Il compagno Stalin e il Giorno della Vittoria: come il leader ha trattato la grande festa


In realtà, in questo giorno varrebbe la pena scrivere dell'eroismo dei nostri soldati, della grandezza della loro impresa, di quale prezzo enorme il popolo sovietico ha pagato per il Giorno della Vittoria a venire ... Tuttavia, gli eventi recenti nel mondo non lo fanno permetteteci di sintonizzarci sulla solenne cerimonia che si addice a questa data. È molto probabile che il nostro paese stia affrontando una nuova guerra per la vittoria nella guerra della Grande Guerra Patriottica - scusatemi per la tautologia forzata, ma non potete dire diversamente.


L'insolito abbaiare del Baltico, dell'Ucraina e di altri bastardi in questo anno giubilare è stato fortemente sostenuto dagli Stati Uniti, per la prima volta dal 1945, a livello dei loro dipartimenti diplomatici e militari, che hanno osato chiamare l'Unione Sovietica un "occupante "e in realtà lo equipariamo alla Germania di Hitler, sviluppando un'idea assurda sul presunto coinvolgimento del nostro paese nello scoppio della seconda guerra mondiale.

Inizia una nuova aggressione contro tutti noi: nipoti e pronipoti dei vincitori. Finora - informativo e ideologico, ma sappiamo tutti quanto piccola possa essere la distanza tra tali attacchi e gli attacchi missilistici e con le bombe e l'intervento. Le maschere sono state lasciate cadere, falsi "alleati" e "amici" hanno rivelato il loro vero aspetto e le intenzioni nascoste. D'ora in poi, non dobbiamo solo onorare la santa memoria dei nostri antenati che hanno schiacciato il nazismo e i suoi numerosi alleati, ma anche resistere ai tentativi di profanare questa memoria, distruggerla e consegnarla all'oblio. Bene, cerchiamo di essere degni degli eroi defunti, che dobbiamo proteggere in questa battaglia. E oggi parleremo ancora del Giorno della Vittoria - per dissipare alcuni miti e finzioni che lo riguardano.

"La vacanza non amata del leader"?


Una delle storie false e "nere" su Joseph Vissarionovich ripetute più spesso e ostinatamente dai liberali nazionali - "antistalinisti" è questa: a Stalin, si scopre, "non piaceva terribilmente il Giorno della Vittoria, non lo considerava una vacanza e generalmente ... cancellato nel 1947! " Che mostro! I signori della "comunità democratica" provano un amore speciale per questa affermazione del tutto paranoica, non solo perché in questo modo infliggono, a loro avviso, un "colpo schiacciante al culto della personalità", ma anche perché in questo caso presumibilmente hanno "prove" (con cui questa fraternità, come sapete, è sempre scarsa). Si tratta di un documento semplice e breve - il Decreto del Presidium del Soviet Supremo dell'URSS, composto da due soli punti: “1. Come modificato dal Decreto del Presidium del Soviet Supremo dell'URSS dell'8 maggio 1945, il 9 maggio, festa della vittoria sulla Germania, è da considerarsi un giorno lavorativo. 2. Il 1 ° gennaio - festività di Capodanno - è considerato un giorno non lavorativo ". Allo stesso tempo, ogni anno, il 9 maggio, si tenevano eventi festivi in ​​tutta l'Unione Sovietica, città e villaggi erano vestiti con decorazioni festive e la sera i tradizionali saluti dell'artiglieria da 30 raffiche tuonavano. Il popolo onorava i propri eroi deponendo fiori sulle tombe dei morti e onorando i veterani viventi della Grande Guerra Patriottica. Come puoi vedere, non si tratta di alcuna "cancellazione": solo uno dei giorni di ferie è stato posticipato. Perché una tale decisione è stata effettivamente presa, lo scopriremo sicuramente, ma un po 'più tardi. Nel frattempo, prendendo un respiro profondo e tenendo stretto il naso, familiarizziamo con le "versioni" di base che vengono proposte dai signori "antistalinisti" su questo argomento. Tali, credetemi, questi signori ne hanno in abbondanza, e uno è più bizzarro dell'altro. Per ora, elencherò solo i principali:

