Le compagnie petrolifere statunitensi hanno registrato un rally con Russia e Arabia Saudita


Mentre il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta compiendo sforzi per proteggere il giacimento petrolifero nazionale, le compagnie petrolifere americane si sono segretamente alleate con la Russia e l'Arabia Saudita, ha riferito Bloomberg.


In realtà, le compagnie petrolifere americane hanno tagliato la loro produzione di materie prime in quantità molto maggiori di quanto indicato nei dati ufficiali. Ciò suggerisce che gli Stati Uniti stanno effettivamente lavorando all'unisono con la Russia, l'Arabia Saudita e altri paesi produttori di petrolio per bilanciare l'offerta e la domanda di petrolio sul mercato, anche se ciò non corrisponde del tutto alle intenzioni del presidente Trump.

La U.S. Energy Information Administration afferma che la produzione di petrolio greggio è attualmente di circa 11,6 milioni di barili al giorno, in calo da 1,2 a 1,4 milioni di barili al giorno (circa il 10%) dal livello di plateau raggiunto in inverno. Allo stesso tempo, le statistiche ufficiali degli Stati Uniti non tengono pienamente conto delle riduzioni effettuate dalle compagnie petrolifere americane.

Ora le compagnie petrolifere americane possono produrre non più di 10,6 milioni di barili al giorno. Ciò corrisponde in realtà a un taglio della produzione di quasi 2,4 milioni di barili al giorno, pari al 18%, che avvicina molto gli Stati Uniti ai tagli concordati con l'OPEC+.

In precedenza, i membri dell'OPEC e i paesi in via di adesione avevano concordato di ridurre la produzione del 22% rispetto al valore di riferimento. Anche l'Iraq, che in precedenza aveva obiettato, ha fatto questi passi. A tal proposito si può ipotizzare che a giugno 2020 la situazione sul mercato mondiale dovrebbe migliorare leggermente.

Allo stesso tempo, la società di consulenza Facts Global Energy afferma che i rapporti sugli utili delle società segnalano un potenziale calo della produzione statunitense di 3 milioni di barili al giorno entro la fine di giugno. Sembra che gli Stati Uniti siano già abbastanza avanzati verso questa cifra.

Quindi, nonostante gli sforzi di Trump, sembra che la stessa "mano del mercato" faccia in modo che "il dolore sia diviso equamente". Ciò contribuirà a ripristinare l'equilibrio tra domanda e offerta nel mercato globale.
  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.