Organizzazione del Patto di Varsavia: un errore strategico-militare dell'URSS?


65 anni fa, durante la Conferenza degli Stati europei sulla sicurezza e la pace in Europa, tenutasi nella capitale polacca, fu firmato il Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza, che passò alla storia proprio nel luogo della sua conclusione. Tuttavia, nonostante il suo nome ei principi in esso dichiarati, la definizione di "Patto di Varsavia" è diventata un simbolo non solo di iniziative di pace, ma il nome dell'unico blocco politico-militare di paesi socialisti nella storia.


Le forze armate combinate di questa alleanza non hanno mai partecipato a una vera guerra, ma, tuttavia, il suo destino è tragico. Ed è molto istruttivo per la Russia, che è il successore legale dell'URSS.

La nostra risposta NATO


Prima di iniziare una franca conversazione sull'Organizzazione del Patto di Varsavia, è imperativo delineare alcune sottolineature estremamente importanti. L'attuale Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche terminò il 5 marzo 1953, quando il suo creatore e l'unico vero capo morì (morì, fu ucciso?) - Joseph Vissarionovich Stalin. Tutto ciò che accadde dopo fu solo un movimento lungo il percorso di distruzione più o meno rapida di tutto ciò che il grande Generalissimo aveva eretto. In alcune zone questo movimento inesorabile ha accelerato, da qualche parte ha rallentato, a volte si è tentato di sospenderlo o addirittura di tornare indietro ... Tuttavia, tutto è finito allo stesso modo: il crollo nel 1991. E non potrebbe essere altrimenti, ahimè, perché i leader dell'URSS, “avendo smontato il culto della personalità”, e di fatto rinunciando alle idee e alla condotta di Stalin, hanno commesso un errore dopo l'altro. La creazione e il funzionamento del Dipartimento degli affari interni è stato, per quanto amaro sia ammetterlo, solo uno di questi errori. Sì, i primi passi che portarono alla nascita di questo blocco politico-militare furono compiuti anche durante il regno di Joseph Vissarionovich. Il discorso di Churchill a Fulton, l'inizio della Guerra Fredda, l'emergere della struttura che più tardi si trasformò nell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico e la sua "maturazione", il blocco di Berlino Ovest - tutto questo accadde durante la sua vita. E anche - l'intervento americano in Corea, quello franco-americano - in Vietnam e alcuni altri tentativi di una nuova ridistribuzione mondiale alle spalle dell'URSS. Stalin ha risposto a questo? E come! Ma lo fece nel suo solito modo, e a nessuno, ahimè, più dei leader sovietici.

La fede nella decenza e nella sincerità dei recenti "alleati" forzati nella seconda guerra mondiale e nelle intenzioni di Stati Uniti e Gran Bretagna di attenersi agli accordi raggiunti a Teheran, Yalta, Potsdam, ha cominciato a sbiadire dal Supremo, senza dubbio, nel 1945. Nel 1949 non ne rimase traccia, e inoltre c'erano leader completamente diversi a Washington e Londra, e Stalin vide fino in fondo le loro pessime intenzioni nei confronti dell'URSS. Ebbene, questa non era la prima volta che era così - si potrebbe pensare che nel 1939, quando firmò il Patto di non aggressione con la Germania di Hitler, ammise almeno per un secondo che non ci sarebbe stata guerra con lei! L'URSS stalinista ha risposto agli "intrighi aggressivi" come avrebbe dovuto - i "falchi" della stella rossa sono stati inviati in Corea senza alcun accordo e i presuntuosi americani hanno ricevuto un tale "primo numero" che sono rimasti seduti in silenzio per dieci anni e lo hanno fatto Non pensare a nuove avventure militari in Indocina o altrove. In quello che allora era il Vietnam, l'aiuto dei compagni cinesi era più che sufficiente per cacciare dal paese i francesi finanziati da Washington. A Stalin non sarebbe mai venuto in mente di concludere un esercizio militarepolitico alleanze con i paesi socialisti creati dalla sua volontà e forza nell'Europa orientale! In primo luogo, conosceva molto bene il loro valore - sia come "alleati" che come aspiranti guerrieri (con l'eccezione dei tedeschi). In secondo luogo, a quanto pare, nei primi anni '50, non avrebbe affatto organizzato alcun "equilibrio" e "parità" con l'Occidente e la NATO ... Li avrebbe sconfitti, ponendo fine a tutte le guerre una volta per tutte. - "Freddo" e "caldo". E come principale assistente in questa faccenda, non ho visto i bulgari oi rumeni completamente inutili in una situazione del genere, ma i cinesi, che in quel momento bruciavano verso l'Unione Sovietica e personalmente verso il compagno Stalin con infinita gratitudine e amore. Allo stesso tempo, coloro che erano desiderosi di combattere in modo che a volte dovevano essere trattenuti.

