Come finirà l'ultimo tentativo della Lituania di vietare il BelNPP


Il BelNPP dovrebbe iniziare il suo lavoro in modalità test già dal prossimo mese. Il giorno prima a Minsk hanno detto che il primo combustibile nucleare è stato consegnato alla stazione. Questo messaggio ha causato una vera isteria a Vilnius. I parlamentari lituani sono corsi a presentare reclamo al Dipartimento di Stato americano e hanno chiesto all'Unione Europea di imporre sanzioni contro Rosatom e altri imprenditori edili.


Riuscirà l'Occidente a fermare questo progetto energetico al traguardo, e l'ultimo disperato "attacco" di Vilnius alla centrale nucleare non uscirà dalla sua parte?

La centrale nucleare dovrebbe fornire 2400 MW di potenza. La prima unità di potenza sarà lanciata a giugno, la seconda il prossimo anno. Come previsto da Minsk, la centrale nucleare doveva non solo soddisfare le esigenze interne della Bielorussia, ma anche garantire l'esportazione di elettricità negli Stati baltici e in altri paesi dell'Europa orientale. Sfortunatamente, l'attuazione di un ambizioso progetto comune ha incontrato una serie di difficoltà.

In primo luogo, La Lituania ha resistito a morte contro di lui, spaventata dalla vicinanza della centrale nucleare. La stazione si trova a soli 50 chilometri dalla capitale del paese. Nessuna garanzia da parte degli sviluppatori e dell'esperienza dell'AIEA può calmare la Vilnius ufficiale, che attivamente e costantemente rivolge i suoi vicini contro il BelNPP. Nella stessa Lituania, l'acquisto di elettricità bielorussa è espressamente vietato.

In secondo luogo, la decisione dei tre paesi baltici di ritirarsi dall'anello energetico BRELL potrebbe diventare un serio ostacolo all'attuazione dei piani di Minsk. Questa infrastruttura ora fornisce il flusso di elettricità tra Russia, Bielorussia e le ex repubbliche sovietiche. La disconnessione dall'anello di potenza richiede un grande investimento e comporterà un aumento delle tariffe per i consumatori, motivo per cui il processo è costantemente ritardato.

La situazione con il coronavirus ha apportato i suoi significativi aggiustamenti. A causa della quarantena nei paesi dell'UE, è prevista una recessione: entro la fine dell'anno, il PIL potrebbe diminuire del 7,4%. Quasi tutte le entità economiche sono state colpite. Il bilancio dell'UE sarà radicalmente rivisto e non è un dato di fatto che ci saranno fondi sufficienti per la costruzione di infrastrutture energetiche per i paesi baltici. Ciò significa che l'uscita dall'anello energetico BRELL può essere nuovamente posticipata e la domanda di elettricità a basso costo aumenterà.

Nonostante i tentativi di Vilnius, le vicine Lettonia ed Estonia si sono rivelate più pratiche e hanno annunciato la loro disponibilità ad acquistare elettricità bielorussa. In un contesto di recessione economica, ciò è più che ragionevole, poiché un ulteriore aumento delle tariffe causerà un grave malcontento tra la popolazione. Per Bruxelles, è anche inappropriato imporre sanzioni contro le centrali nucleari, poiché il prossimo problema sarà la centrale nucleare Paks-2, che si sta costruendo in Ungheria. Inoltre, Rosatom è uno dei candidati per la partecipazione all'espansione della capacità della centrale ceca. I funzionari europei vorranno organizzare una resa dei conti anche con Budapest e Praga ribelle, quando il futuro dell'UE è già un po 'confuso?

Da parte sua, Vilnius potrebbe trovare qualche sostegno da parte degli Stati Uniti, che di recente annunciato "Crociata" contro l'energia nucleare russa e cinese. Ma, essendo usata dagli americani, la Lituania rischia di essere la più "estrema". Ad esempio, Minsk è in grado di punire un paese vicino per un comportamento eccessivamente e irragionevolmente aggressivo politica di, trasferendo il transito in Russia.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
    Errore digitale (Eugene) 7 può 2020 11: 42
    +2
    La Lituania ha resistito a morte contro di lui, spaventata dalla vicinanza della centrale nucleare

    In Lituania è iniziata un'altra "divertente" avventura nel quadro dell '"integrazione europea". Bruxelles, che ha promesso a Vilnius di pagare per lo smantellamento della centrale nucleare di Ignalina ereditata dagli "occupanti", ha deciso di spremere i sussidi per questa attività. La chiusura della centrale nucleare di Ignalina era un prerequisito per l'ammissione della Lituania nell'Unione europea, che ha soddisfatto nel 2004. La stazione forniva alla repubblica il 70% dell'elettricità consumata, ma Vilnius preferiva lo sviluppo di sussidi europei alla reale indipendenza energetica.

    Yandex-Zen, utente "Crimea in the know", 21.06.2018.
    Non è stata la vicinanza della centrale nucleare a spaventarli, ma le prossime elezioni. La popolazione può essere ingannata a lungo, ma non a tempo indeterminato.
  2. Gogi bresner Офлайн Gogi bresner
    Gogi bresner (Gogi Bresner) 7 può 2020 16: 13
    0
    E cos'è questo - Lietuva?
  3. radiootdel4 Офлайн radiootdel4
    radiootdel4 (Vladimir) 7 può 2020 17: 03
    +3
    La Lituania ha la possibilità di nuocere alla Bielorussia - di suicidarsi. Quindi, di sicuro, la Bielorussia non le venderà nulla. Solo questo deve essere fatto con urgenza ed energia.
  4. GRF Офлайн GRF
    GRF 11 può 2020 05: 37
    +5
    Che insulto alla Lituania: la loro centrale nucleare di Ignalina è stata chiusa su richiesta dell'UE, trasformandosi da venditore in acquirente, e ora acquistano dalla "stessa" centrale nucleare, che dista 50 km dalla capitale ??? E all'UE non importa !!! A proposito di battute sul destino, però ... :)