Perché la Russia dovrebbe affrettarsi a risolvere la "questione ucraina"


La pandemia di coronavirus sta gradualmente diminuendo e stanno tornando alla ribalta i problemi che sono temporaneamente svaniti a causa del disastro globale. Per il nostro Paese, una di queste questioni "dolorose", "congelate" per oggi (e anche allora non del tutto) è il rapporto con l'Ucraina. Questo argomento sta acquisendo una particolare rilevanza ora in connessione con la forte esacerbazione del confronto nel Donbas, che minaccia chiaramente di trasformarsi in ostilità a tutti gli effetti con conseguenze di vasta portata.


Allo stesso tempo, le azioni del funzionario di Kiev indicano in modo eloquente che non pensano nemmeno di allontanarsi dall'agenda anti-russa mirata. Al contrario, le iniziative russofobiche, peraltro, con l'obiettivo di infliggere danni ben precisi al nostro Paese, sia di immagine che di materiale, si susseguono dalla parte dell '"inesistente". Tutto ciò pone ancora una volta all'ordine del giorno la questione della vitalità dell'attuale politica Mosca in direzione ucraina.

L'anno è passato come un sogno vuoto ...


Il 26 maggio, il presidente Volodymyr Zelenskyy ha firmato il suo autografo sotto un altro documento "storico" - un programma nazionale annuale implementato sotto gli auspici della Commissione Ucraina-NATO. Non si può dire che qualcosa di completamente nuovo sia stato detto in questo voluminoso memorandum. Ma questo è, in effetti, il discorso - nel "programma" per "non-profit" in bianco e nero enunciato come "compiti prioritari" cose come "contrastare l'aggressione armata della Russia", "il primo e completo ripristino dell'integrità territoriale del paese", ovviamente, includendo in sé "la liberazione dei territori temporaneamente occupati di Donbass e Crimea". Allo stesso tempo, ovviamente, il giornale (che, come sapete, resisterà a tutto) dice molto sul "formato Normandy" e "altre piattaforme di negoziazione", ma afferma anche che "l'Ucraina si riserva il diritto all'autodifesa". Dalla Russia, ovviamente.

Il leitmotiv principale del "programma", in stretta conformità con il suo nome, è la necessità di mantenere "la rotta strategica di Kiev verso l'acquisizione della piena adesione alla NATO", che, come sapete, è sancita costituzionalmente su suggerimento del predecessore di Zelensky, Petro Poroshenko. Non molto tempo fa, ricordo, il "nezalezhnoy" fu terribilmente offeso dai commenti del ministero degli Esteri russo sul primo anniversario della presidenza di Zelensky, definendoli "disinformazione", e persino espresso "incitamento all'odio". Ma il dipartimento di politica estera interna, infatti, ha solo affermato i fatti assolutamente ovvi: il "nuovo" capo dell'Ucraina non è assolutamente diverso dal vecchio nella sua stessa retorica russofobica e nelle azioni corrispondenti volte "a combattere tutto ciò che, almeno in una certa misura collega i popoli russo e ucraino ”. Il suggerimento fatto in finale che "alla fine della presidenza di Zelenskyj" nella "nezalezhnaya" bruceranno i fuochi dei libri dei classici russi non è affatto privo di fondamento. Ma sarà molto prima ...

Nella sua iniziativa di risposta, il ministero degli Esteri ucraino ha affermato che i commenti caustici del dipartimento diplomatico interno "mettono in dubbio la disposizione della Russia per una soluzione diplomatica dell'aggressione da essa scatenata". Di nuovo fantastico! Che tipo di "accordo" può esserci, data questa o quella posizione? Dichiarazioni regolari da Kiev che la parte ucraina è pronta ad attuare gli "Accordi di Minsk" anche domani, ma, ecco qua, ciò è ostacolato dalla posizione della parte russa, che "non adempie agli obblighi assunti a Parigi", sono qualunque cosa sia una menzogna cinica. Il vice capo della delegazione ucraina al Trilateral Contact Group, Oleksiy Reznikov (Vice Primo Ministro per la "Reintegrazione dei Territori Temporaneamente Occupati"), che lo dichiara costantemente, si permette anche di parlare della Russia come di un Paese sconfitto, che per qualche motivo non ha fretta di firmare una resa: "Diamo loro la possibilità di prendere la decisione giusta", "Zelenskyj è pronto a incontrarsi, ma Putin lo sta evitando" e simili.

