazprom nei progetti Nord Stream-1 e Nord Stream-2 potrebbero essere arrestati in una causa di Varsavia vinta nell'arbitrato di Stoccolma. La parte polacca stima l'importo del risarcimento richiesto a 1,43 miliardi di dollari. La situazione ricorda dolorosamente la recente causa legale tra Gazprom e l'Ucraina per una multa di 3 miliardi di dollari.


Che cos'è questo, un nuovo tentativo di "pizzicare" il monopolista nazionale, o è questo il KSP ("il piano astuto della Polonia") per impadronirsi del Nord Stream-2?

Per quanto riguarda le affermazioni polacche, ci troviamo di fronte a un altro fallimento del top management e dell'ufficio legale della società statale. Il gasdotto Yamal-Europe va dalla Russia attraverso la Bielorussia e la Polonia fino alla Germania, con una capacità di 33 miliardi di metri cubi di gas all'anno. La quota di "Gazprom" nel progetto è del 48%, ed è stata realizzata principalmente con i soldi del monopolista. Per questo motivo, le entrate di Varsavia dal transito del gas non sono così grandi come vorrebbe. Inoltre, la Polonia riceve "carburante blu" dalla Russia per i propri bisogni.

Nel 2022, le autorità polacche minacciano di interrompere l'acquisto di gas russo, inoltre l'accordo di transito scade a maggio. Invece di estenderlo, Gazprom avrà l'opportunità di prenotare capacità tramite aste. Per diversificare le forniture, Varsavia ha costruito un terminale GNL, intende ampliarlo e costruirne uno nuovo e più potente. Inoltre, la Polonia ha lanciato il progetto Baltic Pipe, attraverso il quale il gas fluirà dalla Scandinavia per un importo di 10 miliardi di metri cubi all'anno.

Con una posizione negoziale abbastanza forte, la società statale polacca PGNiG è riuscita a vincere una causa nell'arbitrato di Stoccolma sulla questione della riduzione del prezzo del contratto Yamal, che le ha dato un importo di 1,43 miliardi di dollari. Il vice ministro Janusz Kowalski ha parlato in modo molto minaccioso su questo tema:

Si può affermare che tutti i progetti chiave implementati in Europa da Gazprom e dalle sue filiali potrebbero in definitiva servire a saldare efficacemente i debiti con la Polonia.

Varsavia intende soddisfare le sue richieste sequestrando i beni di Nord Stream 1 e Nord Stream 2. Sorge spontanea una domanda, perché non a scapito del gasdotto Yamal-Europe, che attraversa lo stesso territorio polacco? La risposta è logica: in questo caso la Polonia funge da canale per l'americano politica in Europa. Sono possibili diversi scenari.

In primo luogo, il sequestro dei beni potrebbe essere utilizzato per ritardare ulteriormente l'attuazione di Nord Stream 2. La nave posatubi Akademik Chersky si avvicina sempre di più al Baltico, dove, dopo la riattrezzatura, sarà in grado di completare i restanti 160 chilometri del gasdotto. La Polish Card può servire a Washington per ritardare il processo di costruzione invece di nuove sanzioni dirette contro Gazprom.

In secondo luogo, questa carta vincente potrebbe diventare una delle fasi del "piano astuto" per gli Stati Uniti per prendere il controllo del Nord Stream 2 per mano della Polonia. Non c'è niente di particolarmente sorprendente qui, qualcosa del genere è accaduto proprio davanti ai nostri occhi di recente. Dopo un duro "investito" dal Tesoro americano all'oligarca Oleg Deripaska, quest'ultimo è stato costretto a cedere una quota di controllo in Rusal ai vertici stranieri, e anche la sua vicinanza al Cremlino non lo ha aiutato, anzi, al contrario. . Ora il gigante metallurgico russo è controllato dal britannico Lord Barkley, ma per qualche motivo i media federali non gridano "zrada".

È un dato di fatto, perché qualcosa del genere non può accadere alla fine con Nord Stream 2? Ora il mercato europeo del gas è in declino, i prezzi del "carburante blu" stanno raggiungendo l'anti-record. Ma prima o poi economico la situazione inizierà a migliorare. Il gas a buon mercato sostituirà il carbone più velocemente e la domanda crescerà gradualmente. L'oleodotto russo giace a peso morto sul fondo del mare, gli Stati Uniti e alcuni paesi dell'Europa orientale sono categoricamente contrari al suo completamento perché il Cremlino, secondo la loro versione, eserciterà una "influenza dannosa".

