Gli Stati Uniti costringono la Germania a intraprendere la strada della guerra con la Russia


La discussione che si è aperta nei più alti circoli della comunità politica tedesca sull'opportunità di trovare armi nucleari americane in questo Paese sembra essersi conclusa senza nemmeno essere veramente iniziata. In ogni caso, se si considera la dichiarazione del ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, la posizione ufficiale di Berlino su questo tema.


E cos'altro, infatti, vorresti considerare tale? Non certo per opinione personale o per PR politiche, dal momento che Herr Maas, respingendo categoricamente l'idea di un ipotetico "status senza nucleare" per la sua patria, si oppone proprio alla leadership del partito di cui fa parte. Di conseguenza, la Germania, di fatto, fa la sua scelta tra guerra e pace. Per l'ennesima volta - sbagliato...

Pericolosa "sicurezza"


Il capo del ministero degli Esteri tedesco ha espresso fiducia che «esterno politica e le azioni nel campo della sicurezza "di Berlino in nessun caso dovrebbero essere una sorta di "via speciale tedesca", che include "passi unilaterali in grado di minare la fiducia dei partner" (presumibilmente - nel blocco NATO) e "indebolire questo affidabile alleanza". No, Herr Maas non è sicuramente un "falco" - al contrario, è la più sincera "colomba della pace", sognando "il disarmo nucleare generale" e persino "promuovendo attivamente il suo tema all'ONU". Tuttavia, secondo alcune "logiche" completamente capovolte, il ministro dichiara subito che il rifiuto di immagazzinare l'arsenale nucleare statunitense sul territorio tedesco non avvicinerà in alcun modo il mondo all'eliminazione del pericolo atomico. Piuttosto, al contrario ... Ora, se tutti si liberassero di quest'arma in una volta, allora Berlino sarebbe felice. Poi ci sono promesse assolutamente ridicole nello stile di "Ragazzi, viviamo insieme!", Si addice solo a un gatto dei cartoni animati, e non al capo diplomatico del paese leader dell'Unione europea. Dobbiamo rendere omaggio agli oppositori della Mosa - Rolf Mutzenich, presidente della fazione del Partito socialdemocratico tedesco (SPD) nel Bundestag e copresidente dell'SPD Norbert Walter-Boryans, che, a differenza del ministro degli Esteri, sostengono la loro posizione sulla questione in discussione in modo molto chiaro e concreto. Secondo Mützernich, le bombe americane B61 stoccate presso la base aeronautica di Büchel nello stato federale della Renania-Palatinato, di cui nessuno (o quasi) a Berlino sembra conoscere il numero esatto, non forniscono alcuna sicurezza per la Germania e i suoi cittadini. Al contrario, stanno solo prendendo in ostaggio i tedeschi delle illimitate ambizioni militaristiche di Washington, che solo un cieco può ignorare.

Herr Walter-Borjans è ancora più categorico nelle sue affermazioni. Egli non solo si pronuncia "categoricamente contro il dispiegamento di armi nucleari, il diritto di disporne e, ancor più, il loro uso", ma pone anche il grado di pericolo per il proprio Paese direttamente dipendente dalla "completa imprevedibilità" di l'attuale capo della Casa Bianca. In questo caso, infatti, il leader di una delle forze politiche più influenti della Germania si fa proprio portavoce dell'opinione della maggioranza assoluta dei suoi abitanti. Nel 2019, la nota organizzazione Greenpeace ha commissionato al Kantar Institute for Public Opinion Research di condurre un buon sondaggio su questo argomento estremamente scottante. Il risultato è stato assolutamente inequivocabile: non meno dell'86% dei tedeschi sogna che i "difensori" a strisce di stelle se ne vadano nei propri rifugi all'estero, senza fallire prendendo il proprio arsenale mortale con "ripieno" termonucleare dalle cantine di Büchel. Sulla base di ciò, non sorprende che molti partiti e movimenti sociali tedeschi siano favorevoli a liberare il paese dalla "felicità" estremamente dubbia: essere uno dei depositari del B61. Ad esempio, possiamo citare l'alleanza politica "Soyuz-90" / "Verdi", il Partito della Sinistra e molti altri. Inoltre, nel 2009, quando formarono una coalizione per formare un governo, era questo obiettivo programmatico che sia i liberali che rappresentavano il Partito Liberale Democratico di Germania (FDP) sia i conservatori che erano entrati nel sindacato con loro prescrivevano nel corrispondente accordo. A proposito, il capo del dipartimento diplomatico di questo governo non era altro che l'attuale presidente del paese, Frank-Walter Steinmeier, che allora sostenne il ritiro il più presto possibile delle armi atomiche americane dalla Germania.

