"Guerra del petrolio": Russia e SA hanno perso e il vincitore sta raccogliendo i frutti


Oggi è diventato di moda sui media nazionali parlare del fatto che la Russia ha comunque sconfitto l'Arabia Saudita nella "guerra del petrolio". Questo dovrebbe presumibilmente essere evidenziato da un male economico notizie dal Regno. Non essere come il personaggio di un aneddoto pronto a cavare un occhio a condizione che il vicino perda entrambi.


In questa guerra commerciale, che ha fatto crollare i prezzi mondiali dell'energia, se c'è un vincitore, "non è quello".

Torniamo agli eventi di due mesi fa. All'inizio di marzo, Mosca doveva introdurre quote di produzione petrolifera di 0,5 milioni di barili al giorno. Su suggerimento del capo di Rosneft, abbiamo sbattuto rumorosamente la porta nella capitale austriaca, rifiutandoci di prolungare l'accordo OPEC +. Igor Sechin, che, come si è scoperto, sta ancora confondendo barili e tonnellate, ha iniziato ad aspettare che i produttori americani di petrolio di scisto fallissero. È noto come sia finita la "guerra delle sei settimane" iniziata dall'Arabia Saudita, è noto: le quotazioni sono crollate, i ricavi da esportazione per tutti i produttori sono calati drasticamente e la pandemia di coronavirus ha aggravato la situazione. Un mese e mezzo dopo, la Russia è stata costretta ad assumersi obblighi per quote di produzione di petrolio per un importo di 5 volte superiore a quello originariamente richiesto.

In generale, tutti erano battuti. Ora, alcune pubblicazioni nazionali richiamano l'attenzione sui problemi economici dei sauditi come prova della nostra "vittoria".

In effetti, Riyadh non sta andando bene ora. I ricavi delle esportazioni di idrocarburi sono diminuiti di un quarto. L'IVA è stata aumentata dal 5% al ​​15%. (A proposito, in Russia è già stato aumentato dal 18% al 20%.) Ulteriori pagamenti ai militari e ai dipendenti pubblici del Regno sono stati annullati. L'Arabia Saudita è stata costretta a sospendere l'attuazione del programma Vision 2030, che avrebbe dovuto rimuovere il Paese dall'ago del petrolio e del gas. Il bilancio dell'Arabia Saudita dipende per il 90% dall'esportazione di materie prime, e alla monarchia va riconosciuto il merito di aver almeno cercato di sbarazzarsi della dipendenza distruttiva dai mono-beni. Questo significa che i sauditi sono stati sconfitti nella "guerra del petrolio"?

Certo che sì: hanno perso, e noi, e tutti i maggiori produttori di materie prime. Probabilmente c'è un solo vincitore: gli Stati Uniti. Washington non si è lasciata gravare da quote di produzione nell'ambito del nuovo accordo OPEC +. Una certa diminuzione si è verificata per motivi puramente economici, ma può essere nuovamente aumentata in qualsiasi momento. Ora gli americani hanno bisogno di prezzi alti che siano comodi per i loro produttori, e cosa vediamo?

Saudi Aramco ha affermato che oltre a quei 2,5 milioni di barili al giorno, a partire da giugno ci vorrà un ulteriore 1 milione di barili al giorno. Perché tale "altruismo", ci si chiede. Le motivazioni di Riyadh possono essere ipotizzate, a giudicare dalla dichiarazione del rappresentante della Casa Bianca, Judd Deer:

I leader dei due stati hanno convenuto che la stabilità nei mercati energetici globali è molto importante e hanno ribadito la forza della cooperazione per la difesa USA-Arabia Saudita.


A quanto pare, il presidente Trump ha minacciato l'Arabia Saudita con il ritiro delle truppe americane, lasciando il Regno da solo con l'Iran e altri vicini ostili in Medio Oriente. Per l'ostracismo, hanno iniziato con il sistema di difesa aerea Patriot, precedentemente schierato per coprire l'infrastruttura petrolifera dagli attacchi di UAV e missili da crociera dei proxy iraniani dallo Yemen. Il capo della Casa Bianca, con sorprendente spontaneità, ha raccontato al grande pubblico la sua conversazione con il monarca:

Stiamo difendendo l'Arabia Saudita. Sono ricchi. E amo il re, re Salman. Ma ho detto: “Re, ti stiamo proteggendo e non sarai lì per due settimane senza di noi. Pertanto, devi pagare per i nostri militari ".


