Il vero esito della "guerra del petrolio": la grande sconfitta saudita


Quando il processo, che in seguito divenne noto come la "guerra del petrolio", fu all'inizio, molti media mondiali lanciarono previsioni che la vittoria in questo confronto sarebbe stata senza dubbio ottenuta dagli Stati Uniti e dall'Arabia Saudita. Riyadh, andando su tutte le furie, iniziò letteralmente a "inondare" i consumatori con idrocarburi ai prezzi più bassi. In definitiva, questa è stata "l'ultima goccia" che ha portato a un crollo totale dei prezzi di cambio per "oro nero".


Tutti gli stessi media hanno iniziato a strombazzare sulla sua "vittoria completa e incondizionata sui russi", che ora devono solo interrompere del tutto la produzione. Meglio ancora, esci dai mercati energetici mondiali, rannicchiato nelle tane con i tuoi orsi addomesticati ... Come è finito tutto nella realtà?

Nuove tasse invece di una nuova "visione"


In verità, leggere le frettolose “predizioni” e “predizioni” sopra riportate nella traduzione più breve ha dato inizialmente alle persone che avevano il controllo della situazione, e non la percepivano a livello di dicerie e pettegolezzi, un vero piacere. Ebbene, è molto piacevole ricordare in seguito ai "Nostradamus" i loro incantevoli colpi di dita nel cielo! E finalmente è arrivato il momento più adatto per questo. Per oggi, quando la fine della crisi petrolifera è ancora molto, molto lontana, è perfettamente chiaro quale tale "vittoria" abbiano vinto i "ragazzi sauditi". È difficile ora dire chi stessero prendendo di mira in primo luogo, avviando uno scarico senza precedenti nella storia - agli americani con la loro produzione di scisto, o comunque nel nostro paese, che non hanno voluto seguire i loro capricci assurdi, ma Riyadh è riuscita a distruggere proprio l'economia.

Tuttavia, prima di iniziare un'analisi dettagliata di ciò che hanno fatto esattamente gli sceicchi del petrolio, è opportuno ricordare alcuni punti fondamentali che riguardano l'Arabia Saudita. Prima di tutto, il suo budget e, di conseguenza, il benessere dei cittadini di questo paese dipende dall'esportazione di idrocarburi in misura molto maggiore di quanto si osservi in ​​Russia, che molti "esperti" stranieri (e anche nazionali) adorano semplicemente incolpare per l '"ago del petrolio". Nel nostro Paese, secondo il Ministero delle Finanze, la quota di fondi provenienti dalle esportazioni di energia è compresa tra il 36% e il 40% delle entrate del governo nazionale. In Arabia Saudita, la stessa cifra è del 90%. In generale, iniziare una qualsiasi "guerra" con un tale rapporto forse non era del tutto ragionevole, ma ciò che è stato fatto è stato fatto.

A Riyadh, tuttavia, capiscono perfettamente tutti gli svantaggi della propria economia così completamente dipendente dalla produzione e dalla vendita di "oro nero" e si sforzano di sbarazzarsene il più possibile. Non a caso il principe ereditario del paese Mohammed bin Salman ha proclamato l'implementazione del programma Vision-2030, che, nella sua ambiziosità, è arrivato sull'orlo della fantasia, come priorità del suo sviluppo. Qual era il costo di un solo piano NEOM per costruire letteralmente da zero nel mezzo del deserto nella provincia di Tabuk della "super città del futuro", in cui le case dovevano essere "intelligenti", i taxi dovevano volare e il ruolo del personale di manutenzione era previsto da assegnare ai robot. Un simile miracolo, secondo Riyadh, avrebbe dovuto attirare legioni di turisti nel Paese, il che avrebbe permesso di diversificare in qualche modo l'economia. Ora, ovviamente, non sarà possibile implementare nulla di simile per il motivo più banale della mancanza di denaro. Non importa quanto alcune "persone intelligenti" parlino di petrolio saudita "super economico" (in termini di costo di produzione), in realtà lo stato ha bisogno di un prezzo di esportazione per esso a $ 2030 al barile - e questo è almeno per "liberarsi".