La Germania non vuole combattere. Potrebbe essere ?!


Sembrerebbe che nella società tedesca, che apprezza così tanto la propria democrazia, ci sia un consenso completo - dal "basso" al "alto". Quindi cosa diavolo sta facendo lo sfortunato B61 a Büchel fino ad oggi?! Tuttavia, secondo alcuni rapporti, sono stati ricollocati o trasferiti temporaneamente l'anno scorso "nella loro patria" - negli Stati Uniti, dove sono stati riequipaggiati con i più recenti sistemi di guida per renderli ancora più mortali. Ci sono informazioni secondo cui questa modernizzazione è stata parzialmente pagata dall'"ospite", cioè dalla stessa Germania. Qual è la chiave del comportamento apparentemente incoerente di Berlino? La risposta, a mio avviso, potrebbero essere proprio le parole dell'esperto del Partito dei Verdi tedesco, responsabile delle questioni di difesa, Tobias Lindner, che le bombe nucleari americane sono “un pagamento simbolico fatto dalla Germania per avere almeno alcune voci giuste nell'Alleanza Atlantica”. Questo contributo, forse, è eccessivamente costoso (secondo lo stesso Lindner), ma è lui che crea a Berlino l'illusione che le questioni globali di guerra e di pace (e, a maggior ragione, le operazioni militari della NATO, in cui in un modo o nell'altro possono essere usate armi nucleari) non sarà deciso alle sue spalle dai paesi membri del blocco, che ne sono proprietari indipendenti. La speranza è piuttosto dubbia, considerando quante volte gli Stati Uniti, che è la "ammiraglia" riconosciuta della NATO, hanno scatenato conflitti armati in cui i suoi alleati hanno dovuto in qualche modo "sfruttare". Prendete la stessa invasione dell'Afghanistan, dove alla fine sono finiti i militari della Bundeswehr. Cosa hanno dimenticato lì i tedeschi? In linea di massima, assolutamente niente.

Si possono ricordare eventi più recenti: l'irresponsabile escalation della situazione nel Golfo Persico di Donald Trump, che miracolosamente non si è conclusa (finché non si è conclusa ...) con uno scontro armato con l'Iran, che è stato categoricamente opposto a Berlino e nell'Unione europea generalmente. Li hai ascoltati con forza a Washington? Dov'è la garanzia che la situazione non si svilupperà allo stesso modo, ad esempio, nell'Europa dell'Est? Avendo provocato un conflitto lì, gli americani potrebbero chiedere ai loro compagni tedeschi di sollevare in aria i bombardieri dal B61. E poi cosa?! Inoltre, secondo i "compagni anziani" americani, la Germania deve rinnovare a proprie spese la flotta di veicoli da combattimento in grado di trasportare proprio queste bombe. Come si può intuire, gli USA vedono solo aerei di propria produzione come alternativa al Tornado moralmente e fisicamente obsoleto negli Stati Uniti. Se qualcuno non lo sa, l'attuale dibattito al Bundestag è appena iniziato, infatti, dopo che i deputati hanno appreso che il ministro della Difesa tedesco Annegret Kramp-Karrenbauer, aggirando il parlamento, ha inviato una richiesta al Pentagono, in cui l'acquisizione di tre dozzine di F / A -18 Super Hornet della Boeing. Qual è l'interesse degli americani qui, puoi vederlo ad occhio nudo. Ma perché i tedeschi ne hanno bisogno? E, tra l'altro, Frau Ministro per le leggi tedesche di effettuare da solo tale "shopping" da miliardi non ha diritto. Inoltre, la Bundeswehr oggi ha un disperato bisogno di un enorme numero di armi e attrezzatura, necessaria solo per difesa, e non per assecondare la "Wishlist" degli alleati d'oltremare. Secondo i dati citati nella pubblicazione della pubblicazione tedesca Frankfurter Allgemeine, l'esercito locale ha problemi con letteralmente tutto, dai carri armati e dagli elicotteri ai dispositivi per la visione notturna. La pandemia di coronavirus ha mostrato, per usare un eufemismo, il dubbio potenziale della medicina militare. Non ci sono moderni sistemi di difesa aerea, navi da guerra. "La Germania è incapace di difendersi" - conclude il giornale in modo sconvolgente.

