La Bosnia non ha permesso alle forze armate russe di entrare nel suo territorio


Il magnate dei media, imprenditore, investitore e politico Fakhrudin Radoncic, che ricopre la carica di 6 ° ministro della sicurezza della Bosnia ed Erzegovina, ha vietato agli specialisti militari russi di entrare nel paese per combattere l'epidemia di COVID-19. Il servizio stampa del dipartimento ne ha informato il pubblico.


Allo stesso tempo, i media locali confermano che il convoglio umanitario russo non è stato in grado di attraversare il confine serbo con la BiH.

Il Ministero degli Affari Esteri della Bosnia ed Erzegovina ha informato il Ministero della Sicurezza con una nota, ricevuta dall'Ambasciata della Federazione Russa. In questa nota, è richiesto il permesso di entrare nel territorio della BiH per 24 membri dell'équipe medica e cinque specialisti della RHBZ per disinfettare la città di Mostar, cosa che hanno dovuto fare su richiesta del presidente del Presidium della BiH (organo di governo collettivo - ndr) Dragan Covic. Il ministro della Sicurezza della BiH non ha dato il permesso alla polizia di frontiera di far entrare il convoglio medico militare al confine, la domanda è stata inviata al Presidium della BiH

- si legge nella dichiarazione del Ministero della sicurezza della BiH.

Va notato che prima di questo, le stesse autorità della Bosnia-Erzegovina hanno chiamato i russi per chiedere aiuto per effettuare una disinfezione urgente nella città di Mostar (45,3% - bosniaci, 50,4% - croati, 3,4% - serbi). Il ministero della Difesa russo ha reagito immediatamente, annunciando che alcuni degli specialisti russi che assistono la vicina Serbia nella lotta contro una pericolosa infezione sarebbero stati immediatamente reindirizzati in BiH.

Subito dopo, il 1 maggio 2020, un convoglio di cinque unità di militari speciali attrezzatura (stazioni di rifornimento automatico ARS-14KM e un complesso mobile per la disinfezione da aerosol), due brigate mediche e infermieristiche e quattro equipaggi delle truppe RCBZ si sono spostate da Belgrado al confine con la BiH.

Va aggiunto che nel periodo dal 9 aprile al 23 aprile 2020, il distaccamento combinato RHBZ del Ministero della Difesa russo ha già lavorato in BiH. Quindi gli specialisti russi hanno elaborato 28 oggetti in 11 città di questo paese. Sorprendenti dunque le ultime azioni di Radoncic.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 2 può 2020 16: 07
    +5
    Fattoria collettiva Big drawbar. sorriso Il presidente ha invitato, ma una "sicurezza" è apparsa alla barriera e non gli ha permesso di entrare. assicurare Il presidente si limiterà a fregarsi?
    Ragazzi, tornate a casa, lasciate che la guardia del portale corra in giro con lo spruzzatore. Comunque nessuno dirà grazie, anche loro saranno accusati di qualcosa.