Manca solo un anno: come non cadere nella "trappola del gas" ucraina

Nel 2019 scade il contratto tra Gazprom e l'Ucraina per il transito di gas naturale attraverso il suo territorio verso l'Europa. È a questo punto che si prevede di completare la costruzione del secondo ramo del Nord Stream.




Incatenato da una catena?

Sembrerebbe che finire di costruire la filiale, non rinnovare il contratto e abbandonare completamente il transito ucraino sia la soluzione migliore. Ma è impossibile realizzarlo.

Nel 2017 sono stati pompati 93,5 metri cubi di gas attraverso l'Ucraina, un dato record rispetto agli anni precedenti. Ciò ha portato circa 3 miliardi di dollari di profitto alla parte ucraina. I nuovi gasdotti che bypassano l'Ucraina non sono in grado di coprire completamente gli obblighi di fornitura della Russia all'Europa. Dopo il 2019, l'Ucraina dovrà ancora passare da 10 a 40 miliardi di metri cubi di gas attraverso il sistema di trasporto del gas. E questo significa per gli ucraini una diminuzione dei profitti dal transito di almeno la metà.

I paesi europei non hanno nulla contro il gas russo a buon mercato, ma chiedono che l'Ucraina mantenga una parte del transito. Putin ha detto di non essere contrario, ma vorrebbe sentire dall'Ucraina un'offerta redditizia e interessante.

Ed eccola qui, un'ottima offerta!

La proposta della parte ucraina non è stata lenta. Riducono il prezzo di transito da 2,5 a 2,4 dollari per il pompaggio di 1 chilometri per 100 chilometri. Per ricevere tale sconto, la Russia deve pompare 110 miliardi di metri cubi di gas all'anno e il profitto minimo non dovrebbe essere inferiore a 3 miliardi di dollari.

Gazprom è stato semplicemente preso alla sprovvista da tanta generosità. Il fatto è che il costo del transito è circa una volta e mezza superiore al prezzo di un servizio simile in Europa. E Gazprom non ha pompato i volumi di gas richiesti dall'Ucraina anche prima della costruzione delle condotte di bypass. In generale, se l'Ucraina offre un prezzo inferiore a due dollari, Miller ha promesso di pensarci su.

E se sposti il ​​confine?

C'è un'altra opzione per spostare il mal di testa sul transito ucraino dalla propria testa a quella di qualcun altro. In alternativa, puoi vendere gas al confine russo-ucraino. In questo caso, l'acquirente, piuttosto che il venditore, dovrà negoziare con l'Ucraina in transito.

In precedenza, Gazprom ha ricevuto offerte simili da società europee, ma le ha rifiutate, perché allora la rotta ucraina era la principale. Ora una simile proposta può essere accettata.

O dare il transito ucraino in buone mani?

È anche possibile vendere il sistema di trasporto del gas ucraino a una delle società europee. Tra i possibili candidati, l'Ucraina Naftogaz sta prendendo in considerazione aziende provenienti da Slovacchia, Germania, Grecia, Romania, Olanda, Francia e altri paesi. Questa misura prevede la modernizzazione del sistema di trasporto del gas ucraino a scapito del nuovo proprietario e una gestione efficace.

Ci sono molte opzioni per lo sviluppo della situazione. Ma tutti loro non cambiano il fatto che l'Europa, come prima, riceverà il volume di gas di cui ha bisogno e il profitto dell'Ucraina dal transito diminuirà significativamente.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.