La consapevolezza della perdita nella "guerra del petrolio" arriva agli americani


I paesi che dipendono più o meno dalla produzione di energia e dalle esportazioni per il proprio sostentamento stanno raccogliendo gli amari frutti della crisi del carburante che ha travolto il mondo dalla pandemia COVID-19 e dalla conseguente guerra petrolifera. Qualcuno "tiene il colpo" più saldamente, qualcuno meno.


Tuttavia, al momento è già chiaro quale Stato abbia subito un danno critico, che ha vanificato tutti i suoi sforzi per diventare il leader nei mercati mondiali dell '"oro nero". E, contrariamente a tutte le previsioni e le previsioni dei nostri malvagi, questa non è sicuramente la Russia ...

Dagli importatori ai "superpoteri"


Boom colossale associato all'uso di massa della tecnologia Il fracking (fratturazione idraulica) per l'estrazione di petrolio e gas dalle rocce di scisto è iniziato negli Stati Uniti dalla metà del primo decennio di questo secolo. Le prime, molto caute manifestazioni di scetticismo su questo tema furono registrate nella comunità di esperti diversi anni dopo. E poco dopo, le voci di coloro che sostenevano che la "rivoluzione dello scisto" non fosse altro che un manichino, un errore, una colossale "bolla", in sostanza fraudolenta e non redditizia nel risultato finale, hanno cominciato a suonare con forza e principale. Tuttavia, nessuno ha ascoltato le "persone intelligenti" - "ardesia", infatti, si è trasformata da una questione puramente economica in un grande argomento politica... E questo non è accaduto affatto sotto Donald Trump, preoccupato per l'idea di "di nuovo la grande America", ma sotto il suo predecessore Barack Obama, che ha sostenuto molto attivamente tutto ciò che era associato a questa "tecnologia avanzata".

Forse la cosa migliore è che l'allora punto di vista americano sulla "questione dello scisto" riflette il discorso di Daniel Yergin, che rappresentava l'Associazione per la ricerca energetica presso l'Università di Cambridge, durante le corrispondenti udienze al Congresso degli Stati Uniti. Questo esperto "taglia il grembo della verità" in chiaro, per niente imbarazzato nelle espressioni: "un aumento delle esportazioni di risorse energetiche prodotte negli Stati Uniti aggiungerà una dimensione aggiuntiva alla loro influenza globale", "mentre qualcuno parla solo del potenziale di influenza geopolitica del gas di scisto e del petrolio, lo vediamo già con i nostri occhi ... "Le parole che la" rivoluzione dello scisto "nel suo significato potenziale" va ben oltre il settore energetico "non appartengono a qualcuno alla Casa Bianca o al Dipartimento di Stato, ma a Yergin.

Inizialmente, sembrava trattarsi di cose puramente pragmatiche: rendere gli Stati Uniti il ​​più indipendenti possibile dalle importazioni di risorse energetiche, principalmente petrolio dal Medio Oriente. E poi qualcosa di troppo doloroso questi sceicchi si sventagliarono sulla loro importanza ... Ebbene, e solo allora in molte teste "brillanti" di persone influenti dall '"Olimpo" di Washington nacque un'idea ancora più allettante: trasformare gli Stati Uniti in una "superpotenza energetica" che potesse dettare la sua condizioni e "portare la democrazia" non solo con l'aiuto delle portaerei, ma anche con le petroliere. A partire dal 2014, dopo un grave deterioramento dei rapporti con la Russia, sfociato di fatto in una nuova "guerra fredda", questo obiettivo ha assunto contorni ancora più chiari e specifici. "Per cominciare, sarebbe bello cacciare questi arroganti russi dai mercati dell'energia, e poi lo scopriremo con i sauditi e gli altri!" - deciso a Washington.

Ricordando molto bene il principio "un luogo sacro non è mai vuoto", gli americani iniziarono a "ripulire la radura" attivamente dal momento in cui il volume della loro produzione di "oro nero" salì a livelli record, superando i 10 milioni di barili al giorno. Non sorprende che in un simile contesto gli indicatori di redditività reale del settore dello "scisto" siano stati deliberatamente distorti o semplicemente messi a tacere. Ma la gente seria ha avvertito: questa è una vera "piramide", più pulita del sempre memorabile "MMM" e finirà male. Ma chi li avrebbe ascoltati se fosse in gioco la "grandezza dell'America" ​​?! Per un anno, ricordo, nel 2018, i giornalisti del Wall Street Journal hanno dichiarato con grande sorpresa che, a quanto pare, "secondo la società di consulenza Evercore ISI, le società impegnate nell'estrazione di scisto hanno speso 280 miliardi di dollari in più di quanto hanno guadagnato negli ultimi dieci anni". Era un "campanello" serio, ma ancora una volta nessuno lo sentì.

