Pilota polacco: ho pilotato la tecnologia sovietica per tutta la vita e mi ha salvato la vita più di una volta


Oggi la Polonia è uno stato ostile alla Russia, ma ai tempi dell'URSS e del Patto di Varsavia tutto era diverso. Marian Novotnik, un pilota con una grande esperienza, ha raccontato a Onet com'è stato lavorare presso LOT (Polskie Linie Lotnicze) e rappresentare la Repubblica Popolare Polacca nel mondo occidentale.


Il polacco ricorda con grande calore le auto sovietiche.

In quei giorni volarono a Mosca politica, in Europa occidentale - uomini d'affari, attraverso l'Atlantico - artisti, polacchi ordinari in vacanza - nei Balcani. LOT usava aerei di fabbricazione sovietica Il-62 e Il-62M. I primi voli attraverso l'Atlantico erano impossibili senza rifornimento di carburante, quindi gli ingegneri sovietici costruirono l'Il-62M in più economico e metti sul rivestimento un serbatoio di carburante aggiuntivo nella coda con una capacità di 2,5 tonnellate.

I voli più difficili sono stati i voli attraverso l'Oceano Atlantico. Per la navigazione veniva poi utilizzato il sistema Omega, il navigatore era la seconda persona più importante a bordo dopo il capitano. L'equipaggio dell'aereo era composto da cinque persone, in un moderno Dreamliner, grazie all'automazione bastano due piloti.


Novotnik dice che era molto difficile diventare un pilota allora. Mentre era ancora a scuola, si interessò al modellismo aereo. Nel 1953, Marian entrò nella scuola di volo di Demblin. La selezione è stata molto dura: su 1500 candidati, solo 100 sono stati accettati e solo 66 sono riusciti a finire.Le lezioni duravano 10 ore al giorno, era richiesta un'ottima forma fisica. Al termine, il pilota ha ricevuto il diritto di controllare l'aereo d'attacco Il-10. Dopo di che, si è riqualificato per i bombardieri a reazione Il-28 che erano appena apparsi nelle forze aeree.

Nel 1967, Novotnik andò a lavorare per la compagnia aerea polacca LOT, dove volò per i successivi 30 anni, avendo viaggiato ovunque, dall'Alaska all'Australia. Sulla qualità del Soviet attrezzatura il pilota polacco risponde in maniera molto lusinghiera:

Devo ammettere che per tutta la mia vita aeronautica, durata quasi mezzo secolo, ho volato su aerei di fabbricazione sovietica, dopo aver trascorso 16 mila ore in aria. Questi aerei affidabili e robusti mi hanno salvato la vita più di una volta, perdonando gli errori.
  • Foto utilizzate: Steve Swayne / Flickr
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. GRF Офлайн GRF
    GRF 8 può 2020 05: 30
    +4
    In precedenza, erano impiegate 5 persone, ora 2. E le restanti tre, a quanto pare, non hanno nulla a che fare con l'hayut sovietico ...
    Ho una grande speranza, per le vostre memorie, compagni polacchi e (ci sono molti di voi che non hanno perso la memoria e la coscienza) pensionati...