Perché, avendo fallito l'accordo sul petrolio con i sauditi, Sechin ha chiesto agevolazioni fiscali


Gazprom potrebbe avere un nuovo concorrente sul mercato europeo, questa volta interno. Rosneft ha compiuto un altro passo avanti per diventare un esportatore non solo di "oro nero", ma anche di "carburante blu".


Il capo della compagnia petrolifera, Igor Sechin, ha chiesto al governo di fornire incentivi per lo sviluppo di riserve di gas difficili da recuperare. Cosa può significare questo passaggio?

Non è un segreto che la produzione di petrolio e gas vadano di pari passo. Rosneft sviluppa giacimenti di gas nel nostro paese, così come in Venezuela, Vietnam, Egitto e Canada. Il problema per l'azienda è che solo Gazprom ha il diritto di monopolio di esportare gas all'estero. Rosneft e NOVATEK guidano da molto tempo su questo argomento, ma finora sono riusciti solo ad ottenere il diritto di vendere GNL. Tuttavia, Igor Sechin ei suoi partner stranieri non intendono arrendersi.

All'inizio dello scorso marzo, su suggerimento del management di Rosneft e, secondo Forbes, personalmente di Igor Sechin, il Cremlino ha rifiutato di estendere l'accordo OPEC +, che ha portato allo scoppio di una guerra commerciale con l'Arabia Saudita. I prezzi delle materie prime di idrocarburi sono crollati, il nostro paese ha perso miliardi di dollari in entrate da esportazione. L'obiettivo dichiarato - il fallimento dei produttori americani di olio di scisto - non è stato raggiunto. Questa decisione strategica sbagliata ha portato a quote più volte più alte per la produzione di petrolio in Russia.

La situazione nel mercato dell '“oro nero” ora non è delle migliori, pertanto il top management della società ha rivolto maggiore attenzione al settore del gas. Gli esperti prevedono un altro tentativo da parte della compagnia petrolifera di ottenere l'accesso al tubo di esportazione. Igor Ivanovich alla vigilia ha chiesto al Gabinetto dei Ministri dei benefici per lo sviluppo di riserve difficili da recuperare della suite Berezovskaya. Il potenziale del giacimento è stimato dalla stessa Rosneft in 1,3 trilioni di metri cubi di gas. Il capo dell'azienda vuole ridurre il rapporto MET a 0,21. Questa proposta non è valutata in modo del tutto inequivocabile.

Da una parte, il bilancio federale riceverà entrate fiscali meno gravi dalla tassa sull'estrazione mineraria durante la crisi. Tra i principali comproprietari di Rosneft ci sono le società straniere QIA e BP, che ricevono costantemente enormi dividendi.

D'altronde, l'emergere di esportatori di gas alternativi a Gazprom in Russia può risolvere il problema delle norme del terzo pacchetto energetico dell'UE, applicato ai gasdotti offshore. Secondo queste innovazioni, il 50% delle capacità del gasdotto del monopolista dovrebbe essere riservato ad alcune terze parti. C'è solo una persona del genere nel nostro paese, Gazprom. Le stesse sanzioni occidentali stanno spingendo il Cremlino a liberalizzare il mercato di esportazione del gas.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. radiootdel4 Офлайн radiootdel4
    radiootdel4 (Vladimir) 13 può 2020 11: 28
    +1
    Completa propaganda senza senso, o meglio russofobica al livello di Goebbels.
    Falso 1 -

    Su suggerimento del management di Rosneft e, secondo Forbes, personalmente di Igor Sechin, il Cremlino ha rifiutato di estendere l'accordo OPEC +, che ha portato allo scoppio di una guerra commerciale con l'Arabia Saudita.