Si deve presumere che la riduzione della produzione di petrolio sia diventata il pagamento della "protezione". La linea di fondo è che i sauditi sono esattamente gli stessi perdenti nella "guerra del petrolio" come noi, e tutti conoscono il vero vincitore. Questi, come l'ultima volta, sono gli Stati Uniti d'America.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 15 può 2020 12: 01
    +6
    L'autore non capisce la situazione .... Adesso però non ce ne sono quasi altri.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 15 può 2020 12: 15
      -2
      Hmm, zero argomenti, una maleducazione. buono
      Amo i commenti degli "esperti di rete": indica chiunque, sia un dottore in economia, o un analista militare. occhiolino
      1. Alexey Ushakov Офлайн Alexey Ushakov
        Alexey Ushakov (Alexey Ushakov) 15 può 2020 14: 08
        +4
        E chi sei tu? È un esperto di rete? In tutte le zone? ))) Non scrivi tu stesso di aeroplani, economia, petrolio, marina? Allora chi sei ??) Mnogostanochnik?) Come va il tuo articolo, che Nord Stream 2 non sarà mai completato?) (Esperto) Tutto quello che scrivi è la "Stampa gialla".
        1. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
          Nablyudatel2014 15 può 2020 23: 15
          0
          Citazione: Alexey Ushakov
          ... quell'unico vincitore sono gli Stati Uniti. Washington non si è lasciata gravare da quote di produzione nell'ambito del nuovo accordo OPEC +. Una certa diminuzione si è verificata per motivi puramente economici, ma può essere nuovamente aumentata in qualsiasi momento. Ora gli americani hanno bisogno di prezzi alti che siano comodi per i loro produttori, e cosa vediamo?

          Quindi lascialo scrivere! Ti ha calpestato la coda ?! risata Oppure sei in grado di stampare articoli in tale quantità? Prendilo e commenta l'articolo. Oppure la mente non è sufficiente per l'articolo, quindi lascia che il commentatore o l'autore dell'articolo provino a starnutire. Cosa, un tale debole. Riunire una cattiva folla sotto la salsa urYa è una cosa. Ma l'articolo c'è. Qui e testa a testa con il materiale dell'articolo. Commentando.

          questa è la "Stampa gialla".

          E cosa, non la stampa gialla? UN!? Bene, obiettami. Assegnalo in modo specifico. Quello che ora non viene chiamato "Yellow Press". Dai un nome ai giornali. Programmi TV, autori in rete. Inoltrare. Dai. Primo ...
      2. Nick Офлайн Nick
        Nick (Nicholas) 15 può 2020 19: 36
        +3
        Citazione: Marzhetsky
        Hmm, zero argomenti, una maleducazione.

        Anche nei tuoi articoli ci sono zero argomenti, zero analisti. Solide invenzioni. Non puoi nemmeno capire che i volumi di produzione riducono TUTTO per ragioni economiche. La ragione di tutto è la stessa, il calo del consumo di petrolio. Non c'è altra ragione. Resta la richiesta degli Urali russi, confermata dai prezzi per esso, pari al più caro Brent. Ma i sauditi hanno dovuto tagliare la produzione oltre i limiti, semplicemente perché il loro petrolio non è richiesto. Anche la domanda di petrolio americano è diminuita ei produttori di scisto hanno tagliato la loro produzione. La Russia è l'unico tra tutti i grandi produttori di petrolio che mantiene i volumi di produzione e non ha problemi con le vendite di petrolio. Gli altri due clienti sono in grande svantaggio e stanno già combattendo tra loro per i mercati.
        Buone analisi qui:

    2. Il commento è stato cancellato
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 15 può 2020 13: 31
    +6
    A Mosca all'inizio di marzo è stato richiesto di introdurre quote per la produzione di petrolio nella quantità di 0,5 milioni di barili al giorno.

    Questo non è del tutto vero, le quote erano state stabilite da accordi precedenti e Mosca non era d'accordo con la decisione dell'OPEC di tagliare ulteriormente la produzione. In realtà, perché ha dovuto farlo? La Russia non è un membro dell'OPEC, quello che hanno deciso che ci sono affari loro.

    Su suggerimento del capo di Rosneft, abbiamo sbattuto forte la porta nella capitale austriaca, rifiutandoci di prolungare l'accordo OPEC +.

    In primo luogo, "su suggerimento del capo di Rosneft", questa è la speculazione dei giornalisti, una visione primitiva degli eventi, Sechin è lontano dall'intera industria petrolifera russa. In secondo luogo, si sono rifiutati di non estendere l'accordo, ma di ridurre ulteriormente la produzione. La Russia non ha rifiutato di seguire i termini dell'accordo secondo i vecchi termini. Non sono la stessa cosa. no

    Igor Sechin, che, come si è scoperto, sta ancora confondendo barili e tonnellate, ha iniziato ad aspettare che i produttori di petrolio di scisto americani fallissero.

