Il crollo del petrolio era solo una "prova generale" per il crollo imminente


Il crollo che ha colpito i mercati energetici il 20 aprile è stata solo una prova generale per un crollo globale che attende l'intera produzione mondiale di petrolio e l'industria di esportazione nel prossimo futuro. Nessun negoziato e nessun accordo per ridurre il volume delle materie prime pompate dall'interno della terra aiuterà. La catastrofe imminente non può essere né prevenuta né ritardata. Può essere sperimentato solo ...


Posizione generale


Gli impianti di stoccaggio del petrolio dell'intera Terra stanno straripando. In questo caso, non è una metafora artistica, non un'esagerazione, ma un'affermazione letterale di un fatto estremamente triste. Secondo le stime di Goldman Sachs Group Inc., dall'inizio di quest'anno hanno già pompato 700 milioni di barili di "oro nero", che nessuno vuole comprare. 250 milioni di barili oggi "penzolano" attraverso i mari e gli oceani nelle stive delle petroliere, che di fatto non hanno un posto dove salpare. Almeno 20 di questi "olandesi volanti" di petrolio con 20 milioni di barili a bordo andarono alla deriva al largo della costa della California, più di tre dozzine di simili poveri "accorsero" al largo delle coste dell'Europa nord-occidentale, più di un centinaio nelle vicinanze del porto di Singapore. La ragione di ciò non è solo un calo, ma, di fatto, una completa mancanza di domanda di idrocarburi. Rystad Energy stima il calo dei consumi causato dalla pandemia globale di coronavirus a 20 milioni di barili al giorno e Trafugura a 35. L'Agenzia internazionale dell'energia afferma che la domanda di petrolio è diminuita di oltre il 30% rispetto ai volumi usuali.

Tra gli analisti, ora ci sono solo controversie su quando esattamente i serbatoi riempiti "sotto il tappo" riceveranno l'ultima tonnellata, barile, litro di "oro nero". Le previsioni spaventose non differiscono molto. Oilx, utilizzando i dati delle immagini satellitari degli impianti di stoccaggio del petrolio, concede sei settimane per riempirli. Lo stesso Goldman Sachs è ancora più "ottimista": tre settimane, al massimo un mese - e basta. A metà maggio il mercato perderà la necessità di altri 18 milioni di barili al giorno, dopodiché almeno una piattaforma petrolifera su cinque dovrà fermarsi sul pianeta. Anche così, il mercato dell'energia non mancherà, almeno fino a giugno. La ripresa dei prezzi del petrolio a posizioni reali e accettabili per gli esportatori potrebbe protrarsi fino alla metà del prossimo anno. Ci sono ancora troppe "incognite" per previsioni accurate: tutto dipenderà dalla velocità di uscita dell'umanità dalla quarantena e dalla crisi economica, dal volume e, ancora una volta, dal tasso di ripresa del traffico, principalmente aviazione. Resta da resistere e aspettare.

Russia


Secondo i dati più recenti, il Presidente del Paese ha tenuto un incontro straordinario con i rappresentanti dell'industria dei combustibili e dell'energia, dedicato principalmente al periodo di "turbolenza" che sta attraversando. Secondo Vladimir Putin, il mondo non ha mai visto problemi di così vasta portata che "sono di natura globale e vanno ben oltre i nostri confini nazionali". "Con il petrolio sta accadendo qualcosa di senza precedenti", ha ammesso il capo dello stato. Tuttavia, Vladimir Vladimirovich è disposto in uno spirito di moderato ottimismo - parla di "raggiungere accordi e lavorare insieme per bilanciare il mercato" con partner stranieri, e promette anche "una serie di altre soluzioni" che consentiranno alle imprese del settore di sviluppare in conformità con la produzione a lungo termine e i piani di investimento. ... La posizione del capo di stato è sostenuta dal ministro dell'Energia russo Alexander Novak. Secondo lui il picco del calo del consumo di "oro nero" sul pianeta è già vicino e, superandolo, si potrà dire che il peggio è passato.