Sono profondamente convinto che l'ultimo incontro di Parigi nel formato "Normandia" sia stato generalmente un grosso errore del Cremlino - ha aggiunto legittimità agli occhi della comunità mondiale e dei punti del suo elettorato al neoeletto presidente e, secondo i suoi risultati e risultati, si è rivelato un evento completamente vuoto. Tuttavia, la stretta di mano parigina tra Putin e Zelensky è da attribuire alla sfera di quelle illusioni sorte in alcuni durante il presunto "cambio di potere" in Ucraina. Sanzioni contro l'Hermitage e l'Università statale di Mosca, l'estensione dei divieti sulle risorse Internet in lingua russa, la totale "maleducazione storica" ​​il 9 maggio e, soprattutto, il sostegno aperto e incrollabile per la guerra in Donbass ... Tutto questo non è davvero sufficiente per capire: è giunto il momento di seppellire queste illusioni e anche senza onori? Zelenskyj è assolutamente, assolutamente niente e niente meglio di Poroshenko. In ogni caso, per la Russia.

Governance esterna e agenda interna


Tornando alla vicenda con la valutazione del primo anniversario del suo governo e l'isteria creata dal ministero degli Esteri di Kiev su questo argomento, vale la pena ricordare che, in contrasto con la valutazione "infondata e distruttiva" fatta dalla Russia, il ministero degli Esteri era "nezalezhnoy", decisamente aspirato da quelle lodi , che suonava a Zelensky dagli Stati Uniti. L'ambasciata del Paese, che l'Ucraina ha trasformato in una colonia completa nel 2014, non solo si è congratulata con il suo presidente per la data del "round", ma ha anche affermato di "apprezzare i suoi risultati" e ha promesso di "continuare a sostenere". Secondo i "sahib bianchi" americani, i nativi ucraini sotto la guida saggia di Zelenskyj "hanno compiuto una svolta lungo la via delle riforme e del progresso". Il cambiamento è ovvio - questo è certo ... E, a quanto pare, sempre più cittadini sono "non tassabili". Tuttavia, Washington, ovviamente, non se ne cura con tutto il cuore. Ancora più importante, la tribù sottomessa degli aborigeni ei suoi leader continuano a svolgere il compito loro affidato: creare nuovi problemi per la Russia.

Per quanto ne sappiamo, il nuovo ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina sarà nominato proprio in stretta conformità con questo obiettivo. Fino a poco tempo fa, per questa posizione era prevista la candidatura del tenente generale in pensione Keith Dayton, un ex addetto militare statunitense in Russia. Al momento è ancora molto vigoroso, nonostante i suoi 71 anni, il generale è a capo del centro del Pentagono. George Marshall in Germania, e inoltre è un alto consigliere per la difesa degli Stati Uniti in Ucraina. Secondo le sue convinzioni e il suo modo di pensare, non è mai una "colomba della pace", ma piuttosto un "falco" fino in fondo. Questo da solo permette di formarsi un'idea del tutto esaustiva di quale sia esattamente lo scopo di Washington che intende fermamente continuare a usare l'Ucraina e il suo "potere", indipendentemente dal nome che appare sotto la fotografia del presidente. I veri padroni di questo territorio, infatti, non hanno assolutamente alcuna differenza come il salariato verrà chiamato "dove verrà inviato" - se solo esegue correttamente i comandi e non ficcano il naso negli affari interni americani. Zelenskyj lo ha già chiarito più che specificamente e, a quanto pare, ha accettato le regole annunciate. E dove andare ?!

Oltre ai curatori esterni, l'aspirante “presidente” è inesorabilmente sotto pressione dalla situazione interna del Paese. Non fornirò ciò che viene chiamato "diffondere pensieri lungo l'albero", fornirò alcune cifre e fatti specifici. Il numero di persone ufficialmente disoccupate in Ucraina durante la pandemia di coronavirus ha superato il mezzo milione di persone (si tratta di una popolazione di 30 milioni), essendo più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Questa, ripeto, è la statistica ufficiale, l'immagine è reale, un segreto coperto dall'oscurità. Gli stipendi di chi non si è ancora trovato per strada nello stesso periodo sono diminuiti di oltre un terzo. Si può andare avanti parlando del colossale deficit di bilancio (per gli stessi pagamenti ai disoccupati non bastano 30 milioni di grivnie, cioè più di un milione di dollari al giorno), altre cose simili, ma ci limiteremo all'affermazione: “non leveraged” è a mezzo passo dall'esplosione sociale. Solo che questa volta, invece del "Maidan" ispirato da oligarchi locali e servizi speciali stranieri, Kiev riceverà una rivolta veramente "insensata e spietata". C'è un altro problema, forse anche più grave.

