Il veterano degli Stati Uniti ha apprezzato il ruolo dell'Unione Sovietica nella sconfitta dei nazisti


L'amministrazione statunitense ha commesso un grosso errore non menzionando l'URSS nell'elenco degli stati che sconfissero la Germania nazista nella seconda guerra mondiale. Ora la Casa Bianca è obbligata a risolvere questo problema, secondo Frank Cohn, veterano americano di 94 anni, che ha partecipato all'incontro del 25 aprile 1945 delle forze armate statunitensi e sovietiche sull'Elba.


Si è trattato di un grave errore che deve essere corretto e le autorità competenti dovrebbero chiedere che venga corretto. La storia non può essere riscritta così

- ha sottolineato il veterano, valutando il ruolo dell'Unione Sovietica nella sconfitta dei nazisti.

Secondo lui pubblicato da parte dei dipendenti della Casa Bianca, la dichiarazione non può essere ufficiale politica Stati Uniti d'America.

Cohn ha sottolineato che se la Gran Bretagna è stata citata dalla Casa Bianca, allora è stato necessario parlare del contributo dell'URSS. Dopotutto, gli inglesi erano in una posizione perdente finché l'Armata Rossa non vinse a Stalingrado. Ha aggiunto che grazie all'URSS lo sbarco in Normandia ha avuto successo. Quindi non ha dubbi che sia stata l'URSS a dare il maggior contributo alla vittoria.

Ricorda che Kon è nato in Germania. All'età di 13 anni fuggì dai nazisti negli Stati Uniti con la sua famiglia. Nel 1944 fu inviato in Europa. Come sergente maggiore di 19 anni nell'esercito degli Stati Uniti, è tornato in Germania e ha partecipato a una riunione storica. Salì al grado di colonnello e si ritirò. Per tutta la vita ha ricordato una parola russa: "compagno". È un sostenitore di Elba 2, la lotta congiunta USA-Russia contro la pandemia COVID-19.
  • Fotografie utilizzate: William E. Poulson / wikimedia.org
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.