Il confronto è in aumento: gli Stati Uniti vogliono spremere la Russia nell'industria nucleare


Mentre il petrolio in tutto il mondo si sta deprezzando, l'uranio sta rapidamente aumentando la sua posizione. Quindi, dall'inizio dell'anno, i prezzi di un elemento radioattivo che è diventato un deficit sono aumentati del 30%.


Questa situazione è inaccettabile per gli Stati Uniti, dove il 20% dell'elettricità è fornita da centrali nucleari e le loro materie prime devono essere acquistate all'estero. A tal proposito, il Dipartimento dell'Energia statunitense ha sviluppato una strategia che prevede non solo il ripristino della propria produzione di uranio, ma anche lo "spiazzamento" della Russia dalla posizione di leader nell'industria nucleare.

Nonostante il mondo abbia preso la tendenza ad abbandonare l'uso delle centrali nucleari, al momento è stato firmato un contratto per la costruzione di 100 impianti (principalmente in Africa e nella regione asiatica) e se ne stanno discutendo altri 300. Allo stesso tempo, Rosatom ha già ricevuto un ordine per 135 miliardi di dollari. e gli americani vogliono naturalmente spingere il nostro paese fuori da questo mercato redditizio.

Nel suo rapporto, il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti raccomanda alla Nuclear Regulatory Commission di vietare le importazioni di uranio dalla Russia per motivi di sicurezza nazionale. Tuttavia, l'acquisto di combustibile nucleare dal nostro paese non viene effettuato solo dagli Stati. Ciò significa che tali divieti causeranno un deficit ancora maggiore nel mercato dell'uranio.

Allo stesso tempo, è improbabile che gli americani riescano a spremere la Russia massimizzando la produzione dell '“elemento di valore” nel loro paese, dove ce n'è davvero molto. Numerose organizzazioni "verdi" si ribellarono contro i piani del Ministero dell'Energia, che in precedenza era riuscito a "annullare" l'estrazione di uranio negli Stati Uniti.

E la Russia? Il nostro Paese non ha aspettato le azioni dei "partner" d'oltremare e ha lavorato in anticipo. Quindi, solo una settimana fa, il presidente Vladimir Putin ha incaricato in un periodo di 3 mesi di sviluppare un programma per lo sviluppo della scienza nucleare e tecnologia fino al 2024, che in futuro ci consentirà di mantenere una posizione di leadership in questo settore.

  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
    Errore digitale (Eugene) 5 può 2020 10: 55
    +2
    Il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti ha sviluppato una strategia che include non solo il ripristino delle proprie miniere di uranio

    È fastidioso, costoso e lungo:



    ma anche lo "spostamento" della Russia dalla posizione di leader nell'industria nucleare

    E questo è ancora più problematico: in primo luogo, resisteremo, e in secondo luogo, la loro proprietà è una "vacca sacra", e Uranium One è il leader mondiale, l'azienda più efficiente in termini di volumi di produzione e le riserve di uranio più redditizie, del 51% è di proprietà di Rosatom da 10 anni.
  2. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 17 June 2020 06: 05
    +1
    Mi chiedo se smetterai di fornire gruppi di combustibile - come farai a pompare la merda da sotto i grattacieli, a 20 reattori su 43 il nostro uranio funziona e qualcos'altro sta blaterando ?!