Con un intervallo letteralmente di due giorni, si sono verificati due eventi in Ucraina, tanto orribili quanto significativi. Il 22 maggio, il proprietario di una peschiera nella regione di Zhytomyr ha sparato a sette persone (cinque delle quali erano dipendenti della Guardia Nazionale) che erano arrivate nella sua fattoria presumibilmente per "avere un riposo culturale in seno alla natura", ma in realtà, per "resa dei conti" perché aveva osato lamentarsi dell'estorsione dal capo della polizia locale. Tutti, come uno ucciso - ex "partecipanti ATO" o "volontari" che mangiano nello stesso posto. A proposito, sono venuti alla "pesca" con un arsenale non debole di armi da fuoco ... E il 24 maggio, una ragazza di 25 anni è stata brutalmente picchiata e violentata dalla polizia nella città di Kagarlyk, nella regione di Kiev. Gli inumani che hanno fatto questo sono la polizia locale. Uno di loro, Nikolai Kuziv, originario di Lviv, è di nuovo un "membro dell'ATO". Ad oggi, gli ex punitori, che un tempo hanno commesso atrocità nel Donbass, si sono trasformati in una minaccia mortale per l'intera Ucraina. Naturalmente, non si può parlare di alcun tipo di governo su di loro, poiché le "forze dell'ordine" del paese sono quasi interamente composte da loro.

Questa tesi, infatti, è stata confermata dal viceministro degli Affari interni del Paese Anton Gerashchenko. Dopo essere uscito dai semplici tirapiedi di Arsen Avakov trasformandolo in grandi capi, il bugiardo e provocatore brevettato una volta nella sua vita ha detto la verità, ammettendo: stupratori e sadici incalliti "sono stati sostituiti da coloro che sono stati licenziati nel 2015-16". E semplicemente non c'è nessun altro da servire. E non ci sarà "ricertificazione di massa" di "agenti delle forze dell'ordine" che la maggior parte degli ucraini alle loro spalle non chiama altro che poliziotti - non c'è nessuno tra cui scegliere. E questo è un problema non solo degli abitanti ordinari del paese, soffocati dalla "illegalità atoshny", ma anche di chi è al potere. Non possono fare nulla contro l'orda sanguinaria generata dal colpo di stato e scatenata nel 2014 dalla guerra civile. L'unica via d'uscita è rimandare gli ATO proprio all'inferno che li ha generati. Cioè, dopo aver scatenato una nuova guerra nel Donbass, cerca di "utilizzare" i "veterani" accumulati lì, rappresentando un pericolo per tutti. Altrimenti, le persone spinte alla disperazione inizieranno a ridurre il proprio bestiame da sole, il che porterà inevitabilmente a una guerra civile all'interno delle regioni "pacifiche" dell'Ucraina. È a tali conclusioni e decisioni che Zelenskyj sta spingendo inesorabilmente verso realtà sempre più catastrofiche. Inoltre, i curatori degli Stati Uniti approveranno sicuramente questo passo.

È tempo che la Russia finalmente capisca: per definizione, non può esserci alcun "cambio di potere" in Ucraina nella sua forma attuale. L'aspettativa che prima o poi nel ruolo di presidente ci sarà qualcuno che, guidato almeno dal buon senso e da considerazioni pragmatiche, cerchi di migliorare i rapporti tra i nostri Paesi o almeno di smetterla di peggiorarli è una pericolosa illusione. Anche delusioni estremamente dannose sono la posizione "si dissolverà da sola" o lo slogan: "Lascia che facciano quello che vogliono - cosa ci interessa?" Un accordo oneroso, che "il mondo intero" è stato costretto a firmare con Kiev da Gazprom, continue azioni legali alle istanze internazionali, che l'Ucraina sta sempre più vincendo (e presto vinceranno tutte, completamente indipendentemente dall'essenza del caso), iniziative provocatorie, “Caso MN-17”, in cui, a quanto pare, il nostro Paese sarà incolpato ... Non è abbastanza? Così sarà! Qualsiasi tentativo di condurre un dialogo con lei in modo civile, non importa in "Norman", "Minsk" o qualsiasi altro formato, l'Ucraina si trasforma in nuove piattaforme per provocazioni e pressioni sulla Russia. Quando si capirà a Mosca: non sarà altrimenti! Solo peggio. Pertanto, la Russia deve affrettarsi con la soluzione finale del "problema ucraino" e qui, come si suol dire, tutti gli strumenti sono buoni.