1. Stalin non vide alcuna vittoria alla fine della Grande Guerra Patriottica, poiché "il suo piano principale fallì: l'esportazione della rivoluzione mondiale in Europa e oltre". Questa schizofrenia strisciava fuori da sotto la penna lasciva di Bogdashi Rezun - uno dei principali Giuda della "tarda" Unione Sovietica, un traditore della Patria e, insieme, quasi il primo mascalzone che riuscì a "sfatare i miti della propaganda sovietica sul Grande Guerra patriottica. " Giudicherei tutti coloro che hanno spremuto i suoi libri negli anni '90 in circolazione di massa, ma ora ...

2. Stalin “provava un'ardente gelosia dei comandanti della Vittoria e, soprattutto, Georgy Zhukov a causa della loro enorme popolarità tra la gente, ed essendo lui stesso completamente innocente della sconfitta di Hitler (il nemico fu sconfitto solo nonostante la Comitato di difesa dello Stato e quartier generale), voleva neutralizzare la Vittoria per sminuire la grandezza dei suoi veri creatori ".

3. Stalin ha "cancellato" il Giorno della Vittoria perché "non era una festa comunista, ma patriottica". Capiva che "la guerra non era stata vinta dal governo sovietico e dal Partito comunista, ma dal popolo russo", quindi, essendo un leader comunista, "si opponeva ideologicamente all'idea di uno stato russo".

4. Stalin "aveva una paura mortale dei veterani di guerra" e, in particolare, dei prigionieri di guerra e degli ostarbeit, che "avendo visitato l'Europa e tornato in patria, dove le condizioni di vita erano incomparabilmente peggiori, rappresentavano una vera minaccia al suo potere illimitato".

Ci sono anche altre "prove" - ​​per esempio, l'affermazione sull '"atteggiamento irrispettoso nei confronti della Vittoria e dei vincitori" di Stalin, basata sul fatto che egli si rifiutò di ricevere la parata il 24 giugno 1945, o si fermò durante essa sul podio di il Mausoleo, non sulla porta d'ingresso, ma nella vita di tutti i giorni, l'uniforme del maresciallo. Non prenderemo nemmeno in considerazione queste sciocchezze a causa della sua assoluta ridicolaggine, ma affronteremo il resto in dettaglio.

"Il grande giorno è arrivato ..."


Compagni! La Grande Guerra Patriottica si è conclusa con la nostra completa vittoria. Il periodo della guerra in Europa è finito. Inizia un periodo di sviluppo pacifico. Buona vittoria a voi, miei cari compatrioti e compatrioti! Gloria al nostro eroico Armata Rossa, che ha difeso l'indipendenza della nostra Patria e ha vinto una vittoria sul nemico! Gloria al nostro grande popolo, il popolo vittorioso! Gloria eterna agli eroi che sono caduti in battaglia con il nemico e hanno dato la vita per la libertà e la felicità del nostro popolo!

- questa è una citazione dal discorso di Stalin del 9 maggio 1945.

