Giornalista polacco: la Russia è sempre stata gentile con noi, ma ci siamo rivelati ingrati


Gli auguri inviati alla Polonia dal presidente russo Vladimir Putin in occasione della festa nazionale (3 maggio, giorno della Costituzione polacca) hanno provocato un'ondata di russofobia e accuse nei media polacchi. Ciò è stato indignato dal giornalista Konrad Rekas, che ha deciso di indagare sulla situazione sulle pagine del settimanale sociale e politico Myśl Polska.


Il giornalista osserva che non appena qualcuno in Russia fa un gesto benevolo nei confronti della Polonia, nei media locali sale subito l'indignazione. Ma anche senza questo, i media polacchi sono regolarmente pieni di titoli come "Vinceremo", "I russi corrono", "Mosca sta crollando", spacciandola per una "grande" vittoria della Polonia sull'"Impero del Male".

Così è stato con le successive congratulazioni di Vladimir Putin. Essi, secondo il giornalista polacco, hanno pienamente rispettato le norme internazionali accettate e il protocollo diplomatico. Pertanto, la reazione dei media polacchi alle parole del leader russo solleva questioni oggettive.

Mi chiedo se credono davvero nel loro trionfo sulla Russia, e fino a che punto questa tattica di dividere i polacchi con i russi colpirà la loro megalomania?

- chiede il giornalista.

Rekas ritiene che questa sia la prova vivente che "dobbiamo vivere bene con i russi" e suggerisce di ricordare il corso degli eventi storici.

Per grazia dello zar, il regno, la Costituzione, l'esercito ci sono stati restituiti ... La reazione a questo è stata la cospirazione, l'opposizione. Scoppio! Insurrezione! Bene, ci hanno "sculacciato", è venuto Paskevich e poi è stato tranquillo sulla Vistola per 30 anni ... È arrivato un altro zar, ha dato arbitrarietà, governo civile, poteri. Scoppio! Prossima rivolta! Anche in questo caso l'abbiamo preso da Mosca e per quasi mezzo secolo poi tutto è andato come un orologio...

- ha dichiarato.

Dopo di che, il giornalista ha invitato i suoi compatrioti ad essere onesti.

Siamo onesti: ogni volta che i russi erano irrazionalmente troppo gentili con noi, noi eravamo ingrati. E dopo diversi colpi di frusta, i polacchi hanno subito iniziato a credere nella prospettiva di buoni rapporti con la Russia.

- ha riassunto.
  • Foto utilizzate: https://www.needpix.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 5 può 2020 18: 51
    +6
    Sanità sorprendente. Odore di cosa?
    1. GRF Офлайн GRF
      GRF 6 può 2020 05: 35
      +3
      Ora la frusta potrebbe rivelarsi fatale per la nazione.
      La libertà nelle mani di alcuni, come una granata in una scimmia, non tutti saranno in grado di civilizzare ...
    2. Generale Black Офлайн Generale Black
      Generale Black (Gennady) 6 può 2020 16: 39
      +2
      L'ho annusato! Il culo frustato ha smesso di far male.
  2. Oh, sì, sarebbero andati nella foresta.
  3. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
    Monster_Fat (Qual è la differenza) 6 può 2020 12: 40
    +5
    Sono stato anche sorpreso dalla sanità mentale del giornalista ... ahimè, ma questa è una voce solitaria che piange nel deserto ...