Per evitare che l'intero sistema finanziario ed economico del paese crolli dall'oggi al domani, come un castello di carte, la sua leadership è costretta a compiere passi estremamente impopolari. Quindi, dal 5% al ​​15%, l'IVA aumenta e i "pagamenti di sussistenza" ad alcune categorie di popolazione vengono interrotti del tutto. Una menzione speciale dovrebbe essere fatta di loro. La stessa imposta sul valore aggiunto è stata introdotta con la forza da Riyadh, che fino ad allora non voleva sentire nulla di simile, nel 2018. Allo stesso tempo, per tutti i dipendenti pubblici, è stata istituita un'indennità di "alto costo della vita" di 1000 rial, o $ 267 in termini di denaro, per compensare il nuovo politica l'aumento dei prezzi, prima di tutto - per il carburante, che i sauditi sono abituati a vedere quasi gratis.

"Stiamo attraversando la peggiore crisi della storia ..."


Queste parole appartengono nientemeno che al ministro delle finanze dell'Arabia Saudita, Mohammed al-Jadaan. Fu costretto ad assumere il poco invidiabile ruolo di annunciatore di innovazioni "dolorose ma necessarie" che avrebbero colpito il portafoglio di ogni cittadino del Paese. Che tipo di "città del futuro" ci sono ?! Il ministero di Al-Jadaan ha già annunciato l'avvio di un programma di "ottimizzazione delle finanze pubbliche" dal 1 ° giugno, che, in particolare, prevede una riduzione della spesa per progetti di riforma di 100 miliardi di reais ovvero più di 26 miliardi di dollari. È giunto il momento: dopo tutto, il deficit del bilancio statale ha già superato i 9 miliardi di dollari. Le riserve di valuta estera di Riyadh si sono ridotte di $ 27 miliardi solo negli ultimi due mesi, fino a un livello record dal 2011. Il locale Ministero delle Finanze prevede un deficit di bilancio del 16,3% del PIL entro la fine dell'anno. A sua volta, il FMI è fiducioso che nel migliore dei casi l'economia del paese si contrarrà nel 2020 del 2.3% -2.5%. Ci sono, tuttavia, previsioni più fosche: alcuni analisti ritengono che il debito nazionale di Riyadh quest'anno aumenterà al 31,6% del PIL, le riserve auree diminuiranno di altri 47 miliardi di dollari e il PIL crollerà del 5%.

Questo è esattamente come appare la vera, e non la inverosimile "dipendenza dal petrolio" - tutti i problemi sopra descritti derivano dal fatto che i ricavi sauditi dell '"oro nero" sono diminuiti di un quarto rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (a $ 34 miliardi). I profitti della compagnia petrolifera statale Saudi Aramco sono diminuiti esattamente nella stessa proporzione: questa è tutta l'aritmetica. Riyadh non ha altra scelta che scavalcare il buco del debito sempre più in profondità - hanno in programma di portare il livello di indebitamento esterno a 58 miliardi e mezzo di dollari solo quest'anno. Finora, il paese ha collocato in due fasi sui mercati finanziari mondiali 19 miliardi di euro di eurobond, che sono molto richiesti, ma per quanto tempo continuerà?

L'immediato futuro prevedibile non fa ben sperare per l'Arabia Saudita (come, ahimè, per tutti gli altri paesi produttori di petrolio) prospettive positive. Durante il picco della propria espansione nei mercati (principalmente quelli europei, da cui i sauditi stavano cercando di "mettere fuori uso" il petrolio russo), il volume della produzione di "oro nero" nel paese è aumentato da 9.7 a 13 milioni di barili al giorno senza precedenti. Oggi la situazione costringe ad azioni diametralmente opposte: l'11 maggio il ministro dell'Energia di Riyadh Abdel Aziz bin Salman Al Saud ha annunciato che il Paese ridurrà la quantità di energia pompata dalle viscere a meno di 7.5 milioni di barili al giorno, "girando il rubinetto" di un altro milione di barili al giorno in aggiunta agli obblighi assunti nell'ambito dell'operazione OPEC +. Questa è la cifra più bassa dal 2001. Chi c'era che affermava che "solo la Russia era costretta a tagliare la produzione" e che i sauditi non avrebbero fatto una cosa del genere ?! Saudi Aramco ha completamente smesso di cercare di vendere le proprie materie prime a chiunque a prezzi inferiori a quelli di mercato, probabilmente imprecando mille volte nel momento in cui ha iniziato a farlo. Come si usa? Secondo i dati disponibili, negli stessi Stati Uniti le petroliere che sono già arrivate e sono inondate da inutili "oro nero" stanno incontrando enormi problemi di scarico. Invece dei soliti 4-5 giorni, che di solito servono a pompare il contenuto delle loro stive, i "nalivnik" sono costretti a stare al largo delle coste americane per due settimane, o anche di più. E la ragione di ciò non è una sorta di "sabotaggio", ma la banale assenza di piccole imbarcazioni per trasportare idrocarburi a riva. Dopo che tutte le superpetroliere trasformate in serbatoi galleggianti di petrolio furono riempite di "eccedenze" di petrolio, fu la volta delle navi con una capacità di 800, o anche 600mila tonnellate. Ogni giorno di fermo delle petroliere paga enormi somme di denaro ai petrolieri di Riyadh, soprattutto considerando il fatto che i prezzi delle loro merci sono recentemente saliti alle stelle. E non c'è via d'uscita dalla situazione e non è ancora previsto ...