Tutto sommato, secondo Novak, il calo medio annuo della produzione di petrolio in Russia non sarà superiore al 10%. Il ministro è molto più preoccupato per un calo del 30-40% del carico di lavoro del settore dei servizi petroliferi, che ritiene necessario per mantenerlo in uno stato pienamente operativo fino a un nuovo aumento della domanda e, di conseguenza, un aumento delle esportazioni nazionali di energia. . Alexander Novak è incline a credere che un certo positivo apparirà dopo i primi passi decisivi compiuti dai paesi europei per revocare le restrizioni di quarantena e l'entrata in vigore dell'ultimo accordo OPEC +, e entro la fine di quest'anno ci si può aspettare una certa stabilizzazione dei prezzi dell'energia. Secondo gli esperti, una grave svalutazione del rublo (fino a 100-110 per dollaro) e, di conseguenza, un calo significativo del tenore di vita dei nostri cittadini può essere causato solo dalla presenza a lungo termine dei prezzi del petrolio nel Zona "zero" o addirittura negativa, che porterebbe al prezzo medio annuo su di esso da $ 30 al barile e inferiore. Tuttavia, in connessione con l'inizio dell'uscita del mondo dal periodo delle più severe misure restrittive legate alla pandemia, la maggioranza assoluta degli economisti ritiene improbabile una previsione così "nera".

Arabia Saudita


Lo Stato, che ha preso a "far dispetto a tutti", inonda il pianeta con flussi di petrolio super economico che oggi sta raccogliendo i frutti delle sue azioni piuttosto avventate. Solo nel mese di marzo, Riyadh ha perso le proprie riserve di oro e valuta estera per un importo record dal 2007 di 100 miliardi di riyal ($ 27 miliardi). Il paese ha perso il 5% delle proprie riserve auree, che alla fine sono scese a $ 464 miliardi, che è il volume minimo dal 2011. Ciò è chiaramente contrario ai piani e ai calcoli delle autorità locali - dopotutto, la scorsa settimana, il ministro delle finanze Mohammed al-Jadaan ha dichiarato che il governo intende spendere non più di 2020 milioni di reais dei propri "risparmi" per tutto il 120. L'anno è ancora molto lontano dalla fine, ma il dato annunciato è effettivamente andato a tentare di compensare la diminuzione delle entrate petrolifere dello stato nel primo trimestre del 2020 del 24% e tutti gli altri - del 17%. Per l'Arabia Saudita, il cui budget dipende dalle esportazioni energetiche, forse anche in misura molto maggiore rispetto alle tesorerie del nostro Paese, la situazione appare estremamente sfavorevole.

Inoltre, secondo le stime degli analisti finanziari, quello che sta accadendo è solo l'inizio dei problemi. In ogni caso, questo è esattamente ciò che pensano gli esperti di Bloomberg, ad esempio, che definiscono la situazione attuale solo un "preludio" per Riyadh. A loro avviso, la riduzione dei propri risparmi, associata a una diminuzione dei prezzi dell'energia, prevede che il paese nel secondo trimestre, quando i sauditi dovranno "andare sempre più a fondo nella propria scatola" per stabilizzare il economico situazioni. Tuttavia, l'Arabia Saudita oggi non fa davvero affidamento sulle proprie forze - secondo lo stesso Bloomberg, solo recentemente il paese è entrato due volte nei mercati obbligazionari internazionali e ha raccolto circa 20 miliardi di debiti da investitori locali e internazionali. A quanto pare, non lo eviterà in futuro. In definitiva, l'espansione di marzo nei mercati energetici con un aumento della loro produzione a 12-13 milioni di barili al giorno e l'offerta di sconti inauditi a tutti gli acquirenti sta costando a Riad molto caro. Possiamo solo sperare che si traggano le conclusioni corrette dagli eventi attuali.