Forse è proprio questo uno dei motivi principali per cui Berlino non può decidere di uscire dall'“orbita” di Washington in ambito militare? Non si sa solo fino a che punto capiscono che questo tipo di dipendenza da un lato, le garanzie di sicurezza è piuttosto dubbia, e dall'altro è irto di problemi molto seri con la stessa Russia. Tuttavia, alcuni in Germania continuano ad aggrapparsi disperatamente allo spauracchio di vecchia data della "minaccia russa", continuando ad agitarsi in suo nome per una "alleanza indissolubile" con gli Stati Uniti, che dovrebbe garantire "una vita pacifica in Europa" con la sua "spaventosa potenza militare". In ogni caso, è esattamente ciò che afferma Christoph von Marshall, autore di un articolo sul quotidiano tedesco Der Tagesspiegel, recentemente diventato piattaforma di un acceso dibattito sulla "questione nucleare". A conferma, cita una serie completa di cliché russofobici di dovere, piangendo sul “Cremlino, che si arma costantemente, migliorando il suo arsenale nucleare, combattendo contro l'Ucraina e continuando a organizzare esercitazioni militari, durante le quali azioni aggressive contro i paesi della NATO, in particolare, e contro l'uso delle armi nucleari contro di loro", e rimproverando il "perso le capacità di orientamento politico" Rolf Mutzenich che "ha smesso di distinguere tra amici e nemici", e "parla come se vivesse su un altro pianeta. " Bene, puoi pensare in tali categorie, dimenticando che ce n'è un altro: un modo davvero ragionevole per garantire la sicurezza della Germania.

Non avrà bisogno di bombe nucleari, né sue né di altri, se Berlino ristabilirà le normali relazioni con Mosca. Si scopre una situazione piuttosto strana: da un lato, le aziende tedesche si lamentano oggi con la Camera di commercio russo-tedesca (AHK) per le "enormi perdite" che stanno subendo a causa delle restrizioni di quarantena imposte dal governo russo in relazione con la pandemia di coronavirus e chiedendo al nostro Stato "misure di sostegno significative" per la loro attività sotto forma di "riduzione del carico fiscale, riduzione dei contributi sociali" e persino compensazione finanziaria diretta. D'altronde la Berlino ufficiale non vuole rinunciare alle sanzioni antirusse impostele, ancora una volta, da Washington.