La "questione della Crimea" e la questione di tutte le relative sanzioni internazionali saranno chiuse solo quando la questione con l'Ucraina stessa sarà finalmente "chiusa". E nient'altro. Come farlo? Ebbene, ecco, mi scusi, non ai giornalisti, ma a persone di livello e professione completamente diversi. Tuttavia, per continuare l'attuale politica "sdentata" e attendista nei confronti dell'Ucraina è un corso del tutto poco promettente per la Russia. Inoltre, come dimostra la pratica, pericoloso.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 27 può 2020 09: 51
    +1
    La "questione della Crimea" e la questione di tutte le relative sanzioni internazionali saranno chiuse solo quando la questione con l'Ucraina stessa sarà finalmente "chiusa".

    Non è così e non sarà chiusa dopo, la "questione Crimea" è solo un piccolo frammento. Prova a leggere l'elenco delle leggi, chi ha motivato le sanzioni e come.

    La "questione della Crimea" e la questione di tutte le relative sanzioni internazionali saranno chiuse solo quando la questione con l'Ucraina stessa sarà finalmente "chiusa". E nient'altro. Come farlo? Ebbene, ecco, mi scusi, non ai giornalisti, ma a persone di livello e professione completamente diversi.

    Forse allora non dovresti intensificare la situazione? Forse le stesse persone di "un altro livello e professioni" sanno cosa fare? Non stanno cercando di insegnarti a scrivere articoli, vero?

    Tuttavia, per continuare l'attuale politica "sdentata" e attendista nei confronti dell'Ucraina è un corso del tutto poco promettente per la Russia.

    Come dovrebbe essere, secondo lei, una politica "con i denti" nei confronti dell'Ucraina? Entrare in truppe? O stai semplicemente esprimendo insoddisfazione e chiedi di fare "almeno qualcosa", ma cosa non puoi immaginare?
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 27 può 2020 10: 04
    + 10
    Sostengo tutto ciò che l'autore dice - abbastanza servilismo, abbastanza umiliazione e umiliazione della Russia e del suo popolo, non siamo usciti da tali guai e ci siamo ripresi, siamo solo diventati più forti, e non ci importa di questo "Occidente collettivo con i suoi isterici per qualsiasi motivo e E cosa ci aspettiamo dall'Ucraina com'era in Germania quando Hitler, salito al potere dopo lo strangolamento della Repubblica di Weimar nel 1933, in 6 anni raccolse, riorganizzò e armò la sua Wehrmacht e fece del suo esercito l'esercito più potente di quel tempo, che ha conquistato tutta l'Europa, ma ha rotto i denti contro l'Unione Sovietica, che ci è costata 27 milioni di vite dei nostri concittadini e una devastazione senza precedenti nel paese. Eppure vedono perfettamente che questo "Occidente collettivo" equipaggia con calma l'esercito di Bandera con varie armi, fornisce istruttori militari lì , stanno guardando i combattimenti nel sud-est dell'Ucraina, e noi ci limitiamo a contemplare tutto questo, esprimere le nostre prossime preoccupazioni e minacciare con il dito di Lavrov. , e questo nonostante il fatto che "non abbandoniamo il nostro". Se non siamo in grado di fare qualcosa con mezzi militari, allora dichiarare loro un blocco economico, fino al punto che non un litro, non un metro cubo, non un kilowatt, non una tonnellata delle nostre risorse energetiche arriverà in Ucraina e smetterà di fornire tutti i tipi di attrezzature e prodotti, altrimenti da tale ozio in relazione all'Ucraina di oggi, il nostro popolo è in completa "confusione", sia che abbandoniamo il nostro o meno.
    1. Arkharov Офлайн Arkharov
      Arkharov (Grigory Arkharov) 28 può 2020 18: 12
      -2
      Forse lasciano in pace l'Ucraina, lo scopriranno nel loro stesso paese? Hai risolto i tuoi problemi?
      1. San Valentino Офлайн San Valentino
        San Valentino (Valentin) 28 può 2020 19: 04
        +1
        E cosa, Grisha, non vedi come lo capiscono, perché nessuno è venuto da loro a Lviv, Kiev e Ternopil dal Donbass con le armi in mano, e non ha bombardato o bombardato le loro città e villaggi, ma al contrario, dopo il colpo di stato militare e il brutale omicidio di molti Crimeani vicino a Korsun-Shevchenkovsk il 20 febbraio 2014, e non si è fatto cenno agli "uomini verdi", i vostri nazisti hanno iniziato a uccidere e mutilare dissidenti in tutto il sud-est dell'Ucraina, e questa non è più una resa dei conti, ma un genocidio.
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 27 può 2020 10: 41
    -5
    Perché la Russia dovrebbe affrettarsi a risolvere la "questione ucraina"