    È molto divertente leggere espressioni del genere eseguite da una persona che ha una vaga idea del rispetto delle quote stabilite e della loro riduzione mediante un nuovo accordo, che non comprende la differenza tra l'estensione dei termini dell'accordo e l'impostazione di nuove restrizioni. lol

    È noto come sia finita la "guerra delle sei settimane" iniziata dall'Arabia Saudita, è noto: le quotazioni sono crollate, i ricavi da esportazione di tutti i produttori sono calati drasticamente e la pandemia di coronavirus ha aggravato la situazione. Un mese e mezzo dopo, la Russia è stata costretta ad assumersi obblighi per le quote di produzione di petrolio per un importo di 5 volte superiore a quello originariamente richiesto.

    Sì, in effetti, la Russia ha tagliato la produzione, ma come sapete, non è sola, gli stessi Stati Uniti e altri paesi, che in precedenza si rifiutavano categoricamente di farlo, hanno continuato a tagliare.
    Per quanto riguarda il coronavirus, spero che l'autore non stia cercando di incolpare Sechin per la pandemia? Ancora una volta, quale conclusione si può trarre da questo paragrafo? Accetto tutte le richieste dei principi sauditi, perché si comportano come principesse isteriche e si comportano come una scimmia con una granata, alla fine staranno tutti peggio? E allora?

    Certo che sì: hanno perso, e noi, e tutti i maggiori produttori di materie prime. Probabilmente c'è un solo vincitore: gli Stati Uniti.

    Grazie per esserti divertito. risata

    Washington non si è lasciata gravare da quote di produzione nell'ambito del nuovo accordo OPEC +. Una certa diminuzione si è verificata per motivi puramente economici, ma può essere nuovamente aumentata in qualsiasi momento.

    Perché non aumentano la produzione adesso? sì Si potrebbe pensare che la Russia abbia imposto restrizioni per 300 anni. strizzò l'occhio Per quanto ne so, nessuno ha firmato l'accordo, un accordo orale "da gentiluomo" in modalità "conferenza online".

    Ora gli americani hanno bisogno di prezzi alti che siano comodi per i loro produttori, e cosa vediamo?
    Saudi Aramco ha affermato che oltre a quei 2,5 milioni di barili al giorno, ci vorrà un ulteriore milione di barili al giorno da giugno.

    I sauditi semplicemente non possono vendere il loro petrolio, nessuno ne ha bisogno. E cosa, di conseguenza, gli Stati Uniti hanno ottenuto un prezzo "comodo"?

    Si deve presumere che la riduzione della produzione di petrolio sia diventata il pagamento della "protezione". La linea di fondo è quella i sauditi sono esattamente gli stessi perdenti nella "guerra del petrolio", come siamoe tutti conoscono il vero vincitore. Questi, come l'ultima volta, sono gli Stati Uniti d'America.

    Officina rigging, Bravo, buono raccontare la "lite familiare" dei sauditi e degli americani e trascinare qui la Russia in qualche modo di lato. Questo tipo di "analisi" è come cercare di soffocare l'ambra grigia dai pantaloni con il deodorante.
    Sono totalmente d'accordo con la valutazione di kriten (Vladimir) bevande
    Volevo chiederti se non hai scambiato le date per caso, ma hai cambiato idea, il tuo limite è misurare i semi al passaggio nei bicchieri. Diplomi, per caso, non da lì? strizzò l'occhio
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 15 può 2020 13: 56
    -4
    E, ancora una volta, nel cervello è apparsa una moda passeggera: una YSA malvagia o meno una YSA malvagia.

    Ma in effetti, anche prima dell'USO, insegnavano a scuola, e il buon senso dice una cosa:
    I vincitori sono i consumatori. Europa, Cina, India, tigri asiatiche e americane, USA.
    I perdenti sono i produttori. Tutti.
    In passato, dopo 14 anni, i prezzi sono scesi, hanno scritto che l'Europa ha aggiunto il + 3% della produzione semplicemente a causa di carburante e trasporti più economici. Ora, un certo numero di paesi ha acquistato durante la recessione petrolio / gas il più possibile ...