La "lavagna" che è scoppiata


Il problema principale dell'industria dello "shale" è sempre stato e rimane l'assoluta dipendenza dagli investitori, e ha ragioni puramente tecnologiche: i "produttori di scisto", a causa delle specificità del loro metodo di estrazione di "oro nero" o gas, sono semplicemente costretti a perforare costantemente sempre più pozzi, spingendoli in questi sono tutti nuovi fondi di credito e promettono a coloro che hanno investito in questo business apparentemente vantaggioso per tutti i dividendi "folli". Nessun altro modo. Ti sei fermato, caduto e sei stato calpestato da concorrenti più agili. I dividendi sono stati pagati, ma esattamente fintanto che il prezzo del petrolio era a un livello sufficientemente alto. Un anno fa, una delle testate nazionali scrisse sarcasticamente che sarebbe stato estremamente interessante vedere cosa sarebbe successo allo “shale” americano se “Mosca e Riyadh avessero fatto scendere le quotazioni del petrolio al livello di 40-50 dollari al barile”. A quel tempo, nessuno poteva sognare un prezzo negativo per WTI. Bene, ora sono collassati ...

È vero, Russia e Arabia Saudita non sono come il coronavirus, anche se ci abbiamo provato, che è già lì. Devo dire che il notevole ottimismo americano, raggiungendo in alcuni luoghi, diciamo, manifestazioni di "talento alternativo", ha prevalso negli analisti sul realismo e sul buon senso fino all'ultimo. Sempre letteralmente il 13 maggio, l'Energy Information Agency del dipartimento (EIA), che fa parte del sistema federale di statistica americano, ha cercato di emettere vigorose "previsioni a breve termine" che "gli Stati Uniti rimarranno i leader nella produzione di petrolio almeno fino al 2021". Allo stesso tempo, tuttavia, si trattava della prevista diminuzione del livello di questa stessa produzione di mezzo milione di barili al giorno quest'anno e di 0.8 milioni il prossimo. Tuttavia, tutto si è rivelato non così male ... Molto peggio!

Lo stesso giorno, il 13 maggio, Mackie McCree, chief financial officer di Energy Transfer LP, che trasporta fino a un terzo del petrolio prodotto negli USA dagli oleodotti, ha dichiarato che secondo le sue osservazioni, “fino al 25% delle perforatrici precedentemente fermate è tornato in funzione”. Forse è stato così, ma il "rollback" agli indicatori precedenti è stato di breve durata. Già cinque giorni dopo, è diventato chiaro che i suggerimenti di McCree secondo cui "il fondo è stato raggiunto e la situazione sta migliorando" non era nemmeno vicino alla verità. Baker Hughes ha annunciato che il numero di pozzi attivi nel paese è stato ridotto al livello del 1944, a 250 unità. L'anno scorso sono stati pompati da soli più di 800 petrolio. Entro il 20 maggio, la produzione di petrolio negli Stati Uniti è diminuita del 20% rispetto a marzo - di 2.3 milioni di barili al giorno, e non di 0.5 milioni, come previsto dall'EIA! E, a proposito, questa cifra è approssimativamente uguale al volume di riduzione della produzione di "oro nero", che i paesi dell'OPEC e la Russia hanno concordato nel quadro dell'accordo. In esso, tra l'altro, gli Stati Uniti si sono rifiutati con orgoglio di partecipare.

Sì, rispetto al terrificante "fallimento" prima che il prezzo scendesse in meno, il costo di un barile di WTI americano è aumentato del 75% ed è "pari" a $ 33,3. Tuttavia, questo non salva più la situazione. Secondo gli analisti dell'agenzia di profili ShaleProfile Analytics, il volume di olio di scisto prodotto nel paese quest'anno diminuirà di almeno un altro terzo, se non del 40%, ed è buono se rimarrà al livello di 5 milioni di barili al giorno. Il motivo è semplice: le "società di scisto" hanno finito i soldi per perforare nuovi pozzi e non c'è nessun posto dove portarne di nuovi - nessuno vuole investire in un settore che è sull'orlo della rovina completa. Inoltre, la maggioranza assoluta dei suoi rappresentanti si profilava una prospettiva abbastanza chiara di un crollo finale. 17 società "shale" che devono ai loro investitori un totale di oltre 14 miliardi di dollari, quest'anno hanno già annunciato l'inizio di una procedura fallimentare. E questi non sono nemmeno i famigerati "fiori". I finanzieri stimano che entro la fine dell'anno più di 70 imprese operanti nello stesso settore probabilmente si uniranno a loro.