Stati Uniti d'America


Nel febbraio di quest'anno, la produzione di "oro nero" negli Stati Uniti è stata mantenuta fiduciosamente intorno ai 13 milioni di barili al giorno. Tuttavia, secondo l'Energy Information Administration (EIA) del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, ora questa cifra ha iniziato a diminuire a un ritmo rapido: da metà marzo, la diminuzione del volume giornaliero è stata di 1 milione e nell'ultima settimana è sceso di altri 100mila barili. Molto probabilmente, le stime della stessa VIA, che prevedeva una riduzione annuale della produzione di "oro nero" nel Paese del 9,5% - a 11,76 milioni di barili al giorno, seguita da una diminuzione nel 2021 a poco più di 11 milioni. barili al giorno, si è rivelato troppo ottimista. Gli analisti di IHS Markit Ltd ritengono che nel prossimo futuro, molto probabilmente, gli impianti di perforazione che pompano 1,75 milioni di barili al giorno si fermeranno molto probabilmente e, in generale, il "meno" per l'industria petrolifera statunitense sarà almeno il 20% del il suo recente volume di produzione. Nel frattempo, c'erano già notizie di società americane portate alla rovina dal calo dei prezzi. Finora, stiamo parlando delle "società di scisto" Whiting Petroleum e Continental Resources. Ma gli esperti di mercato negli Stati Uniti stanno già parlando di una possibile "reazione a catena" nel settore.

Secondo gli specialisti della società di analisi e consulenza americana Rystad Energy, i prezzi del petrolio di $ 10 o meno al barile porteranno all'inevitabile bancarotta di oltre 1,1mila aziende coinvolte nell'estrazione di idrocarburi e sono già indebitate, come si suol dire, "a capofitto". Gli investitori, che fino a poco tempo fa ammiravano le prospettive dello "scisto", stanno ora iniziando a rifuggire da esso peggio che dal coronavirus. L'unica speranza di salvezza per l'industria in un paese in cui si vanta di una stretta aderenza alle "leggi del libero mercato" è l'intervento del governo. Washington, devo dire, reagisce a ciò che sta accadendo in un modo piuttosto peculiare - in particolare, si è saputo che la US Commodities Trading Commission ha annunciato la sua intenzione di avviare un'indagine su possibili violazioni della legislazione sugli scambi di merci durante il commercio il 20 aprile. , quando il prezzo dei futures di maggio del WTI americano ha raggiunto i -40 dollari al barile. Tuttavia, il governo sta anche parlando di alcuni "piani per salvare la produzione di petrolio". Tuttavia, ciò di cui si discute esattamente non è ancora molto chiaro. Il segretario al Tesoro Usa Stephen Mnuchin, in particolare, ha detto di "esplorare molte opzioni possibili", sottolineando, tuttavia, che "la decisione finale non è stata ancora raggiunta". Nel frattempo, mentre il dibattito e la "costruzione del consenso" continuano, i lavoratori petroliferi americani stanno andando verso il collasso ogni giorno.

A proposito, secondo lo stesso Mnuchin, una delle opzioni prese in considerazione è l'erogazione di linee di credito federali alle compagnie minerarie. Tuttavia, molto probabilmente questo sarà fatto in cambio di una parte significativa delle loro azioni, infatti, per il trasferimento delle partecipazioni di proprietà di queste società allo stato. Va notato che praticamente non c'è altra opzione per i "produttori di scisto" per ottenere aiuto dal tesoro. In termini di dimensioni, di certo non attirano a sostegno delle "piccole imprese" che la Casa Bianca promette di stanziare somme molto considerevoli. Washington è arrivata al punto di nazionalizzare, anche se in parte, il proprio settore dei combustibili e dell'energia? Per inciso, gli analisti di IHS Markit, citati nella sua pubblicazione su questo argomento dal tedesco Die Welt, ritengono che la Russia e l'Arabia Saudita abbiano molte più probabilità di sopravvivere al catastrofico calo dei prezzi del petrolio con perdite minime (almeno non critiche), non solo perché il costo delle loro risorse energetiche è inferiore a quelle americane e, prima di tutto, per il fatto che le loro imprese minerarie sono in mano allo Stato, e non a proprietari privati, negli Stati Uniti, inoltre, completamente dipendente dai capricci degli investitori.

