La Polonia salverà l'Ucraina dal "ricatto del gas" da parte della Russia


La società italiana Saipem, controllata dalla compagnia petrolifera Eni, ha firmato un contratto con la società polacca Gaz-System per la posa del tratto sottomarino del gasdotto Baltic Pipe. Lo riporta la pubblicazione Internet polacca BiznesAlert.


Il prezzo del contratto è di 280 milioni di euro. Per questo denaro, utilizzando il metodo S-Lay, verrà posato un gasdotto di 275 km a una profondità compresa tra 4 e 57 metri. L'accordo include la costruzione di microtunnel (per proteggere le spiagge), lavori sulle coste danesi e polacche e test di riempimento del gasdotto dopo la sua posa.

Tutti i lavori dovrebbero essere completati entro ottobre 2022. La capacità di produzione del gasdotto sarà di 10 miliardi di metri cubi. metri di gas all'anno. L'azienda italiana inizierà i lavori preparatori nella seconda metà del 2020. La posa del gasdotto stesso, attraverso il quale il gas dalla Norvegia andrà in Polonia, inizierà nell'estate del 2021. Il contratto è stato firmato il 30 aprile 2020.

Intendiamo diventare l'hub del gas europeo. Compreremo gas non solo per i nostri bisogni, ma siamo anche pronti a garantire la sicurezza energetica degli Stati vicini

- ha affermato il presidente polacco Andriy Duda in una conferenza stampa.

Questo è un elemento implementato nell'ambito della Three Seas Initiative. Ora stiamo costruendo punti di pompaggio al confine con l'Ucraina. Questo è molto importante, perché la Polonia sarà il garante della sicurezza energetica per lo Stato che è sopravvissuto a molti anni di ricatti dalla Russia. Quindi, dal punto di vista dell'indipendenza dell'Ucraina, questi piani sono molto rilevanti.

- ha riassunto il presidente.
  • Foto utilizzate: https://www.flickr.com/
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 5 può 2020 11: 32
    +2
    Ci sono sfumature.
    1. Non è previsto un aumento della produzione di gas in Norvegia. Quindi, sarà solo una riallocazione. Ciò significa che verrà fornito meno ad altri acquirenti e verrà fornito loro gas russo.
    2. Baltic Pipe attraversa Nord Stream-2. Ad eccezione dei polacchi, nessuno ha confermato l'approvazione per la costruzione del gasdotto. Gazprom è ancora in silenzio.
    3. Le forniture di gas alla Polonia saranno notevolmente ridotte, il transito sarà reindirizzato attraverso l'Ucraina. Il nuovo contratto non è stato firmato. E devono costruire un gasdotto per almeno 2 anni. Resta da usare le "molecole della libertà", ma è sfortuna. In primo luogo, circa la metà delle piattaforme petrolifere è chiusa e circa il 15% del gas è associato, cioè meno circa il 7,5%. In secondo luogo, anche la produzione di gas è in calo. Il prezzo sta aumentando così tanto che gli europei preferiscono pagare multe per essersi rifiutati di liquefare e consegnare. È più redditizio pagare un "risarcimento" ed è stupido comprare benzina sul posto dai russi. A proposito, forse i "partner" dovrebbero prendere in considerazione le controversie sulle forniture dall'estero a Stoccolma. che cosa Sarebbe interessante da vedere. sì In generale, i polacchi possono acquistare il gas dal "capo", anche se 3-4 volte più costoso, o localmente dalla stessa Gazprom, ma senza utilizzare il proprio gasdotto. C'è un'altra opzione, i vettori di gas Novatek, solo il Qatar ne trasporta di più in Europa.
    In generale, buona fortuna ai nostri partner polacchi per il raggiungimento dell'indipendenza energetica. buono E guarderemo come piangeranno e pungeranno, ma mangeranno ancora questo cactus di indispensabile. risata
    1. Pivander Офлайн Pivander
      Pivander (Alex) 5 può 2020 20: 06
      +1
      È tutto così.