Il Dipartimento dell'Energia statunitense ha previsto che entro l'inizio del 2021 il Paese produrrà almeno 13.5 milioni di barili di "oro nero" al giorno. La realtà si è rivelata completamente diversa. Anche se i prezzi del petrolio salissero a livelli accettabili per l'industria dello "scisto" a $ 50-60 al barile, dopo la "sconfitta" che ha subito, secondo gli esperti americani, ci vorranno anni per recuperare un livello di produzione significativo. In ogni caso, l '"industria petrolifera" americana non sarà in grado di competere con i concorrenti della Russia o dell'Arabia Saudita per un tempo molto, molto lungo, "dettando loro" qualcosa e "sopravvivendo" da qualche parte. La pubblicazione Bloomberg, che analizza questo argomento nel modo più dettagliato, alla fine giunge alla conclusione che l'influenza degli Stati Uniti sui mercati energetici in questo momento "diminuirà seriamente", e anche sulle ambizioni di Donald Trump "di usare il petrolio come arma geopolitica" attraversare. Cosa, in effetti, era necessario dimostrare ...

Bene, e infine - soprattutto per quei lettori che non mancheranno di rimproverare all'autore di “scrivere solo di problemi americani”, senza toccare simili questioni interne. Non essere come il signor Chubais, che ora si lamenta di "vicoli ciechi" e si lascia confrontare l'industria energetica russa con un "cavallo morto" ... Mi chiedo dove fosse una volta, così intelligente ?! Strangolare questo "statista" durante la sua premiazione "di successo" era il sogno amato dalla maggioranza dei russi. Tuttavia, penso, e oggi molti non rifiuterebbero - per vecchia memoria ... Daremo solo alcune cifre molto specifiche. Sì, il capo di Rosneft Igor Sechin, durante un incontro con il presidente russo Vladimir Putin, ha ammesso che la società dovrà tagliare i costi di investimento di 200 miliardi di rubli in questo anno difficile, lasciandoli a 750 miliardi. Risulta, di circa il 20-25%. Allo stesso tempo, lo stesso Sechin ha presentato questo mese il progetto Vostok Oil, nel cui quadro Rosneft intende sviluppare il giacimento Payakhskoye, il cluster di Vankor e l'area di West Irkinsky. Parallelamente, dovrebbe essere costruito il porto marittimo "Baia del Nord", il cui terminal di trasbordo dovrebbe essere messo in servizio già nel 2024. Il potenziale del cluster sviluppato non è fino a 5 miliardi di barili, ma tonnellate di petrolio "leggero" a basso contenuto di zolfo.

Le 15 maggiori compagnie petrolifere di scisto negli Stati Uniti hanno già tagliato i loro budget di sviluppo di quasi la metà. Secondo gli esperti, tenendo conto delle specificità della produzione, questo porterà alla sua caduta nel settore "shale" in volumi dal 30% al 50% nel prossimo anno. Questi sono solo numeri. Tutti sono liberi di trarre conclusioni in modo indipendente.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 26 può 2020 10: 05
    +1
    Che incubo....
    Tutti sono condannati, tranne noi ... "Peremoga" ... solo tutti chiedono soldi al Cremlino, lavoratori petroliferi, stranieri, Sechin e Chubais ..

    È vero, il prezzo del petrolio sta lentamente crescendo, YSA visse tranquillamente negli anni '90 a $ 20 per il petrolio e dopo il 2008 a $ 40. consuma un po 'd'olio stesso.
  2. cmonman Офлайн cmonman
    cmonman (Garik Mokin) 26 può 2020 17: 33
    -2
    Il problema principale dell'industria dello scisto bituminoso è sempre stato e rimane l'assoluta dipendenza dagli investitori.

    Necropic ha buttato fuori il bambino con l'acqua. Ci sono due significati nella sua frase:
    1) il problema con gli investitori (privati) e
    2) mancanza di investimenti pubblici.
    È in assenza di investimenti statali che c'è un enorme vantaggio per lo stato. Il trader privato ha corso un rischio: il trader privato ha perso (oggi), ma ieri ha vinto. Lo stato perde sulle tasse dall'acquisto e dalla vendita, ma non dagli investimenti, come in un paese con una stazione di servizio.
    1. Caro esperto di divani. 26 può 2020 19: 32
      +1
      Il trader privato ha colto una possibilità - il trader privato ha perso ..

