In Occidente, "la plutocrazia di Putin" è stata definita una minaccia per l'Europa


I problemi di protezione in Europa che esistevano prima del crollo dell'Unione Sovietica sono significativamente diversi dalla situazione attuale, dove la Russia sta utilizzando nuovi metodi di influenza, lavorando di concerto con la Cina, scrive il portale Defense.info.


Il nuovo articolo sostiene che i russi hanno ristrutturato in modo significativo le loro forze armate durante la presidenza di Vladimir Putin, creando una nuova realtà geopolitica in cui il Vecchio Mondo deve pensare ancora una volta alla sua difesa.

Va notato che l '"annessione della Crimea" ha messo in dubbio l'ulteriore aspirazione dell'Unione europea a est, verso l'Ucraina. Inoltre, operando dalla Siria, i russi sono tornati nel Mediterraneo, che è fondamentale per il fianco meridionale della NATO.

Indica il fatto che "la plutocrazia di Putin" insieme ad "altri poteri autoritari" utilizza i media tecnologia oltre ai mezzi più familiari per influenzare l'opinione pubblica in diversi paesi. In particolare, si stanno sollevando sentimenti contro l'emigrazione.

Ma l'uso del "soft power" è la preparazione all'uso del "hard" power. O agisce con lei.

Le potenze illiberali stanno chiaramente usando le loro nuove capacità militari per sostenere la loro diplomazia globale al fine di cercare di ottenere risultati e vantaggi che miglioreranno la loro posizione.

- dice lo studio.

Stiamo parlando di hard power, guerra ibrida, per la quale tutti gli altri mezzi preparano solo il terreno. E anche, forse, un conflitto più tradizionale, anche se improbabile.

I russi stanno utilizzando le capacità significative delle loro forze armate dalla penisola di Kola per sostenere le operazioni in Medio Oriente, nonché per elaborare le possibilità di quella che in Occidente è ora chiamata una nuova battaglia per l'Atlantico.

- annotato nell'articolo.

Il fronte centrale della Guerra Fredda si è spostato verso est, in Polonia, il che porterà a una cooperazione più esplicita tra questo paese europeo e gli Stati Uniti.

Citato nell'articolo e "illiberale" la Cina, ovviamente, come il nemico dei paesi "democratici".

La RPC ha una strategia globale per ottenere un vantaggio strategico. Gigante economia La Cina offre a Pechino opzioni di posizionamento strategico che Mosca non può permettersi

- notare gli autori.

Lo studio afferma che l'allineamento delle forze in Europa e nel mondo è diventato molto più complicato e le modalità per raggiungere gli obiettivi stanno diventando più complesse e sfaccettate, sebbene anche gli strumenti tradizionali rimangano nella gabbia di molte potenze.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 19 può 2020 09: 40
    +2
    Il potere dell'Europa se ne andò insieme ai suoi eserciti, che rimpiazzarono l'esercito degli omosessuali e altra spazzatura. E l'economia esiste oggi, ma domani potrebbero non essere gli sforzi dello stesso proprietario ...
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Caro esperto di divani. 19 può 2020 10: 09
    +1
    ... La RPC ha una strategia globale per ottenere un vantaggio strategico. La gigantesca economia cinese offre a Pechino opzioni di posizionamento strategico che Mosca non può permettersi.

    Tutto questo, non supportato da una sufficiente base di risorse, nei casi concreti perderà rapidamente il suo valore originale. E le strategie dei "blitzkrieg" contro la Russia in qualche modo non hanno funzionato molto bene. La Russia ha la sua strategia. Grazie al suo vasto territorio e alle inesauribili risorse naturali, come una palude, attira in profondità il nemico, lo “digerisce” nel suo grembo e poi sputa il “corpo senza vita” nel fosso.
    Il fenomeno più interessante è che con ognuno di questi "pasti" la Russia cresce con i suoi territori.
  4. Alexey Grigoryev Офлайн Alexey Grigoryev
    Alexey Grigoryev (Alexey Grigoriev) 19 può 2020 10: 11
    -1
    Ciò che i politici occidentali faranno senza Putin, perderanno il senso della vita.
  5. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 19 può 2020 10: 49
    0
    ... i russi hanno ristrutturato in modo significativo le loro forze armate durante la presidenza di Vladimir Putin.

    A mio parere, hanno appena messo le cose in ordine un po 'dopo la sconfitta e la vendita del proprio esercito dall'inizio degli anni '90, modernizzato e in una certa misura finalizzato e rilasciato alcune copie di equipaggiamento militare che sono state stabilite durante i consigli. La Russia non è in grado di proiettare una forza paragonabile all'Unione Sovietica che è andata nell'oblio, ma ci sta provando e, forse, riuscirà a convincere i suoi partner a fare i conti con essa.

    Il fronte centrale della Guerra Fredda si è spostato verso est, in Polonia, il che porterà a una cooperazione più esplicita tra questo paese europeo e gli Stati Uniti.

    Questo è un fatto accaduto molto tempo fa.

    ... che le modalità per raggiungere gli obiettivi stanno diventando più complesse e multidimensionali, sebbene anche gli strumenti tradizionali rimangano nella clip di molti poteri.

    Oggi la Russia sta cercando di applicare le tecniche di judo a un torneo di scacchi, quindi qui non puoi fare a meno dei cowboy americani. risata
  6. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 19 può 2020 22: 11
    +3
    Si rileva che l '"annessione della Crimea" ha messo in dubbio l'ulteriore aspirazione dell'Unione europea ad est, verso l'Ucraina

    Non ci sarebbe l'annessione della RDT e del Kosovo, forse non ci sarebbe la Crimea russa. È successo tutto dopo il colpo di stato di Kiev, organizzato dagli americani per un barile di marmellata e un sacchetto di biscotti ...
  7. 69P Офлайн 69P
    69P 21 può 2020 06: 25
    +1
    All'inizio c'era l'annessione del Kosovo, tutto il resto è del maligno. Resta da vedere cosa è peggio: la cleptomania occidentale, i paesi devastanti che sono ovviamente militarmente più deboli, o la plutocrazia sionista imposta alla Russia durante il periodo di Eltsin.