Sulla soglia dell'intervento: perché Haftara non può essere ritardato nell'assunzione di Tripoli


Recentemente, le Nazioni Unite non solo hanno iniziato a mostrare un crescente interesse per il conflitto armato in Libia, ma hanno assunto una posizione molto chiara e specifica volta al sostegno incondizionato a una delle sue parti. Inoltre, i rappresentanti plenipotenziari di questa organizzazione internazionale si sono uniti al coro di coloro che accusano la Russia di interferire negli affari della Russia, pur preferendo "ignorare" le azioni del tutto ovvie della Turchia, che sono, di fatto, interventi militari sul territorio di uno Stato sovrano.


Cosa possono significare tali azioni e per quale scopo vengono intraprese?

Cosa dicono le Nazioni Unite ...


Per cominciare, definiamo di cosa stiamo parlando esattamente. Innanzitutto, a titolo di esempio, possiamo citare la dichiarazione del rappresentante ufficiale del Segretario generale dell'Onu Stefan Dujarrik, il quale ha affermato che la sua organizzazione riconosce come legittima autorità della Libia esclusivamente il Governo di Accordo Nazionale, che si è insediato a Tripoli, guidato da Fayez Saraj, che recentemente si è finalmente trasformato in un fantoccio di Ankara ... Queste parole sono state una risposta alla corrispondente dichiarazione del capo dell'esercito nazionale libico, Khalifa Haftar, che ha dichiarato il non riconoscimento e la denuncia dei cosiddetti accordi Syhrat, legittimando il PNC e proclamandosi il sovrano supremo del paese sulla base, come ha detto lui, del "mandato popolare". la maggioranza assoluta della popolazione libica.

L'ONU, tuttavia, è fiduciosa che "l'unica forma di governo internazionalmente riconosciuta in Libia possono essere gli organi e le istituzioni costituiti a seguito di politico accordi raggiunti a Sihrat ", e qualsiasi cambiamento in questo stato dovrebbe" essere raggiunto come risultato di processi democratici, non di azioni militari ". Questa dichiarazione sembra abbastanza decente e ben intenzionata, ma il suo vero significato è tutt'altro che belle parole. L'unico colpevole della sanguinosa guerra condotta nel Paese, infatti, è riconosciuto a priori proprio da Haftar, e non dal “governo” trincerato nella capitale, che fa affidamento non sulla volontà del popolo, ma sulle baionette turche. È quanto sottolinea l'ufficio del Rappresentante speciale dell'Onu per la Libia, indicando chiaramente che durante i primi tre mesi del 2020 in Libia, 64 civili sono stati uccisi e 67 feriti proprio "per colpa di gruppi armati illegali controllati da Khalifa Haftar". Presumibilmente, non sparano né bombardano dal lato opposto ...

In realtà è vero il contrario. È dal feldmaresciallo che è arrivata l'iniziativa di stabilire una tregua nel Paese per tutto il mese di Ramadan, sacro per i musulmani. Questa è stata, infatti, la sua prima decisione dopo l'annuncio del suo status di "sovrano supremo". Le ostilità furono effettivamente interrotte per un po '. Tuttavia, già il 30 aprile, il CNT ha annunciato di "respingere la falsa tregua di Haftar", poiché "una vera riconciliazione è possibile solo sotto gli auspici dell'Onu e di altre organizzazioni internazionali". Ciò è stato seguito dall'inflizione di almeno 5 attacchi missilistici e con bombe sulla base aerea di Al-Watia, situata a sud-ovest di Tripoli e che è uno dei punti principali dell'LNA. Allora chi è responsabile della morte dei libici? L'ONU è stata ancora una volta colpita da una stranissima "cecità" ... Peggio ancora, continuando i suoi attacchi ad Haftar e ai suoi sostenitori, questa organizzazione da tempo ripete invenzioni volte ad accusare il nostro Paese di partecipazione diretta a questa guerra.

