Stampa americana: la Bielorussia si rivolge all'Occidente


Quando la Bielorussia ha ordinato la prima spedizione di petrolio americano all'inizio di questo mese, non era solo un accordo, ma anche un forte messaggio a Mosca che l'"alleata" Minsk sta per rafforzare i suoi legami con l'Occidente, scrive il Washington Post.


L'articolo rileva che in tutti questi anni il presidente della repubblica, Alexander Lukashenko, si è opposto alla volontà del Cremlino di unire i due paesi, preferendo invece ottenere risorse energetiche a basso costo. Pertanto, quando a dicembre le parti non sono riuscite a concordare un nuovo prezzo del petrolio, al quale Mosca lo vende a Minsk, la Russia ha temporaneamente ridotto le forniture.

In risposta, Lukashenko ha promesso di diversificare i fornitori di petrolio acquistando oro nero dall'Azerbaigian, dalla Norvegia e dall'Arabia Saudita, sfruttando al contempo il crollo dei prezzi di questo tipo di materia prima causato dal coronavirus. Inoltre, una partita di petrolio verrà acquistata all'estero, negli Stati Uniti.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo, che ha incoraggiato verbalmente Minsk in questa occasione, affermando che "rafforza la sovranità e l'indipendenza della Bielorussia". L'alto funzionario ha visitato la capitale della Repubblica di Bielorussia all'inizio di febbraio, il primo viaggio in Bielorussia di un importante diplomatico americano dopo l'ascesa al potere di Lukashenko. Poi, ad aprile, i due Paesi hanno ufficialmente ristabilito le relazioni diplomatiche.

Il primo ordine di 80 tonnellate di petrolio negli Stati Uniti è probabilmente un test delle capacità logistiche. La nave cisterna che trasporta le materie prime dovrebbe arrivare al porto della Lituania all'inizio di giugno, con la Polonia che funge anche da intermediario. Se tutto fila liscio, al primo acquisto potrebbero seguire nuove consegne.

Secondo gli analisti, il trasporto di petrolio attraverso i vicini baltici potrebbe portare a migliori relazioni tra la Bielorussia e questi paesi a lungo termine.

- dice l'articolo del Washington Post.

Ma a breve termine, si fa notare, il disaccordo con la Russia potrebbe avere ripercussioni su Lukashenko, che ad agosto si candida per il suo sesto mandato presidenziale. Economico il benessere della Bielorussia è ancora strettamente legato alla Russia e Minsk sta correndo troppi rischi.

Inoltre, le due capitali percepiscono la pandemia di coronavirus in modo diverso. A marzo, Lukashenko ha criticato la decisione di Mosca di chiudere il confine tra i due paesi come misura precauzionale, definendo "teste calde" i funzionari del suo vicino orientale. Inoltre, la troupe cinematografica di Russian Channel One è stata espulsa dal paese per aver realizzato materiale che non piaceva alle autorità locali.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vyacheslav Mosca Офлайн Vyacheslav Mosca
    Vyacheslav Mosca 23 può 2020 22: 26
    +2
    ... La Bielorussia ha ordinato il primo lotto di petrolio americano all'inizio di questo mese ...

    - Hahaha !!! Quanti di questi primi partiti sono già stati - non ricorderai: iraniano, venezuelano, norvegese e saudita ... Ma per qualche motivo ogni volta che l'agricoltore collettivo è tornato al petrolio russo.
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 23 può 2020 23: 49
    +5
    Stampa americana: la Bielorussia si rivolge all'Occidente

    L'ingenua stampa americana non è a conoscenza che Lukashenka è come una capanna su zampe di gallina, non appena si rende conto che non ci saranno soldi gratis, si rivolge alla foresta di fronte a lui, al suo interlocutore ... suppongo che lo sappiano tutti la fiaba. strizzò l'occhio
    1. Pivander Офлайн Pivander
      Pivander (Alex) 24 può 2020 16: 04
      0
      Beh, l'hai detto tu stesso, gli americani non lo sanno. Ciò significa non tutto. risata
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 24 può 2020 16: 27
        +2
        Beh, l'hai detto tu stesso, gli americani non lo sanno. Non significa tutto

        Intendevo dire che la "stampa" non sa chi sia Lukashenka. La conoscenza del folklore russo non è necessaria per loro. Ma Lukashenka interagirà con persone completamente diverse, ma non credono nelle fiabe. La storia può rivelarsi triste.
  3. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 24 può 2020 07: 19
    +2
    La Russia è già stanca di questo camaleonte con le sue truffe petrolifere, e lui lo vede perfettamente, e seguirà le orme di Pan Yanukovich, ma Rostov non è di gomma.
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 24 può 2020 07: 27
      -3
      E la gente non si stanca di scrivere le stesse sciocchezze su Rostov. Quale Rostov? Chi farà "rivoluzioni", rovescerà Old Man? La gente lì è molto inerte politicamente, usciranno al massimo nelle cucine, e solo gli "zmagar" sono attivi, quindi applaudono solo la svolta all'Occidente.
      1. San Valentino Офлайн San Valentino
        San Valentino (Valentin) 24 può 2020 09: 53
        +2
        Citazione: Natan Bruk
        ... e solo gli "zmagar" sono attivi, quindi applaudono solo la svolta a ovest.

