Gli Stati Uniti hanno individuato uno scenario di confronto con la Cina


La dichiarazione rilasciata il giorno prima dal capo del Dipartimento di Stato americano Mike Pompeo, in cui questo alto funzionario americano ha accusato in modo assolutamente inequivocabile Pechino dell'emergere della pandemia globale COVID-19, significa che dopo aver soppesato tutti i pro ei contro , a quanto pare, dopo aver calcolato le possibili conseguenze e gli esiti delle loro azioni, Washington ha comunque deciso di intraprendere la strada di uno scontro estremamente duro con il Celeste Impero.


C'è un'enorme differenza tra parlare di "bilancia commerciale sbagliata", rivendicazioni di diritti di proprietà intellettuale e simili fastidi, che sono generalmente piccole cose, e l'accusa ufficiale di un paese di essere la fonte e la causa principale del disastro che ha ucciso centinaia di migliaia di persone, vive in tutto il mondo. A cosa può portare un passo del genere?

"Highley like" nell'espressione estrema


Infatti, il signor Pompeo, pur facendo una dichiarazione che in realtà è una dichiarazione di guerra alla Cina, non la sostiene con alcuna prova speciale. Sì, in effetti, proprio nessuno! Il suo discorso sul canale ABC News del 3 maggio, durante il quale sono suonati pieni di cliché, ha ripetuto quasi dall'inizio della pandemia, ma estremamente confuso e caotico. In alcuni punti, il capo del Dipartimento di Stato si contraddice persino. "Abbiamo prove significative", "che è uscito dalle pareti di quel laboratorio a Wuhan, ora è visto da tutto il mondo" - e così via, con lo stesso spirito. Allo stesso tempo, Pompeo continua a difendere l'opinione sull'origine artificiale del coronavirus - dopotutto, è presumibilmente espressa da quasi "le migliori menti scientifiche dell'umanità". È vero, lui, come uno scolaro che cerca di imbrogliare a un esame, viene facilmente catturato da un intervistatore in studio: “Com'è, signor Pompeo, perché la comunità dell'intelligence americana ha deciso che il virus non è affatto prodotto dall'uomo? ! Non conosci il suo rapporto? " Il capo del Dipartimento di Stato risponde subito: “Come, come ... ho letto una cosa del genere, mi ricordo. E non ho motivo di non credere ai nostri gloriosi "cavalieri del mantello e del pugnale". " E in generale, come ammette un alto funzionario, non ha nemmeno dati sul fatto che l'infezione di qualcuno al di fuori del laboratorio di Wuhan sia stata intenzionale. Tuttavia, a suo avviso, tutto ciò non ha assolutamente alcun significato. In ogni caso, il Partito comunista cinese è il responsabile dell'incubo che sta accadendo oggi in tutto il pianeta, che "ostacola le indagini" chiudendo ermeticamente la strada al Paese "per i nostri esperti, che ad ogni costo vogliono ottenere risposte a tutte le loro domande. " Pertanto, sono colpevoli!

La riluttanza di Pechino ad ospitare eventuali "investigatori" in visita è più che comprensibile. Compresi gli specialisti dell'OMS, che non molto tempo fa, il signor Trump ha fermamente "messo" la sua mente nel modo più semplice ed efficace - "colpire il dollaro". E colpire molto dolorosamente ... Questi indagheranno, forse! Nelle "autorevoli conclusioni", originariamente dettate dallo stesso Dipartimento di Stato e dalla Casa Bianca, si scrive in modo tale che almeno tolga i santi. Il miglior esempio di come gli americani ei loro fedeli alleati dimostrino abilità virtuosistiche nel difficile compito di adattare un compito a una risposta pronta è la storia dello stesso famigerato rapporto della comunità dell'intelligence americana. Se qualcuno non lo sa, include 17 dipartimenti degli Stati Uniti che conducono attività di intelligence - dai ben noti CIA e FBI a "uffici" molto più piccoli del profilo corrispondente, che operano nelle strutture del Dipartimento di Stato, del Ministero dell'Energia e anche il servizio postale. È perfettamente chiaro che tutte queste organizzazioni stanno lavorando per svilupparne una singola politicae, di conseguenza, un parere unanime. Il 15 aprile, il generale Mark Millie, presidente dei capi di stato maggiore degli Stati Uniti, ha dichiarato che "le autorità statunitensi tendono a considerare COVID-19 un virus naturale", ma "l'intelligence sta ancora lavorando su questo problema". E ora, due settimane dopo, l'ufficio del direttore dell'intelligence nazionale degli Stati Uniti, infatti, che sta a capo dell'intera comunità dell'intelligence americana, ha fatto circolare un messaggio che i professionisti della guerra segreta "concordano con la scientifica consenso sul fatto che il coronavirus non è stato creato artificialmente e non è stato modificato intenzionalmente ". Tuttavia - attenzione! - "Indagine sulla fuoriuscita del virus dal laboratorio di Wuhan". Cioè, abbiamo deciso la sceneggiatura.