      Lo stato perde sulle tasse dall'acquisto e dalla vendita, ma non dagli investimenti, come in un paese con una stazione di servizio.

      E solo quello? Vero?

      Ecco un problema per te: un'azienda privata è in bancarotta. Chi sosterrà i disoccupati?

      Nell'ultimo mese, 20,5 milioni di persone hanno perso il lavoro, portando il tasso di disoccupazione complessivo nel Paese al 14,7%.

      https://www.google.de
      1. cmonman Офлайн cmonman
        cmonman (Garik Mokin) 26 può 2020 20: 50
        -3
        Ecco un problema per te: un'azienda privata è in bancarotta. Chi sosterrà i disoccupati?

        Ecco una soluzione. Ogni azienda privata è tenuta a pagare la Federal Unemployment Tax Act (FUTA) - una tassa (governo federale) sulla disoccupazione per ogni dipendente, e pagare l'assicurazione statale contro la disoccupazione (SUI) - una tassa di disoccupazione per ogni dipendente al proprio stato. Dipendente NON PAGARE tasse di disoccupazione, solo il datore di lavoro. Quando un dipendente perde il lavoro, lo Stato lo paga $ 400 a $ 600 a settimana per un massimo di 1 anno (o 1,5 anni). Molto spesso le indennità di disoccupazione sono superiori ai guadagni.
        Ora un compito per te. Per quanto tempo saranno chiusi i rubinetti di scisto, se oggi la Borsa di New York reagisse con una rapida ascesa alla possibilità (fino ad ora solo una possibilità!) Di ascesa dell'economia nazionale? Lo scambio è molto sensibile a varie voci / cifre, ma, a quanto pare, ha creduto in qualcosa, dal momento che ha reagito così ... Ma anche se questa è solo la ripresa di oggi, l'economia si raddrizzerà bene nel corso di un anno ... Come si suol dire, non sono uniti dal gas. ..
        1. Caro esperto di divani. 26 può 2020 21: 16
          +2
          Quando un dipendente perde il lavoro, lo stato lo paga da $ 400 a $ 600 a settimana per un massimo di 1 anno (o 1,5 anni).

          Stai attento con i numeri). Innanzitutto, in diversi stati è diverso: in Florida - minimo $ 32, massimo $ 275 a settimana. New Jersey da un minimo di $ 85 a un massimo di $ 536 a settimana. In media, capisci.
          E non un anno / mezzo, ma 26 settimane. E solo in casi eccezionali possono essere prolungati per altre 13 settimane. E cosa c'è dopo?
          La società è già in bancarotta, non c'è nessuno a pagare più tasse alla tua legge federale sull'imposta sulla disoccupazione (FUTA) su queste persone. Qual è il prossimo?
          1. cmonman Офлайн cmonman
            cmonman (Garik Mokin) 26 può 2020 21: 25
            -3
            Fai attenzione ai numeri) In primo luogo, in diversi stati in modi diversi: In Florida - almeno $ 32, massimo $ 275 a settimana.

            Anzi, con attenzione! Ciò che hanno portato non sono stati i sussidi di disoccupazione, ma il welfare - benefici per famiglie / persone con salari bassi e solo per il cibo.
            "Qual è il prossimo?" L'economia si riprenderà tra un anno. Ripeto ancora una volta - non solo con il gas o il petrolio ...
            1. Caro esperto di divani. 26 può 2020 21: 38
              +1
              "Qual è il prossimo?" L'economia si riprenderà tra un anno. Ripeto ancora una volta - non solo con il gas o il petrolio ...

              Non si tratta di gas e petrolio, se ricordi.

              È in assenza di investimenti statali che c'è un enorme vantaggio per lo stato. Il trader privato ha corso un rischio: il trader privato ha perso (oggi), ma ieri ha vinto. Lo stato perde sulle tasse dall'acquisto e dalla vendita, ma non dagli investimenti, come in un paese con una stazione di servizio.

              Stiamo parlando di un "commerciante privato" con il suo rischio e l'assenza di rischio per lo Stato.
              Ti ho fornito le cifre della tua attuale disoccupazione e ti ho chiesto come farà lo Stato a far fronte a questa situazione? Chi sosterrà tutti questi disoccupati?
              O il rischio non è ancora inferiore a quello del "paese del distributore di benzina"? E se insisti che il tuo stato si lavi le mani in questo caso, allora a che serve un tale stato che può solo "tagliarti" come le pecore? Di cosa sei orgoglioso, non capisco.
            2. Caro esperto di divani. 26 può 2020 21: 42
              +1
              Ciò che hanno portato non sono stati i sussidi di disoccupazione, ma il welfare - benefici per famiglie / persone con salari bassi e solo per il cibo.

