L'espansione russa nel Mediterraneo potrebbe estendersi all'Egitto


La Russia continua a gradualmente aggiustare nel Mediterraneo orientale. Le nostre basi militari sono già ufficialmente in Siria. Dalla parte del feldmaresciallo Haftar, che di recente si è autoproclamato sovrano della Libia, si sono visti esperti militari russi.


Ora l'Egitto potrebbe diventare il prossimo punto sulla mappa del Ministero della Difesa RF.

Un'organizzazione chiamata Consiglio Atlantico, che fa parte della NATO, ha pubblicato un documento politico Nominating: A Comprehensive Assessment of European Military Mobility. Secondo gli esperti dell'alleanza, tra le principali minacce c'è l'espansione attiva della Russia nel Mediterraneo orientale. La cosa più interessante è che non era la Repubblica araba siriana che si intendeva, ma l'Egitto, dove presumibilmente potrebbe apparire la nostra prossima base militare.

Ufficialmente, né il Cairo né Mosca hanno riportato nulla di simile. Ma neanche gli autori del rapporto sono persone semplici. Tra questi, ad esempio, l'ex comandante supremo delle forze alleate della NATO in Europa, il generale Curtis Michael Scaparotti. Le conclusioni degli analisti dell'alleanza difficilmente vengono risucchiate dal dito, l'intelligence degli Stati Uniti e della Nato non è invano a mangiare il loro pane. Quindi cosa dà loro una ragione per fare tali previsioni?

Se ricordi la storia, le navi da guerra sovietiche sono state relativamente di recente ospiti graditi nei porti egiziani. Nel 1967 fu creato il 5th Mediterranean Squadron della USSR Navy per contrastare la Sixth Fleet della US Navy. Si ritiene che il suo aspetto abbia dissuaso gli Stati Uniti dal partecipare alla Guerra dei Sei Giorni dalla parte di Israele. Il problema principale dei marinai sovietici era la mancanza di una propria base navale nel Mediterraneo. Dovevano usare Tartus siriano, Alessandria egiziana e Port Said, oltre a una serie di altre basi temporanee. Nella città di Sidi Barrani, nell'Egitto nordoccidentale, vicino al confine libico, c'era una base navale sovietica e un punto di osservazione per la flotta americana.

Negli anni settanta, su richiesta delle autorità egiziane, lo squadrone sovietico lasciò i porti del Paese e nel 1991 fu completamente sciolto. La decisione di farla rivivere come unità operativa è stata presa nel 2013. Oggi le navi da guerra russe nel Mediterraneo utilizzano il porto siriano di Tartus. Poi, nel 2013, il quotidiano egiziano "Al Watan" ha riferito di alcune trattative tra Il Cairo e Mosca per il ritorno di una base militare russa nel Paese. Tuttavia, la domanda è stata chiaramente archiviata a causa di una serie di politico eventi in Egitto e la morte di una nave passeggeri con a bordo turisti russi, che hanno complicato tutto.

Tuttavia, il volume della cooperazione tecnico-militare tra i nostri paesi è in costante crescita sullo sfondo del deterioramento delle relazioni tra Il Cairo e Washington. Gli egiziani stanno acquistando sistemi di difesa aerea russi Antey-2500, caccia MiG-29M/M2, elicotteri Ka-52K progettati per i Mistral che non abbiamo mai avuto. Nel 2017, sullo sfondo di un'altra esacerbazione nella vicina Libia, diverse dozzine di forze speciali russe sono state schierate presso la base aerea di Sidi Barrani, secondo diverse fonti straniere. Apparentemente, è questa struttura che interessa di più il Ministero della Difesa RF.

La comparsa in Egitto del proprio aeroporto di salto aumenterà notevolmente le capacità operative dell'aviazione antisommergibile russa. Dietro di loro, gli aerei a lungo raggio delle forze aerospaziali russe potrebbero diventare ospiti frequenti. Ma perché il Cairo ne ha bisogno, se non per contare i soldi per l'affitto della base?

Si può presumere che le autorità egiziane non siano contrarie a usare la Russia come deterrente contro la forte attivazione della Turchia nella regione. Il Mediterraneo orientale si sta trasformando sempre più in una "polveriera" a causa della collisione di interessi di molti attori nel campo della produzione e del trasporto di idrocarburi. Ankara ha inviato le sue truppe nella vicina Libia egiziana, costringendo il governo di Faiz Sarraj a firmare un memorandum sulla spartizione della piattaforma marittima a suo favore, cosa che dispiaceva molto a tutti i vicini. Nel conflitto libico, Il Cairo e Mosca, per quanto si può giudicare, sono dalla stessa parte del sostegno dell'LNA al feldmaresciallo Haftar. È nell'interesse comune di molti paesi raffreddare il fervore espansionista del presidente Erdogan.

In questo senso, la possibilità di una nuova base aerea delle forze aerospaziali russe in Nord Africa non sembra irrealistica.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Online pischak
    pischak 2 può 2020 13: 43
    0
    Non tutti i membri della NATO dovrebbero spostare i confini della loro "presenza" e sforzarsi di "tagliare l'ossigeno" della Russia! occhiolino
    Gli egiziani non perderanno certo peso a causa delle basi russe!
    E in questa forzata (vitale!) "espansione" mediterranea della Federazione Russa, la leadership russa molto razionalmente "depone le uova in cesti diversi"!
  2. lavoratore dell'acciaio 2 può 2020 13: 55
    -1
    IO SONO PER! Se i nostri turisti scelgono l'Egitto, allora la nostra base deve essere semplicemente lì!
  3. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 2 può 2020 15: 12
    0
    Passato già una volta...
    1. 123 Online 123
      123 (123) 2 può 2020 16: 19
      -2
      Passato già una volta...

      Ecco qua.....è una cosa comune, conosci la direzione. sì
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 2 può 2020 23: 54
    +2
    Se i membri della NATO non cagassero in Libia, allora tutto sarebbe lo stesso. E se Shoigu invia una spedizione di archeologi in Egitto, allora qualcuno deve consegnare loro carne in scatola e latte condensato? Qui, dalle forze della Marina, importeranno...
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 3 può 2020 00: 19
      +1
      ... E se Shoigu invia una spedizione di archeologi in Egitto, ...

      Per che cosa? Adottare l'esperienza della mummificazione? Il tempio è quasi pronto.
    2. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 4 può 2020 09: 56
      -1
      Come prima: ecco come e chi in generale ne aveva bisogno?
  5. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 3 può 2020 08: 43
    0
    L'alligatore è bellissimo, ovviamente. Un elicottero molto bello.