Così, l'altro giorno, media mondiali molto autorevoli - come l'AP e le agenzie Bloomberg, si sono impegnati a replicare un "rapporto di esperti delle Nazioni Unite" dedicato a questa questione "scottante". Secondo un'altra versione, si tratta delle "conclusioni di osservatori indipendenti presentate al Comitato per le sanzioni sulla Libia del Consiglio di sicurezza dell'Onu". Tuttavia, non importa: la cosa principale è che il riferimento in questo caso è di nuovo alle Nazioni Unite. Allo stesso tempo, si sostiene che "dall'ottobre 2018, un gruppo di militanti del PMC di Wagner è stato presente in Libia da 800 a 1200 persone". Queste persone non solo “forniscono LNA tecnico assistenza nella manutenzione di complesse attrezzature militari, principalmente aviazione ", ma anche" prendere una parte personale nelle ostilità e nelle operazioni di influenza ". In particolare, "un'unità di 39 combattenti russi fornisce supporto da cecchino all'esercito di Haftar". Inoltre, i "wagneriani" svolgono i compiti di "osservatori di artiglieria avanzata e artiglieri di aerei".

... E per chi ripete?


Da dove vengono dati così accurati e dettagliati (nel famigerato "rapporto" anche "l'ammontare dei guadagni dei mercenari" è indicato con una precisione di centinaia di dollari)? Sarai sorpreso - ma gli "esperti" che hanno inventato tutto questo mucchio di "storie dell'orrore" e di accuse ammettono onestamente: non hanno prove reali delle proprie invenzioni! Dalla parola "assolutamente" ... "I dati dichiarati non possono essere confermati da fonti indipendenti, sono il risultato di analisi di messaggi da fonti aperte e osservazioni limitate" - ecco come suona letteralmente questa ammissione. Traducendo in linguaggio umano, questi "esperti" o "osservatori" hanno inventato il loro rapporto "sensazionale", apparentemente senza lasciare una stanza d'albergo a Tripoli, raccogliendo pettegolezzi inutili su Internet e inventando ciò che Dio avrebbe messo nella sua anima. Se è stato osservato qualcosa allo stesso tempo, forse la diminuzione del livello di birra nel bicchiere ...

Tuttavia, i media occidentali hanno già ripreso con entusiasmo l'argomento e hanno cominciato a esagerarlo, nonostante nemmeno una “seconda freschezza”. Sì, sì - in effetti, il "rapporto delle Nazioni Unite" (ammesso che esista in natura) è semplicemente un "rimaneggiamento" di quel "ripieno" di informazioni che era e viene fatto dalla macchina della propaganda occidentale con tenacia e tenacia degne di una migliore applicazione. Ricordiamolo: il Telegraph ha strombazzato i mercenari di Wagner in Libia un anno fa. Il New York Times ha affrontato lo stesso problema lo scorso novembre. È vero, i giornalisti locali avevano una fantasia più modesta: si limitavano a invenzioni su "duecento militanti". Ora, come possiamo vedere, decisero di non perdere tempo in sciocchezze e "aggiunsero" altri mille a questa cifra insignificante. Tuttavia, non è un caso e non per amore di uno slogan che ho citato la "macchina della propaganda" - i media apparentemente "indipendenti" e "oggettivi" degli stessi Stati Uniti diligentemente, come pappagalli ben addestrati, ripetono le cose "corrette" espresse a Washington da alti funzionari, che sono ordinati per essere considerati la verità ultima.

Ricordiamolo: il Dipartimento di Stato americano alla fine di novembre dello scorso anno ha rivolto alla Russia l'accusa di "destabilizzare la situazione in Libia". Queste ridicole affermazioni sono state espresse non da qualche piccolo impiegato, ma dal sottosegretario di Stato per il Medio Oriente, David Schenker, che ha annunciato categoricamente la presenza in questo paese di un "numero significativo" non solo di "combattenti Wagner PMC", ma anche di "militari dell'esercito regolare russo, sostenendo LNA ”. Un mese dopo, a fine dicembre, il Dipartimento di Stato ha ripetuto le stesse sciocchezze, dichiarando "profonda preoccupazione" che "il conflitto libico stia diventando sempre più violento a causa dell'aumento del numero di mercenari russi che combattono per Haftar nel Paese". Le vere ragioni di questa "preoccupazione" sono abbastanza comprensibili e sono state a lungo espresse dalla stessa stampa americana.

