Forbes: la Russia non è l'Unione Sovietica e sopravviverà alla crisi petrolifera


Gli esperti di Forbes credono che la Russia sopravviverà alla corrente economico crisi dovuta al fatto che il bilancio statale ha accumulato significative riserve di valuta estera e il paese è incorporato nel mercato internazionale dei capitali. Tutto ciò distingue favorevolmente la moderna Federazione Russa dall'Unione Sovietica, separata dall'Occidente dalla "cortina di ferro".


La Federazione Russa dispone di circa 563 miliardi di dollari di riserve valutarie, più che sufficienti per resistere alle tempeste economiche che attualmente infuriano sul mercato petrolifero. L'URSS è crollata a causa dei bassi prezzi del petrolio, il cui costo è sceso a $ 10 - la Russia moderna non è minacciata.

Le autorità russe stanno spendendo soldi per aiutare la popolazione colpita dalla pandemia di coronavirus. Ciò porterà a un deficit di bilancio di circa il 5,5%, ma non impedirà alle autorità di adempiere ai propri obblighi finanziari sia nei confronti della popolazione sia in termini di indebitamento esterno. Inoltre, la Federazione Russa, molto probabilmente, non è minacciata da un declassamento del suo rating creditizio.

Chris Granville e altri analisti della società di ricerca TS Lombard ritengono che la Russia stia affrontando una recessione più profonda rispetto al 2014, nonché un deficit di bilancio più profondo, che metterà in gioco il conservatorismo delle autorità fiscali. Tuttavia, l'economia del paese ora può permetterselo.
  • Foto utilizzate: https://www.pikrepo.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 1 può 2020 15: 35
    +4
    Se non fosse stato per Judas Gorbaciov e la compagnia, l'URSS avrebbe resistito !!!
  2. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 1 può 2020 16: 07
    0
    La Russia non è l'Unione Sovietica...

    Questo dice tutto e non c'è niente da provare a tirare la cotta di maglia di qualcun altro, la dimensione è troppo grande.

    L'URSS è crollata a causa dei bassi prezzi del petrolio ...

    È divertente. Non vale nemmeno la pena litigare.

    Le autorità russe spendono soldi per aiutare la popolazione ...

    I tentativi di rilanciare l'assistenza sanitaria nel più breve tempo possibile e aiutare, prima di tutto, le imprese. Può essere banale dire che le autorità russe hanno iniziato a distribuire alla popolazione i debiti accumulati in decenni.
  3. Alexey Grigoryev Офлайн Alexey Grigoryev
    Alexey Grigoryev (Alexey Grigoriev) 1 può 2020 16: 19
    +3
    L'URSS è la Russia, piena di sanguisughe sotto forma dei paesi del Comecon (Consiglio di mutua assistenza economica) e delle cosiddette repubbliche fraterne.
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 1 può 2020 22: 58
      +2
      L'URSS è la Russia, piena di sanguisughe.

      - Dentro! Hanno aiutato, aiutato e devono ancora restare...
      1. bear040 Офлайн bear040
        bear040 2 può 2020 11: 52
        +4
        E non aiutare i paesi stranieri e le persone da loro !!! Hanno bisogno di essere nutriti di meno e munti di più!!! Qui si può fare l'esempio degli Stati Uniti, che non costruiscono a proprie spese dighe e centrali elettriche per tutto l'Egitto e l'Afghanistan, e dell'Arabia Saudita, dove uno straniero è solo un bidello con permesso di soggiorno, e i cittadini sono solo quelli il cui padre e madre sono la popolazione indigena del paese!!!
    2. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 2 può 2020 23: 16
      +2
      L'URSS è la Russia, appesa alle sanguisughe ...

      L'Unione Sovietica ha vinto la guerra più sanguinosa del XX secolo, vi hanno partecipato anche i popoli russi, così come i popoli che hanno vissuto in:

      SSR ucraino
      SSR bielorusso
      SSR uzbeko
      Kazakh SSR
      SSR georgiano
      Azerbaigian SSR
      SSR lituano
      SSR moldavo
      Lettone SSR
      Kirghiso SSR
      Tagiki SSR
      SSR armeno
      SSR turkmeno
      SSR estone

      E in queste repubbliche, molte persone di nazionalità russa vivevano, lavoravano e davano il loro contributo allo sviluppo del paese (che in seguito si rivelò abbandonato alla mercé del destino).
      Con sforzi congiunti è stato possibile spostare le montagne e l'Unione lo ha fatto in tutti i settori dell'economia nazionale e della scienza.
      Anche i leader di oggi a Mosca hanno cominciato a capirlo e stanno cercando di instaurare dialoghi in tutte le direzioni, sia nei paesi post-sovietici che nei paesi dell'ex Comee. Ma, sfortunatamente, sono comparsi molti problemi che prima non esistevano e, inoltre, sembravano inconcepibili.
      Ed ecco un'altra Russia, che, guidata da Eltsin e dalla sua camarilla, in un momento difficile si è rivelata uno dei membri della famiglia più egoisti che hanno messo tutti i loro sforzi nel suo completo collasso. E ora c'è chi piange che nessuno degli ex fratelli e sorelle, in Occidente e in Oriente, vuole davvero fare affari seri con lei, anzi sono già andati in Africa a cercare/"investire" amici.
      Le sanguisughe sul corpo della Russia sono i "rispettati" cittadini-oligarchi di oggi e molte altre persone "necessarie" vicine al "trono".