    Sì, non c'è bisogno di correre da nessuna parte ... - La Russia era in ritardo ...
    - E tutti questi presidenti attuali ... - "Kravchuk, Kuchma, Poroshenko, Zelenskiy", ecc ... - questa è solo la realtà ucraina di oggi ed è secondaria, ad es. - è già diventato humus ucraino; su cui è cresciuta una nuova generazione di giovani in Ucraina, che semplicemente odia la Russia ei russi ... - Sì, odia e considera la Russia la ragione principale e la minaccia che l'Ucraina di oggi non può diventare ... mmmm ... - almeno la Polonia. .. - Allora ... - E la maggior parte della "generazione di mezzo" dell'Ucraina ... - odia anche la Russia e la considera anche colpevole dei problemi economici dell'Ucraina ...
    - E insieme a tutto questo ... - quasi l'intera popolazione dell'Ucraina (sia giovani che anziani) è abbastanza tollerante sia nei confronti di Bandera che di altri movimenti nazionalisti estremisti ... - li considerano una vera forza trainante per l'indipendenza e la sovranità dell'Ucraina .. -Questa è ora la principale componente politica e nazionale ... in Ucraina ... -Non ce n'è un'altra ... -E tutto questo è molto, molto energicamente promosso ... e "lanciato in una serie" ... -Quindi il ruolo del presidente in Ucraina oggi ... - questo è il "sedicesimo ruolo" .... - Un presidente non lo farà - sarà sostituito da circa lo stesso, ma già "adatto" ...
    E la Russia non decide nulla qui da molto tempo ... - E tutta questa "questione ucraina" è stata decisa da tempo da "altri" ...
    1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) 27 può 2020 11: 28
      +3
      Il sud-est può ancora essere salvato, ma il centro è andato perduto e "Kukuev" compreso, non c'è niente da dire sulla Galizia.
      1. gorenina91 Офлайн gorenina91
        gorenina91 (Irina) 27 può 2020 12: 03
        +2
        - Sì, tutto è perduto (i "dilettanti" saranno deliziati ... "tutto è perduto") ... - E anche l'ebraica Odessa è perduta ...; e il traditore russo Kharkov, che giorno e notte ha "forgiato la vittoria" e armi (e continua a forgiare vigorosamente oggi) per l'esercito ucraino ... - contro la Novorossiya ... - e non c'è niente da dire su altre regioni dell'Ucraina ... - c'è sempre stato pieno appoggio all '"indipendenza" ... - Scrivono spesso della Cecoslovacchia ... - come ha aiutato con la produzione di armi (carri armati, mitragliatrici, cartucce, proiettili, ecc.) ... - ha aiutato, prodotto e fornito tutto questo alla Germania nazista durante la seconda guerra mondiale ... - Così oggi il russo Kharkov "ha aiutato" ... - riparato; ha prodotto e fornito così tante armi a Bandera Ucraina che anche il più ardente "zapadentsy" non si aspettava una tale agilità dal russo Kharkov ... - anche loro non potevano fare così tanto ...
  4. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 27 può 2020 11: 23
    +2
    Non c'è nessuno da decidere. È ancora incomprensibile che colui che ha colpito per primo sia stato allevato nei corridoi del KGB e nel suo stile si sia seduto ad aspettare finché il corpo del nemico non nuota. Solo qui sicuramente non aspetterà, qui il mondo intero verrà ribaltato e sorridendo, il che accade sempre.
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 27 può 2020 12: 55
    +1
    Sì, non ci sono domande.
    Le zone cuscinetto sono vantaggiose per tutte le élite. ... Quanti articoli di questo tipo sono stati e saranno ...
    E giornalisti, "esperti", politologi e politici non rimarranno senza lavoro ...
  6. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 può 2020 17: 11
    +2
    ... avendo scatenato una nuova guerra nel Donbass, cerca di "utilizzare" i "veterani" accumulati lì, che rappresentano un pericolo per tutti.