In particolare, il New York Times ha pubblicato tre settimane fa un articolo molto approfondito, l'autore del quale lamentava che "la Casa Bianca ha benedetto la guerra in Libia e la Russia vincerà". In particolare, cita le parole dell'ambasciatore statunitense a Tripoli Richard Norland, che ritiene che "i russi in questo Paese abbiano il massimo guadagno con il minimo rischio". Ma Business Insider è ancora più categorico nelle sue conclusioni e previsioni. I suoi autori sono fiduciosi che “sostenendo il feldmaresciallo Haftar, la Russia riceverà un numero significativo economico e vantaggi geopolitici - non solo nella stessa Libia, ma nel Medio Oriente nel suo insieme ". Ma il "ritiro" degli Stati Uniti da lì, secondo la pubblicazione, porterà alla perdita delle loro posizioni in questa regione, dove l '"attore principale" sarà Mosca, "che manda armi a Haftar a tonnellate e mercenari a migliaia" ... Oggi è difficile stabilire con esattezza chi per i quali ripete - o i giornalisti per il Dipartimento di Stato, o il Dipartimento di Stato per i giornalisti, ma una cosa è chiara: gli Stati Uniti sono estremamente preoccupati per la prospettiva di ottenere una "seconda Siria" e intendono impedire qualsiasi cosa del genere.

Qualche tempo fa, gli americani, per la loro "dolce" abitudine di rastrellare il caldo con le mani di qualcun altro, se possibile, mettendo insieme diversi stati che hanno portato loro "mal di testa" con la testa, speravano che i turchi facessero tutto il lavoro sporco per loro in Libia. Tuttavia, nonostante tutte le dichiarazioni vanagloriose di Erdogan e le azioni molto reali di Ankara, volte al supporto militare aperto del PNC con l'esercito di Haftar, i "discendenti orgogliosi dei giannizzeri" non sono stati in grado di farcela. Ovviamente, questo è precisamente il motivo per cui Washington ha deciso di "passare dall'altra parte". Recentemente, hanno cominciato a moltiplicarsi accuse sempre più rumorose e assurde contro Khalifa Haftar, espresse dai rappresentanti ufficiali di Tripoli.

L'oratore è invariabilmente il ministro degli affari interni del PNS Fathi Bashaga, che il mese scorso ha rilasciato una dichiarazione "da manuale" sull '"uso dell'LNA (e dei mercenari di Wagner, ovviamente!) Di armi chimiche". Recentemente, ha anche espresso un "complotto" ancora più bugiardo - su come il feldmaresciallo Haftar "insieme al regime di Assad vendano droga". È difficile immaginare cos'altro succederà a Tripoli. E si potrebbe solo ridere di questi miserabili tentativi di screditare il proprio avversario a tutti i costi, se non fosse per questa campagna di informazione per preparare "l'opinione pubblica mondiale" a un nuovo intervento straniero in questo paese sofferente. E se questo assunto, Dio non voglia, è corretto, allora diventa chiaro e "collegamento" alla causa delle Nazioni Unite. Lì, a quanto pare, hanno imparato chiaramente la lezione data dalla Casa Bianca, che ha preso la parte "sbagliata" dell'OMS, e ora saranno pronti a sventolare una risoluzione che approvi qualsiasi "operazione di mantenimento della pace", come è stato nel non lontano 2011.