Quale sarà la guerra: "commerciale", "fredda", "calda"?


E proprio l'altro giorno, il British Daily Telegraph sta producendo un "ripieno" chiaramente ben pianificato e coordinato: si scopre che i rappresentanti della famosa alleanza di spionaggio "Five Eyes", unendo i servizi di intelligence di USA, Gran Bretagna, Canada , Australia e Nuova Zelanda, hanno già preparato pagine molto dettagliate) un rapporto che "prova inconfutabilmente" che lo scoppio iniziale di Pechino è stato messo a tacere, così come la sua capacità di diffondersi da persona a persona. Inoltre, "le autorità della RPC hanno messo a tacere i medici locali o li hanno eliminati fisicamente", "hanno deliberatamente distrutto i dati di laboratorio e i relativi materiali di ricerca" e "si sono rifiutati di trasferire campioni del virus ai paesi che lavoravano su un vaccino contro di esso". Inoltre, secondo gli "specialisti" dei "Five Eyes", il Comitato sanitario nazionale cinese nella fase iniziale dell'epidemia a Wuhan, il 3 gennaio, ha generalmente chiesto di distruggere tutti i campioni di coronavirus e in nessun caso di rivelare un goccia di informazioni sull'infezione emergente! Ma questo già, miei sovrani, “tira” nemmeno all'Aia, ma quasi alla nuova Norimberga, che, a quanto pare, Washington è determinata ad organizzare la Cina e, soprattutto, la sua leadership di partito di Stato. Tutto ciò che accade sembra uno scenario attentamente elaborato, chiaramente implementato secondo fasi pre-programmate. Giudicate voi stessi: il 30 aprile, in un briefing alla Casa Bianca, Donald Trump dice di aver "visto le prove" che il virus è, dopotutto, un prodotto di un laboratorio a Wuhan. Segue il reportage dei "Five Eyes". Ora ecco il comportamento estremamente aggressivo di Mike Pompeo. Tutto va secondo i piani? Molto probabilmente è così, e ora Washington, che apertamente "lanciò il guanto di sfida" del Celeste Impero, ha solo l'ultima cosa rimasta: la scelta delle armi.

Tutto inizierà, di sicuro, con un colpo puramente economico aereo. Allo stesso tempo, Larry Kudlow, consigliere del presidente degli Stati Uniti nel campo dell'economia, ha affermato che il rifiuto degli Stati Uniti di pagare i propri debiti (almeno nella fase iniziale del conflitto) è fuori discussione - perché la fiducia nei titoli di Stato del Tesoro degli Stati Uniti dovrebbe essere "sacra" ... Lo stesso Trump, in risposta a una domanda sulla possibilità di "gettare" i compagni cinesi, lasciandoli tristemente seduti su un sacco di pagherò di Washington, ha detto che intende "fare lo stesso e anche di più", ma finora " esclusivamente con l'aiuto dei doveri. "... Secondo lui, lo stesso accordo commerciale, che gli Stati Uniti con tale pressione e temperamento cercavano a Pechino e la cui prima fase è stata firmata con grande difficoltà all'inizio di quest'anno, è ora "secondario" - rispetto a quelli ". sofferenze incalcolabili "e" danni inestimabili per l'economia americana ", di cui si suppone sia colpa della Cina. L'economia mondiale, già estremamente sbilanciata e che sta rapidamente precipitando nell'abisso di una recessione senza precedenti, non trarrà sicuramente beneficio dal litigio tra i suoi due principali “pilastri”. Tuttavia, c'è un meraviglioso proverbio russo su questo punto: "I guai sono iniziati ..." Circa il pericolo più che serio che il processo di un acuto inasprimento del confronto avviato da Washington, che alla fine sfugge al controllo, può portare a completamente conseguenze imprevedibili e persino iniziano a svilupparsi senza il peggio e lo scenario più catastrofico, dicono oggi molti esperti. In particolare, l'eminente economista americano Nouriel Roubini è fiducioso che le decisioni estremamente "dure" che vengono prese ora alla Casa Bianca e al Dipartimento di Stato causeranno non solo un "divario commerciale, di investimenti e monetario" con Pechino, il rifiuto di scambiare dati e tecnologiama anche, nel tempo, la cessazione delle normali relazioni tra i paesi in campo diplomatico.

