La proclamazione di Haftar a capo della Libia gioca nelle mani della Russia


curioso notizie proveniva dalla Libia. Non essendo riuscito a conquistare la capitale di Tripoli con la forza militare in un anno, il feldmaresciallo Khalifa Haftar ha deciso di farlo con un trucco. Il comandante dell'LNA si è semplicemente proclamato capo di stato sulla base di un "mandato popolare" e ha respinto gli accordi di Skhirat, sulla base dei quali si è formato l'opponente Governo di Accordo Nazionale (GNA).


È un gesto di disperazione o un piano deliberato di Haftar e della coalizione di giocatori esterni dietro di lui?

Ricordiamo che la Libia è in uno stato di caos permanente dopo l'aggressione della NATO nel 2011, che ha portato al massacro del suo leader Muammar Gheddafi e ha distrutto il Paese, trasformandolo in un conglomerato di "politiche" e unioni tribali costantemente in guerra. Ad est, il vero potere è nel Parlamento eletto, al quale è subordinata l'LNA di Haftar. Ad ovest, a Tripoli, si riunisce il PNS Faiza Sarraja, nato proprio sulla base di un accordo firmato nel 2015 nella città di Sihrat. Oltre al mandato ufficialmente riconosciuto dall'ONU, questo governo non ha un potere effettivo sulla Libia, ma ha il diritto di firmare trattati internazionali, che è quello utilizzato da alcuni attori esterni.

La situazione è complicata dal fatto che entrambe le parti in conflitto sono sostenute da intere coalizioni di stati stranieri. Si ritiene che dietro Haftar ci siano Francia, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita. Dopo Sarraj - Italia, Gran Bretagna, Qatar e Turchia. La Russia assume una posizione ambivalente. Da un lato Mosca riconosce il PNS, dall'altro i mercenari di origine russa sono segnati dalla parte del feldmaresciallo.

Nonostante un inizio attivo la scorsa primavera, l'LNA non è mai riuscita a conquistare Tripoli. L'offensiva è rimasta bloccata in una lotta di posizione. Dall'inizio del 2020, il caso è stato complicato dall'intervento attivo della Turchia. Ankara ha firmato un memorandum di cooperazione militare con il PNS, iniziando a trasferire i suoi militari, militanti siriani, nonché aumentando la fornitura di armi, in particolare UAV. Ciò ha ulteriormente peggiorato la posizione del maresciallo di campo.

Ma molta più preoccupazione delle altre parti in conflitto è stata causata dal memorandum sulla delimitazione delle zone marittime, che il presidente Erdogan ha rapidamente firmato con Sarraj in cambio di assistenza militare:

Turchia e Libia hanno firmato un memorandum d'intesa sulla delimitazione delle zone marittime nel Mediterraneo orientale. Il memorandum è stato ratificato dal parlamento, approvato da me ed è stato ora inviato all'ONU.

L'agile e veloce leader turco intende ottenere un accesso legale alla piattaforma petrolifera e del gas della Libia, ponendo allo stesso tempo ostacoli alla realizzazione di progetti energetici per i suoi concorrenti. È noto che il Mediterraneo orientale è ormai un groviglio in cui si intrecciano gli interessi per lo sviluppo e il trasporto di idrocarburi da parte di molti paesi.

Non sorprende che l'attività del presidente Erdogan gli abbia immediatamente messo contro l'Italia, gli Emirati Arabi Uniti, l'Egitto, la Grecia, Cipro e Malta. Ora molte persone vogliono sbarazzarsi della presenza turca in Libia, nonostante Ankara intenda rafforzare la sua ex provincia costruendo basi militari in punti chiave. Tempo fa noi dettocome, secondo le informazioni disponibili, gli Emirati Arabi Uniti fossero pronti a pagare a Damasco diversi miliardi di dollari affinché l'esercito siriano riprendesse la sua offensiva a Idlib, attirando tutta l'attenzione della Turchia a nord della RAS.

presente politico La mossa di Haftar con la denuncia degli accordi di Syhrat si adatta bene a questo schema. Se non sono validi, il governo creato sulla loro base non ha un mandato, il che significa che gli accordi che ha firmato con Ankara sono illegali. La logica potrebbe essere qualcosa del genere. La risposta della comunità internazionale alla dichiarazione di Haftar è mista. Da un lato, questo passo unilaterale è stato condannato sia dall'UE che da Mosca. Il capo della diplomazia europea Peter Stano ha dichiarato:

Invitiamo tutti gli attori, tutti coloro che hanno influenza su questi partiti, ad aumentare la pressione affinché pongano fine alle ostilità e inizino a cercare una soluzione politica. Questo è necessario per il paese e la sua gente.