Accecato da ciò che era


Tuttavia, Stalin partì per un altro mondo e l'insignificante e infinitamente ottuso Krusciov, che prese il potere in URSS a seguito di un colpo di stato, rovinò le relazioni con la Cina, praticamente, istantaneamente e strettamente. Inoltre, questo idiota (scusatemi, ma non ho altre parole per Bald e non voglio) ha cominciato a rompere l'esercito sovietico, a dire sciocchezze dalla tribuna delle Nazioni Unite sul "disarmo generale" e lo scioglimento di tutte le forze armate nel mondo. La NATO in questo momento ha creato un comando congiunto, armi standardizzate e unificate, ha effettuato manovre una dopo l'altra e ha creato basi militari. Nel 1952, oltre agli Stati Uniti, anche la Gran Bretagna acquisì una bomba atomica, la Francia stava rapidamente lottando per lo status nucleare. Le cose cominciarono a mettersi molto male ... Nel 1954, il blocco del Nord Atlantico aprì ospitalmente le sue porte alla Repubblica Federale di Germania, ponendo fine alla sua "smilitarizzazione" dichiarata nel 1945. La prospettiva di una rinascita del potere militare tedesco si profilava davanti all'URSS, e anche questa volta con tali alleati che questo paese non poteva nemmeno sognare prima. Se qualcuno pensa che a quel tempo nella Repubblica federale di Germania non c'erano persone, non solo con il passato nazista, ma anche con la visione del mondo appropriata, che avevano sete di vendetta e vendetta, nella Repubblica federale di Germania in quel momento, con il potere a vari livelli, allora si sbagliano profondamente. Ti consiglio di studiare attentamente fonti serie su questo argomento: troverai molte cose interessanti. Tuttavia, il pericolo principale rimanevano ancora gli Stati Uniti, che dopo la seconda guerra mondiale si appropriarono arbitrariamente dello status sia di "egemone mondiale" che di "poliziotto mondiale". Ai confini occidentali oltre il "campo socialista" pendeva il blocco NATO sempre più aggressivo e pericoloso, e all'Est, grazie alla follia di Krusciov, la Cina, che si era trasformata da fedele amico in feroce nemico ...

La creazione dell'Organizzazione del Patto di Varsavia in questa situazione non è stata solo una misura forzata, ma semplicemente una misura di emergenza. L '"Occidente collettivo", che era insolente e non nascondeva particolarmente i suoi piani per distruggere l'Unione Sovietica, doveva opporsi con urgenza almeno a qualcosa. Per far pensare che in uno scontro ipoteticamente possibile, nella Terza Guerra Mondiale, di cui sempre più nuovi piani venivano sfornati come torte calde quasi ogni anno al Pentagono, la vittoria andrà ai "dannati imperialisti" a un livello troppo alto prezzo. L'unica vera forza militare del "campo socialista" era (e rimase tale fino al 1991) esclusivamente l'Unione Sovietica. Era lui che possedeva armi nucleari, enormi forze armate, i militari più avanzati tecnologia e un complesso militare-industriale sviluppato. La Repubblica Democratica Tedesca, la Polonia, la Bulgaria, l'Ungheria, la Cecoslovacchia e la Romania, che entrarono a far parte del Dipartimento degli Affari Interni nel 1955, giocarono, diciamolo francamente, in questa organizzazione, piuttosto, il ruolo di "comparse". Oh, sì, c'era anche l'Albania, tranquillamente spazzata via dal dipartimento di polizia nel 1968, fuori dai guai. Soprattutto, questa tesi sottolinea il fatto che tutti e cinque i comandanti in capo delle forze armate congiunte dei paesi del Patto di Varsavia e tutti e sei i capi di stato maggiore di queste forze erano capi militari dell'URSS, dai marescialli ai generali dell'esercito. . Anche se era abbastanza intelligente anche formalmente "alleati" non fidarsi di tali posizioni ... Ma, d'altra parte, che diavolo, dimmi, abbiamo bisogno di tali "alleati" a cui non ci si può fidare di nulla ?! Tuttavia, un tipo simile di squilibrio è stato osservato in questa strana alleanza militare non solo in termini di personale di comando, ma anche in altre questioni non meno fondamentali.