In effetti, l'esperto prevede una nuova Guerra Fredda nelle sue peggiori manifestazioni per il mondo. Allo stesso tempo, Roubini è sicuro che la questione non si limiterà al solo Celeste Impero. Avendo finalmente "tirato fuori l'ascia di guerra", gli Stati Uniti inizieranno ad agire esattamente con gli stessi metodi, se non addirittura più duri, contro Russia, Iran, Corea del Nord, Venezuela e tutti gli altri paesi che considerano propri nemici. Un simile accumulo di scontri, secondo Roubini, porterà inevitabilmente a una "ondata di operazioni militari segrete", che, a partire dal piano virtuale degli attacchi informatici, potrebbero raggiungere ben più che veri e propri scontri armati. Date le capacità militari dei potenziali avversari, le prospettive sono tutt'altro che brillanti ... La seria preoccupazione è che la Cina in questa situazione, a quanto pare, non solo non accetterà il ruolo di un "fustigatore" imposto (e perché? ), ma sembra che abbia intenzione di agire in modo sempre più duro e aggressivo, scartando le "regole del gioco" che in precedenza lo contenevano, a cui Pechino ha cercato di aderire, sperando in una pacifica convivenza con l '"Occidente collettivo". Il 17 aprile ha annunciato "l'annessione di nuove isole nel Mar Cinese Meridionale", proclamato "aree della città di Sansha nella provincia di Hainan". A quanto pare, i compagni cinesi non sono più interessati all'opinione del Vietnam, della Malesia o delle Filippine su questo punto. Non sono rimasti impressionati dall'invio nelle acque "controverse" di ben tre navi della Marina americana: la USS America, l'incrociatore Bunker Hill e il cacciatorpediniere Barry, che Washington ha chiamato pomposamente "un messaggio a Pechino". È molto probabile che al destinatario piaccia, come si dice negli stessi Stati Uniti, "messigi", scusate l'espressione, ha visto nella sua tomba, così come tutta la "potenza navale impareggiabile" americana.

Tutto ciò che accade ha qualcosa a che fare con gli interessi del nostro Paese? Senza dubbio, il più diretto. La Russia semplicemente non ha la minima possibilità di evitare di essere trascinata in un conflitto geopolitico di questa portata. I suoi risultati saranno positivi o negativi per noi? È più difficile indovinare qualcosa qui. Una cosa è certa: anche con la fine della pandemia COVID-19, non è necessario attendere una vita tranquilla sul pianeta.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 4 può 2020 10: 18
    +4
    Non abbiamo bisogno di correre davanti alla locomotiva. La Cina, d'altra parte, non entra nel nostro confronto con gli Stati Uniti; da qualche parte sostiene addirittura le sanzioni. Verrà battuto con gli Stati Uniti, forse la Russia valuterà di più?
  2. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
    goncharov.62 (Andrew) 4 può 2020 13: 13
    0
    L'importante è avere sempre la forza di rispondere alla domanda posta dalla storia: - "Qual è la forza, fratello?" (C) ...
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 4 può 2020 14: 02
    0
    Che dire? Gli sciocchi sono stupidi. Una volta che tali carte, con una pandemia, vengono distribuite, allora tutti le giocheranno.

    Contrattazione, esigenza di sconti, vantaggi, sanzioni ... Miliardi superflui non hanno interferito con nessuno nei giochi, né Batka, né Naftogaz (???), né la Repubblica Ceca, né YUS.
    È un peccato, la benzina aumenterà di prezzo ora))))
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 4 può 2020 15: 28
    +1
    In relazione a tutte queste accuse, una scena del genere viene presentata come in una nota pubblicità in TV:

    - Trump chiama il presidente della Russia e dice - Questo è tutto! (che significa Cina).
    Il presidente Xi chiama immediatamente e dice: questa è lei! (che significa America).
    - È lui!
    - È lei!
    - Shh, stai zitto! - dice il presidente della Russia. - Giochiamo in silenzio! - e riceve immediatamente numerosi SMS da Trump e Xi:
    - È lui!
    - È lei!
    - È lui!
    - È lei!