Gli americani non sono intervenuti: la prima petroliera iraniana è arrivata in Venezuela


La nave Fortune iraniana a benzina alchilata, la prima di un gruppo di cinque petroliere, è entrata nelle acque territoriali del Venezuela nonostante le minacce statunitensi, secondo quanto riferito dai media venezuelani e iraniani.


Grazie fratelli

- ha scritto sul suo account Twitter il ministro del Petrolio del Venezuela Tarek El-Aissami.

Secondo le risorse di navigazione marittima e i servizi di navigazione, la petroliera iraniana Fortune si trova infatti al largo della costa settentrionale del Sud America. Tuttavia, il suo porto di destinazione è sconosciuto, poiché il sistema di controllo automatizzato della nave (ACS) indica lo Stretto di Gibilterra da dove proveniva.



La petroliera ha lasciato il porto di Shahid-Rajai (Iran) 72 giorni fa. Seguono altre quattro petroliere con benzina dall'Iran. Nei prossimi giorni raggiungeranno anche le coste del Venezuela.


Le autorità venezuelane hanno inviato la loro aeronautica, marina e persino hanno organizzato esercitazioni militari con utilizzo di MLRS e difesa aerea sulla costa del Paese e isole adiacenti. Ciò è stato fatto per impedire agli Stati Uniti di intercettare le petroliere nei Caraibi. E va notato che Washington non ha ancora deciso di aggravare e interferire con la consegna di carburante in Venezuela, dove infuria la pandemia di COVID-19.

Non solo Caracas, che ha un disperato bisogno di carburante e lubrificanti, ha dimostrato la sua determinazione. Teheran ha anche spiegato a Washington che non ha bisogno di interferire con la consegna del carburante. Il viceministro degli Esteri iraniano Abbas Aragchi ha convocato l'ambasciatore svizzero che rappresenta gli interessi degli Stati Uniti in Iran e ha affermato che gli americani devono rispettare il diritto internazionale, compresa la libertà di navigazione. Non è difficile intuire che gli americani abbiano colto il suggerimento, perché nel 2019 c'era una situazione simile. Quindi le forze speciali britanniche hanno sequestrato la petroliera Grace-1 nello Stretto di Gibilterra, dopo di che l'IRGC dell'Iran ha arrestato una petroliera britannica.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 26 può 2020 19: 23
    -1
    Non potrebbero interferire nemmeno Tornado e Buki?