    I sauditi hanno lanciato un ultimatum alla Russia chiedendo una riduzione della produzione. La Russia non era d'accordo, e poi i sauditi sono impazziti.
    Falso 2 -

    L'obiettivo dichiarato - il fallimento dei produttori americani di olio di scisto - non è stato raggiunto

    La Russia non ha pianificato il fallimento dei lavoratori petroliferi della SGA - NESSUN conteggio. i pozzi della SGA si sono più che dimezzati: i sauditi hanno già annunciato un'ulteriore riduzione della produzione (a giugno - a 7,5 milioni e ne hanno annunciato 12,5).
    Inoltre, tali accuse - Personalmente Sechin .... sì. Resta da aggiungere: "In una notte oscura, Personalmente Sechin, illuminando la strada con una torcia segreta, montò il suo fedele cavallo e si mosse verso l'Arabia Saudita. Verso l'alba, personalmente, Sechin raggiunse il luogo e iniziò a persuadere insidiosamente Ibn Saud ad aumentare la produzione e ridurre il prezzo al barile. Credeva Ibn credulone e gli fecero di tutto, come Sechin chiese personalmente. E nella grandine splendente dietro una grande pozzanghera, tutti videro, perché avevano una candela per questo e la stavano tenendo proprio in quel momento. E ora tutti hanno imparato che era personalmente la colpa Sechin (beh, o personalmente Putin - inserisci quello che ti serve) ".
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 13 può 2020 11: 35
    -3
    Ha coperto di nuovo? assicurare
    Perdonami, ma questo è già da qualche parte oltre i limiti. Non sei stanco di essere caduto in disgrazia? risata
    1. Nick Офлайн Nick
      Nick (Nicholas) 13 può 2020 19: 17
      0
      Citazione: 123
      Ha coperto di nuovo?

      Sembra che l'autore non esca da questo stato. Non ci sono momenti di illuminazione, a giudicare dai suoi articoli. La grafomania è evidente.
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 13 può 2020 12: 02
    +5
    I media occidentali scrivono che a marzo c'è stata un'isteria del principe Salman e ora la questione della sopravvivenza del Regno è. Allora chi ha perso?
    La questione di consentire ad altre società di esportare gas, ad eccezione di Gazprom, ha un obiettivo ben preciso. Questa è la rimozione delle restrizioni sui volumi dei gasdotti OPAL ed EUGAL.
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 13 può 2020 12: 53
    +3
    Sì, questa volta l'autore è stato guidato un po '...
    Ma probabilmente daranno dei soldi a Sechin. Non è lo stesso tagliare il suo stipendio ...
    1. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
      Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 13 può 2020 13: 44
      0
      E Schroeder ei suoi assistenti erano preoccupati. Come le azioni di Rosneft non sono scese di prezzo.
  5. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 13 può 2020 13: 09
    +1
    https://colonelcassad.livejournal.com/5861870.html

    https://colonelcassad.livejournal.com/5864320.html

    Ora, per sopravvivere, il principe Salman dovrà dimostrare molto attivamente la sua lealtà. Ridurre la produzione di quasi 5 milioni di barili lo aiuterà poco (nessuno ricorda quanto avrebbe voluto tagliare a marzo o aumentare ad aprile?). Se rimane solo con gli Houthi e l'Iran, il conto andrà avanti per settimane. Se non prima.
    Ma non sono del tutto d'accordo con Rozhin sulle ragioni. La guerra dei prezzi ha avuto luogo - è un dato di fatto. Ma ora sono tormentato da vaghi dubbi che si tratti solo di loro.
  6. Nick Офлайн Nick
    Nick (Nicholas) 13 può 2020 19: 13
    -3
    L'autore non è affatto amico della realtà. Un'altra vergogna dello stupido grafomane.
  7. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 13 può 2020 20: 15
    +1
    Non voglio nemmeno scrivere di queste sciocchezze sul fatto che Sechin ha fallito qualche accordo con la KSA.

    https://topcor.ru/14383-novye-temperaturnye-rekordy-kakaja-pogoda-zhdet-rossijan-letom.html

    Sergei ci ha promesso l'estate più calda. DOVE?
  8. vladimir mudov Офлайн vladimir mudov
    vladimir mudov (Vladimir Mudov) 20 può 2020 15: 57
    -1
    E Putin, Medvedev e Sechin, EBREI! Hai bisogno di aggiungere qualcosa?