Alleati o parassiti?


I principali documenti riguardanti la dottrina militare della Direzione degli affari interni, i suoi piani difensivi e offensivi, per la maggior parte, rimangono riservati fino ad oggi. Tuttavia, dai dati disponibili e dalle informazioni, anche se piuttosto scarse, che si sono rivelate in fonti aperte, si possono trarre conclusioni inequivocabili: tutti gli eserciti dell'Organizzazione, ad eccezione di quello sovietico, in un ipotetico conflitto militare con l'Occidente sono stati assegnati ruoli puramente secondari. Coprire, supportare, nella migliore delle ipotesi: la conservazione delle comunicazioni strategiche e degli hub di trasporto. Fino all'arrivo dei russi ... A tali "guerrieri" come i bulgari, a quanto pare, veniva generalmente attribuito il merito di sedersi in silenzio, abbracciare Kalashnikov e non mettersi sotto i piedi. Secondo alcuni rapporti, all'Esercito popolare ceco fu affidato il compito di un attacco su larga scala alla Germania occidentale e quasi una svolta in Francia, ma questo è molto difficile da credere. Quei guerrieri ancora ... Qualcosa di più o meno degno di attenzione erano gli eserciti della RDT e della Romania. In generale, le forze armate congiunte dei paesi del Patto di Varsavia negli anni '80 contavano più di 7 milioni e mezzo di persone. Ma nel 1985, 5.3 milioni di "baionette" furono date dall'esercito sovietico. Il rapporto globale delle forze NATO-OVD potrebbe benissimo essere chiamato approssimativamente parità - e questo nonostante il fatto che il primo blocco includesse 15 stati e il secondo - solo 7. Sì, l'Alleanza del Nord Atlantico potrebbe mettere più divisioni contro di noi in Europa ( inoltre erano più numerosi in termini di organico), ma non potevano competere con gli OVD nei carri armati. D'altra parte, le truppe occidentali avevano una certa superiorità nelle armi anticarro e nell'aviazione da combattimento. Ebbene, per quanto riguarda le armi atomiche, l'intero fardello della "deterrenza nucleare" ricadeva esclusivamente sull'URSS.

Un argomento speciale sono gli armamenti degli stati membri dell'ATS. Gli stessi carri armati (esclusivamente su licenza sovietica) furono prodotti in Polonia e Cecoslovacchia. Il resto dei paesi è stato fornito dall'URSS. Con le armi leggere, la situazione era un po 'migliore: qui quasi tutti i paesi "rivettavano" la propria versione del kalashnikov. Tuttavia, per quanto riguarda l'aviazione da combattimento, era tutto esclusivamente di produzione sovietica. A proposito, alcuni ricercatori sono inclini a credere che uno dei grandi errori dell'URSS sia stato il mancato utilizzo in questa materia, ad esempio, del colossale potenziale delle fabbriche militari ceche e degli uffici di progettazione. Per qualche ragione incomprensibile, Mosca ha preferito fornire ai suoi alleati le proprie armi e non imporre alcuna parte significativa della spesa militare ai loro bilanci, come era la pratica originaria della NATO. I "Fratelli in armi" si sono così rapidamente trasformati nei più naturali "caricatori militari", non solo seduti dietro lo "scudo nucleare" del nostro paese, ma anche praticamente gratuitamente utilizzando tutto l'enorme potenziale del complesso militare-industriale di l'Unione Sovietica. Il fatto che molti di loro, essendo membri della NATO da molto tempo, fino ad oggi lo utilizzino con successo (sebbene allo stesso tempo rimproverino quanto invano). E gli scandali con la vendita di queste armi molto "ex" sovietiche, che poi emergono in tutto il mondo nei luoghi più inaspettati: dai "punti caldi" dell'Africa agli arsenali dell'Isis, non scandalizzano da tempo nessuno. È già fornito, quindi fornito! Allo stesso tempo, il dettaglio più spiacevole qui è che hanno fornito qualcosa ai prezzi più "ridicoli", procedendo dall '"amicizia dei popoli" e dalla necessità di sostenere economia "Amici". Gli enormi debiti dell'URSS nei confronti dei paesi della stessa ATS, apparsi nel 1991, che la Russia ha pagato fino al 2017, hanno proprio una tale origine.