In un modo o nell'altro, ma davanti a tutti gli stati che occupano posizioni chiave nei mercati energetici mondiali sono tempi estremamente difficili. Ogni paese ha le sue realtà e le sue "condizioni di partenza" prima di questa, mi piacerebbe molto sperare, l'ultima prova di forza. Chi e come riuscirà a passarlo, lo scopriremo molto presto.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
30 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 30 2020 11: 17
    +2
    Se l'estate è davvero calda, molta elettricità andrà a condizionatori e frigoriferi. E in questo caso è meglio prenderlo dal CHP.
    In Russia: in relazione allo scoppio degli incendi, è necessario fornire carburante a tutti i ministeri delle emergenze e alle organizzazioni ambientali. Con l'aumento del numero di lavoratori forestali a tempo pieno, in Siberia e in Estremo Oriente, è possibile aumentare il numero di persone che ci vivono e hanno bisogno di prodotti petroliferi!
    Infine, è necessario iniziare a raffinare il petrolio non solo per la benzina, ma anche per l'industria leggera. Per produrre tessuti e corde, plastiche, materiali compositi, ecc.
  2. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) Aprile 30 2020 12: 16
    +5
    Stiamo infatti assistendo a una nuova riorganizzazione, direi, del mondo! Il mondo finanziario, per essere precisi. Sarà praticamente impossibile sopravvivere da soli in un momento simile; secondo me, solo i sindacati dei paesi, i sindacati forti, e non la loro parodia, sopravviveranno.
    Ebbene, e, di conseguenza, Dio non voglia, come in questi casi possono esserci conflitti armati locali!
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) Aprile 30 2020 13: 06
      +3
      Non ci saranno alleanze forti, ma zone valutarie. Ci sarà Yalta 2.0, dove la Federazione Russa, gli Stati Uniti, la Cina e, in parte, l'India taglieranno i confini di queste zone e determineranno le condizioni del gioco per i prossimi decenni.
      Ho scritto di questo qui più di una volta e sono stato ridicolizzato per questo. Tipo, vivo in una realtà parallela. E la vita, lentamente, prende il suo pedaggio.
      1. Arkharov Офлайн Arkharov
        Arkharov (Grigory Arkharov) Aprile 30 2020 18: 30
        -7
        E ancora una volta ridicolizzato ...
        1. Boriz Офлайн Boriz
          Boriz (borizia) Aprile 30 2020 19: 35
          +4
          Lo hai già colpito, vuoi nuove esperienze?
          1. Arkharov Офлайн Arkharov
            Arkharov (Grigory Arkharov) 1 può 2020 07: 12
            -5
            Se all'improvviso sei me, dove sei finito?
            1. Boriz Офлайн Boriz
              Boriz (borizia) 4 può 2020 11: 31
              +3
              Sulla carta igienica negli Stati Uniti. Hai dimenticato, ma le persone, a giudicare dagli svantaggi, ricordano.
              1. Arkharov Офлайн Arkharov
                Arkharov (Grigory Arkharov) 4 può 2020 12: 12
                -3
                Puoi in qualche modo esprimere i tuoi pensieri in modo più chiaro? Scrivi solo le somiglianze di pensieri che sono comprensibili a te stesso e quasi nemmeno a te stesso. Che tipo di persone, che tipo di carta igienica? Quindi per ogni tuo lampo di pensiero organizzare un processo? Voglio solo dire: ZERO!
                1. Boriz Офлайн Boriz
                  Boriz (borizia) 4 può 2020 12: 33
                  +2
                  https://topcor.ru/13830-panicheskij-shoping-kak-ssha-ostalis-s-pustymi-polkami.html#comment

                  Leggi i commenti per il post.
                  1. Arkharov Офлайн Arkharov
                    Arkharov (Grigory Arkharov) 4 può 2020 13: 00
                    -2
                    Non hai capito cosa volevi dire? Che un certo numero di idioti si sia precipitato a comprare la carta igienica per qualche motivo, dopo un paio di giorni hanno smesso di farlo perché l'azione era priva di significato? Mi chiedo quanti sacchi di grano saraceno deperibile costano alla nostra popolazione? Non abbiamo e non accade? L'America è crollata? Una specie di risata. "Tutto era confuso" nelle teste dei para-patrioti.
  3. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) Aprile 30 2020 12: 41
    +2
    Va notato che non c'è praticamente altra opzione per i "produttori di scisto" per ottenere aiuto dal tesoro. In termini di dimensioni, di certo non attirano a sostegno delle "piccole imprese" che la Casa Bianca promette di stanziare somme molto considerevoli.