È ora che la Germania, finalmente, decida dove sono i suoi veri interessi e qual è la sua sicurezza. Per due volte nel secolo scorso è confluita con il nostro Paese nelle guerre mondiali, di cui hanno beneficiato Regno Unito e Stati Uniti. Per due volte ha subito una schiacciante sconfitta. La mancanza di comprensione del fatto che oggi stanno nuovamente cercando di spingerla lungo lo stesso percorso disastroso sa già di una sorta di tendenze suicide.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. ansimando Офлайн ansimando
    ansimando (Vyacheslav) 6 può 2020 09: 18
    +3
    La Germania dimentica le lezioni della storia. Che aspetto aveva il caso nel 1914 e nel 1941 e come lo stesso caso finì nel 1918 e nel 1945. Chi ha spinto la Germania alla guerra con la Russia e l'URSS e chi sta spingendo ora. Stranamente, ma tutti gli stessi ruoli recitativi in ​​questo teatro, solo gli attori sono diversi, e quindi niente di nuovo. Resta da vedere quando ci sarà una ripetizione del 1933 e del 1938 e chi lavorerà come Adolf Schicklgruber.
    1. hydrox Офлайн hydrox
      hydrox (idrossido) 6 può 2020 09: 46
      +3
      La Germania non ha avuto fortuna con i leader del Ministero della Difesa negli ultimi anni, o il nostro Ministero degli Esteri ha dimenticato di inviare loro la nostra Dottrina della Difesa in tedesco, che dice molto chiaramente sulle conseguenze anche del caricamento di armi nucleari sui vettori e di trovarle su corsi di combattimento, soprattutto perché non sono nemmeno razzi e accendini nucleari a bassa potenza. È del tutto incomprensibile che la "risposta" agli organi per prendere tali decisioni distruggerà questi corpi prima che i vettori tedeschi di armi nucleari raggiungano i limiti delle nostre linee di difesa aerea.
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 6 può 2020 16: 12
        -1
        Sì, in qualche modo, con i potenti per molti anni, c'erano armi nucleari americane sul territorio della Germania, così come quelle sovietiche sul territorio dei paesi del Patto di Varsavia. E in qualche modo nessuno trasportava nessuno. Per l'espansione dell'erudizione - esiste un tale concetto - "deterrenza nucleare", e rimane com'era allora e ora. Un'altra cosa è che il territorio controllato dall'URSS (Russia) si è ridotto, ma di chi è la colpa del fatto che gli ex alleati volevano all'unanimità aderire alla NATO. La parità nucleare è rimasta la stessa, ed entrambe le parti lo sanno bene. Non ci sono lanciatori di cappelli.
    2. Errore digitale Офлайн Errore digitale
      Errore digitale (Eugene) 6 può 2020 11: 06
      0
      Citazione: Fervore
      come finì questo caso nel 1918?

      Nel 1918 questo caso si concluse con la conclusione del Trattato di pace di Brest.
      Secondo Wikipedia:

      Nella letteratura storica, c'erano discrepanze nelle perdite esatte del territorio dell'ex impero russo a seguito del trattato di pace: ad esempio, Pavlovich ha scritto che 707 miglia quadrate (o 000% del territorio totale) e il 4% di la popolazione fu ceduta; tuttavia, nella maggior parte dei casi si è detto quanto del territorio europeo la Russia stesse perdendo (26%). Allo stesso tempo, in alcune opere tedesche pubblicate dopo il 26, veniva indicato semplicemente “1955% del territorio”, senza specificare “europeo”. Di conseguenza, secondo i calcoli di Diana Siebert, gli accordi prevedevano la separazione di circa 26 miglia quadrate (inclusa Kholmshchina) o 660 miglia quadrate, insieme alle "province di Privislensk" (terreni polacche, senza Kholmshchyna). L'Impero ottomano si ritirò aree con un'area di 000 miglia quadrate e la perdita della Finlandia aggiunse altre 760 miglia, che in totale diedero 000 miglia quadrate, o 17 000 chilometri quadrati ... La maggior parte degli storici, sia sovietici che occidentali, presumevano le condizioni Brest-Litovsk mondo "draconiano"

      Citazione: Fervore
      La Germania dimentica le lezioni della storia

      La lezione più dura della storia non è che qualcuno abbia dimenticato qualcosa, ma che il nemico non può essere sottovalutato - come abbiamo fatto nel 1914 e in Germania nel 1941. L'unione della Federazione Russa e della Germania oggi non è solo una minaccia (economica) Il Regno Uniti, ma anche Cina.
    3. Amaro Online Amaro
      Amaro (Gleb) 6 può 2020 22: 37
      -1
      come questo caso finì nel 1918 e nel 1945.