              Mi stai trattenendo per uno stupido? O non so leggere con i miei 2 superiori (uno non è russo) o tu (molto probabilmente) degradi lì lentamente sulla tua micro-pensione?
        2. Caro esperto di divani. 26 può 2020 21: 19
          +1
          Per quanto tempo saranno chiusi i rubinetti dell'ardesia.

          Saranno chiusi per molto tempo, fino a quando il processo di fallimento non sarà superato e non apparirà un nuovo proprietario. Bene, e anche le sottigliezze dell'interruzione della produzione.
        3. isofat Офлайн isofat
          isofat (isofat) 26 può 2020 23: 41
          0
          Citazione: cmonman
          Come si suol dire, non gas come un M ...

          cmonmanIl FMI ha affermato che i sistemi bancari di nove paesi "sviluppati" "subiranno un forte calo del reddito" almeno fino al 2025. sorriso

          https://www.forbes.com
    2. 123 Офлайн 123
      123 (123) 26 può 2020 20: 12
      0
      Lo stato perde sulle tasse dall'acquisto e dalla vendita, ma non dagli investimenti, come in un paese con una stazione di servizio

      Gli investimenti nella "stazione di servizio" non sono solo di proprietà statale.
      A proposito, il rispettato esperto di divani ha ragione sotto molti aspetti, tutto non si limita alle tasse sull'acquisto e sulla vendita, inoltre, funziona ancora meglio.
      Vuoi confrontare?
      Khanty-Mansi Autonomous Okrug-Yugra rappresenta circa il 42% della produzione di petrolio in Russia, se parliamo dell'industria petrolifera, allora è un lontano analogo del Texas. Non posso parlare a nome dell'intero Paese, ma credo che la situazione non sia molto diversa.
      In generale, Ugra è il Texas russo, il Texas è l'Ugra americano. Nel loro esempio, puoi vedere come stanno andando le cose.
      Se parliamo di disoccupazione, allora a Ugra nell'aprile 2020 il numero di cittadini che hanno chiesto assistenza per trovare un lavoro adeguato è di 18 (questo è da gennaio) per 510 in più rispetto a 5 mesi dello scorso anno. Questo, ovviamente, è molto, ma penso che non sia critico. Puoi, se vuoi, guardare per mese.

      https://deptrud.admhmao.ru/monitoring-situatsii-na-registriruemom-rynke-truda

      Se parliamo del livello di produzione, allora mentre tutto non è così triste, prendilo, contalo.

      hi https://oil.admhmao.ru/

      C'è, ovviamente, un calo generale della produzione (intendo prima dell'inizio della guerra del petrolio), ma a mio parere non è così critico.
      Qui i petrolieri locali hanno fatto un piccolo "anniversario", hanno prodotto 12 miliardi di tonnellate di petrolio. E a proposito di. Direttore del Centro scientifico e analitico per l'uso razionale del sottosuolo dal nome IN E. Shpilman ha annunciato informazioni interessanti (sul livello di produzione da 5 minuti):

  3. Arkharov Офлайн Arkharov
    Arkharov (Grigory Arkharov) 26 può 2020 19: 38
    0
    Che altro delirio.
    1. cmonman Офлайн cmonman
      cmonman (Garik Mokin) 26 può 2020 21: 17
      0
      Che altro delirio.

      E questo è dovuto alla tensione. Si sforza così tanto di sembrare più intelligente del suo pseudonimo senza "No" che non ha senso ...
  4. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 27 può 2020 07: 49
    0
    Non un articolo, ma pura stupidità. Completa mancanza di logica. Gli stati agiscono in due forme, in cui sono i leader nel mondo: un produttore e un consumatore di idrocarburi. L'industria mineraria è stata colpita? Certamente! Il calo dei prezzi del petrolio è vantaggioso per gli americani in quanto consumatori? Certamente! Abbiamo una situazione in cui i danni e i benefici sono livellati. Ciò è in contrasto con la situazione nei paesi produttori. È chiaro che i paesi consumatori ne traggono i maggiori benefici, principalmente Cina, Germania, Giappone ... Stati Uniti.
    È già ovvio che i tempi migliori dei paesi produttori di petrolio sono finiti. Per 20-30 anni, il petrolio consentirà a paesi produttori relativamente confortevoli di vivere, ma questo è il tramonto.
    PS L'autore è riuscito anche a trarre conclusioni dalla curiosità della carta olio, passata in rosso per un paio di minuti, senza preoccuparsi di chiedere la natura dell'evento.