In generale, la questione delle relazioni con gli Stati Uniti è stata un'altra amara lezione che l'attuale crisi ha insegnato all'Arabia Saudita. Non solo, facendo affidamento sugli americani come mercato di vendita tradizionale e più affidabile, i sauditi hanno quadruplicato le loro esportazioni di energia in questo paese ad aprile - e si sono trovati nella situazione in cui si sono trovati. Per quanto ne sappiamo, circa altre due dozzine di petroliere saudite si stanno dirigendo verso le coste degli Stati Uniti, che, per usare un eufemismo, non sono ansiose di vederle ... Riyadh ha fatto affidamento su Washington per "domare Mosca", e cosa ha ottenuto alla fine? Di recente sono divenuti noti i dettagli della conversazione "intima" tra il principe ereditario Mohammad bin Salman Al Saud e Donald Trump, durante la quale il capo della Casa Bianca "ha guidato il suo interlocutore sulla retta via" sul tema della riduzione della produzione petrolifera. Inoltre, la conversazione è stata condotta con toni tali che il volto cambiato del principe ha chiesto a tutti i presenti di lasciare immediatamente la stanza ... Come si è saputo, il presidente degli Stati Uniti, non risparmiando affatto l'orgoglio ei sentimenti teneri della persona incoronata, mise Al Saud prima di una scelta: o bruscamente e tangibilmente "gira il rubinetto", o una manovra chiamata "Yankee Go Home" viene eseguita da 2 militari statunitensi in Arabia Saudita, e insieme ai sistemi missilistici di difesa aerea Patriot che servono. Non è vero che ora l '"accordo di difesa del secolo" per fornire a Riyadh armi statunitensi per un valore di oltre 2017 miliardi di dollari, firmato dallo stesso Trump e dal re Salman bin Abdel Aziz Al Saud nel 100 all'Al-Yamam Palace, sembra un po' diverso? Ammettiamolo, sembra una morsa che ha stretto la gola di molti monarchi che pensavano di essere importanti per Washington?

Naturalmente, l'economia dell'Arabia Saudita è ancora molto, molto lontana dal disastro. La situazione con il coronavirus lì non si sta sviluppando secondo lo scenario migliore - al momento si conoscono circa 43mila contagiati, che per un Paese del genere, ovviamente, sono tanti (nel vicino Qatar la cifra è quasi la metà, in Kuwait - quattro volte). Fortunatamente, il tasso di mortalità è basso: poco più di 260 casi. Tuttavia, la pandemia dell'Arabia Saudita (dove, contrariamente ai racconti di "prosperità generale", almeno il 20% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà) si aggiungerà sicuramente ai problemi economici. Ciò che inequivocabilmente ha subito un completo collasso è stato un tentativo disperato da parte di Riyadh, dopo aver organizzato una "guerra lampo petrolifera", di prendere un posto privilegiato nei mercati energetici mondiali a spese degli altri partecipanti, principalmente la Russia. Ebbene, desiderando sinceramente attraversare momenti difficili per gli abitanti di questo paese, speriamo che i suoi governanti traggano le giuste conclusioni.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 15 può 2020 19: 44
      +3
      Pagliacci dalla Russia e articoli scrivono pagliacci!

      Non soddisfatto? Vai a leggere i narratori arabi. Scheherazade è il miglior analista del mercato petrolifero, buono consiglio che ti piaccia. sì