      Tutti questi "casi" sono stati ridotti con successo a più di zero nel 1990. E il progressivo sviluppo delle situazioni economiche e politiche nel decennio successivo, consolidò questo effetto. buono
      E che dire degli attori. Gli zii degli anni Novanta non sono ancora andati da nessuna parte, si siedono tranquillamente all'ombra bevande e al momento giusto premono i pulsanti giusti, ei loro degni successori fanno il loro lavoro. Tutto il resto è spettacolo per il pubblico.
  2. Brancodd Офлайн Brancodd
    Brancodd 6 può 2020 11: 22
    0
    Sorprendentemente, per qualche motivo in Russia questo nuovo Reich è fuori discussione. Abbiamo un tabù nei media: nessuna critica alla Germania. Il cancelliere chiede "la restituzione degli oggetti di valore esportati" o "non vogliamo vedere russi tra gli azionisti di EADS", o un ultimatum "se prendi Mariupol ..." o inciti gli americani in Serbia, o applausi nel Bundestag a questo Kolya da Urengoy. Ebbene, il progetto Ucraina è, prima di tutto, un progetto tedesco. Il Quarto Reich ha avuto luogo ed è di nuovo diretto contro di noi, è necessario trarre conclusioni ...
    Devi capire che gli obiettivi della Germania sono diversi da quelli degli Stati Uniti (anglosassoni in generale). La Germania ha usato gli Stati Uniti come sciocchi mentre era possibile.
    La Germania non rappresenta alcuna alleanza o pari coesistenza con la Russia. Non incluso nei loro piani. Tutti i nostri assi di tipo senza senso Berlino - Mosca - Pechino - una chimera assoluta.
    Degli abitanti della DDR, l'URSS ha cercato di formare persone normali, e quasi ha funzionato. Ma nel complesso, l'umore generale, che ovviamente cercano di non mostrare apertamente, è la vendetta e la vendetta. Il mio buon amico, un professore tedesco, professore slavo, era molto stressato nel 1999 e, a suo avviso, l'intera compagnia contro la Serbia è un atto di vendetta per il Terzo Reich. Alla fine, l'obiettivo è la Russia.
    Tutta la nostra cosiddetta collaborazione con loro è un progetto che funziona secondo le loro regole e nel loro interesse. Ad esempio, è stata la Germania a fermare South Stream, e niente affatto i membri del Congresso degli Stati Uniti, come comunemente si crede nel nostro paese. Quando hanno torto le mani della Bulgaria, ci hanno permesso di costruire flussi nel Baltico, che, di fatto, la Germania ora controlla. Questa interazione economica non può essere modificata. Può solo essere fatto a pezzi. Anche con la comprensione di gravi perdite. Ma non resta molto tempo.
    Ora, quest'anno o il prossimo, cercheranno di influenzare la situazione all'interno della Russia.
    1. Artyom76 Офлайн Artyom76
      Artyom76 (Artem Volkov) 6 può 2020 15: 48
      0
      È triste rendersene conto, ma sono d'accordo con te al 100%. Chi ricorda il vecchio sarà fuori dalla vista, e chi lo dimenticherà - entrambi fuori! Ma molto probabilmente, i governanti in Russia non sanno trarre conclusioni, cercano costantemente di trasformare i loro nemici in amici, ma con tali amici e nemici non sono necessari.
      1. Amaro Online Amaro
        Amaro (Gleb) 6 può 2020 22: 49
        0
        ... cercando di trasformare i loro nemici in amici ...

        Ebbene, no, non molto tempo fa, non è passato nemmeno mezzo secolo, si sono fatti strenuamente nemici degli amici. E ha avuto molto successo. E come sai, il nemico più pericoloso e insidioso è un ex amico.
        Qualcosa del genere.
  3. Serge Tixiy Офлайн Serge Tixiy
    Serge Tixiy (Serge Tixiy) 7 può 2020 14: 02
    +1
    La Germania non può essere "definita" per definizione (scusate la tautologia), perché è la Germania, per usare un eufemismo, non indipendente. La Germania, tuttavia, come tutta l'Europa dopo il 1945, e l'Oriente dopo il 1991, è completamente e anche nelle piccole cose governata dall'estero. Non importa quanto gli europei gonfino le guance, non importa come lo dimostrino con la schiuma in bocca, il potere finanziario e politico appartiene agli Stati Uniti. Così come il potere nei media.