    Perché? È l'olio di scisto che viene trattato principalmente da piccole imprese. Spesso sono solo una famiglia.
    L'unica domanda è: gli Stati Uniti avranno abbastanza soldi per sostenere tutto alle nuove condizioni? Sì, e desideri. Nel contesto dei prezzi del petrolio molte volte superiori al suo costo, chi ha bisogno di questo gruppo di società poco promettenti. Anche se c'è il desiderio di sostenerli, mentre tutti sono risolti, le aziende che non hanno un margine di sicurezza interromperanno la produzione di petrolio. E nelle condizioni della tecnologia dello scisto, anche una breve interruzione della produzione renderà irrealistico la ripresa.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) Aprile 30 2020 13: 01
      +1
      Siamo spiacenti, i prezzi del petrolio sono parecchie volte inferiori al prezzo di costo.
    2. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) Aprile 30 2020 19: 44
      +1
      La tecnologia Shale è più flessibile della tecnologia tradizionale. Puoi riprendere la produzione abbastanza rapidamente. Un'altra cosa è che lo "shale" non ha mai mostrato redditività e sarà abbastanza difficile trovare investitori pronti a reinvestire in questa avventura.
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) Aprile 30 2020 12: 45
    +3
    E dove sono gli ululati del funerale come: "Il KSA e gli Stati Uniti hanno punito e schiacciato la Russia per la sua" avventura petrolifera "?
  5. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) Aprile 30 2020 12: 58
    +1
    Tuttavia, l'Arabia Saudita oggi non fa davvero affidamento sulle proprie forze - secondo lo stesso Bloomberg, solo recentemente il Paese è entrato due volte nei mercati obbligazionari internazionali e ha raccolto circa 20 miliardi di debiti da investitori locali e internazionali. A quanto pare, non lo eviterà in futuro.

    Certo, chiederanno un prestito. Ma chi li darà?
    Vedo solo una ragione per cui qualcuno KSA decide di dare dei soldi. Questo: approfittare dei nuovi problemi finanziari e di altro tipo della KSA (che sono facili e poco costosi da organizzare, di cui ho scritto l'altro ieri nel commento al post -

    https://topcor.ru/14386-iiss-rossija-provalila-svoju-neftjanuju-avantjuru.html#comment)

    - prendere il controllo del paese. La Federazione Russa con l'Iran in azioni dominerà perfettamente questo evento. E gli Stati Uniti, a quel punto, non saranno più in grado di impedirlo. E Israele avrà un alleato in meno. E quindi, niente di niente.
    1. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) Aprile 30 2020 19: 45
      +2
      Non credo che la Russia o l'Iran saranno in grado di prendere il controllo del KSA. Preferirei credere in Israele. wassat
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 30 2020 13: 29
    -3
    Da 30 anni ormai, il "crollo imminente" sta per arrivare, il "crollo imminente" sta per arrivare ...
    E non dà fastidio ...

    Ma in realtà, scrivono, l'India sta già ricominciando per un periodo lavorativo di 6 giorni, Yusa viene riavviato, Italia e Francia apriranno caffè e musei, in Russia si dice lo stesso dopo le vacanze, Bielorussia e soci generalmente sputano, e la Cina si sta fregando le mani sul prezzo del petrolio e del gas ...
  7. T. Henks Офлайн T. Henks
    T. Henks (Igor) Aprile 30 2020 14: 41
    +2
    Domanda stupida di un utente stupido: se non hai bisogno di olio, perché scaricarlo? Viviamo su piani diversi con produttori di petrolio? Chi sta prendendo in giro chi? Ecco Marx del Capitale in tre volumi che mi sussurra sul principio fondamentale dei capitalisti sulla crisi della sovrapproduzione. O qualcosa è cambiato radicalmente nel mondo?
    1. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) Aprile 30 2020 18: 32
      -4
      Bene, lo scaricheranno sempre meno. E guai a chi è fissato su di esso ...
      1. Nick Офлайн Nick
        Nick (Nicholas) Aprile 30 2020 20: 03
        +2
        Citazione: Arkharov
        Bene, lo scaricheranno sempre meno. E guai a chi è fissato su di esso ...

