Il triste destino del Turkish Stream: il gasdotto resta praticamente vuoto


La Turchia ha sostituito il gasdotto russo con il GNL, quindi il progetto Turkish Stream da 7 miliardi di dollari sta affrontando un triste destino, scrive il quotidiano bulgaro Mediapool.


Ankara preferisce importare GNL, che ora costa meno di quello di Gazprom. Ciò sta accadendo sullo sfondo della crisi economica e del raffreddamento delle relazioni tra Turchia e Russia a causa dei conflitti con l'esercito russo in Siria e delle azioni dei mercenari di Wagner in Libia.

Le forniture della russa Gazprom all'operatore di gasdotto statale turco BOTAS e alle società private nel marzo 2020 sono scese a 210 milioni di metri cubi. m, ovvero sono diminuiti 7 volte rispetto allo stesso periodo del 2019 e rispetto a marzo 2018 - 14 volte. A marzo 2019, Gazprom ha fornito 1,418 miliardi di metri cubi. m, e nel primo trimestre del 2018 - 8,8 miliardi di metri cubi. mo 2,93 miliardi di metri cubi. m al mese. Ciò è dimostrato dai dati del Servizio doganale federale della Russia.

Di recente la Turchia si è classificata al secondo posto tra i maggiori clienti di Gazprom, ma ora si è spostata nei primi dieci paesi e acquista gas quasi allo stesso volume dell'Armenia (193 milioni di metri cubi al mese) e persino meno della Lituania (272 milioni di metri cubi) .m). Nel 2019, Ankara ha aumentato le importazioni di GNL del 13% a 9,1 milioni di tonnellate. I maggiori fornitori sono stati Algeria (4,3 milioni di tonnellate), Qatar (1,8 milioni di tonnellate), Nigeria (1.8 milioni di tonnellate) e Stati Uniti (0,8 milioni di tonnellate) .

Alla fine del 2019, le forniture di gasdotto dalla Russia alla Turchia sono diminuite del 35% a 15 miliardi di metri cubi. m, che è il peggior indicatore in un decennio. Di conseguenza, i gasdotti Blue Stream e Turkish Stream rimangono praticamente vuoti.

La tendenza al rialzo della quota di GNL in Turchia continua nel 2020. Nel primo trimestre di quest'anno, il GNL rappresenta il 44% di tutte le forniture, di cui quasi il 40% è GNL dagli Stati Uniti (1,2 milioni di tonnellate).

Il contratto per la fornitura di gas russo alla Turchia tra Botas e Gazprom scade nel 2021 e Ankara prevede di ottenere uno sconto da Mosca. Quindi le nuvole si stanno addensando su Gazprom.
  • Foto utilizzate: gazprom.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. GRF Офлайн GRF
    GRF 21 può 2020 11: 35
    0
    Beh, quanti soldi ci sono nelle tasche di qualcun altro? Ma potrebbe esserci questa "piccola cosa" nel tuo ...
    Dare voce al futuro secondo la congiuntura attuale è in qualche modo superficiale, per i discendenti di Vanga.

    E oggi, domani, non tutti possono guardare. Piuttosto, non solo tutti possono guardare, pochi possono farlo.
  2. AlexanderIT Офлайн AlexanderIT
    AlexanderIT (Alexander) 22 può 2020 14: 17
    -1
    Non capisco le nuvole .. Sì, le forniture sono diminuite del 35% - a 15 miliardi di metri cubi. m, e gli Yankees sono cresciuti fino al 13% - fino a 9,1 milioni di tonnellate ... I numeri non sono comparabili ... L'autore, penso, non si è MAI preoccupato non solo di un qualche tipo di analisi dei dati, ma anche , sembra, con l'aritmetica elementare è stonato ... Ankara ha importato gas russo 1650 volte (Karl - 1650 !!) più del GNL d'oltremare. Questo è ciò che parla della scelta ..