Perché la trasformazione della Bielorussia in una potenza missilistica è pericolosa per la Russia?


Minsk continua ad allontanarsi da Mosca, questa volta nell'ambito militare. Nonostante i nostri paesi siano nello Stato dell'Unione, la Bielorussia intende sviluppare il proprio programma missilistico, trovando partner per questo nella lontana Cina e Ucraina, che ci è apertamente ostile.


Cos'è questo, un'altra "fronda" da parte di Alexander Grigorievich, che dimostra l '"indipendenza bielorussa", o sta creando un grande mal di testa per il Ministero della Difesa RF proprio davanti ai nostri occhi?

Il problema era che, per garantire la propria sicurezza, Minsk voleva ricevere Iskander / Iskander-M a tutti gli effetti dalla Russia e potevano essere esportate solo versioni con una portata non superiore a 280 chilometri. Il presidente Lukashenko ha accettato il principio e con l'aiuto degli amici cinesi della Bielorussia è riuscito a risolvere il compito prefissato, a seguito del quale è apparso il sistema missilistico Polonez.

A quanto pare, c'era tecnologico scambio: Pechino ha trasferito la sua tecnologia missilistica, ricevendo in cambio la documentazione per la produzione di telai e trattori utilizzati sui complessi russi Iskander, Bal, Bastion, Bereg, Rubezh e MLRS Smerch. Nelle versioni iniziali, l'autonomia del Polonez era compresa tra 50 e 200 chilometri. Ma un anno fa, il raggio di tiro è stato aumentato a 300 chilometri, cioè è diventato paragonabile a Iskander. Si scopre che Minsk ha potuto fare a meno di Mosca, ma non si fermerà qui.

Le polacche utilizzano missili cinesi A200, ora Minsk intende ricevere i propri missili. Gli esperti sottolineano che l'opzione più logica sarebbe quella di localizzare la produzione in Bielorussia: il motore è cinese e il resto del ripieno è locale. Oltre al Celeste Impero, il presidente Lukashenko ha espresso interesse per la cooperazione con la vicina Ucraina, di cui ci occupiamo in dettaglio detto prima. Allo stesso tempo, lamenta la mancanza di costruttività da parte del Cremlino:

Non c'è bisogno di inginocchiarsi davanti ai russi. Questo è un segnale se il nostro più stretto alleato non solo non ha accettato di fare un missile con noi, ma non fornisce un sito di prova.


Secondo il leader bielorusso, la Russia si rifiuta di aiutare anche con i test delle armi missilistiche. Kazakistan, Uzbekistan e Cina sono considerate alternative. Se è tutto così, la situazione non sembra molto bella. In futuro, un simile atteggiamento potrebbe ancora tornare a perseguitarci.

La dottrina difensiva del nostro unico alleato è di natura difensiva. Alexander Grigorievich ha spiegato:

Dobbiamo dimostrarlo ora in modo che coloro che, Dio non voglia, decidono di combattere con noi, capiscano che possiamo rispondere con dignità. La migliore risposta in termini di armi oggi sono i missili, le armi di precisione.


Polonia e Lituania, dove è attualmente in corso una militarizzazione attiva, rientrano nel raggio di distruzione del Polonez. La presenza di sistemi missilistici in Bielorussia può servire come ulteriore deterrente per la NATO. Tuttavia, ci sono dei rischi anche per Mosca. Purtroppo non c'è una reale integrazione nel formato dell'Unione Stato, Minsk si inclina sempre di più verso l'Occidente. Il presidente Lukashenko, per sua abitudine, cerca di flirtare con tutti, senza esagerare. Ma non è eterno, non si sa cosa succederà alla Bielorussia dopo Alexander Grigorievich.

Ed ecco il momento giusto per ricordare le parole dell'esperto militare bielorusso Alexander Alesin che il raggio d'azione reale di "Polonez" è di 500 chilometri, superando sensibilmente quello dichiarato. E questa è già una distanza non solo dalle capitali europee, ma anche da Mosca. Se Minsk segue il percorso di Kiev, invece dell'unico alleato sul confine occidentale, avremo un altro mal di testa.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) 24 può 2020 12: 21
    +3
    La dottrina difensiva del nostro unico alleato è di natura difensiva.

    Primo, non un alleato, ma piuttosto un partner situazionale. Gli alleati di fronte all'AHL non si comportano così.

    Purtroppo non c'è una reale integrazione nel formato dell'Unione Stato, Minsk si inclina sempre di più verso l'Occidente.

    E che tipo di alleato è questo ??? Fornire una discarica per una banderuola e tutto il resto quando il paese guarda e si rivolge a Ovest ?! O per non voltarsi, per sostenere a proprie spese ?! Per la vita ?!
    Ed ecco il momento giusto per ricordare le parole dell'esperto militare bielorusso Alexander Alesin che il raggio d'azione reale di "Polonez" è di 500 chilometri, superando sensibilmente quello dichiarato. E questa è già una distanza non solo dalle capitali europee, ma anche da Mosca. Se Minsk segue il percorso di Kiev, invece dell'unico alleato sul confine occidentale, avremo un altro mal di testa.
    E qui c'è qualcosa a cui pensare!
    1. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
      Syoma_67 (Semyon) 24 può 2020 12: 46
      +2
      E che alleato è

      - È giunto il momento di capire che la Russia non ha alleati.
  2. Vyacheslav Mosca Офлайн Vyacheslav Mosca
    Vyacheslav Mosca 24 può 2020 15: 26
    +3
    Il contadino collettivo è ossessionato dagli allori di Kim Jong-un: la presenza di missili nucleari assicura che la sua dinastia rimarrà al potere.
  3. Caro esperto di divani. 24 può 2020 16: 32
    0
    ..Non inginocchiarti davanti ai russi ..

    Lukashenko

    .. Siamo stati fortunati a trovare un accordo con i cinesi, devono inchinarsi per questo ..

    Lukashenko

    Un lacchè non può vivere senza una frusta.
  4. Victor Kv Офлайн Victor Kv
    Victor Kv (Victor Kv) 25 può 2020 22: 44
    -1
    Lukashenko è logico e prevedibile, difende gli interessi del suo Paese. I detenuti del Cremlino devono essere patrioti e liberali allo stesso tempo, per ritirare il capitale in Occidente e "combattere" con questo Occidente.
  5. Strannik039 Офлайн Strannik039
    Strannik039 25 può 2020 22: 53
    +3
    Non vedo un alleato nella Repubblica del Bashkortostan, dal momento che ha creato nuovi ATGM per molto tempo, insieme a Bandera, e questi ATGM sono entrati in servizio con le bande Bandera!