        Sì, i sauditi sono coperti.
        1. Arkharov Офлайн Arkharov
          Arkharov (Grigory Arkharov) 1 può 2020 07: 15
          -3
          Forse hai ragione. E forse non solo a loro?
          1. Nick Офлайн Nick
            Nick (Nicholas) 2 può 2020 20: 07
            +2
            Citazione: Arkharov
            Forse hai ragione. E forse non solo a loro?

            Sono d'accordo. Anche i petrolieri americani avranno difficoltà. Sembra che la Russia non solo abbia difeso i suoi mercati petroliferi, ma ne abbia anche presi altri. Ad aprile di quest'anno, la Russia ha venduto una media di 6,38 milioni di barili al giorno sui mercati esteri. Le vendite giornaliere medie nei tre mesi precedenti sono state di soli 5,07 fusti al giorno. La crescita delle vendite di aprile rispetto al periodo precedente è stata del 26%.
            "Xsperds" come il signor Marzhetsky ha dimostrato ancora una volta la loro incompetenza.
    2. Nick Офлайн Nick
      Nick (Nicholas) 2 può 2020 20: 22
      0
      Citazione: T. Henks
      Domanda stupida di un utente stupido: se non hai bisogno di olio, perché scaricarlo? Viviamo su piani diversi con produttori di petrolio?