    E tutta la Federazione Russa, la California, gli Stati Uniti sono già particolari, sono già stati risucchiati da 2 mesi, e ci saranno ancora conclusioni completamente diverse da diversi esperti ...
  4. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 15 può 2020 16: 04
    +4
    Gli USA con 30 milioni di disoccupati contemporaneamente sono i vincitori !!! Tutti saranno inviati in Siria in carriole per esportare petrolio attraverso la Giordania e Israele ...
    Gli Stati Uniti sono i maggiori perdenti. Per un mese (o due, come conti), la produzione è scesa da 13 milioni di bar a 7,5. E dopo che la situazione è stata corretta, la pompa non può essere accesa immediatamente. Perché hanno detto che i pozzi non potevano essere fermati, il petrolio avrebbe dovuto essere bruciato? E l'acqua! Insieme all'olio viene pompata l'acqua, una percentuale che fuoriesce. È impossibile senza questo. Smetti di pompare: l'acqua sostituisce l'olio. Quando viene eseguita la fratturazione idraulica o lo spostamento, è generalmente necessario bilanciare il litro per pinta. Non è possibile interrompere né il pompaggio né il pompaggio.
  5. faterdom Офлайн faterdom
    faterdom (Andrew) 15 può 2020 20: 35
    +3
    L'autore ha affrontato il duro lavoro: nominare i vincitori. Approssimativamente come nel dicembre 41, si sarebbe impegnato a distribuire allori - in Germania o Giappone, Stati Uniti o Unione Sovietica. A quel tempo solo la Germania era sicura della sua vittoria.
    Ma era una convinzione sbagliata e, di conseguenza, il suo leader è riuscito a bere il veleno.
    Autore?
  6. astronauta Офлайн astronauta
    astronauta (San Sanych) 16 può 2020 20: 10
    +5
    Sì, gli Stati Uniti hanno "vinto" la metà delle società di scisto nello stato pre-fallimento.

    Washington non si è lasciata gravare da quote di produzione nell'ambito del nuovo accordo OPEC +

    Certo, non glielo ha permesso, la sua produzione è in calo anche senza quote ...
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 17 può 2020 01: 02
      -3
      Aha, solo lì tutte queste società sono coperte. E la cosa principale è che anche se non ci sarà affatto petrolio / gas di scisto, non accadrà nulla di terribile all'economia americana. Non è stato costruito su petrolio e gas, a differenza di quello russo moderno, e la sua quota nel bilancio degli Stati Uniti è minima. Ciò che non è altro che un fastidio per gli Stati Uniti è un disastro per la Russia.
  7. Ruslan Ruslan Офлайн Ruslan Ruslan
    Ruslan Ruslan (Ruslan Ruslan) 16 può 2020 23: 00
    +1
    Signor Marzhetsky!
    Lasciami essere in disaccordo con te. Non importa per quali ragioni gli Stati Uniti abbiano ridotto la produzione di petrolio, la ragione principale di ciò sono le azioni della Russia. E gli Stati Uniti non avevano affatto in programma di ridurre la propria produzione nell'ambito dell'accordo OPEC +, ma resta il fatto che la produzione è diminuita di circa 1 milione di barili al giorno. E sebbene le quotazioni stiano iniziando a salire, la situazione per l'industria dello scisto è già terribile, più di 150 pozzi sono stati chiusi, un gran numero di aziende sono già fallite, comprese quelle grandi, come Chesapeake Energy, che ha accumulato $ 2 miliardi di debiti. NON la società di scisto California Resources, che ha già perso il 75% del suo valore e ha un debito di 5 miliardi di dollari, e questo è solo l'inizio.
    Ed ecco cosa scrivono su questa situazione nel Forbes americano, ammettendo che la Russia in questa fase ha vinto la guerra del petrolio e gli Stati Uniti e il KSA.

    https://zen.yandex.ru/media/zakonodatel/v-forbes-poiasnili-prichiny-nesgibaemosti-rossiiskogo-gazproma-vo-vremia-mirovogo-krizisa-5ebdd567f1689869c21cdb7c

    Quello che succederà dopo è già un'altra tappa della storia e la pagina successiva della guerra economica in corso, scatenata dagli Stati Uniti contro la Russia.
    1. Ruslan Ruslan Офлайн Ruslan Ruslan
      Ruslan Ruslan (Ruslan Ruslan) 16 può 2020 23: 16
      +3
      Mi dispiace, ho sbagliato un po '. La Whiting Petroleum è già fallita ad aprile con un debito di 2 miliardi di dollari e Chesapeake Energy prevede il fallimento entro luglio.

      E un'altra tendenza allarmante per le compagnie petrolifere e del gas statunitensi: le aziende stanno tagliando non solo la produzione, ma anche gli investimenti di capitale. Pertanto, Diamondback Energy Inc., Callon Petroleum Co. e Cimarex Energy Co., attiva nel campo di scisto del Bacino Permiano, hanno avvertito gli investitori che non hanno intenzione di aumentare i loro investimenti il ​​prossimo anno.