Unione da sotto il bastone?


Che tipo di "alleati" o "amici" fossero per il nostro Paese, quanto le fossero veramente "grati" per la liberazione dall'occupazione nazista, è dimostrato dalla velocità di scatto con cui, dopo tutto lo stesso 1991, il L'intero Patto di Varsavia si strappò, perdendo i pantaloni lungo la strada, verso la NATO, e la derisione dei monumenti ai soldati sovietici nella stessa Polonia, nella Repubblica Ceca e in altri ex paesi della Direzione degli affari interni. Non sono mai stati i nostri "fratelli" - né nello spirito, né nell'essenza, né nelle armi! Qui, a proposito, sarebbe del tutto appropriato ricordare che il primo degli "alleati", gli ungheresi, dovette "rimettersi in sesto" letteralmente poco più di un anno dopo la creazione dell'Organizzazione, nell'autunno del 1956 . Lì, la tempesta è scoppiata grazie, ancora una volta, alle azioni completamente idiote di Krusciov e della sua squadra, ma non è questo il punto. Poiché erano fedeli sostenitori del Terzo Reich, che arrivarono con le armi nella nostra terra, così rimasero nelle loro anime. L'unica "operazione di combattimento" delle Forze armate unite dei paesi ATS fu "Danubio" nel 1968 - azioni per riportare l'ordine in Cecoslovacchia, che aveva cominciato a ingannare, per cui siamo ancora così offesi a Praga. La cosiddetta "dottrina Breznev" ha ferito ancora di più i teneri cuori dei leader del "campo socialista". Leonid Ilyich, un uomo che ha effettivamente combattuto, disse loro con franchezza da soldato che "i confini delle terre liberate durante la Grande Guerra Patriottica dal soldato sovietico sono i nostri confini". E l'Unione Sovietica non intende sacrificarli in nessuna circostanza, nonostante tutti i tipi di sciocchezze "democratiche" e progetti che periodicamente compaiono nella testa degli "alleati". È questa posizione dell'URSS che dovrebbe essere rispettata in modo risoluto - guarda, e il paese stesso sarebbe sopravvissuto, e i "fratelli" ora non avrebbero cagato sulle tombe dei nostri soldati.

Inoltre, invece dell'armamento quasi gratuito di questa intera compagnia del luppolo, l'URSS avrebbe dovuto intensificare i suoi sforzi in quelle aree dove c'era una reale possibilità di "versare il grasso sulla pelle" agli americani e alla NATO. L'OVD ha dovuto prendere la stessa Cuba, il Vietnam. Meglio ancora, fai la pace con la Cina il prima possibile e crea un'alleanza militare con essa. Allora nell'Alleanza del Nord Atlantico la "malattia dell'orso" sarebbe sicuramente avvenuta su vasta scala. Purtroppo, dobbiamo ammettere che il ruolo dell'Organizzazione del Patto di Varsavia era puramente decorativo. Come si sono dimostrati i paesi che vi hanno partecipato durante la crisi dei missili cubani? Qual è stato il loro contributo per affrontare gli aggressori americani in Vietnam, nella guerra che l'Unione Sovietica stava conducendo in Afghanistan? Che senso aveva armare fino ai denti cechi, polacchi, ungheresi, rumeni e altri? "Detenere posizioni in Europa" ?! Quindi in tutti questi paesi, se qualcuno l'ha dimenticato, c'erano i nostri contingenti militari! Il gruppo delle forze sovietiche in Germania, il gruppo centrale delle forze in Cecoslovacchia, il gruppo settentrionale delle forze in Polonia e il gruppo meridionale delle forze in Ungheria. Gli astuti rumeni nel 1958 hanno spinto fuori il nostro esercito meccanizzato separato, temendo che si ripetesse il destino degli ungheresi, ma era necessario non ritirarsi! Che tipo di raggruppamenti erano, quali numeri e armi avevano, ognuno può trovare da solo - le informazioni sono disponibili pubblicamente. Sulla base di questi dati, si può cercare di capire quale "bel penny" costa l'URSS per il mantenimento di questi contingenti all'estero - gli "alleati" non sono stati spesi per questo. A sue spese, tra l'altro, il nostro paese ha successivamente organizzato il ritiro di queste truppe, lasciando i paesi con un piede nella NATO a tutte le infrastrutture militari che avevamo creato sul loro territorio.