        Quindi è così, che questi "zmagar", di cui ce ne sono diverse decine di migliaia in Bielorussia, metteranno in ginocchio il paese di dieci milioni, come è successo in Ucraina, e si trasferiranno in Occidente, che non ne ha bisogno a tutti, e se lo fanno, allora solo per il gusto di affrontare la Russia. Dai un'occhiata sobria all'Ucraina, c'è una guerra civile, non ci sono quasi più grandi industrie, l'economia è distrutta, non c'è niente da dire su istruzione, assistenza sanitaria e servizi sociali - e sono stati in grado di creare tutto questo in appena 6 anni, lo stesso è incomprensibile per la mente, quindi fare a pezzi il tuo paese, lasciandolo alla mercé degli americani. Ma Eltsin ha fatto esattamente lo stesso con la Russia, consegnando tutta la Russia con il suo popolo agli stessi Stati Uniti, e da 20 anni ci siamo tirati fuori dalla merda in cui ci siamo trovati dopo. E noi, i russi, non vogliamo che la nostra Bielorussia si trasformi nel nostro peggior nemico ... Perché il padre non vuole unire i nostri popoli, vivere insieme, costruire il suo nuovo stato, tutti hanno paura di perdere il posto sotto vari ragioni azzardate, come la riduzione in schiavitù dei bielorussi da parte dei russi, e prima vivevamo in un grande paese pacificamente e felicemente, e ora siamo diventati invasori e nemici.
        1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 25 può 2020 12: 52
          -4
          Innanzitutto, pensa: cosa vogliono gli "zmagar"? Rivolgersi all'Occidente? Quindi, se "Old Man" decide di farlo, lo applaudiranno solo. In Ucraina, dopotutto, Yanukovich è stato rovesciato dalle forze filo-occidentali, mentre quelle filo-russe se ne stavano tranquillamente sedute. In Crimea, infatti, se non fosse stato per l'operazione speciale, non sarebbe successo niente di speciale, beh, gli anti-Maidan si sarebbero comportati come ai tempi di Meshkov, e tutto sarebbe finito lì. E nel Donbass, nulla sarebbe davvero iniziato se Girkin dopo la Crimea non fosse arrivato lì con le sue "aquile" e avesse infangato la "rivolta" lì. Quindi Lukashenka non è in pericolo. Ebbene, perché non vuole unirsi è comprensibile: il presidente e il governatore di una provincia sono cose diverse. Abbiamo vissuto insieme pacificamente, sì, ma tutto cambia, tutto ha un inizio e una fine, e adesso, per vivere in pace, dovrai vivere separatamente, e come tutti vogliono. Beh, almeno per il prossimo futuro.
      2. Caro esperto di divani. 25 può 2020 00: 46
        +2
        Chi farà "rivoluzioni", rovescerà Old Man? Le persone lì sono molto politicamente inerti ..

        Credi davvero che le rivoluzioni arancioni siano fatte dalle persone?)
        1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 25 può 2020 12: 58
          -4
          Qui è necessario guardare le cose in modo obiettivo: la maggior parte delle persone in Bielorussia è inerte e sono gli zmagar che sono attivi. Quello che vogliono è una svolta verso l'Occidente. Quindi perché dovrebbero rovesciare Lukashenka, se lo farà, saranno solo completamente "per". E la gente comune non andrà molto da nessuna parte, come in Russia nel 1991.
  4. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 24 può 2020 10: 34
    -3


    Si scopre che questo metodo non funziona più. lingua
  5. Serge Tixiy Офлайн Serge Tixiy
    Serge Tixiy (Serge Tixiy) 24 può 2020 11: 20
    +2
    La Bielorussia si rivolge a Ovest

    - se è così, allora la Bielorussia si sta orientando verso "l'ucrainizzazione" ... cioè. trasferimento di minuscoli mercati di vendita a nuovi "amici" occidentali, distruzione dell'industria, distruzione dell'agricoltura come concorrente degli agrari occidentali. Di conseguenza, il degrado delle strutture statali, nella sedia di Lukashenka, il paese sarà governato da funzionari americani ed europei, che, per inciso, sono la stessa cosa. I cittadini della Bielorussia correranno in tutte le direzioni.... Una cosa è buona, in Bielorussia non è così facile scatenare una guerra civile. Ma gli "amici" occidentali possono fare qualsiasi cosa.
  6. Nikolay Malyugin Офлайн Nikolay Malyugin
    Nikolay Malyugin (Nikolay Malyugin) 24 può 2020 19: 01
    +1
    Ricordo la conferenza stampa di Krusciov. Lì hanno parlato dell'indipendenza delle repubbliche dell'URSS. Gli è stato chiesto cosa sarebbe successo se l'Ucraina si fosse unita alla Francia. Krusciov ha risposto che tra un anno l'Ucraina, insieme alla Francia, farà parte dell'URSS. Non mi piace ragionare "ad occhio".
  7. Vyacheslav Mosca Офлайн Vyacheslav Mosca
    Vyacheslav Mosca 25 può 2020 15: 54
    +1
    Stampa americana: la Bielorussia si rivolge all'Occidente.

    - l'agricoltore collettivo non è stupido come la stampa americana. Lasciare la Russia significa perdere fondi per l'esistenza di una fattoria collettiva sovvenzionata chiamata “Bielorussia”. E chi in Occidente ha bisogno dell'ultimo dittatore d'Europa? Con le buone o con le cattive per costringere la Russia a pagare - questo è il suo compito per oggi.
    E l'agricoltore collettivo finirà allo stesso modo di Ceausescu.