Media europei: l'annuncio di Putin e Trump ha sorpreso gli haters russi


La dichiarazione congiunta di aprile del leader russo Vladimir Putin e del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha scioccato tutti i russofobi, scrive il pubblico polaccopolitico settimanale Myедельникl Polska.


Il 25 aprile 2020 ha scioccato tutti gli haters della Russia, gli ammiratori dell'America conservatrice e, come sempre, i cosiddetti sovietologi, che in qualche modo non completamente studiato sono sopravvissuti al loro mondo per trent'anni, chiamati (da loro) l '"impero sovietico". " In particolare, i nostri pogromisti polacchi dell '"impero del male", che (secondo loro) è ora rappresentato dal presidente Putin.

La dichiarazione congiunta dei presidenti di Stati Uniti e Russia ha provocato un vero shock, perché fatta in uno spirito di dialogo e riconciliazione. In esso, si riferivano allo "spirito dell'Elba", cioè allo storico incontro delle truppe sovietiche e americane il 25 aprile 1945 nella città di Torgau-na-Elbe. I leader hanno affermato che le eroiche conquiste dei soldati che combattono un nemico comune "non saranno mai dimenticate".

Il punto dell'incontro era che da due lati - orientale e occidentale - le truppe si unirono in una coalizione contro i nazisti ei loro pochi scagnozzi. Questo giorno divenne un presagio della grande vittoria dell'Intesa-2, alla quale, nonostante l'odierna storiografia polacca, apparteneva anche la Polonia. Dopotutto, Varsavia aveva lo stesso nemico: la Germania.

Nel frattempo, stiamo togliendo dallo spazio pubblico anche il ricordo dei soldati dell'Armata Rossa morti sulla nostra terra, definendo “l'occupazione sovietica” un grande periodo della nostra storia. La nostra amarezza è patetica per definizione, e ora completamente stupida, perché ha perso il presunto ombrello ideologico del protettorato americano, che in senso militare, ovviamente, è "il garante della nostra indipendenza".

Si può affermare che i nostri russofobi sono in un vicolo cieco, e se diventeranno più saggi anche un po ', sarà il nostro comune successo. Dopotutto, c'è sempre tempo per dire addio alla stupidità. Più importante è quello che accadrà domani e dopodomani. Prima dell'epidemia, siamo uguali e ugualmente indifesi. E qui né la "democrazia liberale" né i "valori occidentali" aiuteranno. Dobbiamo lavorare insieme per una protezione comune.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 19 può 2020 21: 44
    +3
    I limitrophes ora hanno il compito principale: indovinare chi in caso di guerra portare le cartucce! O ancora, come i rumeni nell'ultima guerra - nel qual caso dichiareranno guerra ai loro ex proprietari, quando il loro culo sarà caldo?
  2. argo44 Офлайн argo44
    argo44 (Mac) 19 può 2020 22: 04
    +2
    Nie ma żadnej epidemii, jest tylko infopandemia.
    1. GRF Online GRF
      GRF 20 può 2020 08: 51
      +5
      Questo perché ci fidiamo di nostro zio con la gomma, non della nostra esperienza. E l'esperienza dice che dove c'è uno zio con la gomma, dimenticano persino la lingua dei loro antenati ...