Oggi, ogni singolo membro dell'Organizzazione del Patto di Varsavia è un membro della NATO. Tuttavia, prima di rimproverarli per il tradimento (che ha sicuramente avuto luogo), vale la pena riconoscere che il processo di tradimento degli ideali di questa organizzazione è iniziato nella stessa Unione Sovietica - dal momento in cui Gorbaciov e la sua cricca sono saliti al potere lì. Il Patto di Varsavia è stato prorogato il 26 aprile 1985 per altri 20 anni. Tuttavia, già nel 1988, il Segretario generale di Giuda annunciò all'ONU le sue intenzioni di ridurre in modo significativo le forze armate sovietiche e ritirare le loro parti dall'Europa orientale. Era la fine ... Tutto questo è amaro e doloroso da ricordare oggi, ma è necessario. La consapevolezza degli errori critici e degli errori di calcolo compiuti dall'URSS in relazione all'Organizzazione del Patto di Varsavia consentirà alla Russia di impedire che si ripetano quando creerà le proprie alleanze politico-militari in futuro.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 16 può 2020 11: 05
    0
    Non è un errore. Nella situazione attuale, Krusciov non aveva nient'altro da fare.
    Questa è una conseguenza dei suoi crimini contro il Paese.
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 16 può 2020 12: 10
    +2
    L'errore strategico più importante dell'URSS, o più semplicemente - il tradimento, è stato quando, per ordine di Mikhail Gorbachev, il duemilionesimo esercito del GSVG e del Gruppo di forze occidentali è stato ritirato dall'Europa orientale, è stato allora che l'equilibrio mondiale di potere tra l'URSS e l'Occidente, a capo degli Stati Uniti, iniziò a crollare, e queste conseguenze, insieme al crollo dell'URSS, ora stanno soffocando, incapaci di masticarle e ancora ... E gli Yankees , subito dopo il ritiro delle nostre truppe, mise i loro cani addomesticati, che odiavano ferocemente l'URSS, alla testa di questi paesi, e se ne andò - se n'è andato - lo sporco e l'odio da lì ora scorre come un fiume. Ma proprio non capisco perché continuiamo a balbettare e baciare coloro che, insieme alle truppe tedesche, portarono le loro truppe nel nostro territorio nel giugno 41, uccidendo e derubando la popolazione del nostro Paese, risparmiando né i piccoli né i vecchi? Perché noi, uno stato forte e in crescita, ci aduliamo e aduliamo questo branco di nostri feroci nemici, perché cediamo anche davanti agli stessi Balts, e non restituiamo a tutte le loro provocazioni nella nostra direzione ????? ???? ...
    1. Il commento è stato cancellato
  3. anshe1764 Офлайн anshe1764
    anshe1764 (anshe1764) 16 può 2020 15: 43
    +2
    E chi è? Cechi? Non sono quelli che hanno creato una situazione favorevole per la liquidazione delle autorità sovietiche nel maggio-agosto 1918 durante la guerra civile in Russia ??? Quindi questi bastardi hanno anche un monumento ??? MARASMO. Da wikipedia -

