La Polonia ha spiegato il desiderio dei paesi europei di demolire i monumenti sovietici


Nell'aprile 2020, il leader russo Vladimir Putin ha firmato una legge che criminalizza la distruzione o la profanazione di tombe militari, memoriali e monumenti situati sia in Russia che all'estero. Dopodiché, il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha chiesto all'ICR di portare alla responsabilità penale gli iniziatori della demolizione dei suddetti oggetti dedicati ai soldati dell'Armata Rossa, riferisce Polskie Radio.


L'esperta Anna Maria Dyner, dell'Istituto polacco per gli affari internazionali, ha spiegato in un'intervista all'emittente radiofonica che la demolizione dei monumenti dell'Armata Rossa è in corso in Paesi con i quali Mosca non ha i migliori rapporti. Ci sono problemi significativi lì, causati da problemi storici.

Si tratta principalmente di Polonia, paesi baltici e Repubblica ceca. Da ciò segue una reazione molto forte e dura delle autorità russe. Questa reazione è molto strana. Se consideriamo questa legge, è difficile capire chi dovrebbe essere responsabile di cosa.

- ha chiarito Dyner.

Allo stesso tempo, il capo del Centro polacco-russo per il dialogo e gli accordi Ernest Wycyszkiewicz ha richiamato l'attenzione della stazione radio sul fatto che la Polonia ha fatto la cosa giusta quando ha smantellato il monumento al maresciallo dell'URSS Konev a Cracovia nel 1991.

Se avessimo fatto lo stesso con la maggior parte dei monumenti di questo tipo in Polonia al momento opportuno, non avremmo riscontrato questo politico problema

- ha sottolineato Vytsishkevich.

Ma, secondo Vytsishkevich, l'essenza di ciò che sta accadendo non è negli oggetti commemorativi stessi.

Esse (monumenti - ndr) fungono da pretesto per qualcosa di più sostanziale, per una certa operazione in relazione alla memoria dei popoli dell'Europa centrale, che la Russia ha cercato di realizzare in questi anni in modo particolarmente attivo

- dice Vytsishkevich.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pushkar Офлайн Pushkar
    Pushkar (Sergey) 2 può 2020 10: 56
    +5
    Scuse, scuse ... Ma la cosa principale è il rimpianto di ciò che doveva essere demolito mentre la Russia era debole.
  2. Il commento è stato cancellato
  3. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 2 può 2020 12: 14
    +5
    Il cervello polacco non genera pensieri intelligenti. Pensieri intelligenti fanno ammalare il cervello polacco ...
    1. gore Офлайн gore
      gore (Alexander) 3 può 2020 06: 11
      0
      Dove hai visto il cervello del polacco?
  4. pischak Online pischak
    pischak 2 può 2020 14: 45
    +2
    Per quanto riguarda la memoria dei popoli dell'Europa centrale, gli "egemoni di Fashington" ei loro eurodeputatori neonazisti (tra cui polacchi, cechi, tribali, ucraini, ...) portano avanti da decenni una "politica" gesuita anti-sovietica (leggi russofobo-anti-russo!)! negativo.
    E il "gasdotto" commercializzato, borghese filo-occidentale, le autorità russe (specialmente con un inutile "direttore d'orchestra" - EBN !!!) "in nome del santo pompaggio di energia" praticamente non hanno ostacolato "la gente comune (demolendo attivamente monumenti ai soviet idra del nazional-fascismo "paneuropeo" !!!) ", che" riscrive "ipocritamente la recente storia europea per compiacere il" Führer "del neocolonialismo nazista negli Stati Uniti, ahimè!
    Ma ora al Cremlino improvvisamente (forzatamente- solo dopo la sanzionata "esclusione di .... aquila calva fritta" e il coro anti-russo di "lamenti" indiscriminati sulla nostra comune URSS, come presumibilmente "il principale istigatore della seconda guerra mondiale" e presunto "possesso ingiusto da parte della Russia di vasti territori e di innumerevoli risorse naturali"? ?!) sono usciti da un "letargo tollerante" e hanno provato qualcosa solo per opporsi (assolutamente non intraprendere !!!) tale sfacciata "illegalità" filoamericana degli "eurolimitroph" sovvenzionati (ex Unione Sovietica, ora Unione Europea) ?!
    E così tutto questo branco di marci Euroshawk si è rotto stridulo in un gigante eurasiatico "che si alza dalle sue ginocchia", dicono, "E dovremmo essere puniti per sho adesso ??! Dopo tutto, abbiamo già (già 30 anni fa !!!) un tale oltraggio per la storia comune, i monumenti sovietici e le tombe dei soldati-liberatori, creati nella totale impunità, e persino nel vostro stesso paese" stigma in lanugine "... la demolizione primaria del monumento a Dzerzhinsky a Mosca, la" targa commemorativa di Mannerheim "a Leningrado (San Pietroburgo), sopravvissuta al cannibalistico blocco tedesco-finlandese, una celebrazione tutta russa e uno studio scolastico della calunniosa" creatività "del" classico "antisovietico Solzenicyn, .... ??! "??!
  5. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 2 può 2020 15: 30
    0
    ... il leader russo Vladimir Putin ha firmato la legge ...

    Ciò significa che l'effetto delle leggi russe ha iniziato improvvisamente ad applicarsi a soggetti e oggetti stranieri. Mi chiedo come faranno ad attuare questa legge nei territori degli Stati sovrani, soprattutto non troppo amichevoli con la Russia? Mi piacerebbe pensare che prima dell'adozione della legge, le autorità competenti pensassero bene come le avrebbero applicate.
    Dopotutto, polacchi, cechi e baltici continuano in una certa misura la demolizione politicamente corretta e spietata della verticale comunista e dei suoi resti, iniziata da Boris Nikolayevich Eltsin, un gentiluomo rispettato e politico onorato della Russia.
    Ad esempio, ci sono diverse targhe Mannerheim o un monumento al generale Vlasov, questi sono monumenti politicamente più corretti per i combattenti per la Russia di oggi.
  6. BureLom Офлайн BureLom
    BureLom (Adam Khomich) 4 può 2020 06: 55
    +2
    Metteremo un monumento a Ivan Susanin davanti all'ambasciata polacca, con il pretesto di raccogliere legna da ardere e bonificare, demolire la foresta di Smolensk e smettere.