Tutto può essere cambiato da un certo "compromesso", secondo il quale Gazprom sarà costretta a cedere parte della sua quota, ad esempio, alla Polonia, a titolo di rimborso del debito per 1,43 miliardi di dollari. La quota russa nel progetto diminuirà notevolmente, e quindi il grado di influenza, ma i partner europei saranno soddisfatti, compresa la stessa Germania, che sarà solo lieta di avere un tale "consenso". Il consiglio includerà "le persone giuste" e gli Stati Uniti potranno influenzare il funzionamento dei gasdotti attraverso Varsavia.

Questo è uno scenario molto realistico di scambio del debito con il permesso di completare la costruzione del Nord Stream 2 senza ostacoli inutili.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) Aprile 29 2020 13: 56
    0
    Se Gazprom finanzia "raduni armeni" su vari canali televisivi e l'apparizione liberale di tutti i tipi di liberali, sostenendo i media liberali, allora cosa aspettarsi da questi "manager", tranne il danno?
  2. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) Aprile 29 2020 14: 12
    0
    Questo non è l'HP dello pshek, questo è l'HP dello stratega, e quando pensa, il mondo intero si blocca.
  3. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) Aprile 29 2020 20: 56
    +4
    La Polonia rischia di ottenere un rifiuto da parte di Berlino di concedere nuovi prestiti alla Polonia e un ritardo nei pagamenti di quelli precedentemente ricevuti !!! Inutilmente la Polonia fa schifo Russia e Germania, può portare alla prossima liquidazione della statualità polacca !!!
  4. 123 Online 123
    123 (123) Aprile 30 2020 00: 32
    -1
    Per quanto riguarda le affermazioni polacche, ci troviamo di fronte a un altro fallimento del top management e dell'ufficio legale della società statale. Il gasdotto Yamal-Europe va dalla Russia attraverso la Bielorussia e la Polonia fino alla Germania, con una capacità di 33 miliardi di metri cubi di gas all'anno.

    Di nuovo, lo stupido Miller, che sta costruendo gasdotti per stranieri usando i soldi dei pensionati. risata

    La quota di "Gazprom" nel progetto è del 48%, ed è stata realizzata principalmente con i soldi del monopolista.

    Si tratta infatti della sezione polacca del gasdotto.

    Europol Gaz è una joint venture tra Gazprom e la polacca PGNiG (ciascuna proprietaria del 48% delle azioni della società). La JV possiede il gasdotto operativo Yamal-Europe in Polonia. Un altro 4% di Europol Gaz è di proprietà di Gas-Trading SA

    È questa JV che è proprietaria di questa sezione del gasdotto.

    https://www.europolgaz.com.pl/

    Per quanto riguarda la costruzione, è radicata nel profondo passato, quindi l'URSS e la Repubblica popolare di Polonia esistevano ancora.

    La storia della costruzione di Yamal è una storia sullo scontro politico tra tre potenti blocchi: gli Stati Uniti, l'Europa occidentale e l'Unione Sovietica. Il progetto del gasdotto era già pronto nel 1980 e il primo accordo fu firmato dalla Repubblica federale di Germania e dall'URSS nel 1981.

    https://inosmi.ru/economic/20170623/239663663.html

    Nel 1993 è stato firmato un accordo intergovernativo "Sulla creazione di un sistema di gasdotti per il transito del gas russo attraverso il territorio della Repubblica di Polonia". All'interno della sua struttura, le società Gazprom e PGNiG hanno creato l'impresa EuroPol GAZ.

    Era questa società l'investitore. Il resto è stato costruito da JSC "Lengazspetsstroy", le restanti sezioni del gasdotto (Bielorussia, Russia) sono di proprietà di Gazprom.
    La costruzione del gasdotto è stata completata nel 1999.
    Può essere. Mi sbaglio, ma non ho bisogno di dire a Gazprom gli accordi conclusi tra l'URSS e la Polonia di Bratsk, e quello che stava succedendo nel nostro paese nel 1993, in generale, non è del tutto giusto.
    Tutto il clamore intorno a questo gasdotto è dovuto alla scadenza del contratto il 16 maggio 2020. Le vecchie condizioni non si adattano alla Polonia, lamentano che 4,8 milioni di euro all'anno per il transito non sono sufficienti.