    https://ru.wikipedia.org/wiki/
  4. anshe1764 Офлайн anshe1764
    anshe1764 (anshe1764) 16 può 2020 15: 45
    0
    Citazione: San Valentino
    L'errore strategico più importante dell'URSS, o più semplicemente - il tradimento, è stato quando, per ordine di Mikhail Gorbachev, il duemilionesimo esercito del GSVG e del Gruppo di forze occidentali è stato ritirato dall'Europa orientale, è stato allora che l'equilibrio mondiale di potere tra l'URSS e l'Occidente, a capo degli Stati Uniti, iniziò a crollare, e queste conseguenze, insieme al crollo dell'URSS, ora stanno soffocando, incapaci di masticarle e ancora ... E gli Yankees , subito dopo il ritiro delle nostre truppe, mise i loro cani addomesticati, che odiavano ferocemente l'URSS, alla testa di questi paesi, e se ne andò - se n'è andato - lo sporco e l'odio da lì ora scorre come un fiume. Ma proprio non capisco perché continuiamo a balbettare e baciare coloro che, insieme alle truppe tedesche, portarono le loro truppe nel nostro territorio nel giugno 41, uccidendo e derubando la popolazione del nostro Paese, risparmiando né i piccoli né i vecchi? Perché noi, uno stato forte e in crescita, ci aduliamo e aduliamo questo branco di nostri feroci nemici, perché cediamo anche davanti agli stessi Balts, e non restituiamo a tutte le loro provocazioni nella nostra direzione ????? ???? ...

    Va tutto bene !!!
  5. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 16 può 2020 16: 07
    +2
    Freeloader? Questo è ciò che pensavano Gorbaciov ed Eltsin. Quando hanno lasciato un mucchio di equipaggiamento militare in Europa. Ora è vantaggioso per qualcuno fissare il nome di Stalin. Non come difensore della classe operaia, ma come dittatore. Ora si chiedono perché l'URSS sia crollata. Sì, solo qualcuno voleva una dolce vita occidentale. C'è una pietra rosa e nera sulla tomba di Krusciov, e c'erano delle baracche solide dove vivevo. E la gente viveva negli scantinati. Gli anni 1955-1963 furono segnati dal fatto che la caserma scomparve completamente. Le discariche sono scomparse sulle rive del Volga. I parchi si ripresero. L'inverdimento è arrivato nelle città. Se ora ci fossero tali aiuole vicino a ogni casa, tutto questo sarebbe nel bazar.
  6. xilia72 Офлайн xilia72
    xilia72 (xanto) 16 può 2020 19: 40
    0
    L'URSS è di per sé un errore. L'impero russo ha avuto l'opportunità di creare forti alleanze o trattati, e quindi solo con paesi ortodossi fraterni. Tra loro ci sono Romania, Bulgaria, Grecia, Serbia. Ora, naturalmente, il tempo è perduto e solo attraverso molte tribolazioni sarà possibile.
  7. Serge Tixiy Офлайн Serge Tixiy
    Serge Tixiy (Serge Tixiy) 22 può 2020 15: 40
    +3
    Il primo passo verso il crollo dell'URSS è stato fatto da Krusciov al 22 ° Congresso del PCUS. Con il suo falso rapporto, ha distrutto il movimento comunista in tutto il mondo. In politica interna, avendo preso fuori controllo la nomenclatura del partito, ha acceso il timer per il collasso del Paese. Tutto il resto, le sue azioni non professionali in economia e politica, hanno solo accelerato questo processo ... Poi gli amanti di una dolce vita salirono al potere gratuitamente, che furono personificati da Gorbaciov e compagnia. Solo ora per creare e guidare uno stato capitalista "normale", come volevano, mancava né la mente né l'abilità ...
  8. Blgarin Офлайн Blgarin
    Blgarin (Бъларин) 27 può 2020 14: 25
    -2
    Quante sciocchezze ci sono in questo articolo. Orrore! "Tutti i parassiti, tutti i traditori, solo noi siamo retti russi!" Senza senso! Non c'è quasi un solo dell'Europa orientale che vorrebbe essere alleato con una Russia così ultra-sciovinista, inventata dalla propaganda del Cremlino.