In generale, in questo discorso non chiama Vittoria se non "grande", "storica". Potrebbe davvero essere che una persona che "non l'ha messa in niente" potrebbe dire questo? “Non è ipocrisia? L'eterno gioco del tiranno al pubblico! " - gli "antistalinisti" grideranno in un coro amichevole. Solo tra i "grandi sacrifici fatti in nome della libertà e dell'indipendenza della Patria" menzionati dal Comandante Supremo quel giorno c'era il Tenente Maggiore Yakov Dzhugashvili, al quale il suo onnipotente padre disse nei primi giorni della Grande Guerra Patriottica: "Vai e combatti!" Anche l'ipocrisia? Riguardo alle sciocchezze di Rezun e di coloro che stanno cercando di modellare Joseph Vissarionovich in un "comunista fanatico" e "un nemico della statualità russa". Stalin non era mai stato un sostenitore della "rivoluzione mondiale" in vita sua. Al contrario: ha condotto la lotta più crudele con i suoi fanatici violenti, guidati dal compagno Trotsky. Per "estendere il comunismo" alla stessa Francia o Grecia nel 1945, non fece il minimo sforzo, sebbene avesse assolutamente tutte le opportunità per farlo. Stalin non era affatto un "comunista duro", era un "imperatore rosso", quante volte può essere provato! La rinascita dell'Ortodossia, i cosacchi russi, il ritorno dei ranghi degli ufficiali nell'Armata Rossa, l'istituzione di molti ordini, dai quali i "leninisti leali" hanno quasi mancato un colpo (Un ordine di Alexander Nevsky valeva qualcosa!), Il graduale ritorno dall'oblio di un numero crescente non solo di simboli, ma anche dell'essenza dell'Impero russo: tutto questo è esattamente Stalin e nessun altro. Il fatto che il 24 maggio 1945, il Comandante supremo al Cremlino abbia proclamato un brindisi "alla salute del popolo russo", definendolo "la forza trainante dell'Unione Sovietica" e "la nazione più eminente dell'URSS" è un fatto ben noto. Gli interessati possono familiarizzare con il testo completo.

"Opponente dell'idea di statualità russa"?! Sì, ha fatto di più per lei della metà dei sovrani-imperatori messi insieme! E a proposito - "la guerra non è stata vinta dal regime sovietico" ... E a chi, in tal caso, posso chiedere? Marziani? Americani? Magi-stregoni? Il Comitato per la difesa dello Stato, il quartier generale dell'Alto Comando Supremo, i Commissariati del popolo, forgiando la vittoria: che tipo di potere era quello ?! Anche chi dice apertamente sciocchezze dovrebbe, a mio avviso, restare entro certi limiti per evitare il sospetto di totale inadeguatezza. Non c'è nemmeno nulla da discutere sulla "paura dei comandanti". Con coloro che rappresentavano un pericolo per il paese, il compagno Stalin non si è mai esibito in cerimonie, indipendentemente dal rango e dal merito. E i veri marescialli della Vittoria non hanno nemmeno pensato a nessuna cospirazione. Fu solo più tardi che alcuni militari del Carbonario si trasferirono, erigendo Krusciov "sul trono", sulla sua stessa testa, a proposito. Sotto Stalin, non osavano pensare a niente del genere. Quanto a Zhukov personalmente, il Comandante Supremo non ha mai pregato per lui. E soprattutto, il suo atteggiamento nei confronti di Georgy Konstantinovich si è deteriorato dopo il famoso "caso dei trofei". Non voglio lavarlo tutto in vacanza - chiunque sia nell'argomento capirà, consiglio al resto di chiedere. Bene, e infine, per quanto riguarda la "paura dei veterani e degli ex prigionieri" ... Trattando questo argomento, mi sono imbattuto in un "capolavoro" assolutamente fantastico. Di solito evito di nominare i miei avversari del campo "antistalinista" con i loro nomi - c'è molto onore. Ma non posso resistere qui. Sulla risorsa Proza.ru è possibile trovare l'opera di un certo Boris Romanov (un candidato di scienze, tra l'altro), che afferma che "... i prigionieri sono quasi migliori di altre categorie di cittadini sovietici che si sono trovati all'estero da la volontà del destino militare, ha visto come vive l'Europa (ovviamente, hanno vissuto molto duramente, ma non hanno potuto fare a meno di notare cosa stava succedendo intorno) ... "Fu per questo che furono" puniti da Stalin "- furono inviati ai campi o all'esilio. La citazione citata è letterale, lo giuro! Non ho cambiato una lettera. È qui che i nostri prigionieri di guerra hanno visto la vita europea "bella, ben nutrita e libera"? Ad Auschwitz? Buchenwald? Majdaneke? Chi devi essere per scrivere qualcosa del genere ?! Tuttavia, questo è un tipico livello di "argomentazione" di coloro che stanno cercando di convincerci dell '"antipatia" di Stalin per il Giorno della Vittoria ...