    https://iz.ru/911042/aleksandr-frolov/polskaia-mechta

    Semmai li capisco - confronta quanto guadagna l'Ucraina.
    C'è anche un terzo pacchetto energia e così via, in generale, venderanno capacità alle aste, a quanto pare Gazprom non è molto contraria, soprattutto perché ha poca scelta. La legislazione europea sarà comunque introdotta, la Polonia è il territorio dell'Unione europea.
    In generale, fino al completamento della costruzione del Nord Stream 2, i nervi si agiteranno. sì
    Cosa senti di "Academician Chersky"? Il canale è finito?
    Tutte le altre (primo, secondo) "identità aziendale" sono sparite, panico in città. assicurare
    Mescolato in un gruppo di persone, cavalli. risata Dov'è Deripaska e dov'è il gasdotto polacco. strizzò l'occhio
  5. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) Aprile 30 2020 05: 25
    -4
    - Bravo, l'autore ... - un vecchio argomento; ma nella sua attualità è la più urgente ...
    - Piuttosto ... - nemmeno oggi ... - ma domani ...
    - Personalmente, ho già cercato di trasmettere questo molte volte per molto tempo ... al pubblico rispettabile .... -ma il "pool negativo" ... ecc ... ecc ...

    I beni della russa Gazprom nei progetti Nord Stream 1 e Nord Stream 2 potrebbero essere arrestati in una causa a Varsavia vinta nell'arbitrato di Stoccolma. La parte polacca stima l'importo del risarcimento richiesto a 1,43 miliardi di dollari.

    In primo luogo, il sequestro dei beni può essere utilizzato per ritardare ulteriormente l'implementazione di Nord Stream 2. La nave posatubi Akademik Chersky si avvicina sempre di più al Baltico, dove, dopo la riattrezzatura, potrà completare i restanti 160 chilometri del gasdotto. La Polish Card può servire a Washington per ritardare il processo di costruzione invece di nuove sanzioni dirette contro Gazprom.

    - Sì, facilmente ... - Non appena gli americani daranno il via libera alla Polonia, la Polonia lo farà immediatamente ...
    - Gli americani lo avrebbero fatto molto tempo fa, ma ... - l'epidemia di coronavirus, la situazione petrolifera, la tensione con la Cina ... - E finora non è solo fino a questo ... - Ma Trump tornerà sicuramente su questo ... - perché ha le elezioni ...

    Polonia, con rimborso del debito per un importo di $ 1,43 miliardi. La quota russa nel progetto sarà notevolmente ridotta

    - Sì, è già "notevolmente sfocato" ...
    - Ma tutto questo "Nord Stream-2" oggi ... non è la cosa più importante ... - E la cosa più importante oggi ... è il "GNL russo Yamal" ... - Che formalmente oggi è "elencato" "sotto" sotto gli auspici di NOVATEK "; ma chi sono i suoi "proprietari ufficiali" ... - è difficile da determinare oggi ... - Certo ... - un altro truffatore NOVATEK riceverà la sua parte ... - e riceverà per intero ... - Ma per Russia ...- come sempre ... - come nelle divertenti fiabe russe: "Scorreva dai baffi, ma non entrava in bocca .." ....
    - L'autore è il mio plus ... - Avrei messo di più ... - ma - ahimè ... .. - Io personalmente sono al singolare ...
  6. lavoratore dell'acciaio Aprile 30 2020 10: 08
    0
    I fan non hanno nulla da discutere contro gli argomenti dell'articolo, come al solito. Ma hanno solo una conclusione: Gazprom, i liberali, i media, gli Stati Uniti sono da incolpare, persino l'URSS ne ha portata una. Ma non è colpa di Putin qui !? Il fatto è che in URSS tutti i progetti statali sono stati firmati personalmente dal capo dello stato, poi dai ministeri. E Breznev firmerà e poi lo bacierà di nuovo. Pertanto, questi progetti funzionano da decenni e non possono essere interrotti in alcun modo. Fan, avete visto Putin firmare qualcosa davanti alla telecamera negli ultimi 20 anni? Nessuna firma, nessun accordo. Pertanto, Gazprom e Rosneft, e lanciare e citare in giudizio tutti quanti. Anche Trump mostra ogni sua firma sulla telecamera. E con noi, "il re non è reale!" Quindi rastrelleremo finché non cambieremo il re!
  7. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 1 può 2020 01: 29
    +4
    A quanto pare, è necessario spiegare agli svedesi che il desiderio di sei contro la Federazione Russa può essere costoso per la loro industria ...