Comprendendo perfettamente che ora sono tempi un po 'diversi, ed è improbabile che la Russia rimanga in disparte, gli Stati Uniti "si assicurano da soli", trasformando inizialmente il nostro paese non solo in un partecipante diretto al conflitto libico, ma quasi nel suo principale colpevole. Mettono in chiaro che possono "bombardare un po '" anche questa volta, in modo che non si arrampichino dove non chiedono ?! In ogni caso, il feldmaresciallo Haftar e l'Esercito nazionale libico da lui guidato, forse, non dovrebbero ritardare troppo la soluzione della questione con gli oppositori di Tripoli. Fino a quando non hanno attirato davvero "organizzazioni internazionali" con portaerei, bombardieri e missili da crociera al loro fianco.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 8 può 2020 10: 40
    -2
    La Corea del Nord ha già combattuto contro le Nazioni Unite. Un altro sembra essersi raccolto, due paia di stivali ..
    1. Errore digitale Офлайн Errore digitale
      Errore digitale (Eugene) 8 può 2020 10: 58
      +1
      Citazione: Arkharov
      La Corea del Nord ha combattuto contro le Nazioni Unite

      Quando si parla di "carneficina", i caschi blu non hanno voglia di intervenire. In continuazione del tema - Consiglio per la "quarantena" la visione del dramma di guerra del regista bosniaco Danis Tanovic "No Man's Land" (2001), l'azione si svolge nel 1994:

      1. Arkharov Офлайн Arkharov
        Arkharov (Grigory Arkharov) 8 può 2020 14: 26
        +1
        In Corea, non si trattava di "caschi bianchi". C'è stata una guerra dell'aggressore (RPDC) non con gli americani, ma con le forze unite delle Nazioni Unite. Non hai sentito?
    2. nov_tech.vrn Офлайн nov_tech.vrn
      nov_tech.vrn (Michael) 14 può 2020 11: 03
      0
      Oltre agli Stati Uniti, Inghilterra, Turchia, Belgio, Grecia, Colombia, India, Filippine e Thailandia hanno inviato le loro truppe in Corea, e solo i volontari cinesi, supportati dai piloti dell'Unione Sovietica, sono stati in grado di ripristinare lo status quo, quindi all'interno del conflitto coreano si è effettivamente sviluppato uno scontro tra le potenze principali ...
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 8 può 2020 11: 45
    0
    Se puoi aiutare Haftar a vincere davvero, hai bisogno di aiuto e non te ne frega niente di tutti gli articoli. Dolorosamente, ci prestano molta attenzione e cosa diranno i nostri partner (o meglio nemici) ...
    1. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 8 può 2020 14: 23
      +1
      E nei fichi è necessario? Ad esempio, tu personalmente? Vivrai meglio?
    2. Errore digitale Офлайн Errore digitale
      Errore digitale (Eugene) 8 può 2020 14: 28
      +3
      Citazione: kriten
      hai bisogno di aiuto e ...

      E per aumentare l'IVA fino al 22% per l'accumulo di riserve per questi scopi, come discusso con l'FMI nel 2017:

      Il personale ha notato misure fiscali che sosterrebbero le esportazioni OTC e le prospettive di crescita a medio termine. Il proprio Una regola fiscale ben concepita per il prezzo del petrolio ridurrà l'impatto dei prezzi del petrolio sul REER e proteggerà la competitività dalla volatilità del prezzo del petrolio. Inoltre, potrebbe esserci il potenziale per cambiamenti nella politica fiscale che migliorerebbero la competitività, come uno spostamento dalle tasse sul lavoro alla tassazione dei consumi (riducendo i contributi previdenziali dal 30% al 22% e aumento dell'aliquota IVA dal 18 al 22 per cento), creando così un incentivo temporaneo per le esportazioni e contribuendo a ridurre l'occupazione informale.

      E allo stesso tempo "inducono" alcuni dei 7 milioni di turisti russi che si sono riposati in Turchia lo scorso anno a venire in località russe che appartengono (tramite società offshore?) ... a chi? Non attraverso il miglioramento e la riduzione del costo del servizio, ma attraverso la paura di ricevere un "coltello alla schiena" dai sudditi turchi.
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 8 può 2020 17: 05
    -1
    Perché gli Stati non spiegano cosa stanno facendo i loro PMC in Ucraina?
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 9 può 2020 22: 53
      +1
      Che tipo di PMC in Ucraina? Dove esattamente? Non sono questi gli "afroamericani" che Basurin ha visto ubriaco?