Gli USA hanno notato il "gioco tranquillo" della Russia nello Yemen


Un nuovo articolo pubblicato sul sito web del Washington Institute of the Middle East (Middle East Institute) richiama l'attenzione dei lettori sulla partecipazione della Russia al conflitto civile nel sud dello Yemen.


Dall'inizio dell'intervento militare russo in Siria nel settembre 2015, afferma il giornale, molti analisti hanno tentato di valutare e comprendere il ruolo della Federazione Russa in Medio Oriente e Nord Africa.

La stessa Mosca è solitamente cauta e pragmatica quando si tratta di processi nei paesi arabi dilaniati dai conflitti, dove le alleanze sono spesso instabili e illusorie. Il Cremlino ha anche dimostrato la sua capacità di massimizzare abilmente il suo successo in una parte della regione senza perdere la sua autorità in un'altra.

La posizione della Russia nel sud dello Yemen è caratterizzata come un "attore chiave ma tranquillo". A differenza della Siria, dove Mosca sostiene fermamente il governo nella lotta contro la rivolta, il suo approccio allo Yemen si è basato su un atto di bilanciamento tra fazioni locali e attori esterni.

Mosca interagisce contemporaneamente con il Consiglio di transizione meridionale e con il governo dello Yemen, guidato dal presidente Abd-Rabba Mansur Hadi, e con i ribelli Houthi, nonché con le tre principali potenze regionali: Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Iran.

Gli interessi a lungo termine di Mosca nel sud dello Yemen sono determinati da fattori strategici, principalmente in termini di accesso al Mar Rosso e, possibilmente, una base militare nella regione. In un contesto storico, osserva l'articolo, tali interessi sono comprensibili, data la passata alleanza dell'Unione Sovietica con lo Yemen del Sud, la Repubblica Democratica Popolare dello Yemen.

Il PDRY, che è esistito dal 1967 fino all'unificazione con lo Yemen del Nord (Repubblica araba dello Yemen) nel 1990, è stato l'unico stato della penisola arabica a collaborare con il Cremlino durante la Guerra Fredda.

L'NDRY era un alleato chiave dei soviet lungo lo stretto di Bab el-Mandeb, la principale rotta marittima che collegava il Golfo di Aden con il Mar Rosso.

Oggi, mentre il presidente russo Vladimir Putin cerca di espandere l'influenza della Russia capitalizzando i vecchi legami sovietici con il Medio Oriente e l'Africa, il Cremlino sta cercando di affermarsi come forza stabilizzatrice nello Yemen meridionale.

Per Putin, lo Yemen meridionale è una regione in cui la Russia può esercitare un'influenza basata su legami risalenti al periodo sovietico. Per molti anni, la Federazione Russa ha sottolineato che la soluzione della "questione meridionale" yemenita è importante per porre fine alla guerra civile.

- dice l'articolo.

La Russia è l'unica grande potenza mondiale che ha prestato molta attenzione ai discorsi dei sostenitori del movimento separatista che hanno avuto luogo ad Aden e in altre parti del sud.

Si noti che la Federazione Russa agirà con cautela, osservando come si svolge la situazione in questi territori, non mettendo allo stesso tempo tutte le sue uova nello stesso paniere e stabilendo relazioni con tutti i partecipanti.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 2 può 2020 17: 47
    +3
    I clicker erano completamente allentati. Dove sta cercando l'agente Trump? A quanto pare, il contratto dovrà essere risolto. Forse nominarne uno nuovo. risata
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 2 può 2020 23: 28
    +4
    Sulla partecipazione della Russia al conflitto civile nel sud dello Yemen

    La partecipazione degli Stati Uniti al conflitto civile in Ucraina è così palese e palese che è meglio per gli yankee tacere sullo Yemen.