Vere ragioni


Dopo aver finito di smistare tra le macerie di fabbricazioni deliranti, iniziamo finalmente a parlare dei veri, ovvi e segreti (e come possiamo farne a meno!) Ragioni che hanno spinto Joseph Vissarionovich a prendere la decisione che si rifletteva nel Decreto del Supremo Il Soviet dell'URSS citato all'inizio. Ma inizieremo ricordando senza abbellimenti quel tempo duro e le sue realtà. Ora è per noi, al limite rovinato da ferie, "ferie" e fine settimana, la cancellazione di ognuna di esse sembra barbarie e una violazione inaudita dei nostri diritti. Nel 1947 c'erano vacanze in URSS che erano giorni di riposo ... sei su 365, scritti nel calendario! Memorial Day V.I. Lenin (22 gennaio), Primo maggio (due giorni), Giornate della vittoria - sulla Germania e sul Giappone (rispettivamente 9 maggio e 3 settembre), 7 e 8 novembre - Giornata della Grande Rivoluzione Socialista d'Ottobre e Giornata della Costituzione, celebrata il 5 dicembre . Nessun giorno libero a Capodanno, sebbene la vacanza sia stata ufficialmente introdotta in URSS nel 1935, sempre su iniziativa di Stalin. 23 febbraio, 8 marzo e simili - tutti esclusivamente giorni lavorativi. In generale, la settimana lavorativa era di sei giorni. Il sabato, se qualcuno se lo è dimenticato, è diventato non lavorativo alla fine degli anni '60. Il paese era in rovina, l'economia nazionale era quasi completamente distrutta, le perdite umane furono colossali. Tutti dovevano lavorare sodo, nel senso più letterale della parola, non solo per se stessi, ma anche per il fratello, il padre o il figlio che non tornava dalla guerra. Per tutti i 27 milioni che abbiamo perso ... E inoltre - per i disabili, che vorrebbero lavorare, ma non potevano, e che avevano anche bisogno di essere sostenuti dallo Stato. Che tipo di "vacanze di Natale", "vacanze di maggio" ci sono che durano una settimana? Non c'era tempo per quello. Sì, e "portando via" il 9 maggio, Stalin ha agito in modo corretto, rendendo inoperante il 1 ° gennaio. Dal punto di vista economico la convenienza era decisamente migliore.

