A cosa porterà l '"attacco di petroliere" dei sauditi agli Stati Uniti?


Gli analisti finanziari americani lanciano l'allarme. Una flotta di superpetroliere con petrolio dall'Arabia Saudita si sta dirigendo verso entrambe le coste degli Stati Uniti, il che rischia di "versare" sul mercato oltre 50 milioni di barili contemporaneamente. Ciò porterà a un riempimento eccessivo di tutti gli impianti di stoccaggio del petrolio e a nuovi prezzi anti-record, che svaluteranno l'accordo OPEC +.


È una coincidenza o un "piano astuto" di Riyadh, che continua segretamente la guerra commerciale?

Le quotazioni mondiali sono in gran parte determinate dalle riserve di "oro nero" negli Stati Uniti come le più grandi economia il mondo: più ce ne sono, più basso è il prezzo. Sulla costa orientale, solo 5 milioni di barili di stoccaggio sono rimasti vacanti. Allo stesso tempo vi vengono inviate petroliere saudite, che trasportano a bordo 45 milioni di barili. Sulla costa occidentale la situazione è decisamente migliore: sono disponibili 88 milioni di barili di capacità di stoccaggio e solo 7 milioni di barili di petrolio arriveranno via mare. Ma anche nel Golfo del Messico, la flottiglia di Riyadh è in grado di provocare un vero e proprio collasso, che influenzerà tutte le quotazioni mondiali e annullerà i risultati dell'accordo OPEC + da tempo vinto.

C'è da chiedersi: è possibile che il Regno, la cui situazione economica è stata molto scossa a causa della guerra commerciale, non lo capisca? Ci sono almeno due versioni che spiegano questo "attacco di petroliere".

Secondo il primo, tutte queste sono "scosse di assestamento" degli eventi di marzo, quando l'Arabia Saudita stava disperatamente scaricando, inondando il mercato di petrolio a buon mercato, vendendolo a sconti a tutti. Ovviamente c'è molta verità in questo. Ma è ragionevole dal punto di vista del venditore in soli due mesi, maggio e giugno, buttare via quasi subito un terzo del volume che i sauditi hanno fornito agli Stati Uniti per l'intero anno scorso, abbassando nuovamente i prezzi?

La risposta a questa domanda può essere data dalla seconda versione, "teoria del complotto". Dovrebbe essere chiaro che Riyadh non può essere definito un vincitore nella "guerra del petrolio", è lo stesso perdente di tutti gli altri, tranne forse gli Stati Uniti, che non hanno aderito all'accordo OPEC +. Oltre alle quote previste dall'accordo, l'Arabia Saudita ha "volontariamente" assunto ulteriori restrizioni alla produzione di petrolio per un importo di 1 milione di barili al giorno. Apparentemente, ciò era dovuto alla minaccia di Washington di ritirare le truppe americane dal Regno, lasciandolo solo con i vicini ostili, di cui siamo in dettaglio. detto in precedenza.

Si ha l'impressione che l '"attacco alla petroliera" sia una risposta orientale così sottile da Riyadh a Donald Trump. Se i sauditi possono scaricare simultaneamente tutte le loro navi negli Stati Uniti, ciò colpirà l'economia americana ei prezzi del petrolio. I produttori di olio di scisto che sono sotto il patrocinio del presidente avranno nuovi problemi. Ricorderemo che Trump avrà elezioni regolari a novembre. Il momento della pressione politica su di lui è stato scelto molto bene.

La prossima riunione nel formato OPEC + è prevista per giugno. È probabile che Riyadh chiederà indulgenze per se stessa, il che significa che le sue quote possono essere ridistribuite ad altri partecipanti alla transazione.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 22 può 2020 11: 27
    +3
    I adorabili rimproverano - si divertono solo. Gli Stati non demoliranno i sauditi come hanno demolito la Libia ...
    1. alexey alexeyev Офлайн alexey alexeyev
      alexey alexeyev (alexey alekseev) 23 può 2020 11: 56
      +2
      E senza gli Stati Uniti, ci sarà chi lo desidera. Cosa sono i combattenti sauditi, chiedono i ribelli yemeniti.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 22 può 2020 12: 02
    +2
    Quindi ho già scritto una settimana fa, e due, che le petroliere stanno andando, e sono nella baia, e si sono perse da qualche parte nell'oceano ... Come i kapets. Non è mai successo ed eccolo di nuovo.

    Se lo fanno, allora ci sono accordi? Solo le nonne non ne parlano all'ingresso?
    Non è come vendere patate al bazar ...
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 22 può 2020 18: 41
      +1
      Se lo fanno, allora ci sono accordi? Solo le nonne non ne parlano all'ingresso?

      E certamente lo sono - questi accordi?

      Secondo il Los Angeles Times, ormai nelle stive delle petroliere accumulate in California, c'è più del 20% del volume giornaliero di petrolio consumato nel mondo. Si noti che le navi sono all'ancora da più di otto giorni e hanno a bordo oltre 20 milioni di barili di petrolio.

      Questa situazione si è tuttavia rivelata molto redditizia per i proprietari di navi cisterna. Il CEO di Nordic American Tankers Herbjörn Hansson ha dichiarato alla CNBC che "questi sono i periodi migliori per gli affari". "Ora stiamo facendo un sacco di soldi, migliorando seriamente il nostro bilancio. Non ho mai visto un mercato così forte", ha detto.
      Secondo il canale televisivo, nelle condizioni attuali, la compagnia nordica può ricevere almeno 70mila dollari da una nave al giorno, emettendo fatture ai suoi principali clienti - Exxon, Mobil e British Petroleum. "Non speculiamo sul petrolio. Speculiamo sulla sua consegna e questa è una storia completamente diversa", ha aggiunto Hansson.

      Non è come vendere patate al bazar ...

      Non c'è differenza fondamentale. Le uniche differenze sono nel volume degli scambi. Navi in ​​base ai loro movimenti, sarebbe meglio se vendessero patate al mercato o datteri. Hanno portato un mucchio di merci non necessarie e stanno pagando un sacco di soldi per lo stoccaggio.
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 23 può 2020 00: 06
        -1
        Se non dzhamshuts, allora ci sono accordi. Ci sono anche un sacco di compagnie petrolifere arabe (i parenti di bin Laden, per esempio).

        Perché non inviati in Cina, India: scrivono, continuano a comprare tutto a buon mercato.

        Ad esempio: ON, carica un paio di olio di Hiroshima e fluttua a caso alla YSA, vendilo a qualcuno ...
        Come il caso del nostro aeroporto: qui, abbiamo lanciato un paio di tonnellate d'oro sul tuo aereo, volato a Mosca, lo vendiamo a qualcuno)))) ....