      Il petrolio è necessario, ma non nei volumi prodotti. Ora c'è una lotta per i mercati di vendita tra gli esportatori di petrolio. E a giudicare dai dati di aprile, la Russia ha difeso i suoi mercati e ne ha trovati di nuovi.
      Il volume fisico delle vendite di petrolio russo sui mercati esteri è aumentato del 26% rispetto alle vendite di gennaio-marzo di quest'anno e ha raggiunto 6,38 milioni di barili al giorno contro i 5 milioni di barili del primo trimestre.
  8. astronauta Офлайн astronauta
    astronauta (San Sanych) Aprile 30 2020 18: 09
    +1
    Ogni gopher nel campo è un agronomo.
    Come vuoi leggere esperti normali e competenti!
    1. accidentalmente Офлайн accidentalmente
      accidentalmente 7 può 2020 09: 25
      0
      Aleksey Kungurov - Chelyabinsk .... lo predisse molto tempo fa. Attendo con ansia il suo articolo.
  9. Maxim727 Офлайн Maxim727
    Maxim727 (Maxim) Aprile 30 2020 20: 40
    +2
    Il numero dei disoccupati negli Stati Uniti sta crescendo rapidamente e una persona che ha perso il lavoro, priva coloro che lo hanno servito e quelli, a loro volta, privano coloro che li hanno nutriti. E così via all'infinito. 10 milioni di famiglie americane non potranno pagare il mutuo e le banche le metteranno in strada. I prezzi degli immobili scendono, le banche falliscono e poi gli assicuratori del settore bancario falliscono. Il calo dei prezzi per tutte le materie prime - immobili, petrolio, beni di lusso e servizi costosi - porta a un surplus dell'offerta di dollari negli Stati Uniti. Dovremo ritirare denaro extra dalla circolazione interna, ma come?
    Sebbene tutti questi processi siano appena all'inizio, possiamo dire che non sono ancora iniziati, ma se cade il primo sassolino, inizierà a scendere una valanga di pietre. E tutti lo capiscono e guardano attentamente ogni pietra alla base della piramide, ma vedranno?
    Ignorare il coronavirus è un'idea interessante, ma funzionerà? Forse sì forse no.
    Tutto in America ora dipende dal caso, dalla fortuna.
    1. Smirnoff Офлайн Smirnoff
      Smirnoff (Victor) 10 può 2020 08: 07
      +3
      I tentativi degli americani, per mano dei sauditi, di estromettere la Russia dal mercato petrolifero sono falliti follemente.
      Gli americani stavano preparando una guerra petrolifera contro la Russia, per mano dei sauditi, molto prima del 1 aprile, quando è scaduto il contratto tra i paesi OPEC +.
      Da tempo hanno concordato il momento in cui inizierà con i loro burattini sauditi.
      Ecco il terrorismo petrolifero statunitense contro la Russia in ATTRACTION.
      La Russia non è crollata, ma ha resistito e, inoltre, l'industria petrolifera sta crollando negli Stati Uniti, cosa che gli Stati Uniti non si aspettavano.
      Gli americani, costruendo piani petroliferi contro la Russia con i sauditi, non hanno tenuto conto dell'epidemia virale, che si è rafforzata e ha anche contribuito a far scendere i prezzi del petrolio, ma ha confuso tutte le mappe petrolifere statunitensi.
      E se non fosse per il virus, non è ancora noto se questa truffa petrolifera statunitense potrebbe aiutarli a distruggere la Russia con prezzi bassi per le materie prime.
  10. Jack club Офлайн Jack club
    Jack club (Eugene) 3 può 2020 10: 57
    0
    Mondo pazzo. Il petrolio è diventato a buon mercato, e questa è la base di tutta la nostra industria e agricoltura, e tutti sono nel panico. Com'è che respiriamo e l'acqua del fiume scorre gratis? E l'economia non sta crollando.
    Ci sono ancora meno ragioni per il crollo del mondo moderno che per il crollo dell'URSS. Poveri cacciatorpediniere faticano col sudore della fronte.))) E ancora poco plausibile.
    1. Smirnoff Офлайн Smirnoff
      Smirnoff (Victor) 10 può 2020 08: 04
      +2
      Per molto tempo gli Stati Uniti hanno governato il territorio dei sauditi e hanno condotto varie truffe politiche, economiche, militari e di spionaggio a beneficio degli Stati Uniti, ei sauditi ottengono scarti dal tavolo della nobiltà democratica.
      I sauditi, seguendo l'esempio degli Stati Uniti, si sono trovati in una profonda crisi petrolifera.
      Soprattutto, nella crisi del petrolio, gli Stati Uniti e i sauditi hanno perso.
      Anche la Russia ha perso, ma non molto rispetto a loro.
      La durata della crisi porterà al crollo dell'industria petrolifera degli Stati Uniti e dei sauditi, e la Russia uscirà dalla crisi con minori perdite.
    2. Il commento è stato cancellato
  11. Smirnoff Офлайн Smirnoff
    Smirnoff (Victor) 10 può 2020 08: 04
    +2
    Gli Stati Uniti e i sauditi hanno scavato una fossa petrolifera per la Russia e vi sono caduti.

    Il mercato mondiale del petrolio oggi è febbricitante a causa della cospirazione petrolifera degli Stati Uniti e dei sauditi contro la Russia.
    Gli Stati Uniti hanno agganciato i sauditi con un gancio petrolifero e li hanno costretti a ritirarsi dai loro accordi OPEC +.
    Gli americani hanno promesso ai sauditi di entrare nel mercato petrolifero americano e, a causa dei loro prezzi più bassi, ottengono grandi vantaggi rispetto ad altri attori del mercato.
    Durante tutto lo scorso anno e l'inizio di questo, gli Stati Uniti hanno fatto pressioni sui sauditi per abbassare i prezzi del petrolio, aumentando la produzione per rovinare la Russia.
    Ai sauditi è piaciuto molto il trucco a buon mercato offerto dagli Stati Uniti e hanno accettato questo intoppo americano: entrare nel mercato americano con petrolio a buon mercato.
    Il più grande mercato petrolifero del mondo.

    Tuttavia, la pandemia globale di coronavirus ha confuso Stati Uniti e sauditi con tutti i loro insidiosi complotti petroliferi contro la Russia.