Iosif Vissarionovich viene talvolta rimproverato per le sue parole che "è giunto il momento di essere orgoglioso non dei premi militari, ma dei premi del lavoro". Bene, questo è della stessa serie in cui si parla di "una semplice uniforme da maresciallo" alla Victory Parade. Coloro che lo hanno presentato per aver visionato la divisa del Generalissimo, il Comandante Supremo hanno quasi abbattuto con le sue stesse mani ... Non ci hanno riprovato. E fino alla fine della sua vita ha indossato l'unico premio: la stella dell'eroe del lavoro socialista. Non ha mai indossato la Stella d'Oro, che gli è stata assegnata per la Grande Guerra Patriottica ... Prima di tutto, era un grande Creatore - non per colpa di Stalin, ma il suo problema è che la maggior parte delle volte, quando era a capo di l'Unione Sovietica, è stata spesa in guerre ... Bene, e, infine, riguardo al nascosto. La vittoria finale ottenuta il 9 maggio 1945, Stalin, molto probabilmente, non la prese davvero in considerazione. In ogni caso - da un certo punto. Il bombardamento nucleare di Hiroshima e Nagasaki, il discorso di Fulton di Churchill, riporta sul suo tavolo i piani "Impensabile", "Dropshot" e altri progetti cannibalistici per la cancellazione definitiva e irreversibile dell'Unione Sovietica dalla faccia della terra e politico più le mappe del mondo si allontanavano, più lo convinceva che la battaglia principale era avanti. Ma cosa posso dire, se i nostri "alleati" hanno mostrato il loro vero volto già il 7 settembre 1945, quando i comandanti in capo dei loro eserciti si sono rifiutati insieme e categoricamente di partecipare alla Victory Parade tenutasi quel giorno a Berlino. Hanno espresso la loro "fata", per così dire ... A questo punto, come si suol dire, "basta". Stalin era molto intelligente. Ne ho già scritto e non mancherò di ripeterlo: alla fine degli anni '40, Joseph Vissarionovich iniziò i preparativi per il confronto con Stati Uniti, Gran Bretagna e loro alleati. Il punto non riguarda solo il nuovo rafforzamento del potere delle nostre forze armate, la "corsa nucleare" e simili. Stalin sfidò l'egemonia del dollaro appena nato, introdusse la moneta d'oro e si preparò a schiacciare economicamente l'Occidente. E se necessario, poi con la forza delle armi. Ha visto la vittoria principale davanti a sé. È un peccato, non ha vissuto, non ha avuto tempo ...

Perché oggi stanno cercando di fare di Stalin un nemico del Giorno della Vittoria? La risposta è semplice e chiara - per strappare questo grande storico e statista dal principale dei suoi successi. E, a sua volta, per evirare il risultato più glorioso del nostro popolo, trasformandolo infine in un "giorno di memoria e dolore" senza volto e senza significato. Non funzionerà, signori! Stalin e Victory sono indissolubilmente legati per sempre e per sempre - e non può esserci altro modo.

Buon Giorno della Vittoria a tutti i lettori di "Reporter"! Per la Patria, per i nostri gloriosi antenati-eroi! Possa Dio concederci di essere i loro degni discendenti ...
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 9 può 2020 08: 35
    -9
    ... Un insolito latrato di bastardi baltici, ucraini e altri ...

    - se tratti costantemente i tuoi vicini in modo maleducato, allora è impossibile contare su un atteggiamento benevolo nei tuoi confronti ... wassat
    1. aries2200 Офлайн aries2200
      aries2200 (Ariete) 9 può 2020 09: 14
      +3
      Shawki, beneficiari di fondi del Dipartimento di Stato USA ... hanno imparato la russofobia ... - Shawki - AUTORE DEI DIRITTI in questa dichiarazione.
    2. ansimando Офлайн ansimando
      ansimando (Vyacheslav) 9 può 2020 10: 55
      0
      Per favore chiarisci chi è maleducato sui vicini, ovviamente, con esempi specifici sui vicini di diverse parti.
  2. Taverna dell'host Офлайн Taverna dell'host
    Taverna dell'host (Daniel) 9 può 2020 10: 55
    +5
    CON VACANZA !!!
  3. ansimando Офлайн ansimando
    ansimando (Vyacheslav) 9 può 2020 10: 56
    0
    Mille grazie all'autore per l'articolo!
  4. astronauta Офлайн astronauta
    astronauta (San Sanych) 9 può 2020 11: 12
    0
    A Minsk si tiene una parata militare dedicata al 75 ° anniversario della Vittoria. Ben fatto, papà!
    E il nostro garante è nel bunker.
    1. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 9 può 2020 11: 32
      0
      È un caso raro in cui il "garante" sta facendo la cosa giusta.
  5. Alexey Grigoryev Офлайн Alexey Grigoryev
    Alexey Grigoryev (Alexey Grigoriev) 13 può 2020 16: 07
    0
    Dopo la guerra, non c'era tempo per le vacanze, era necessario ripristinare il paese dopo i mercanti di merda europei.