D'altra parte, stiamo parlando di una sorta di decisione politica, ma cosa può essere in pratica? Nuovo accordo ed elezioni, probabilmente giusto? Ecco cosa ha detto lo stesso Khalifa Haftar:

Libici, avete risposto al nostro appello per annunciare la fine dell'accordo politico che ha distrutto il Paese e all'appello per dare potere a chi ritenete più degno di governare in questa fase.

LNA oggi controlla il 75% del territorio del Paese. Haftar, o meglio il suo protetto, una certa figura di compromesso, può ottenere un vero e proprio "mandato del popolo libico" a seguito del plebiscito, e poi mandare alla fornace i memorandum firmati dal PNC con Ankara e mettere ufficialmente fuori la Turchia dal porta, che sarà molto vantaggiosa per Mosca ... È del tutto possibile che un tale scenario, o le sue variazioni, possano diventare un consenso internazionale. Sarebbe un modo legalmente competente per tirare fuori la miccia accesa dalla polveriera, nella quale, con l'espansione turca, si sta sempre più trasformando il Mediterraneo orientale.

Il quotidiano turco filo-governativo Daily Sabah lo fa ho scritto che la vittoria di Haftar in Libia avrebbe indebolito il dominio americano ed europeo nella regione, e la Cina e la Russia avrebbero preso il loro posto.

Bene, il tempo lo dirà.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) Aprile 29 2020 14: 36
    -6
    LNA oggi controlla il 75% del territorio del Paese. Haftar, o meglio il suo protetto, una certa figura di compromesso, può ottenere un vero e proprio "mandato del popolo libico" a seguito del plebiscito, e poi mandare alla fornace i memorandum firmati dal PNC con Ankara e mettere ufficialmente fuori la Turchia dal porta, che sarà molto vantaggiosa per Mosca ...

    - Ahimè, ma questo è un argomento debole ... - Il 5% è troppo per il mondo arabo ... - E questo 25% è interamente "sul turco" e è pronto a sostenere la Turchia in "qualsiasi forma" ... - e anche nell'esercito...

    Il quotidiano filo-governativo turco Daily Sabah ha persino scritto che la vittoria di Haftar in Libia avrebbe indebolito il dominio degli americani e degli europei nella regione, e la Cina e la Russia avrebbero preso il loro posto.

    - Nello specifico - ancora la Russia per la Cina trarrà le castagne fuori dal fuoco con le proprie mani... - Sì, quando la Russia si libererà finalmente di questa Cina???
    - Ci aspetta un'estate secca ... - ed è già giunto il momento per la Russia di limitare la fornitura di prodotti agricoli e altri prodotti alimentari alla Cina ...
    1. Zeno Zeno Офлайн Zeno Zeno
      Zeno Zeno (Zeno Zeno) Aprile 29 2020 15: 36
      +4
      Nello specifico, la Russia di nuovo per la Cina trarrà le castagne fuori dal fuoco con le proprie mani... -Sì, quando la Russia si libererà finalmente di questa Cina???
      - Ci aspetta un'estate secca ... - ed è già giunto il momento per la Russia di limitare la fornitura di prodotti agricoli e altri prodotti alimentari alla Cina ...

  2. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) Aprile 29 2020 18: 08
    +1
    Per la Turchia, questa non è solo una lotta per l'influenza in Libia, è anche una lotta per la piattaforma nel Mediterraneo orientale. Malta, Egitto, Cipro e Grecia in questo confronto saranno per Haftar, per impostazione predefinita, devono annullare la demarcazione dello scaffale firmata da Tripoli con Ankara.
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) Aprile 30 2020 07: 16
      -2
      Giusto. Una grande compagnia si è radunata contro Saraj.
      1. Alexzn Офлайн Alexzn
        Alexzn (Alexander) Aprile 30 2020 10: 12
        -2
        Molti non capiscono che anche la Russia sostiene il maresciallo, sebbene non voglia entrare in uno scontro molto aperto con Tripoli. Un'altra operazione per conciliare le parti su una delle parti. Forse questo darà i suoi risultati.
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 3 può 2020 00: 10
    0
    Da che parte starà la Cassaforte, quella parte vincerà.
  4. Serge Tixiy Офлайн Serge Tixiy
    Serge Tixiy (Serge Tixiy) 7 può 2020 20: 20
    +2
    Ebbene sì, Khalifa Haftar, che è un cittadino statunitense, la cui famiglia vive negli Stati Uniti, che non nasconde la sua stretta relazione con la CIA, ricorderà improvvisamente la sua giovinezza (studiando in URSS, badate bene - non nel russo Federazione) e inizierà a "versare acqua" nel "mulino" russo?! Chi ci crederà? E quanto vivrà lo stesso Haftar in questo caso? Non era per questo che gli Stati Uniti stavano distruggendo il prospero stato della Libia per far entrare la Russia.