    E i "veterani" sono così sciocchi che correranno sotto le mitragliatrici e i cannoni della LPNR? Faranno meglio a cogliere "oche" grasse attraverso l'Ucraina. Non mortale, non pericoloso e privo di polvere. Si avvicina il momento in cui ogni area sarà divisa tra capi che risolveranno i loro problemi da soli. È tempo che la borghesia condivida con il popolo. E chi non è avaro e più intelligente, egli stesso renderà omaggio al capo necessario. Ricorda la guerra civile dei principi russi nel Medioevo. La storia si sviluppa in una spirale. A quanto pare, la Russia sta aspettando che gli ucraini che hanno giurato fedeltà alla NATO vadano a Mosca con una petizione sulla loro inclusione nei confini della Madre Russia. Bene, come Bohdan Khmelnitsky una volta ha rinunciato alla Polonia. La scelta è piccola, i turchi non funzioneranno - sono anche membri della NATO ...
  7. ambler20 Офлайн ambler20
    ambler20 (INO WALKER) 28 può 2020 11: 15
    +1
    Qui 123 cerca di ragionare con l'autore dell'articolo, ignorando ciò che è scritto lì.

    Forse le stesse persone di "un altro livello e professioni" sanno cosa fare? Non stanno cercando di insegnarti a scrivere articoli, vero?

    In primo luogo, spesso cercano di limitare il livello di critica nei media, il che è evidente, ad esempio, nell'impotenza di discutere questioni di attualità in TV. In secondo luogo, come "loro stessi sanno" da più di sei anni, l'articolo è solo caratterizzato. Si potrebbe aggiungere qui il numero di persone uccise e ferite nella LPR dai bombardamenti regolari durante il "cessate il fuoco", i danni economici causati alla LPR, alla Crimea e alla Federazione Russa nel suo complesso. Sulla coscienza di chi è questo? È logico presumere che sia sulla coscienza di coloro che "conoscono se stessi".
    Per quanto riguarda le misure che avrebbero dovuto essere prese molto tempo fa, queste non sono necessariamente efficaci in primo luogo. Prima di tutto, è un duro blocco economico con un ultimatum che lo precede. Esiste una regola del genere in medicina, in particolare - nella narcologia: affinché un paziente inizi a riprendersi, deve prima peggiorare significativamente. Senza una crisi acuta - sull'orlo della sopravvivenza - l'Ucraina non si riprenderà. Argomenti come "e le persone fraterne, soffriranno" sono simili a quelli che, volendo curare un tossicodipendente, per pietà, gli permettono di continuare a prendere droghe. Ogni nazione, anche "fortemente fraterna", merita sia il suo potere che il destino che le è toccato. Inoltre, le persone nella LPR sono, ovviamente, più fraterne che nel resto dell'Ucraina. Perché dovrebbe soffrire? Per il tuo impegno in Russia?
    Purtroppo, la vera motivazione della "coscienza di sé" sono i propri interessi egoistici e la riluttanza a rovinare i rapporti con gli Stati Uniti e l'Europa, anche a costo dell'umiliazione e della dimostrazione della loro bancarotta. Ecco perché: una politica sdentata, commercio e cooperazione continui, assenza di sanzioni gravi, assenza in Crimea di banche russe, operatori mobili, ecc., Ecc.
    Quindi il problema della Crimea, della LPNR, della stessa Ucraina e il problema di stabilire un potere adeguato in Russia sono strettamente correlati. Finché il secondo non sarà risolto, non si dovrebbe contare su una soluzione cardinale del primo.
  8. kot711 Офлайн kot711
    kot711 (voce) 28 può 2020 13: 43
    0
    ... e inoltre è un consigliere senior per la difesa degli Stati Uniti in Ucraina.

    È già uno stato di Amerz?
  9. Vladimir Gorodetsky Офлайн Vladimir Gorodetsky
    Vladimir Gorodetsky (Vladimir Gorodetsky) 28 può 2020 14: 30
    0
    Se confrontiamo ciò che è meglio - dipendere dagli Stati Uniti o dipendere dalla Russia - la scelta è ovvia.
  10. Nikolay Shadrin_2 Офлайн Nikolay Shadrin_2
    Nikolay Shadrin_2 (Nikolay Shadrin) 29 può 2020 08: 30
    +1
    Sono ampiamente d'accordo con l'autore. E, spero, ci sono piani per risolvere il "problema ucraino". Secondo me, tutto inizierà dopo la parata e il reggimento immortale.